Pubblicato il

Climbing girls 29

Mina Markovic. Foto: Heiko Wilhelm
ClimbingGirls-29-mina-markovic-womens-quali-2-innsbruck2012

Ignota, location ignota
ClimbingGirls-29-10333258_488180967990606_47204171974933ClimbingGirls-29-10707_o

Ignota, location ignota
ClimbingGirls-29-10338444_407513589390678_139145ClimbingGirls-29-1071677793487_o

Ignota, location ignota
ClimbingGirls-29-10404218_461797620628941_6735499992864740650_n

Ignota, location ignota
ClimbingGirls-29-10407068_444281385713898_6233614883875220849_n

Ignota, location ignota
ClimbingGirls-29-10421211_426855774123126_26ClimbingGirls-29-10627326993273177_n

Ignota, location ignota
ClimbingGirls-29-10446063_500145193460850_6661295095919493790_o

Ignota, location ignota
ClimbingGirls-29-10464014_436461869829183_9195803561660965383_n

Ignota, location ignota
ClimbingGirls-29-10533881_452228468252523_5984611890501633825_o

Ignota, location ignota
ClimbingGirls-29-10626624_460593390749364_6569013092013231395_n

Ignota, location ignota
ClimbingGirls-29-10676364_509467635861939_2767170091500239518_n

Ignota, location ignota
ClimbingGirls-29-10917941_524735334335169_2898583820064755473_o

Ignota, location ignota
ClimbingGirls-29-11083652_568614039947298_4354425366056875038_n

Ignota, location ignota
ClimbingGirls-29-11143176_596454147163287_6155490702075038267_n

Ignota, location ignota
ClimbingGirls-29-11427207_601854186623283_4299133141715798873_n

Ignota, location ignota
ClimbingGirls-29-11709779_615249238617ClimbingGirls-29-111_585369488704082814_n

Ignota, location ignota
ClimbingGirls-29-11875048_627827304025971_2028900159620394673_o

Lisa Jackson. Foto: Matthew Jordan Smith/Pottle Productions Inc
"The Girls Go Rock Climbing" -- The girls are left hanging in the air for an edgy fashion photo shoot on a rock-climbing wall, on America's Next Top Model on The CW. Pictured: Lisa Photo: Matthew Jordan Smith/Pottle Productions Inc ©2007 Pottle Productions Inc. All Rights Reserved.

Ana Marisa Correja a Carvoeiro Beach, Algarve, Portogallo
ClimbingGirls-29-AnaMarisaCorreja-CarvoeiroBeach,Algarve-Portogallo

Camille Masseran a Remigny, Francia. Foto: Samuel Challéat
ClimbingGirls-29-CamilleMasseran-Remigny,FranciaFotoSamuelChalléat7817905168_e811a30578_b
Jain Kim
ClimbingGirls-29-JainKim-251700_208129299222573_131164916919012_519512_6782224_n

Jain Kim
ClimbingGirls-29-Jain-Kim-Campeonato-Mundo-Escadala-Boulder-IFSC-2011-Arco-Foto-Diego-Patete

Katie Boué, location ignota. Foto: themorningfresh.com
ClimbingGirls-29-KatieBoué-DSC_8666

Katie Boué a Joey’s Valley. Foto: Andy Wickstrom
ClimbingGirls-29-KatieBoué-FotoAndyWickstrom-Joey'sValley

Katie Boué su Muir Valley, Red River Gorge, Kentucky. Foto: themorningfresh
ClimbingGirls-29-KatieBoué-MuirValley-RedRiverGorge-DSC_6149-2-1024x678

Melissa Le Nevé a Innsbruck, 2012    ClimbingGirls-29-melissa-le-neve-innsbruck-2012

Pubblicato il

Climbing girls 28

 

Daila Oljeda al Kalymnos Festival 2012. Foto: Ricky Felderer
ClimbingGirls-28-DailaOljeda-KalymnosFestival2012-FotoRickyFelderer

Ignota, location ignota
ClimbingGirls-28-486656_337510526390985_333851077_n

Ignota, location ignota
ClimbingGirls-28-604153_560670107408358_5150941140675460149_n

Ignota, location ignota
ClimbingGirls-28-1479250_347020332106671_699177336_n

Ignota, location ignota
ClimbingGirls-28-1512496_351904358284935_ClimbingGirls-28-1596120795_n

Ignota, location ignota
ClimbingGirls-28-1526662_350499601758744_1495435721_n

Ignota, location ignota
ClimbingGirls-28-10286834_403906963084674_3064653720947515199_o

Ignota, location ignota
ClimbingGirls-28-10305337_515249218617114_3023843224456143190_n

Un po’ di fiction con Tyra Banks. Foto: Matthew Jordan Smith/Pottle Productions Inc
"The Girls Go Rock Climbing" -- The girls are left hanging in the air for an edgy fashion photo shoot on a rock-climbing wall, on America's Next Top Model on The CW. Pictured: Ebony Photo: Matthew Jordan Smith/Pottle Productions Inc ©2007 Pottle Productions Inc. All Rights Reserved.

Jain Kim
ClimbingGirls-28-JainKim(Corea)-4-1

Jain Kim
ClimbingGirls-28-JainKim(Corea)Foto-IFSC and Eddie Fowke-The Circuit Climbing

Melissa Le Nevé su Wall Street (8c), Frankenjura. Foto: Scott Noy
ClimbingGirls-28-Melissa-le-Neve-Heelhook-Wall-Street-8c-Frankenjura-by-Scott-Noy-68

