Pubblicato il

Climbing girls 29

Mina Markovic. Foto: Heiko Wilhelm
ClimbingGirls-29-mina-markovic-womens-quali-2-innsbruck2012

Ignota, location ignota
ClimbingGirls-29-10333258_488180967990606_47204171974933ClimbingGirls-29-10707_o

Ignota, location ignota
ClimbingGirls-29-10338444_407513589390678_139145ClimbingGirls-29-1071677793487_o

Ignota, location ignota
ClimbingGirls-29-10404218_461797620628941_6735499992864740650_n

Ignota, location ignota
ClimbingGirls-29-10407068_444281385713898_6233614883875220849_n

Ignota, location ignota
ClimbingGirls-29-10421211_426855774123126_26ClimbingGirls-29-10627326993273177_n

Ignota, location ignota
ClimbingGirls-29-10446063_500145193460850_6661295095919493790_o

Ignota, location ignota
ClimbingGirls-29-10464014_436461869829183_9195803561660965383_n

Ignota, location ignota
ClimbingGirls-29-10533881_452228468252523_5984611890501633825_o

Ignota, location ignota
ClimbingGirls-29-10626624_460593390749364_6569013092013231395_n

Ignota, location ignota
ClimbingGirls-29-10676364_509467635861939_2767170091500239518_n

Ignota, location ignota
ClimbingGirls-29-10917941_524735334335169_2898583820064755473_o

Ignota, location ignota
ClimbingGirls-29-11083652_568614039947298_4354425366056875038_n

Ignota, location ignota
ClimbingGirls-29-11143176_596454147163287_6155490702075038267_n

Ignota, location ignota
ClimbingGirls-29-11427207_601854186623283_4299133141715798873_n

Ignota, location ignota
ClimbingGirls-29-11709779_615249238617ClimbingGirls-29-111_585369488704082814_n

Ignota, location ignota
ClimbingGirls-29-11875048_627827304025971_2028900159620394673_o

Lisa Jackson. Foto: Matthew Jordan Smith/Pottle Productions Inc
"The Girls Go Rock Climbing" -- The girls are left hanging in the air for an edgy fashion photo shoot on a rock-climbing wall, on America's Next Top Model on The CW. Pictured: Lisa Photo: Matthew Jordan Smith/Pottle Productions Inc ©2007 Pottle Productions Inc. All Rights Reserved.

Ana Marisa Correja a Carvoeiro Beach, Algarve, Portogallo
ClimbingGirls-29-AnaMarisaCorreja-CarvoeiroBeach,Algarve-Portogallo

Camille Masseran a Remigny, Francia. Foto: Samuel Challéat
ClimbingGirls-29-CamilleMasseran-Remigny,FranciaFotoSamuelChalléat7817905168_e811a30578_b
Jain Kim
ClimbingGirls-29-JainKim-251700_208129299222573_131164916919012_519512_6782224_n

Jain Kim
ClimbingGirls-29-Jain-Kim-Campeonato-Mundo-Escadala-Boulder-IFSC-2011-Arco-Foto-Diego-Patete

Katie Boué, location ignota. Foto: themorningfresh.com
ClimbingGirls-29-KatieBoué-DSC_8666

Katie Boué a Joey’s Valley. Foto: Andy Wickstrom
ClimbingGirls-29-KatieBoué-FotoAndyWickstrom-Joey'sValley

Katie Boué su Muir Valley, Red River Gorge, Kentucky. Foto: themorningfresh
ClimbingGirls-29-KatieBoué-MuirValley-RedRiverGorge-DSC_6149-2-1024x678

Melissa Le Nevé a Innsbruck, 2012    ClimbingGirls-29-melissa-le-neve-innsbruck-2012

Pubblicato il

Climbing girls 28

 

Daila Oljeda al Kalymnos Festival 2012. Foto: Ricky Felderer
ClimbingGirls-28-DailaOljeda-KalymnosFestival2012-FotoRickyFelderer

Ignota, location ignota
ClimbingGirls-28-486656_337510526390985_333851077_n

Ignota, location ignota
ClimbingGirls-28-604153_560670107408358_5150941140675460149_n

Ignota, location ignota
ClimbingGirls-28-1479250_347020332106671_699177336_n

Ignota, location ignota
ClimbingGirls-28-1512496_351904358284935_ClimbingGirls-28-1596120795_n

Ignota, location ignota
ClimbingGirls-28-1526662_350499601758744_1495435721_n

Ignota, location ignota
ClimbingGirls-28-10286834_403906963084674_3064653720947515199_o

Ignota, location ignota
ClimbingGirls-28-10305337_515249218617114_3023843224456143190_n

Un po’ di fiction con Tyra Banks. Foto: Matthew Jordan Smith/Pottle Productions Inc
"The Girls Go Rock Climbing" -- The girls are left hanging in the air for an edgy fashion photo shoot on a rock-climbing wall, on America's Next Top Model on The CW. Pictured: Ebony Photo: Matthew Jordan Smith/Pottle Productions Inc ©2007 Pottle Productions Inc. All Rights Reserved.

Jain Kim
ClimbingGirls-28-JainKim(Corea)-4-1

Jain Kim
ClimbingGirls-28-JainKim(Corea)Foto-IFSC and Eddie Fowke-The Circuit Climbing

Melissa Le Nevé su Wall Street (8c), Frankenjura. Foto: Scott Noy
ClimbingGirls-28-Melissa-le-Neve-Heelhook-Wall-Street-8c-Frankenjura-by-Scott-Noy-68

Rachel Moore, location ignota
ClimbingGirls-28-RachelMoore-unnamed-11

Ignota, location ignota
ClimbingGirls-28-tumblr_maa0lleLfM1rgw7bco1_500

Ignota, location ignota
ClimbingGirls-28-tumblr_mcaa8y1V881rf3p90o1_540

Ignota, location ignota
ClimbingGirls-28-tumblr_mg2lcov9MQ1rm0tofo1_500

Ignota, location ignota
ClimbingGirls-28-tumblr_mhxygniBb41rrfccno1_1280

Ignota, Chiang Mai, Thailandia
ClimbingGirls-28-tumblr_mibw0cvkJA1ru0bkzo1_1280

Ignota, location ignota
ClimbingGirls-28-tumblr_mjm414Tl8w1rgw7bco1_1280

Ignota, location ignota
ClimbingGirls-28-tumblr_mpfwg5Goio1r16d9jo1_500

Ignota, location ignota
ClimbingGirls-28-tumblr_mqlr8jgtt61rutjs6o1_1280

Ignota, location ignota
ClimbingGirls-28-tumblr_mqo3enEnvo1rutjs6o1_1280

Isabel Silva su Actopan, Messico. Foto: Marcos Ferro
ClimbingGirls-28-tumblr_mr119oiNRA1sozmlvo1_1280

Sasha DiGiulian, location ignota
ClimbingGirls-28-tumblr_mry8a8RZ7r1s3z3n5o1_1280

Ignota sulla Devil’s Tower, Wyoming
ClimbingGirls-28-tumblr_nr59lwlizl1rgw7bco1_1280

Whitney Bolland a El Chonta, Messico. Foto: Dustin Butcher                 ClimbingGirls-28-WhitneyBolland-ElChonta-FotoDustinButcher

Pubblicato il

Climbing girls 27

La portoghese Ana Marisa Correia. Foto: José Carlos Sousa
ClimbingGirls-27-Ana-Marisa-Correia-FotoJoséCarlosSousa-Portogallo

Ignota, location ignota
ClimbingGirls-27-12647243_695429920599042_8055559271586353263_n

Ana Marisa Correia, settore Rampa dos Crocodilos, Fenda (Portogallo). Foto: José Carlos Sousa
ClimbingGirls-27-AnaMarisaCorreia-sectorRampa-dos-Crocodilos-na Fenda-Portogallo-FotoJoséCarlosSousa