Rachel Moore, location ignota
ClimbingGirls-28-RachelMoore-unnamed-11

Ignota, location ignota
ClimbingGirls-28-tumblr_maa0lleLfM1rgw7bco1_500

Ignota, location ignota
ClimbingGirls-28-tumblr_mcaa8y1V881rf3p90o1_540

Ignota, location ignota
ClimbingGirls-28-tumblr_mg2lcov9MQ1rm0tofo1_500

Ignota, location ignota
ClimbingGirls-28-tumblr_mhxygniBb41rrfccno1_1280

Ignota, Chiang Mai, Thailandia
ClimbingGirls-28-tumblr_mibw0cvkJA1ru0bkzo1_1280

Ignota, location ignota
ClimbingGirls-28-tumblr_mjm414Tl8w1rgw7bco1_1280

Ignota, location ignota
ClimbingGirls-28-tumblr_mpfwg5Goio1r16d9jo1_500

Ignota, location ignota
ClimbingGirls-28-tumblr_mqlr8jgtt61rutjs6o1_1280

Ignota, location ignota
ClimbingGirls-28-tumblr_mqo3enEnvo1rutjs6o1_1280

Isabel Silva su Actopan, Messico. Foto: Marcos Ferro
ClimbingGirls-28-tumblr_mr119oiNRA1sozmlvo1_1280

Sasha DiGiulian, location ignota
ClimbingGirls-28-tumblr_mry8a8RZ7r1s3z3n5o1_1280

Ignota sulla Devil’s Tower, Wyoming
ClimbingGirls-28-tumblr_nr59lwlizl1rgw7bco1_1280

Whitney Bolland a El Chonta, Messico. Foto: Dustin Butcher                 ClimbingGirls-28-WhitneyBolland-ElChonta-FotoDustinButcher

Pubblicato il

Climbing girls 27

La portoghese Ana Marisa Correia. Foto: José Carlos Sousa
ClimbingGirls-27-Ana-Marisa-Correia-FotoJoséCarlosSousa-Portogallo

Ignota, location ignota
ClimbingGirls-27-12647243_695429920599042_8055559271586353263_n

Ana Marisa Correia, settore Rampa dos Crocodilos, Fenda (Portogallo). Foto: José Carlos Sousa
ClimbingGirls-27-AnaMarisaCorreia-sectorRampa-dos-Crocodilos-na Fenda-Portogallo-FotoJoséCarlosSousa

Daila Ojeda e Chris Sharma, Buttermilk region, Inyo National Forest, Bishop, California. Foto: Boone Speed
CHRIS SHARMA & DALIA OJEDA Photographed by Boone Speed on April 30, Buttermilk region, Inyo National Forest, Bishop, CA Photographer: Boone Speed Hair: (no hair) Makeup: (no makeup) Prop Stylist: (no prop stylist)

Federica Mingolla su Digital Crack (8a), Grand Gendarme Arête des Cosmiques, Monte Bianco. Foto: Federico Ravassard
ClimbingGirls-27-FedericaMingolla-DigitalCrack

Maja Vidmar
ClimbingGirls-27-MajaVidmar

Marietta Uhden (1968-2014) nello Zillertal, Austria
ClimbingGirls-27-Marietta-Uhden(1968-2014)-Zillertal

Marietta Uhden
ClimbingGirls-27-MariettaUhden_0460606600

L’iraniana Nasim Eshqi
ClimbingGirls-27-NasimEshqi(iraniana)

Nasim Eshqi su Iran Swiss (8b). Foto: Wojciech Ryczer
ClimbingGirls-27-NasimEshqi(iraniana,vedifileinbiografie)

Natalija Gros. Foto: Urban Golob
ClimbingGirls-27-NatalijaGros.FotoUrbanGolob

Ignota sull’Adršpach Komin, Repubblica Ceca. Foto: Karel Vlček Adršpach - komín. Fotografováno v roce 1983 Nikonem F2.

Sabine Bacher su Schwarzer Schwan (8c), Armelenwand, Ötztal (Tirolo, Austria). Foto: Heiko Wilhelm
ClimbingGirls-27-Sabine Bacher-Schwarzer Schwan (5.14b)-Ötztal, Austria
Sasha DiGiulian
ClimbingGirls-27-Sasha DiGiulian-tumblr_m8oj09MR2s1rdqaruo1_1280

Sasha DiGiulian. Foto: Davide Dal Mas
ClimbingGirls-27-SashaDiGiulian-FotoDavide Dal Mas

Daila Oljeda, location ignota
ClimbingGirls-27-sexy-rock-climbers-5
Ignota
ClimbingGirls-27-sexy-rock-climbers-9

Ignota
ClimbingGirls-27-sexy-rock-climbers-14

Ignota
ClimbingGirls-27-sexy-rock-climbers-24

Daila Oljeda. Foto: Maria Torres
ClimbingGirls-27-sexy-rock-climbers-35

Sierra Blair-Coyle
ClimbingGirls-27-Sierra Blair-Coyle (2)

Sierra Blair-Coyle
ClimbingGirls-27-Sierra Blair-Coyle

Sierra Blair-Coyle
ClimbingGirls-27-Sierra Blair-Coyle-climb-girls-27-920-40

Sierra Blair-Coyle
ClimbingGirls-27-Sierra Blair-Coyle-Unknown-2

Teresa Troya su Polifemo, Settore Odissey, Kalymnos. Foto: Ignacio Sandoval Burón
ClimbingGirls-27-Teresa Troya-Polifemo-Odissey sector-Kalymnos-FotoIgnacioSandovalBurón

Ignota, location ignota             ClimbingGirls-27-tumblr_m5z9uw2BuH1rpwfnjo1_1280

Pubblicato il

Climbing girls 24

Shauna Coxsey
ClimbingGirls-24-Shauna Coxsey

Petra Růžičková. Foto: Lacušák Šaolin 
ClimbingGirls-24-Petra Růžičková, fotoLacušák Šaolin

Maja Vidmar
ClimbingGirls-24-MajaVidmar

Ignota a Majorca. Foto: Rachele Sighinolfi 
ClimbingGirls-24-Maiorca - ph.Rachele Sighinolfi

Lynn Hill sulla L2 (25, 5.12b) di The Free Route, The Totem Pole, Cape Hauy, Tasmania, Australia. Foto: Simon Carter
Lynn Hill leading pitch two (25, 5.12b) of The Free Route on The Totem Pole - a 65-metre dolerite column at Cape Hauy, Tasmania, Australia.

Leah Crane su Celia (8a-5.13b), Wildside Sector, Sella, Costa Blanca, Spagna
ClimbingGirls-24-Leah Crane on Celia (8a-5.13b

Lauren Lee, Cheakamus Canyon, Squamish, British Columbia
ClimbingGirls-24-lauren lee. checkamus canyon

Lauren Lee, Little Si Mountain, Washington
ClimbingGirls-24-Lauren Lee sending in Little Si, Washington

 

Kinga Ociepka-Grzegulska su Ekspozytura szatana (8b+), Pochylec, Polonia
ClimbingGirls-24-Kinga Ociepka-Grzegulska

 

Kinga Ociepka-Grzegulska su Ekspozytura szatana (8b+), Pochylec, Polonia
ClimbingGirls-24-Kinga Ociepka-Grzegulska on Ekspozytura szatana-8b+, Pochylec, Poland

Katie Brown
ClimbingGirls-24-KatieBrown

Katelyn Dolan, Panther Beach, California. Foto: Dustin Glasner
ClimbingGirls-24-Katelyn Dolan working a problem in the arch at Panther Beach, CA-FotoDustin Glasner

Jessa Younker
ClimbingGirls-24-Jessa Younker

Jessa Younker sulla L1 di Superstein (5.13a), Redstone, Colorado
ClimbingGirls-24-Jessa Younker on the first pitch of the five-five pitch Superstein (5.13a), Redstone, Colorado

Jenn Flemming
ClimbingGirls-24-Jenn Flemming

Jen Vennon
ClimbingGirls-24-Jen Vennon

Jamie Hartley, Red River Gorge, Kentucky
ClimbingGirls-24-jamiehartley-Red River

Jamie Hartley
ClimbingGirls-24-JamieHartley

Isabel Suppé
ClimbingGirls-24-Isabel_Suppé-fonte-wwwcaibassanograppacom

Heather Weidner su United States Equalizer (7c+), Mount Charleston. Foto: Patrick Olson
ClimbingGirls-24-Heather Weidner United States Equalizer 7c+, Mt. charleston PhotoPatrick Olson

Elena Hight
ClimbingGirls-24-ElenaHight

Dominika Dupalová su The Rhino (7b+), Rocklands, Afrika. Foto: Martin Spilka
ClimbingGirls-24-DominikaDupalová-The rhino, 7B+ Rocklands - Afrika. FotoMartin Spilka
Ignota, location ignota
ClimbingGirls-24-bc53889e634645b79d659aa89945934b

Barbara Gilić su Posljednji Bibinjac (7b), Lovrinac, Croazia. Foto: Luka Kivela
ClimbingGirls-24-Barbara Gilić Croatia Posljednji Bibinjac 7B, Lovrinac Photo Luka Kivela

Andrea Cartas, Zillertal. Foto: Carlos Padilla
ClimbingGirls-24-AndreaCartas,Zillertal. FotoCarlosPadilla

Ignota, location ignota
ClimbingGirls-24-19da042e530734a7bd14fc183df8c3ac

 

Pubblicato il

I massi della Valle di san Nicolò

I massi della Valle di san Nicolò
(dal mio diario)

4 agosto 1962. Paolo Baldi ha imparato ad arrampicare con il corso di roccia proprio su questi massi. Immersi tra bosco e prati, sono abbastanza facilmente raggiungibili da Pozza di Fassa e Méida. Andiamo presto di mattina e subito scaliamo il Masso 3 per la fessura della parete sud, abbastanza facile.

Poi passiamo ad altri massi, alcune dei quali non numerati, e la cosa va bene anche lì. Infine andiamo al Masso 4 dove sono alcune vie molto belle.

C’è un tetto, chiamato il Naso, che esce in fuori di mezzo metro. Se si cade si fa un volo di circa due metri sull’erba.

Paolo non v’è ancora riuscito, nonostante che gli istruttori lo avessero assicurato dall’alto. Ora ritenta slegato, e ce la fa. Tento io e lo supero con una stile e un’eleganza pietosi. Poi facciamo altre cose, più o meno difficili. In seguito rifaccio il Naso, mentre lui fa una traversata di tutto il Masso 4. Alle 11.30 ce ne torniamo verso casa a Soraga, dove arriviamo stanchi morti alle 12.15.

massisannicolo0007

16 agosto 1963. Parto alle 9.19 da Soraga e alle 10.05 sono al Masso 4. Prima di tutto mi rivolgo al panciuto spigolo nord-ovest (il Naso) e lo supero agevolmente. Nella mattinata lo farò altre due volte. Poi faccio la parete nord per il diedro di destra. Quindi riesco anche a fare lo spigolo sud-ovest, deviando però un po’ a destra. L’inizio di questo è certamente V grado. Poi salgo la parete sud. In quella arrivano dei ragazzi con il padre.

Con loro vado al Masso 3 e salgo la fessura della parete sud (più o meno III+). Dopo essere sceso tento lo spigolo sud-est, ma è troppo difficile.

Ci trasferiamo al Masso 2, dove cerco di salire per la parete sud. Ci riesco per una via molto a destra (credo si di IV grado). Dopo torniamo al Masso 4, in tempo per vedere arrivare delle persone che conosco, armate di tutto punto: Paolo Cutolo, Gianni Storchi e un altro, nonché il famoso Pio Baldi, cugino di Paolo. Questi cominciano a piantare chiodi dappertutto. Fanno il Naso direttamente e in artificiale: io mi prendo la libertà di usufruire delle loro staffe. Poi loro tentano la diretta a ovest, ma io sono costretto ad andare via. Mi porta a casa il papà di quei ragazzi di prima, loro sono di Lavagna (GE).