Daila Ojeda e Chris Sharma, Buttermilk region, Inyo National Forest, Bishop, California. Foto: Boone Speed
CHRIS SHARMA & DALIA OJEDA Photographed by Boone Speed on April 30, Buttermilk region, Inyo National Forest, Bishop, CA Photographer: Boone Speed Hair: (no hair) Makeup: (no makeup) Prop Stylist: (no prop stylist)

Federica Mingolla su Digital Crack (8a), Grand Gendarme Arête des Cosmiques, Monte Bianco. Foto: Federico Ravassard
ClimbingGirls-27-FedericaMingolla-DigitalCrack

Maja Vidmar
ClimbingGirls-27-MajaVidmar

Marietta Uhden (1968-2014) nello Zillertal, Austria
ClimbingGirls-27-Marietta-Uhden(1968-2014)-Zillertal

Marietta Uhden
ClimbingGirls-27-MariettaUhden_0460606600

L’iraniana Nasim Eshqi
ClimbingGirls-27-NasimEshqi(iraniana)

Nasim Eshqi su Iran Swiss (8b). Foto: Wojciech Ryczer
ClimbingGirls-27-NasimEshqi(iraniana,vedifileinbiografie)

Natalija Gros. Foto: Urban Golob
ClimbingGirls-27-NatalijaGros.FotoUrbanGolob

Ignota sull’Adršpach Komin, Repubblica Ceca. Foto: Karel Vlček Adršpach - komín. Fotografováno v roce 1983 Nikonem F2.

Sabine Bacher su Schwarzer Schwan (8c), Armelenwand, Ötztal (Tirolo, Austria). Foto: Heiko Wilhelm
ClimbingGirls-27-Sabine Bacher-Schwarzer Schwan (5.14b)-Ötztal, Austria
Sasha DiGiulian
ClimbingGirls-27-Sasha DiGiulian-tumblr_m8oj09MR2s1rdqaruo1_1280

Sasha DiGiulian. Foto: Davide Dal Mas
ClimbingGirls-27-SashaDiGiulian-FotoDavide Dal Mas

Daila Oljeda, location ignota
ClimbingGirls-27-sexy-rock-climbers-5
Ignota
ClimbingGirls-27-sexy-rock-climbers-9

Ignota
ClimbingGirls-27-sexy-rock-climbers-14

Ignota
ClimbingGirls-27-sexy-rock-climbers-24

Daila Oljeda. Foto: Maria Torres
ClimbingGirls-27-sexy-rock-climbers-35

Sierra Blair-Coyle
ClimbingGirls-27-Sierra Blair-Coyle (2)

Sierra Blair-Coyle
ClimbingGirls-27-Sierra Blair-Coyle

Sierra Blair-Coyle
ClimbingGirls-27-Sierra Blair-Coyle-climb-girls-27-920-40

Sierra Blair-Coyle
ClimbingGirls-27-Sierra Blair-Coyle-Unknown-2

Teresa Troya su Polifemo, Settore Odissey, Kalymnos. Foto: Ignacio Sandoval Burón
ClimbingGirls-27-Teresa Troya-Polifemo-Odissey sector-Kalymnos-FotoIgnacioSandovalBurón

Ignota, location ignota             ClimbingGirls-27-tumblr_m5z9uw2BuH1rpwfnjo1_1280

Pubblicato il

Climbing girls 26

Maja Vidmar. Foto: majavidmar.com
ClimbingGirls-26-Maja-Vidmar-Photo-majavidmar.com_

Carin Marchiorato, boulder Melhor deixe, com certeza (2 novembre 2012), Morro do Anhangava em Quatro Barras, Paraná, Brasile

Ana Marisa Correia nel video di apertura di una palestra di arrampicata

Daila Ojeda, Alizée Dufraisse e Olivia Hsu in giro per l’Europa

La coreana campionessa del mondo Jain Kim si diverte a scalare a Niederthai (Ötztal, Tirolo, Austria) tra una tappa e l’altra della Coppa del Mondo 2015

Jain Kim vince a Puurs (Belgio) la Coppa del Mondo 2015

Lisa Hathaway bouldering sul Colorado River vicino a Moab

No Numbers è un bel ritratto della climber slovena Maja Vidmar

In Spagna, la svedese Matilda Söderlund ha salito onsight due 8b in in solo giorno. Poco dopo ha salito flash la lunga Kalea Borroka (8b+), sempre in Spagna

Mayan Smith-Gobat e Ines Papert hanno salito la Torre Centrale del Paine (Torres del Paine National Park, Patagonia/Chile) per la parete est. Prima femminile e quinta salita di Riders on the Storm, esattamente 25 anni dopo la prima ascensione di questo storico itinerario

Le top female climbers Melissa Le Nevé e Nina Caprez su Tennessee (8b), Gorges du Tarn, Francia

Natalija Gros

Natalija Gros in Le Tango Vertical

Paige Claasen a Smith Rock (Oregon, USA) sale To Bolt or Not to Be (5.14a)

Pubblicato il

Climbing girls 25

Ana Marisa Correia. Foto: José Carlos Sousa
ClimbingGirls-25-Ana-Marisa-Correia-FotoJoséCarlosSousa

Lauren Lee. Foto: David Clifford
ClimbingGirls-25-

Ana Marisa Correia
ClimbingGirls-25-Ana-Marisa-Correia-FotoJoséCarlosSousa-Portogallo1

Angelika Rainer su Kamasutra (D13+), Bus del Quai, Lago d’Iseo. Foto: Klaus Dell’Orto/Open Circle
ClimbingGirls-25-AngelikaRainer-KamaSutraD13+

Bethany Julka su Suffering Cats, Kitty Crag, Red Rocks, Nevada. Foto: Matt Kuehl
ClimbingGirls-25-BethanyJulka-SufferingCats-KittyCrag-RedRocks-Nevada.FotoMattKuehl

Carrie Cooper. Foto: David Clifford
ClimbingGirls-25-CarrieCooper-FotoDavidClifford

Duygu Yarsur a Citibi, Turchia. Foto: Sander Werelds
ClimbingGirls-25-Duygu Yarsur climbing in Citibi, Turkey. Foto Sander Werelds

Jain Kim
ClimbingGirls-25-JainKim(Corea)-cac4868128ad37f3e6f79ffb00dc94b6

Lindsay Gram su Synapse Collapse (5.11d), Cannabis Crag, Red Rocks, Nevada. Foto: Matt Kuehl
ClimbingGirls-25-LindsayGram-SynapseCollapse-5.11d-CannabisCrag-RedRocks-Nevada.FotoMattKuehl

Maja Vidmar
ClimbingGirls-25-maja-vidmar

Maja Vidmar
ClimbingGirls-25-MajaVidmar-674029143

Federica Mingolla a Valgiubola Bassa. Foto: Ludovica Galeazzi
ClimbingGirls-25-marche-Federica-Mingolla-Valgiubola-Bassa-Ph.Ludovica-Galeazzi

Mayan Smith-Gobat a Colorado National Monument. Foto: Jeremiah Watt
ClimbingGirls-25-Mayan Smith-Gobat, Colorado National Monument.FotoJeremiahWatt

María Fernanda Rodríguez Galván su Bomba H (5.14a), El Salto, Nuevo leon, Messico
ClimbingGirls-25-Mexicana, María Fernanda Rodríguez Galván-Bomba H-5.14a-El Salto

Mina Leslie-Wujastyk a Squamish, Canada
ClimbingGirls-25-mina leslie wujastyk-squamish, canada.

Mina Leslie-Wujastyk su Mecca (8b+), RavenTor, UK (settembre 2012). Foto: Nick Brown
ClimbingGirls-25-Mina Leslie-Wujastyk-1-Mecca-8b+,RavenTor,UK,set2012-FotoNickBrown

Mina Leslie-Wujastyk su Mecca (8b+), RavenTor, UK (settembre 2012). Foto: Nick Brown
ClimbingGirls-25-Mina Leslie-Wujastyk-Mecca-8b+,RavenTor,UK,set2012-FotoNickBrown

Nicky Dyal su Zip Crack (5.10), Squamish, Canada. Foto: Jim Thornburg
ClimbingGirls-25-Nicky Dyal in Zip Crack (5.10) · Squamish, Kanada · Foto Jim Thornburg

Nicky Dyal
ClimbingGirls-25-Nicky Dyal

Nina Caprez a La Buitrera Canyon. Foto: PETZL/Lafouche
ClimbingGirls-25-Nina Caprez, climbing in La Buitrera Canyon

Ignota a Paklenica, Croazia
Paklineca, Croaita

Pamela Shanti Pack su Dark Passenger (5.12), Long’s Canyon, Utah. Foto: Andrew Burr
ClimbingGirls-25-Pamela Pack

Pamela Shanti Pack su Dark Passenger (5.12), Long’s Canyon, Utah. Foto: Andrew Burr
Pamela Shanti Pack, Dark Passenger 5.12, Longs Canyon, UT

Pamela Shanti Pack su The Dragon’s Lair (5.11), Long’s Canyon, Moab Area, Utah. Foto: Andrew Burr
ClimbingGirls-25-PamelaShantiPack-TheDragon’sLair-5.11-FotoAndrewBurr

Ignota interpreta la Principessa Leia
ClimbingGirls-25-PrincessLeia-tumblr_m6wha9e8Lx1qg397go1_1280

Robyn Fog in free solo (5.11), Connecticut, USA
ClimbingGirls-25-Robyn Fog-free Solo-5.11-CT-USA

Pubblicato il

Impercettibili suoni di primavera

Impercettibili suoni di primavera
di Chiara Baù
(già pubblicato su http://www.imperialbulldog.com il 28 aprile 2016)

“Driiiiin”, implacabile… il trillo della sveglia che insieme al sorgere del sole ci annuncia una nuova giornata. Poi, assuefatti dal ritmo della quotidianità, smettiamo di ascoltare altri rumori o suoni che in realtà sono la colonna sonora di ogni giornata. Può essere il passaggio di un tram sulla rotaia, il rintocco di un campanile, il violino di un suonatore vagabondo per strada, un’armonica melodia alla reception di un hotel mentre si fa colazione. A seconda dell’ambiente dove viviamo abbiamo l’opportunità di farci rapire da una gamma di incredibili suoni. Certo sta a noi percepirli come rumori o suoni a seconda del nostro umore, della nostra percezione ed emotività. Il risultato è sempre quello, si entra in una sorta di caleidoscopio di suoni.

ImpercettibiliSuoni-1

 

Pochi giorni fa mi sono trovata alla Stazione Centrale di Milano dove ultimamente è stato collocato un pianoforte e chiunque lo desideri può liberamente suonarlo. Così in mezzo al frastuono degli annunci dei treni, tra il chiacchierio delle persone e i rumori dei treni, le note di un pianoforte suonate da un perfetto sconosciuto sfuggono al controllo tentando di attirare l’attenzione di qualsiasi passeggero che in quel momento si trova sulla scia di quella melodia… riuscire a percepire tali suoni nel rumore di una stazione non è facile… ma è pur vero che appena si presta attenzione a una nota appena accennata, il seguito è come un concerto. Sembra che l’orecchio si concentri solo su quella musica apparentemente impercettibile ma poi magnificamente udibile… e così la partenza di qualsiasi viaggio in treno inizia con un concerto inaspettato.

Dicono che nei primi tre anni di vita del bambino l’attività cerebrale assorba come una spugna ogni cosa; il cervello subisce l’influenza dell’ambiente esterno a tal punto che si formano le basi fondamentali della fase adulta. La plasticità del cervello funziona anche dal punto di vista uditivo, assorbe inconsciamente anche i primi rumori abituando il bambino a percepire ogni minimo suono.

Avevo due anni, la prima vacanza in tenda in mezzo a un bosco con i miei genitori. La foresta del lago di Braies in Alto Adige, lo scenario.

Le braccia degli abeti e dei larici ci proteggevano dalla pioggia. I raggi del sole asciugavano gli indumenti stesi e le nostre membra intorpidite dopo le notti umide passate a dormire in tenda.

ImpercettibiliSuoni-2

Il torrente, la fonte di tutto. Niente amuchina o chissà quale altra sostanza disinfettante, l’acqua fredda e pungente del torrente annientava ogni microbo. La pasta si cucinava direttamente sui fornelletti mobili a gas piazzati tra un tronco e l’altro, e nessun problema se qualche ago di pino unito a qualche formica finiva nel condimento. Ogni giorno all’imbrunire, così mi racconta la mamma, ci recavamo in fondo alla vallata oltre il bosco per scrutare i ghiaioni alla ricerca di camosci e caprioli, gli eroi dei miei fumetti da bambina.

Ad ogni avvistamento, tra le poche parole che a due anni potevo sapere, fuoriuscivano due sillabe, “… IOLI… IOLI… IOLI”… così indicavo con la mano ogni animale dotato di corna, sia che si trattasse di veri caprioli, di camosci o di qualsiasi altro animale.

Finché una sera un verso imponente ruppe l’armonia del tramonto, una sorta di muggito ma dalle note piú acute. Risuonava nel bosco in un silenzio surreale. Anche il vento sembrò fermarsi, era un bramito, il brutale verso del cervo maschio durante la stagione degli amori.

Nonostante l’imponenza di quel verso non mi ero spaventata, come se fosse parte del mio Dna acustico: in fondo quel verso, anche se inquietante, non poteva che essere riconosciuto dal mio udito come un semplice suono. Da allora mi piace pensare che quell’episodio abbia condizionato la mia vita sensibilizzandomi verso i suoni naturali che mi circondano. Lo chiamo il ‘SUONO MAESTRO’ una sorta di faro acustico che non mi ha mai abbandonato. Così in qualsiasi situazione io mi trovi la prima cosa che mi colpisce sono i suoni, i rumori, i silenzi.

Facendo un salto nel tempo mi piace ricordare la famosa favola dei suoni, dal Saggiatore di Galileo Galilei. La storia è semplice: un uomo assai curioso attento ai canti degli uccelli scoprì che non solo gli uccelli producevano suoni, ma anche diversi tipi di strumenti e di insetti e di oggetti. Passò così a esaminare lo zufolo di un pastorello e poi un violino e infine osservò che anche i cardini delle porte o il dito sull’orlo di un bicchiere o che persino vespe, zanzare e mosconi emettevano suoni. Ecco un breve estratto della favola.

Nacque molto tempo fa un uomo molto intelligente e curioso che passava il tempo ad allevare uccelli e si meravigliava moltissimo osservando che con la stessa aria che respiravano essi riuscivano a emettere soavi canti. Una notte vicino a casa sua udì un delicato suono e pensò ci fosse un qualche uccelletto; ma uscendo di casa per vederlo si accorse che in realtà c’era un pastorello che con un bastoncino forato dotato di tanti buchi, chiusi o rilasciati dalle sue dita, emetteva suoni simili a quelli degli uccelli, sia pur in modo molto differente. Stupefatto e incuriosito donò al pastore un vitello per avere in cambio quel meraviglioso flauto e capire come funzionasse. Cosi si rese conto che se il pastorello non fosse casualmente passato quel giorno egli non avrebbe mai saputo che esistono altri modi per produrre suoni e decise quindi di uscire da casa per cercare nuove esperienze. Il giorno dopo passando vicino a una casa udì un suono provenire dall’interno e volle entrare per scoprire se si trattasse di un uccello o del suono di un flauto. Il suono era quello di un’arpa che un bambino teneva con la mano sinistra facendo vibrare le corde con la mano destra senza usare il fiato. Quanto fosse stupito lo sa solo chi ha la sua stessa curiosità. Infatti, avendo scoperto due nuovi modi di suonare che non aveva mai immaginato, credette di poterne trovare altri in natura. Chi può sapere quanto fu contento quando, entrando in una chiesa, si accorse che il suono che udiva proveniva ora dagli infissi di un portone? Un’altra volta, spinto da curiosità, entrò in un’osteria, e credendo di trovare un suonatore di arpa, vide uno che strofinando un polpastrello sull’orlo di un bicchiere, produceva un dolcissimo suono… e così via… Per il ricercatore che indaga quale sia la natura del suono e tenta di catalogare l’intera serie, Galileo offre l’idea dell’impossibilità di esaurire e conoscere tutti i suoni e le loro cause.