Esercitazione in artificiale “fai da te” sul Naso del Masso 4
massisannicolo0004

Nel pomeriggio però ritorno ancora là, assieme a Paolo Baldi e ci dirigiamo subito al Masso 1, dove io salgo la parete est (III): Paolo, con i suoi scarponi nuovi, tenta ma non ci riesce. Per il sentierino di discesa sono subito da lui, che non è molto in forma. Facciamo anche una traversata sulla parte destra della parete, abbastanza difficile e non pericolosa visto è a mezzo metro da terra. Poi io cerco di fare una via, certamente più difficile, sulla sinistra della parete est, lungo una serie di cengette orizzontali. Sarà un IV- ma, senza corda, ho paura e rinuncio. Poi passiamo al Masso 2, dove ci perdiamo in tentativi senza concludere niente. Lo stesso al Masso 3. Ritorniamo quindi al Masso 4, il più piccolo ma il più bello di tutti. Paolo, sempre gnecco, fa le cose più semplici, io rifaccio più o meno quello che avevo fatto al mattino. Intanto ecco di nuovo quei ragazzi di Lavagna, con il padre e la madre e pure lo zio. Aiuto il più piccolo a salire il diedro di destra della parete nord, assicurandolo dall’alto con dei cordini legati assieme; poi faccio le altre due vie, facili, della parete nord, il Naso e anche un tetto sullo spigolo nord-est. Infine m’impegno sul giro del masso intero, tenendomi per tre quarti a metà parete e per il resto quasi in cima. Legando il cordino al Naso riesco a superarlo in artificiale dando spettacolo.

Masso 4, spigolo sud-ovest
massisannicolo0002

22 agosto 1963. Con la corriera delle 9.19 arrivo a Pozza. Da lì a piedi e poi, grazie al gentile passaggio di una Lambretta, arrivo al Masso 6, che è abbastanza distante dagli altri blocchi, l’1, il 2, il 3 e il 4 da me precedentemente visitati. Paolo mi ha parlato di uno spigolo che lui ha fatto con il corso di roccia l’anno scorso: mi ha detto che è molto bello e che sarebbe da rifare. Credo di riconoscere quello spigolo in quello a est. Naturalmente poi saprò che è l’ovest…

Intanto lo spigolo ovest lo faccio quasi tutto; poi lo ritento e questa volta arrivo in cima. Scendo per la via normale, che è un diedro vicinissimo allo spigolo ovest, sulla parete nord.

Quindi tento lo spigolo est, ma non arrivo neppure a metà e torno indietro, aiutandomi con dei cordini allacciati a uno spuntoncino. E’ troppo difficile. Questo mi fa sospettare che Paolo intendesse lo spigolo ovest. Al che me ne vado al Masso 1. Qui rifaccio la parete est, per la via normale di III. Poi mi rivolgo al Naso del Masso 4 e faccio delle esercitazioni in artificiale, con un solo chiodo e dei cordini.

26 agosto 1963. Con Paolo Baldi e Franco Fantini partiamo alle 14.24 e andiamo al Masso 6. Lì Paolo tenta lo spigolo ovest, ma senza riuscirci. Io invece lo faccio. Franco guarda e tenta anche lui di fare qualcosa. Poi io tento la parete nord, ma non ci riesco perché ho paura di impegolarmi e di non saper più scendere. Infine giriamo alla parete sud. Lì c’è una muraglia strapiombante, che Paolo ha visto fare al corso di roccia per dimostrazione. Il primo pezzo è una fessura strapiombante a tetto. Poi c’è una specie di terrazzino e poi la parete. Ebbene, con l’aiuto di un chiodo e di un cordino, raggiungo il terrazzino-piazzuola. Poi, con un salto, torno a terra.

massisannicolo0003

Ce ne andiamo al Masso 4. Qui c’è una compagnia di romani, tra i quali un certo Luca. Con lui cerco di fare in direttissima lo spigolo sud-ovest. Arriviamo quasi in cima con tre chiodi, ma alla fine devo rinunciare e lui anche: la difficoltà è troppa. Così poi, per recuperare i chiodi, Luca gira la corda a un albero in cima e io salgo con i nodi Prussik, sotto gli occhi estatici dei genitori di Paolo che intanto sono arrivati, della madre di Nicola Ricci e di altre signore anzianotte, mai viste e conosciute.

Levo due chiodi, i più alti. Il terzo lo leva Luca. Con la corda di Luca, Paolo e io insegniamo la manovra della corda doppia a Franco e Nicola, che se la cavano onorevolmente. Mentre Paolo fa le sue esercitazioni, io faccio fare a Franco il diedro di destra della parete nord, assicurandolo dall’alto. Poi faccio il classico Naso, per la prima volta senza aiutarmi con il ginocchio. Quindi mi trasferisco al Masso 1, dove c’è un sacco di gente che si allena. Lì, non assicurato, faccio sulla parete est quella via di cengette che il 16 non avevo avuto il coraggio di fare. Salgo anche la via normale della parete est senza una mano, con la sola destra.

8 luglio 1964. Vado un po’ ad allenarmi, ma non è lo scopo principale, che è invece quello di conoscere un po’ di gente per eventuali gite. Incontro Rino Rizzi, guida di Pera di Fassa, e parliamo di un po’ di tutto. Tra l’altro scopro anche l’ubicazione del Masso 5, fino ad oggi a me sconosciuto: però non è bello, dunque non credo che lo frequenterò molto.

Masso 6, spigolo ovest
massisannicolo0005

11 luglio 1964. Ho fatto conoscenza un po’ più approfondita con Paolo Cutolo di Roma. Lui, per mezzo di amici, mi ha fatto conoscere Antonio Bernard di Parma, che già conoscevo di vista. Si può dire che Antonio sia il re dei massi, Perché non c’è paretina che non abbia fatto. E non si creda sia solo un alpinista da roccette, anzi… Comunque facciamo subito amicizia e, visto che Paolo e io ce la caviamo piuttosto, ci porta sul diedro del Masso 2, parete nord. Lì ci sono un tre metri da fare in libera, ma pazzeschi. Li attacca e li fa bene, conoscendo gli appigli a memoria. Ci riesco anche io, dopo due o tre tentativi. Così siamo in cinque ad averla fatta: Aldo Gross, Toni Gross, Donato Zeni, Antonio Bernard e io… Poi mi dirigo al famoso (per me) spigoletto sud-ovest diretto del Masso 4, che l’anno scorso mi aveva fatto penare tanto. Quest’anno salgo benissimo, senza neppure pensarci. Con Antonio programmiamo di tornare qui nei prossimi giorni, lui è sicuro che posso fare tutto anche io, basta che mi muova articolando braccia e gambe in modo precedentemente studiato e con qualche trucchetto.