Così, a mia volta immaginandomi sdraiata su un prato in montagna a fine aprile mi trovo a identificare e percepire molteplici suoni, dai più forti ai più sottili.
È proprio in questo periodo un fischio inconfondibile risuona nella prateria, ne sono padrone le marmotte che iniziano a uscire dalle tane.

ImpercettibiliSuoni-3

Quando ad avvicinarsi è un predatore la regola è fuggire, e per farlo in fretta le marmotte hanno escogitato un sistema efficace: l’allarme scatta sotto forma di fischio, la sentinella si alza ritta sulle zampe posteriori ed emette un grido simile a un fischio, provocato dall’espulsione di aria attraverso le corde vocali. Tale sistema serve inoltre a mantenere un collegamento fra i componenti del gruppo. Si è potuto rilevare che il fischio è singolo in caso di avvistamento di predatore alato (aquila), multiplo quando il pericolo arriva da terra (ad esempio volpe o cane). Quando l’aquila si getta sulla preda, il silenzio dei prati è rotto da fischi penetranti, lunghi. L’intensità del fischio fornisce indicazioni sulla distanza del probabile predatore. I segnali sono udibili fino a un chilometro in linea d’aria. Essendo un segnale di pericolo, il fischio viene sfruttato anche da animali di altre specie, come camosci, cervi e stambecchi e la marmotta viene anche chiamata sentinella delle Alpi. Poi non è propriamente un fischio ma un grido di origine laringea, emesso a bocca aperta.

Quest’anno a causa del forte innevamento dei mesi di febbraio e marzo, i cuccioli saranno ancora più esposti al ratto delle aquile: questo perché i cuccioli, usciti come d’abitudine in aprile, hanno trovato all’uscita dalla tana ancora tanta neve, cosa che ha reso più evidenti i loro corpi sul manto nevoso.

ImpercettibiliSuoni-4

Cessato il fischio, la situazione sembra apparentemente rientrare, come quando dopo il passaggio di un’ambulanza ed esserci fatti da parte per lasciarla passare, si ritorna nel traffico normale. Nel capire quali altri suoni completino l’orchestra della natura ecco che nell’apparente silenzio primaverile un leggero scricchiolio sembra essere portato via dalla brezza di monte.

È lo squittio dello scoiattolo (Sciurus vulgaris). Durante la vita quotidiana lo scoiattolo squittisce per ‘sgranarsi’ la gola, per richiamare altri scoiattoli o per riprodursi e in ogni caso, a seconda del momento, lo squittio dello scoiattolo è abbastanza stridulo, ma forte e lo si sente da 15 metri di distanza.

È un animale poco attivo d’inverno, con abitudini differenti dagli altri animali, infatti, immagazzina le eccedenze di cibo un po’ a caso in diversi depositi; poi si costruisce un ‘nido’ sferico, generalmente in una biforcazione dei rami, per trascorrere l’inverno. Quasi ogni giorno esce dal nido per andare a prelevare un po’ di cibo che ha accumulato in precedenza, servendosi dell’odorato per ritrovare i suoi magazzini e alternando periodi di sonno e periodi di attività.

ImpercettibiliSuoni-5

La coda svolge un’importante funzione equilibratrice nei salti e di segnale visivo durante i corteggiamenti. Il cibo è costituito da ogni tipo di semi tra cui sono particolarmente graditi quelli delle pigne, le faggiole, le noci e le nocciole, oltre alle gemme, ricche di succosa linfa, che in primavera integrano le scorte ormai quasi esaurite accumulate per l’inverno.

Di questi semi viene fatta man bassa durante tutta l’estate e molti vengono accuratamente nascosti in provvisori nascondigli, per costituire delle vere e proprie dispense per la stagione invernale.

L’abitudine di nascondere i semi anche sottoterra in luoghi diversi, tecnica adottata anche da altri animali che non svernano, come la nocciolaia, è risultata assai utile per la diffusione di molte specie di alberi, destinati altrimenti, per il tipo di seme pesante o comunque di non facile diffusione per vie naturali, a vedere disseminata la propria progenie solo nello spazio su cui si espande la loro chioma. Non è raro che lo scoiattolo che si imbatte in un nido temporaneamente incustodito con uova o piccoli implumi, ne faccia razzia; un comportamento crudele ai nostri occhi, ma pur sempre appartenendo agli schemi delle leggi naturali che regolano la vita animale.

L’uomo è in grado di udire suoni la cui frequenza è compresa dai 20 ai 20.000 Hz. Tale gamma di suoni è chiamata campo (o intervallo) di udibilità dello spettro delle frequenze sonore. I suoni la cui frequenza è al di sotto dei 20 Hz sono chiamati infrasuoni, i suoni la cui frequenza supera i 20.000 Hz sono chiamati ultrasuoni. Alcuni animali hanno una gamma udibile maggiore di quella dell’uomo, in particolare per quanto riguarda il limite superiore.

La soglia di udibilità dei cani si estende fino a 45.000 Hz, i gatti arrivano a 70.000 Hz e i pipistrelli oltre 100.000 Hz.

In realtà, pochissimi individui sono in grado di ascoltare in un intervallo così ampio, da 20 a 20.000 Hz. Più spesso la massima frequenza che riusciamo ad ascoltare non supera i 16.000 Hz.

Mi chiedo quanti rumori quasi impercettibili ogni giorno riusciamo a sentire senza accorgerci e senza prestare attenzione; tornando su quel prato costellato di tracce di neve che pian piano stavano svanendo, come in un climax discendente di suoni, mi stavo accorgendo dell’impercettibilità di un nuovo suono. Il fiore dell’erica che pian piano riusciva con la sua forza a bucare la neve. Forse il leggero scricchiolio della neve che si scioglie unito al rumore della pianticella che tenta di farsi spazio nella crosta di neve genera un suono sicuramente impercettibile ma degno comunque di essere ascoltato.

ImpercettibiliSuoni-6

Tra le tante varietà di erica merita una menzione particolare l’Erica carnea, molto apprezzata per la magnifica fioritura invernale, caratterizzata da fusti sottili, che portano foglie aghiformi di colore verde scuro, bronzeo o arancio, a seconda della collocazione rispetto alla luce.

La particolarità della pianta è data dai fiori rosa o bianchi, che nella stagione invernale spuntano dalla neve, per annunciare l’arrivo imminente della bella stagione. L’Erica carnea cresce facilmente allo stato spontaneo, specie nelle regioni del Nord Italia. Il termine Erica deriva dal greco Eréiko che significa ‘frangere’ perché si credeva fosse utile per spezzare i calcoli renali; altre fonti dicono che sia perché i rami sono molto fragili, e secondo altri ancora per la proprietà di rompere la roccia con le sue radici. Il termine carnea è dovuto al colore rosa dei fiori.

ImpercettibiliSuoni-7

E’ incredibile come avvenga la miracolosa fioritura dell’Erica quando tutta la natura dorme ancora sotto la neve. Verso la fine dell’estate e in autunno i ramoscelli portano già i fiori dell’anno seguente allo stadio di bottoni verdi, destinati a passar l’inverno sotto la neve. Appena la neve inizia a sciogliersi, le campanule diventano rosse e si dischiudono per attirare gli insetti con il vivace colore delle loro corolle. Nelle regioni alpine però l’Erica non può contare che sulla visita delle farfalle, non disponendo gli altri insetti di una proboscide sufficientemente sviluppata per attingere il nettare dai suoi fiorellini dal calice angusto e sbarrato da numerose antere. Questo potrebbe essere un grande problema quando fiorisce precocemente, in periodi in cui le sue visitatrici sono ancora nei rifugi invernali se non addirittura nel bozzolo, se l’infinita saggezza della natura non avesse previsto il pericolo ed escogitato il rimedio. I fiorellini dell’Erica, infatti, prima di appassire allungano e sporgono dalle corolle i filamenti con le antere per affidare al vento il polline che gli insetti avrebbero dovuto portare ad altri fiori. Corolla e calice sono dello stesso rosso vivacissimo che colora il peduncolo e il lungo pistillo sporgente, mentre foglioline aghiformi, di un verde intenso, fanno contrasto con il bruno oscuro dei rami e delle antere. Queste note di colore rendono l’Erica un miracolo artistico della natura.

La giornata volge al suo termine. Tempo di alzarmi da quel prato fonte di nuovi rumori e suoni continui. È ora il turno delle raganelle che verso sera con il loro gracidio diventano gli attori e i cantanti del concerto serale. Mi ritiro nel rifugio vicino a quel prato dove con qualche amico continuo a descrivere sul mio taccuino dello scoppiettio della legna nella stufa, dello scricchiolio del pavimento e del nostro sorridere.

ImpercettibiliSuoni-8

Pubblicato il

Climbing girls 24

Shauna Coxsey
ClimbingGirls-24-Shauna Coxsey

Petra Růžičková. Foto: Lacušák Šaolin 
ClimbingGirls-24-Petra Růžičková, fotoLacušák Šaolin

Maja Vidmar
ClimbingGirls-24-MajaVidmar

Ignota a Majorca. Foto: Rachele Sighinolfi 
ClimbingGirls-24-Maiorca - ph.Rachele Sighinolfi

Lynn Hill sulla L2 (25, 5.12b) di The Free Route, The Totem Pole, Cape Hauy, Tasmania, Australia. Foto: Simon Carter
Lynn Hill leading pitch two (25, 5.12b) of The Free Route on The Totem Pole - a 65-metre dolerite column at Cape Hauy, Tasmania, Australia.

Leah Crane su Celia (8a-5.13b), Wildside Sector, Sella, Costa Blanca, Spagna
ClimbingGirls-24-Leah Crane on Celia (8a-5.13b

Lauren Lee, Cheakamus Canyon, Squamish, British Columbia
ClimbingGirls-24-lauren lee. checkamus canyon

Lauren Lee, Little Si Mountain, Washington
ClimbingGirls-24-Lauren Lee sending in Little Si, Washington

 

Kinga Ociepka-Grzegulska su Ekspozytura szatana (8b+), Pochylec, Polonia
ClimbingGirls-24-Kinga Ociepka-Grzegulska

 

Kinga Ociepka-Grzegulska su Ekspozytura szatana (8b+), Pochylec, Polonia
ClimbingGirls-24-Kinga Ociepka-Grzegulska on Ekspozytura szatana-8b+, Pochylec, Poland

Katie Brown
ClimbingGirls-24-KatieBrown

Katelyn Dolan, Panther Beach, California. Foto: Dustin Glasner
ClimbingGirls-24-Katelyn Dolan working a problem in the arch at Panther Beach, CA-FotoDustin Glasner

Jessa Younker
ClimbingGirls-24-Jessa Younker

Jessa Younker sulla L1 di Superstein (5.13a), Redstone, Colorado
ClimbingGirls-24-Jessa Younker on the first pitch of the five-five pitch Superstein (5.13a), Redstone, Colorado

Jenn Flemming
ClimbingGirls-24-Jenn Flemming

Jen Vennon
ClimbingGirls-24-Jen Vennon

Jamie Hartley, Red River Gorge, Kentucky
ClimbingGirls-24-jamiehartley-Red River

Jamie Hartley
ClimbingGirls-24-JamieHartley

Isabel Suppé
ClimbingGirls-24-Isabel_Suppé-fonte-wwwcaibassanograppacom

Heather Weidner su United States Equalizer (7c+), Mount Charleston. Foto: Patrick Olson
ClimbingGirls-24-Heather Weidner United States Equalizer 7c+, Mt. charleston PhotoPatrick Olson

Elena Hight
ClimbingGirls-24-ElenaHight

Dominika Dupalová su The Rhino (7b+), Rocklands, Afrika. Foto: Martin Spilka
ClimbingGirls-24-DominikaDupalová-The rhino, 7B+ Rocklands - Afrika. FotoMartin Spilka
Ignota, location ignota
ClimbingGirls-24-bc53889e634645b79d659aa89945934b

Barbara Gilić su Posljednji Bibinjac (7b), Lovrinac, Croazia. Foto: Luka Kivela
ClimbingGirls-24-Barbara Gilić Croatia Posljednji Bibinjac 7B, Lovrinac Photo Luka Kivela

Andrea Cartas, Zillertal. Foto: Carlos Padilla
ClimbingGirls-24-AndreaCartas,Zillertal. FotoCarlosPadilla

Ignota, location ignota
ClimbingGirls-24-19da042e530734a7bd14fc183df8c3ac

 

Pubblicato il

Alcuni temi di scuola – 2

Alcuni temi di scuola – 2 (2-4)

Le gallerie di sabbia
(quinta elementare)
Avevo sei anni circa. Un giorno di sole andai al mare con la mamma. Decisi di costruire una bella galleria con la sabbia. Mi misi a scavare e mi divertivo un mondo, quando capitò un ragazzetto biondo, con la faccia da birichino, che vedendomi si avvicinò. Per un po’ stette a guardarmi, poi chiese: – Che cosa fai, bambino?
Io feci il sordo.

Genova, bagni Monumento, 5 agosto 1948, con mamma Fiammetta
Genova, bagni Monumento, 5 agosto 1948, A. Gogna con mamma Fiammetta
Ma quello ancora: – Bambino, che fai?
Allora io risposi: – E non lo vedi? Costruisco una galleria.
– Posso aiutarti?
– Ma certo! Tu scava da quella parte…
Ricominciai a lavorare alacremente, e così fece lui. Lavorando, mi chiese: – Come ti chiami?
– Alessandro. E tu?
– Gilberto.

Scuola elementare Brignole Sale, Genova, anno 1956-1957. Mi si vede in prima fila, secondo da destra, tra Gian Filippo Dughera (a destra con lavagna) e Alberto Martinelli (a sinistra)
A. Gogna, 5aC, scuola elementare Brignole Sale, Genova
Gilberto lavorava con troppa fretta: chissà quante volte, per un pelo, non riuscì a distruggere tutto!
Io lo ammonivo continuamente: – Non scavare così in fretta, Gilberto!
Macché, testardo, voleva fare come la pensava lui e le mie parole erano gettate al vento. Finalmente le nostre mani s’incontrarono: per fare il tunnel più largo, Gilberto scavò ancora in fretta e… patatrack! La galleria franò.
Allora io con i denti stretti: – Te lo avevo o non te lo avevo detto di scavare più adagio?
– Certo!
– E allora perché non mi hai dato retta?
– Io?
– Sì, tu!
– Cosa vuoi dire, che sono stato io a rompere la galleria?
– Certo non sono stato io…
– Invece sì, proprio tu!
– Che bugiardo – dissi.
– Sei tu un bugiardo!
– Senti, via di qui! Non voglio vederti più, sciò! – e portai l’indice alla mia destra.
Gilberto se ne andò rattristato.
Questo è un episodio di quattro anni fa e, come volli, Gilberto non lo vidi più. Quanto alle gallerie non ci penso più, però allora erano guai se me ne toccavano una.