15 luglio 1964. Porto due ragazze Chiara Moltarello e Maria Rosaria (questa con il padre) a vedere come è fatta la roccia: vogliono infatti fare un corso di arrampicata. Chiara è molto appassionata, gli altri due sono solo curiosi.

Masso 6, spigolo est
massisannicolo0008

Questo però al mattino. Al pomeriggio ritorno a Pozza e m’incontro con Antonio Bernard, che lì ha una bellissima casa estiva. Lui ha tutta l’intenzione di dividere con me lo scettro di “re dei massi”. Infatti quel giorno riesco a fare in libera, sul masso non numerato vicino al numero 5, una via che nessuno aveva mai fatto! Adesso posso dar spettacolo davvero! I miei pezzi forti sono: Masso 2, parete nord; Masso 1, fessurina alla Dülfer centrale con prosecuzione diretta o con deviazione a destra su per una placca davvero liscia; Masso 4: parete ovest direttissima (che l’anno scorso neppure pensavo si potesse fare e che adesso so a memoria), parete ovest via di Sinistra (subito a destra del Naso), spigolo sud-ovest (salita e discesa, V+/VI-), spigolo sud-ovest diretto (questa via l’ho trovata io). Sono tutti passaggi al limite, che in parete non posso neppure sognare, ma che servono per fare le dita.

17 luglio 1964. C’incontriamo di mattina al Masso 4: Pietro Menozzi è il compagno di cordata di Antonio. Anche lui è di Parma e fa medicina. Naturalmente Antonio gli ha già detto del mio titolo di reuccio e a me “tocca” dare qualche saggio di merito. In compenso Pietro, avendo saputo delle mie gare di marcia, mi affibbierà il nomignolo di “Pamich”.

18 luglio 1964. Continuiamo i soliti esercizi, alla presenza di spettatori vari. Antonio mi confida la sua ammirazione per Paul Preuss e per il suo modo di andare in montagna. Tra l’altro lui si è già fatto la via Kiene alla Est del Catinaccio, solo e senza corda. Così decidiamo di fare qualche salita insieme ma slegati. Non so cosa ci sia preso a tutti e due. Per fortuna che poi non abbiamo mai messo in atto quel proposito. Io però ho fatto peggio, sono andato da solo, e per ben più che una volta, dando a credere a tutti, meno che ad Antonio e Pietro, di essere andato in compagnia.

24 luglio 1964. Con Pietro Menozzi e Sergio Caroli. Non ricordo neppure più cosa abbiamo fatto, senz’altro le solite acrobazie su due dita.

10 agosto 1964. Con Paolo Cutolo, Paolo Piazza e Franco Mangia. Niente da dire. La figlia del ministro Andreotti, Marilena, ha voluto cominciare ad arrampicare e noi l’abbiamo aiutata. Nel pomeriggio sono sempre là, con Alberto Poirè. C’è tantissima gente: lui non arrampica male, anche se è da ottobre che non tocca roccia.

massisannicolo-0009

19 agosto 1964. Con Pio Baldi, Cesare Badaloni, Piero Badaloni, Imma Bossa, Franco Mangia, un tal Filippo e un altro ancora. Questa volta andato per fare imparare qualcosa ai due Badaloni e a Imma. Poi finisce che le solite acrobazie ci scappano sempre.

20 agosto 1964. Con Piero e Cesare Badaloni, Franco Mangia, Gianni Storchi, Francesco Bossa e un altro. Andiamo al Masso 6, dove non sono ancora stato quest’anno. Qui faccio con due chiodi (perché è bagnata) la parete nord. Mi seguono Piero e Franco, Piero assai male. Poi passiamo dall’altra parte e facciamo un po’ di artificiale.

26 agosto 1964. Questa giornata segna l’apoteosi (e anche la fine) delle mie esibizioni su questi massi. Eh sì, perché questa volta mentre sono al Masso 4 con Pietro Menozzi incontro tre soci della Sezione Ligure del CAI con i quali c’è una certa amicizia: Vittorio Pescia, Giorgio Noli e Gino Dellacasa. Non sto a raccontare per filo e per segno. Dirò solo che gli facevo vedere i vari passaggi e loro provavano, senza riuscire. E naturalmente giù le lodi più sperticate! Dopo il repertorio del Masso 4, passiamo a quello dell’1, ancora più sensazionale. Impossibile contare quante volte provano la famosa fessurina in Dülfer! Sono molto contento di questo, non perché ho piacere che vedano “quanto sono bravo”, ma perché Pescia, soprannominato Luci, è proprio il tipo che andrà a riferire in sede, a Genova, tuto quello che ha visto. In effetti lo farà. Questo servirà a far sì che tra gli amici del CAI di Genova io sia un po’ più considerato. Direte voi… questa è ambizione! E invece no, perché per me l’essere considerato in qualche cosa è ragione di vita: a scuola non sono un super-intelligent, in casa non posso dir nulla delle mie attività, con le ragazze valgo ben poco e cerco di evitare ogni cosa perché sono capace a niente. Almeno avere uno sfogo e non essere un fallito del tutto!

Pubblicato il

Storia dell’arrampicata romana – 4

Storia dell’arrampicata romana – 4 (4-4)
di Luca Bevilacqua
(già pubblicato nel 2010 da climbing pills)

Capitolo 14
Primi di ottobre 1985. La scoperta della libertà.
Non è facile da descrivere. Ti arriva addosso come una tempesta, la libertà. Oppure come un vento leggero, quasi impercettibile. La scopri all’alba. Oppure in piena notte. Una bella notte scura di ottobre, col cielo limpido e tante stelle, mentre nel buio ascoltiamo i Level 42.
La macchina di Andrea risale le curve di una strada vicino Finale Ligure, dopo un ricco piatto di trenette al pesto in trattoria ce ne torniamo alla nostra locanda, ai nostri sacchi a pelo. Accanto ad Andrea, che guida costantemente con una sola mano sul volante, c’è Laleh. Dietro, messi un po’ stretti, io e i due Roberti. Prima di dormire ripensiamo alla giornata di oggi, parliamo ancora un po’ di vie e di passaggi, e già sogniamo, mentre gli occhi si stanno per chiudere, l’indomani.
Ma facciamo un piccolo passo indietro. Una settimana prima.
“Papà, volevo dirti che tra qualche giorno parto. Vado ad arrampicare in Francia con degli amici. In un posto in Provenza che si chiama Gole del Verdon. E’ un posto molto famoso, bellissimo…”.