Scuola media Giovanni Pascoli, Genova, anno 1957-1958. Gli alunni della 1a “I” con la professoressa Goffis. In prima fila, io sono il primo a sinistra.
A. Gogna, 1a I, scuola media G. Pascoli

Scuola media Giovanni Pascoli, Genova, anno 1958-1959. Gli alunni della 2a “I” con la professoressa Goffis. Io sono in prima fila, terzo da destra.
A. Gogna, 2a I, scuola media G. Pascoli


Accadde…
(quinta elementare)
Dovete sapere che Borgomaro, il paese di mia nonna, è bagnato da un torrente che si chiama Impero. Sovente vado là a pescare. Parto con l’intenzione di mangiare i pesci che piglio, ma poi li do invece tutti al gatto. La maggior parte dei pesci di quel torrente sono barbi.

Era una tiepida giornata di settembre e io partii alla volta del torrente munito di un secchiello, una canna da pesca, l’esca (mollica di pane e farina annacquata) e un salario (quello che in italiano è il retino, NdR). Saltando tra gli scogli giunsi in un punto dov’erano molti pesci. Deposi da parte la canna, indi presi un pezzettino d’esca e gli feci prendere la forma di una pallina. Afferrai l’amo e lo ficcai nella pallina, poi risolutamente cacciai la lenza in acqua.

Il torrente Impero a Borgomaro
alcunitemiscuola-2-47829538

 

Dopo un quarto d’ora sentii tirare. Con uno strattone violento tirai su tutto e vidi un grosso barbo che stava appeso all’amo. Lo afferrai e lo misi nel secchiello pieno d’acqua. Lanciai di nuovo in acqua la lenza e aspettai. Dopo un po’ sentii un bel… pluff!

Mi voltai dicendo: – Sbaglierò… ma credo di no!
E infatti nel secchiello c’era più solo l’acqua.
– Maledizione – ruggii – è scappato!
E ci voleva pazienza. Peccato che ne avevo poca!

Lanciai ancora la lenza, ma in un’altra mezz’ora non riuscii a prendere niente. Spazientito scagliai sull’altra riva la canna e afferrai il salario, deciso a catturare anche pesciolini grandi come la metà di un dito mignolo di neonato: dopo un quarto d’ora avevo già riempito il secchiello.

Mi alzai e mi diressi verso casa, ma a quel punto il destino mi giocò un tiro birbone: misi un piede in fallo e naturalmente… giù in acqua bello vestito. E i pesci presi? Più felici di loro… Mentre io, un po’ infreddolito, tornavo a casa tra le risate dei miei amici per farmi scaldare dal battipanni materno.

 

Ascoltando la radio…
Quinta elementare o prima media)

La radio è un apparecchio abbastanza recentemente inventato da Guglielmo Marconi. Alla mattina la mamma l’apre (a Genova “accendere la luce” si dice “aprire la luce”, NdR) e si gode una quantità di canzoni. Quando arrivo da scuola la trovo quasi sempre aperta; papà però non la vuole mai sentire se non quando c’è il giornale-radio; allora afferro la manopola e giro. Sento voci francesi, tedesche, inglesi e finalmente l’taliana…

Così tutta la famiglia si riunisce attorno alla radio. La nostra non è certo bellissima, però ha sempre funzionato e io le sono affezionato, perché è da un bel po’ di tempo che l’abbiamo. E’ una Marelli. Quando l’apro cerco sempre la stazione che mi diverte di più e cioè la trasmissione per i ragazzi, con fiabe e racconti, sport, barzellette e Tutti per uno. Ma la mamma cambia sintonia e cerca con sicurezza quella dove trasmettono canzoni. Oh, come sarebbe bello se per ogni passione ci fosse una radio! E’ per questo che essa non piò accontentare tutti nello stesso momento. Io l’ascolto però solo quando piove, così mi si calma il nervoso che ho quando non posso uscire e andare a giocare ai giardini, dove la radio è completamente dimenticata.

Scuola media Giovanni Pascoli, Genova, anno 1959-1960. Gli alunni della 3a “I” con la professoressa Goffis. Sempre in prima fila, primo a sinistra.
A. Gogna, 3a I, scuola media G. Pascoli

Pubblicato il

Il segreto del bosco perduto… e ritrovato

Il segreto del bosco perduto… e ritrovato
di Chiara Baù
(già pubblicato su www.imperialbulldog.com il 16 marzo 2016)

Finalmente è arrivato l´inverno. Un po’ tardi, a marzo inoltrato, ma ormai si sa …le stagioni non sono più imprigionate nel vecchio schema di una volta.

Il riscaldamento globale, il fenomeno del Niño, il persistere dell´alta pressione o chissà quale altra spiegazione hanno fatto sì che quest´anno il periodo di Natale sia apparso come un´anticipazione della primavera, e che ora la primavera sia sostituita da un ritardo dell´inverno…

SegretoBoscoPerduto-1

 

A fine dicembre fantomatiche strisce di neve artificiale imprimevano una luce particolare alle montagne spoglie, in attesa di grandi nevicate. Proprio in tale periodo il lavoro mi vedeva impegnata in montagna e ogni giorno assistevo a quello spettacolo così innaturale.

Alcune foto aeree testimoniavano ancora meglio queste sinuose linee bianche. Cosa mai avranno pensato gli astronauti osservando quelle strane serpentine bianche dalla stazione spaziale in orbita…come identificarle?

Eppure il progresso ha trovato il sistema perché i fiocchi di neve si auto-formassero provenendo, invece che dal cielo, da buffi cannoni meccanici adibiti alla produzione della neve… e la macchina ha funzionato benissimo. Nel periodo natalizio le piste da sci erano stracolme di turisti che sciavano confinati in questi spazi ristretti.

Ma la bellezza della neve naturale di questi giorni ha tutto un altro sapore… Da qualche giorno sembra di essere proiettati in un paese completamente diverso.

Pian piano tutto il Nord Italia è stato sommerso da questo nuovo inaspettato inverno… con il suo silenzio.

In passato trascorrevo alcuni giorni delle vacanze estive e invernali in un maso d´alta montagna, isolato a diversi chilometri dal paese… Nella mia stanza, che ricordava quella di Heidi, tra pareti rivestite di legno, si percepiva un profumo intenso di pino cembro misto a quello che proveniva dalla stalla collocata al piano di sotto – un odore acuto dovuto al letame poi utilizzato per concimare il terreno – in realtà era un mix dato dal profumo di legna bruciata, di latte appena munto, di erba impregnata di rugiada… questi erano gli odori, anzi le fragranze, che pian piano impregnavano i miei vestiti e anche i miei pensieri a seconda delle diverse stagioni in cui mi recavo.

Lontano dalle folle di agosto, dalla moltitudine di sciatori… così sono cresciuta… nessuna discoteca, nessuna spiagge affollata… sia pur con l’imprinting di una città come Milano. La settimana bianca era caratterizzata da una gita che ripetevo ogni volta con i miei genitori, una sorta di rituale. Un percorso con le ciàspole, attraverso boschi che mi apparivano incantati, per arrivare dopo un paio d’ore a una malga situata in mezzo a un’ampia distesa di pascoli e di fronte a un panorama così immenso da togliere il fiato. Poi la discesa a valle con lo slittino, nel puro divertimento, ogni volta una poesia diversa.

SegretoBoscoPerduto-2

 

Per quanto lo ripetessimo più volte, la bellezza di quel percorso mi riempiva di gioia e non era mai noioso né monotono… Si respirava ogni volta una sensazione nuova, di scoperta, di esplorazione: il passaggio di uno scoiattolo, le punte dei larici accarezzate dal vento. Non era una passeggiata qualunque… era la “mia” passeggiata, simbolo di un respiro che dal caos di Milano riportava ai ritmi più naturali e veri dell’esistenza.

Gli empiristi come John Locke ritenevano che la conoscenza si potesse acquisire solo per mezzo dell’esperienza principalmente sensoriale per poi essere elaborata dalla nostra mente. La sua teoria pone fermamente l’esperienza e i concetti di percezione e osservazione alla base della comprensione umana. In effetti ho potuto sperimentare tale teoria personalmente, dando sempre molto peso all´esperienza diretta. Un impatto che mi ha lasciato insegnamenti molto più marcati che non le ore passate sui libri…

La settimana scorsa sono tornata con i miei genitori al maso, per me quasi una liaison tra terra e cielo. Anche questa volta la consueta passeggiata alla malga.

Pochi passi sul sentiero, ed eccoci rapiti dal silenzio di una splendida nevicata. I fiocchi di neve sembrano rincorrersi nel loro moto disordinato regolato dal vento, coinvolti in un continuo vortice. Ma in quel caos apparente c´è perfezione…

SegretoBoscoPerduto-3

 

Alla base di ogni fiocco di neve si trova la simmetria esagonale della struttura cristallina del ghiaccio derivante poi direttamente dall´acqua. Tale struttura subisce tutta una serie di trasformazioni in base alle condizioni chimico fisiche. Alcuni ricercatori giapponesi hanno identificato fino a 3000 forme diverse.

Nel nostro peregrinare alcuni caprioli avvertono la nostra presenza. Eccoli che a balzi avanzano nel bosco tentando di sfuggire alla coltre di neve che man mano è sempre più spessa.
Anche loro sembrano sorpresi… convinti di assaggiare la prima erbetta primaverile, si sono trovati improvvisamente avvolti dal manto nevoso.

E´ interessante vedere come le specie predate come cervi e caprioli abbiano orecchie mobili che possono anche puntare all´indietro per captare i rumori di eventuali predatori al di fuori del campo visivo… sono una sorta di antenne direttive analoghe a quelle dei gufi e pipistrelli. Ascoltano con maggiore efficienza in una determinata direzione e di conseguenza meno efficacemente in un`altra, a meno che non vi vengano specificatamente orientate. Le antenne direttive dette più comunemente orecchie, funzionano molto meglio di quelle omnidirezionali nel raccogliere i suoni provenienti dalla direzione prescelta. In tale modo l´intensità del suono è maggiore se raccolto prevalentemente in direzione della sorgente.

SegretoBoscoPerduto-4
Particolarmente sviluppati nel capriolo sono il senso dell´udito e quello dell´olfatto, più che la vista. Forse hanno avvertito il nostro, che è odore di città. L´olfatto è di grande importanza soprattutto nei contatti e nelle relazioni sociali in particolar modo durante il periodo degli accoppiamenti e nella territorialità. L´olfatto è prodotto da neuroni olfattivi, i cosiddetti ORN (olfactory receptor neurons). Mentre l´uomo ne possiede alcuni milioni, animali come gli ungulati (cervi e caprioli) ne possiedono centinaia di milioni. Anche l´udito è eccellente e agisce da sistema di preallarme consentendo ai Cervidi un vantaggio iniziale. La vista è il senso meno sviluppato, la posizione fortemente laterale degli occhi rende impossibile la visione binoculare.

L´incontro con gli animali del bosco è sempre un evento di grande impatto emotivo, e la visione di questi caprioli blocca immediatamente il nostro cammino… e il nostro sguardo. Tentiamo di azzerare ogni minimo rumore, rimandando di qualche secondo lo scarto di una caramella per non disturbare ulteriormente i caprioli.

SegretoBoscoPerduto-5

Il dimorfismo sessuale è poco accentuato: il maschio è leggermente più grande della femmina. La corporatura slanciata rende il capriolo un ottimo saltatore.
Con la muta autunnale (che avviene tra metà dicembre e fine ottobre) il mantello assume una colorazione più scura, grigio-bruna e così viene evidenziata la macchia di peli bianchi perianali, il cosiddetto “specchio anale”, che nel maschio è reniforme mentre nella femmina è a forma di cuore.
Purtroppo la coltre nevosa è uno dei maggiori fattori che portano alla morte i caprioli in quanto possono rimanere bloccati senza riuscire ad alimentarsi per giorni arrivando di conseguenza a morire di fame. Sebbene caprioli e cervi appartengano alla stessa famiglia dei Cervidi, i cervi sono animali dalla struttura più forte: le femmine arrivano a pesare 80 chili e i maschi fino a 100 chili. Questo favorisce sicuramente la struttura fisica che permette un avanzamento più facile nella neve rispetto ai caprioli il cui peso non supera i 25-30 chili. Oltre a una vitale differenza di stazza, è soprattutto il comportamento sociale a favorire i cervi che, a differenza dei caprioli, si muovono in branco. Il più grande ed esperto davanti, gli altri dietro e in genere l´esperienza aiuta il capo branco a scegliere il posto migliore dove stare. I caprioli, e si parla degli esemplari maschi, hanno invece un comportamento solitario.

SegretoBoscoPerduto-6

Quasi mi sento colpevole nell´aver disturbato inavvertitamente il loro vagare nel bosco. Li ho messi in fuga e questa corsa può costare loro molto cara.

SegretoBoscoPerduto-7

Infatti d’inverno il metabolismo basale dei caprioli rallenta per permettere loro di sfruttare meglio il poco cibo disponibile e di bruciare meno energie. In pratica mangiano meno e si muovono meno: questo però se non vengono continuamente disturbati e messi in fuga.
Se ai caprioli una fuga nella buona stagione costa relativamente poco, d’inverno è molto diverso, e può addirittura farli morire di stento per l´enorme fatica che essi devono affrontare camminando nella neve spesso molto alta.

Prosegue il nostro cammino verso la baita, ancora stupiti per la copiosa nevicata, in una colonna sonora data dal silenzioso tocco dei fiocchi di neve che pigramente si appoggiano sul terreno. Poche centinaia di metri in quella sottile e inaspettata aria gelida, teatro del nuovo spettacolo invernale, pochi passi sul sentiero dove la luce si intrufola con timidezza nel bosco e improvvisamente trovo il sentiero ferito da una nuova, banale pista di sci che quasi con violenza interrompe l´armonia della montagna fino ad allora incontaminata…. e ora sventrata e ferita. Non bastavano i 50 km di piste che già costituivano uno dei caroselli di sci più belli della zona. Si doveva per forza incrementare il comprensorio. Perché turbare un equilibrio ambientale così delicato? Perché quegli ulteriori chilometri di pista? Che cosa si sperava di ottenere? Avidità di introiti per impinguare tasche sempre più affamate. Per lo spirito passionale che spesso mi prende, lo sdegno e il disincanto hanno avuto il sopravvento… lo scoiattolo non avrebbe più attraversato quella vuota autostrada di terra… il capriolo che balzava libero tra gli abeti sarebbe fuggito da uno spazio troppo vasto e aperto per consentirgli fughe sicure. Il silenzio del bosco sarebbe svanito, sostituito dallo scarrucolare di nuovi impianti, al posto di svettanti altissimi larici le forme squadrate delle cabinovie. Dopo le prime sensazioni tristi e negative… qualcos’altro è prevalso… Il silenzio del bosco, l´esperienza di percorsi tra distese incontaminate mi avevano sempre arricchito. Perché la stupidità delle persone, l´avidità di nuovi guadagni, la speculazione selvaggia dovevano turbare i miei pensieri? Non lo potevo permettere a niente e a nessuno. Una striscia di bosco era sparita, ma il silenzio non poteva dissolversi e svanire. Meno spazio e più ignoranza. Ma anche in un luogo più piccolo potevo apprezzare e valorizzare maggiormente ciò che rimaneva… ed era il silenzio dentro di me… Così mi ritrovai con una diversa visione e una sensazione nuova…

SegretoBoscoPerduto-8

 

Non avrei più potuto percorrere il “mio” sentiero incantato… ma forse un´alternativa c´era. La ritrovai pensando a un altro sentiero che aggirava la montagna, lungo, è vero, sei ore al posto di due, ma altrettanto ricco di poesia e di magia. Il mio silenzio del bosco non poteva perdersi… E una riflessione nasceva sul significato di ciò che intendiamo per progresso. Sono stati distrutti chilometri di boschi per cosa? Mi è stato insegnato di non fare mai il passo più lungo della gamba e allora vorrei suggerire non so a chi, ma a qualcuno sento di doverlo dire: prima di abbattere alberi e distruggere ettari di boschi è importante percorrere un sentiero innumerevoli volte… e ascoltarne il silenzio.