StoriaArrampicataRomana4-1
“No Luca, non sono d’accordo. Ma cos’è ora questa storia? Ma come ti è venuto in mente? Siamo a settembre, le vacanze sono finite. E mi sembra che quest’anno ne hai fatte abbastanza. Tra non molto partiranno i corsi all’università. Forse è il caso che cominci a entrare nell’ordine di idee… E poi è autunno, fa freddo. Ma dove vai!”
“Ma papà, proprio perché i corsi iniziano ai primi di novembre… ora non ho niente da fare. Il mio amico Andrea, che è più grande e già ci è stato, mi ha invitato ad andare con lui. Siamo in cinque. C’è anche Medioverme, cioè Roberto, quel ragazzo che è un forte alpinista, e si è iscritto come me a Geologia… E’ un’occasione unica. Si sa che le vacanze dopo la maturità sono le più lunghe in assoluto”.
“Hai diciotto anni, no? Quasi diciannove. Sei maggiorenne, fai come vuoi. Tua madre è d’accordo immagino. Fai come vuoi. Comunque sappi che non hai il mio assenso”.
Ah, sai che m’importa se non è d’accordo. Ma come potrebbe capire questa cosa, del resto? Non l’ha mai vista, lui, una foto del Verdon. Luna bong, Dingomaniaque, Pichenibule, Fenrir, Chrysalis: questi nomi per lui non significano niente. Ma per me sì. Conosco a memoria le foto del libro di Edlinger. Il Verdon è in questo momento, molto semplicemente, il mito. Sta sul gradino più alto nella scala dei miei desideri.
Tutti i miei sogni più astratti e inafferabili, tutte le mie ambizioni, la mia voglia di vivere, convergono simbolicamente nell’arrampicata. E tutta l’arrampicata tende a sintetizzarsi, a trasfigurarsi, in quest’unico punto, quest’unico nome, Verdon. Vedo più erotismo in una scarpetta di Edlinger che gratta su quel calcare magicamente grigio, che in qualsiasi minigonna delle mie coetanee.
Nell’ultimo anno di liceo si sono fatte avanti, con modi diversi, oltre a Valeria, un’arrembante Patrizia, una timida Laura. E io? Niente. Sogno forse un angelo, la donna ideale. Ma intanto guardo le immagini di quelle dita scorticate e fasciate di cerotti, quegli spit messi in fila sopra 300 metri di vuoto. Quell’ubriacatura di placche strapiombanti, di fessure, di gocce.
Io voglio il Verdon. E questa occasione non la perderò.
Partiamo da Roma con la 127 azzurrina di Andrea Dibba. Gomme quasi lisce: poco dopo Genova buchiamo e ne cambiamo una. Quella di scorta è ancora più liscia. Per spezzare il viaggio facciamo tappa a Finale. Andrea saluta alcuni amici. Facciamo una giornata di arrampicata a Monte Cucco, e ripartiamo la mattina dopo.
Arriviamo nel pomeriggio a La Palud. Il campeggio di sotto, quello più bello e “turistico”, è chiuso. E’ aperto soltanto quello sopra, più piccolo. Pieno di arrampicatori di ogni angolo di Europa. Tantissimi spagnoli, che hanno fatto una specie di campo a sé. Ma poi tedeschi, olandesi, inglesi.
Il campeggio è davvero piccolo, le tende stanno l’una accanto all’altra, e il clima è a dir poco umido. I bagni sono in condizioni tali da suscitare qualche vibrante protesta di Laleh nei confronti di Andrea. Io mi sento afferrato da una sorta di energia elettrica, di frenesia, un continuo batticuore, come quando da piccolo vai al Luna Park e stai per salire sulle montagne russe.
“Dai, sbrigatevi a piantà ‘sta tenda – sbotta Andrea – che dopo, visto che c’è luce, vi porto a vedere il Canyon. Domani andiamo a fare una bella cosa per cominciare: Pichenibule“.
L’arrivo alla sommità della Falaise de l’Escalès è davvero impressionante. Si segue una strada che in apparenza è uguale a tante altre strade di campagna. Colline di qua e di là, campi di lavanda, profumo di Provenza. Poi così, all’improvviso, un tornante. “Ecco – dice Andrea – scendiamo qui a dare un’occhiata. Qui siamo sopra Mescalito. Un po’ più avanti, all’altro tornante, ci sono le doppie di Luna Bong… Vedrete mo che roba!”.
Scendiamo dalla macchina e ci avviciniamo al muretto in pietra alternato a robuste doppie sbarre di ferro. Aria fresca sul viso, umidità, un leggero rumore di torrente. E poi lo sguardo che letteralmente vola giù nel vuoto, nel vortice di quei 300 metri di nulla che costeggia la roccia. La parete sembra scomparire sotto di noi. Si fa fatica a seguirla con gli occhi.
Mi sembra impossibile che uno venga in questo posto per arrampicare. L’idea di fare una doppia e calarmi lungo quel muro così ripido, sospeso sopra quel fiumicello esile e azzurrino, mi sembra totalmente insensata: una cosa innaturale, che cozza contro ogni razionale buon senso. Il mio istinto mi dice di tirarmi indietro da quel belvedere. Ho le vertigini, vorrei ripensarci, vorrei non essere qui.
Eppure. Il paradosso. Sono venuto qui per questo. Sono venuto qui per farlo. Per sprofondarmi nella vertigine. Sono qui con il mio imbraco e le mie scarpette, con questi amici, per giocare con quella roccia a strapiombo.
Domani ci caleremo giù, e risaliremo per Pichenibule. Andrea così ha decretato. Ci ha anche rassicurato: tutto 6a, con un paio di brevi tratti di 6c.
“Porca troia, che vuoto!”
Risaliamo svelti in macchina. Cento metri, un altro tornante. Tutti di nuovo fuori ad affacciarsi, a guardare giù verso il fiume, a sentire quel freddo che ti vibra nel corpo. Come in un rito esorcizzante. Siamo sovreccitati. E poi di nuovo in macchina, fino al belvedere più famoso, La Carelle, dove c’è la mitica Papy on sight, il 7c+ liberato da Jerry Moffatt…
Improvvisamente Andrea si volta verso di me. “Luca, dov’è la scatola con le cassette?!”
Le cassette musicali. Le cassette che Andrea s’è registrato una per una, con i suoi gruppi preferiti, con i Level 42 e Jackson Brown, il rock e il blues, ecc. Su ogni cassetta c’è il titolo dell’album, e all’interno tutti i titoli dei brani. Si vede che alle sue cassette Andrea ci tiene molto. Le tiene così, belle ordinate, in una grande scatola da scarpe che sta in macchina. Cioè. Dovrebbe stare in macchina. Ma ora dov’è?
“Cazzo Andrea… Avevo la scatola qui sulle mie ginocchia. Quando siamo arrivati al primo belvedere siamo saltati giù, e credo di aver appoggiato la scatola sul tetto della macchina. Poi siamo ripartiti così in fretta…”.
Altro che brividi. Adesso ho il sangue congelato, di paura e di vergogna. Andrea non dice nulla. Mi guarda dritto negli occhi con un’espressione di ghiaccio. Neanche gli altri osano dire nulla. Risaliamo in macchina e torniamo indietro al primo tornante. Il panico. Le cassette sparse per tutta la strada, aperte, mezze rotte, insomma un gran casino. Un paio non si trovano più…
Questa non so se Andrea me l’ha mai perdonata.
Torniamo al campeggio. La sera andiamo al bar, il bar della piazza di La Palud. Si mangia lì. C’è una botola sul pavimento, e dal seminterrato salgono fumi e pietanze calde: uova, carne, patatine fritte.
Il giorno dopo andiamo a fare queste benedette doppie su Pichenibule. La partenza non fa paura. Una placca appoggiata, che però diventa sempre più ripida. Uso il vecchio trucco di chi va in montagna e soffre di vertigini: non guardo il fondo del canyon, dove gli alberi sembrano ridicoli puntini verdi. Arrivo al massimo al terrazzino venti metri sotto. E poi guardo continuamente il discensore. Guardo gli altri: mi sembrano tutti un po’ più tranquilli di me.
Non ci caliamo fino in fondo, ma fino a un “jardin” intermedio. Dovremo fare così solo 5 tiri. Si comincia ad arrampicare, e va tutto bene. Andiamo in obliquo verso sinistra, sul bordo di grandi strapiombi gialli. Qui la ritirata (con le doppie) è impossibile. Bisogna per forza uscire. Il tiro di 6c di Pichenibule tocca al Ciato, che se la cava egregiamente. Da secondi anche io e Roberto saliamo bene (Andrea fa cordata con Laleh).