Questo conta per me, e non una presenza maggiore di turisti. Siamo sbarcati sulla luna per scoprire posti nuovi… ma ancora non abbiamo finito di osservarla e mentre l´ammiriamo col naso all’insù potremmo ascoltare le note del Claire de lune di Claude Debussy o la lettura dell’Ode alla luna di Giacomo Leopardi… Potranno sorgere sensazioni nuove tali da sconfiggere ogni idea di distruzione o di conquista, pensando che a volte è bello respirare la poesia di un luogo e val la pena mantenerlo e proteggerlo, lasciando ancora a questo nostro Paese dello spazio inesplorato con l’incanto e la poesia che vi aleggiano intorno.

SegretoBoscoPerduto-9

Abbiamo così cambiato percorso… nuove sensazioni, nuove tracce, nuovi scorci… nuovi silenzi e quattro ore in più di cammino, ma ben ripagate… la baita era sempre lì pronta ad accoglierci, come se il tempo si fosse fermato. In lontananza quella nuova pista da sci… ma la bellezza di aver seguito un nuovo percorso ha fatto svanire ogni sensazione negativa, e il furtivo passaggio di una lepre di montagna ha dato la nota più bella a quel nuovo itinerario, il silenzio del bosco perduto era stato ritrovato.

Chiara Baù
Chiara Baù è nata e cresciuta a Milano. Ciò che la contraddistingue sono l’interesse e la passione per il mondo della natura, che l’hanno spinta dapprima a conseguire una laurea in Scienze naturali con una tesi di campo della durata di due anni nel Parco Adamello-Brenta alla ricerca dell’orso bruno introdotto in base a un progetto europeo denominato Life Ursus, e in seguito a perseguire e approfondire questo interesse con successive tappe di esplorazione e viaggi in luoghi remoti, selvaggi, come il Canada e l’Alaska dove ha potuto avere numerosi incontri con gli orsi grizzly. Proprio nell’isola di Kodjak ha potuto concretizzare la passione per l’orso con la realizzazione di un interessante documentario trasmesso in seguito su circuito televisivo. E su questo leit motiv notevole interesse hanno pure suscitato le conferenze a sfondo naturalistico da lei tenute in frequentate località turistiche di montagna. Continua a viaggiare sia per diletto che per lavoro esaudendo la sua continua curiosità. La scrittura, la fotografia sono il minimo comune denominatore che tuttora la portano a vivere con estrema semplicità le esperienze più diversificate.

SegretoBoscoPerduto-ChiaraBaù-12748267_1092965194068907_1521281211_n

Pubblicato il

Climbing girls 23

Ignota – location ignota
ClimbingGirls-23-31824522253324298a8645ff6d9c2881

Eva XXX su Masken (6c+) a Glageberget, Bohuslän, Svezia
SONY DSC

Ignote – location ignota
ClimbingGirls-23-10898_450209711787732_3592862924624703072_n

Camille Masseran a Remigny, Francia. Foto: Samuel Challéat
ClimbingGirls-23-CamilleMasseran-Remigny,FranciaFotoSamuelChalléat

Daila Ojeda su Face de Rat, 8a+, Ceüse (Francia). Foto: Petzl/Lafouche
ClimbingGirls-23-DailaOjeda-faceDeRat-8a+
Ignota su Elephant Man Corridor V1, San Jacinto Mountains, California
OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Ignota – location ignota
ClimbingGirls-23-Dee-www.missbrooke-selfloveinalatte.blogspot.it
Emily Harrington in Cina. Foto: Rocker Wang
ClimbingGirls-23-Emily Harrington climbing in China-Photo by Rocker Wang

Federica Mingolla su Digital Crack, Aiguille du Midi. Foto: Federico Ravassard
ClimbingGirls-23-FedericaMingolla-DigitalCrack-FotoFedericoRavassard

Federica Mingolla su Tom et je ris, 8b+, Verdon
ClimbingGirls-23-FedericaMingolla-TomEtJeRis-8b+Verdon

Hazel Findlay – location ignota
ClimbingGirls-23-Finley-tumblr_ma59wutTvG1rno34ro1_500

Florence Pinet su Powder Finger, 8c,Great Arch, Getu Valley, Guizhou, Cina
ClimbingGirls-23-Florence Pinet-Powder Finger, 8c,Great Arch, Getu Valley-Guizhou-China

Hazel Findlay arrampica nell’Acadia national park, Maine, USA
ClimbingGirls-23-hazel climbing at acadia national park

Hedi Friedl su una via di 8b (catena alpina). Foto: Wolfgang Liebacher
ClimbingGirls-23-Hedi Friedl,8b in the Alps,FotoWolfgang Liebacher

Ignota – location ignota
ClimbingGirls-23-hot_rock_climbing_girls_21

Ignota – location ignota
ClimbingGirls-23-hot_rock_climbing_girls_37

Ines Papert e Mayan Smith-Gobat, prima scalata femminile di Riders on the Storm, Torri del Paine (Patagonia)
Ines Papert and Mayan Smith-Gobat descending after they have climbed the route riders on the storm in Torres del Paine

Isabelle de la Fontaine scala a Mickey’s Beach, California
ClimbingGirls-23-Isabelle De La Fontaine climbing at Mickey’s Beach, CA

Jacinda Hunter, dws in Arizona, USA
ClimbingGirls-23-JacindaHunter-dwsArizona-129d34e196f224fe83dda8fa44a8b13d

Jain Kim su Mind control (8c+), Oliana, Spagna
ClimbingGirls-23-Jain Kim-Mind control (8c+)

Jamie Finlayson su Dreamcatcher (5.14d), Squamish, British Columbia, Canada
ClimbingGirls-23-Jamie Finlayson wokring Dreamcatcher (5.14d), Squamish

Pamela Shanti Pack al punto di Non Ritorno su The Event Horizon, Indian Creek, Utah. Foto: Andrew Burr
ClimbingGirls-23-PamelaShanti(puntoNonRitorno)TheEventHorizon-IndianCreek-Utah.FotoAndrewBurr

Pamela Shanti Pack su Dark Passenger, 5.12, Long Canyon, Utah. Foto: Andrew Burr
ClimbingGirls-23-PamelaShanti,DarkPassenger,5.12,LongCanyon,Utah.FotoAndrewBurr

Lenka Prášková a Prachovské skály, Repubblica Ceca
Prachovské skály - Lenka Prášková.

Sierra Blair-Coyle
ClimbingGirls-23-Sierra Blair-Coyle

Vanessa Peterson nella 2a ascensione di The Wave (25, 5.12b), Nomad Springs, WA, Australia
ClimbingGirls-23-VanessaPeterson-on the 2nd ascent ofTheWave (25, 5.12b), Nomad Springs,WA,Australia