StoriaArrampicataRomana4-2
Arriviamo sotto la pancia strapiombante del tiro di artificiale (o in alternativa di 7b+!, grado da cui siamo lontani anni luce…). Davvero impressionante. Non riesco quasi a guardarlo per quanto mi incute timore. Mi sorge un profondo rispetto interiore, ancor maggiore di prima, per gente come Edlinger o Berhault che di lì è passata in libera. Noi si era già deciso che saremmo usciti a destra per Ctuluh, fantastico tiro di 6c+ a buchetti, tecnico. Una placca verticale che tocca in sorte al Medio. Non la fa proprio on-sight (ricordo bene?), però va su, il che non è poco, vi assicuro. Un tiro che mette paura anche da secondi: qui siamo quasi in cima, e l’esposizione è davvero incredibile!
Il giorno dopo è la volta di Surveiller et punir, primi due tiri + uscita per Frimes et chatiments. Il che tradotto vuol dire: 6b+, 6c, 6c+ (o AO), 6a+, 5c. Facciamo cordata io e Medio. (Per la cronaca devo ricordare che a quel momento la difficoltà massima che ho salito in libera è 6b; a vista 6a+…).
Stavolta stabiliamo che il tiro di 6b+ lo fa Roberto, mentre il 6c toccherà a me! Sono abbastanza gasato. Su qualche 6c nostrano (La mistica giraffa, Rank Xerox) mi ero più o meno mosso bene. Sul primo tiro, con la corda davanti, salgo senza fare resting. Lascio Medio in sosta e parto così per una placca grigia strapiombante. Mi fa pensare un po’ a Sperlonga, una roba tipo Prondo prondo, però come tiro è molto più lungo, molto più continuo. Due, tre, quattro spit. “Medio blocca!!!”. Provo a riposarmi un po’, ma gli avambracci sono duri duri.
“Robbe’, non ce la faccio. C’è uno spit lontano e sono stanco. Forse è meglio che vai tu…”.
“Non stare a rompere! Dai, riposati e poi vai, che ce la fai benissimo!”.
Ok. Riprovo. Cazzo che viaggio arrivare a quello spit… Vabbé, ‘sto buco è buono, piede lì, questa tacca la tengo, e su, ancora, ancora, dai, uffa! Mi sto stancando. Aspetta. E ora che faccio, torno indietro? No, sono sfinito. Però sono un metro sopra lo spit, ho paura a dire “blocca”. Dai che ce la faccio ad arrivare. Ancora un poco, no, non ce la faccio. Le mani si stanno aprendo, si stanno aprendo.
E poi un urlo tremendo (di chi precipita e sta per morire) echeggia nelle Gorges du Verdon
“AAAAAAHHHHHHHH!”.
Vedo il cielo, e poi un istante dopo vedo il fiume. Sono a testa in giù, la corda mi è passata non so come sotto l’ascella, ustionandomi vicino al tricipite. Però sono vivo! E stranamente mi trovo appeso quasi giusto sopra la testa di Roberto.
“A Robbe’, mortacci tua… Adesso ti sei convinto che è meglio che vai tu?”.
Sorridiamo. “Sei proprio una pippa!” mi fa. Con la pazienza del vecchio alpinista, neanche ventenne però, col Diedro Philipp nel suo curriculum, Medio si fa passare i rinvii e parte. Qualche breve resting e va su, finché non supera il tratto strapiombante e scompare dal mio sguardo. Parto da secondo, ma sono davvero sfinito, così mi appendo. Da sopra mi arrivano delle urla disumane: “Porco***, puoi evitare di appenderti? Fatti un’autosicura e ti blocchi sugli spit!”.
Quando arrivo in sosta capisco tutto. A Sperlonga siamo abituati a dei tiri di massimo 7-8 spit. Ma qui ce n’erano almeno 11-12. Roberto ha finito i rinvii. L’ultimo moschettone lo ha utilizzato per assicurarsi alla sosta, e mi ha fatto sicura a spalla stando a cavalcioni su di un albero che sbuca in mezzo all’oceano di calcare.
Al Medio gli tocca ripartire, e sta già un po’ avanti quando sotto di me vedo arrivare bel bello, ma anche lui un po’ acciaiato, l’altro Roberto…

StoriaArrampicataRomana4-3

Nei pochi giorni seguenti, abbiamo abbassato un po’ il tiro. Anzi no. Andrea ha voluto farsi un giro top-rope su Papy on sight. Commento: “La pinzata fa davvero schifo, però sono riuscito comunque a fare il lancio!”
Anche Medio si farà calare per andare a toccare quella mitica pinzata (dai e dai, diventerà una delle prese più unte del Verdon!). Io mi astengo invece, per una volta, da un gesto che mi sembrerebbe davvero presuntuoso: mettere le mani su un 7c+…
Mi godo il resto della vacanza. La full-immersion in quel popolo di barbari che sono gli arrampicatori del profondo Nord, specie dopo qualche giorno di tenda… Gli spagnoli che si fanno canne in continuazione… I due francesi a cui Andrea e Ciato danno una bella lezione di biliardino (ce n’è uno al bar), riuscendo a batterli nonostante quelli facciano girella e usino fare – eresia! – il passetto!
Insomma. Proprio una bella vacanza. E la convinzione, oramai sperimentata direttamente, che il Verdon è un luogo F-A-N-T-A-S-T-I-C-O.

Capitolo 15
Dialoghi metropolitani (Inverno 1985/86)
Villa Paganini è un parco abbastanza grande di Roma, vicino via Nomentana (e alla più famosa Villa Torlonia).
C’è una piazzetta dove la sera, dopo cena, ci vediamo con qualche amico. Ci facciamo qualche canna in attesa di decidere cosa fare più tardi. Oppure in attesa che passino le guardie…
Gli occhi vanno spesso verso la strada. Ma per fumare entriamo qualche passo più dentro, protetti dall’oscurità. Seduti sulle panchine.

Voci:
“Dai passa ‘sta canna. Ma che l’hai parcheggiata? Nun se move più…”.
“Oh! e ciaraggione, cià! E dalla, no?”.
“State calmini. (pausa) Sto a fuma’”.

“Oh, io ne giro un’altra…”.
“Dai aspetta, finiamo questa. (pausa) Rega’ io sto tramato.”
“Io ancora devo fuma’!”.
Silenzio.

Andrea Di Bari in azione
StoriaArrampicataRomana4-4

 

“Ma Paolo s’è visto?”.
“Dice che stasera c’è un concerto al Forte” (Forte Prenestino, centro sociale, ndr).
“Oh ma chi di voi sta’ a veni?”.
Silenzio.
“Rega’, io mi sa che v’accanno. Sono già le 11. Domani vado ad arrampicare”.
“Ah, ti pareva, ‘l’uomo-roccia’… Ma pure gli amici tuoi so’ così, tutti ‘uomini-roccia’ siete? Andate a dormi’ presto… Ve svejate presto… Avete i muscoli…”.
“Chissà se ci stanno pure le ‘donne-roccia’…”.
“Vabbé ma voi, che lo state a prende’ per culo, che ne sapete? A me mi pare fica ‘sta cosa della roccia. Anzi una volta mi ci porti, vero Luca? Oh, l’hai promesso… Non domani, però. Domani proprio non ce la faccio ad alzarmi”.
“Ma a che ora partite?”.
“Boh, di solito ci vediamo alle 9 all’Eur”.
“Alle 9 all’Eur? Questo vuole dire sveglia alle 8… Anzi. Fammi pensare. Sveglia pure alle sette e mezzo, no?”.
“E di domenica…”.
“Tessei matto”.
“Se partivate più tardi, tipo 10, 11, venivo pur’io. Almeno a vede’…”.
“No. Alle 11 devi stare giù a Sperlonga. Sennò alle 5 fa buio e non scali un cazzo”.
“Me sarebbe piaciuto vedevve”.
Silenzio.
“Ma famme capi’ una cosa. Tu sei legato alla corda, no? Da vero ‘uomo-roccia’. Però la corda su in cima chi ce l’ha portata?!”.
“Oh, ma tu non hai detto che stavi a fa’ ‘na canna?”.
Silenzio.
“Guarda un po’ quei fari? So le guardie?”.
“No, è ‘er maranga’”.
“Certo! ‘er maranga’… Co’ quella cazzo di Alfa. Ogni volta è ‘na smartita…”.
“Ciao ragazzi io vado…”.
“Vabbé ciao, ‘uomo-roccia’…”.

StoriaArrampicataRomana4-5

 

Bar sovrastante la fermata metro Eur Marconi. Domenica mattina, ore 9.10.
“Oh, ciao Massimo! come stai?”.
“Scusate ragazzi, ho fatto un po’ tardi…”.
“Ma andiamo con la tua?”.
“E’ regular. E’ diesel… Avete fatto colazione?”.
“Sì sì. Ma Ignazio veniva? L’hai sentito ieri?”.
“Sì, veniva. Gli ho detto alle nove all’Eur”.
“Oh, che palle, sono quasi le nove e un quarto…”.
“Vai, allora scatta la telefonata. Chi ha una piotta?”.
“A ‘sto giro lo accanniamo… Se sta ancora a casa, ce ne andiamo!”.
“Eh certo, vorrei vede’!”.
“Pronto signora… Mi scusi, è in casa Ignazio? Ah, è uscito… E, ehm, mi scusi, ma da quanto è uscito? Da dieci minuti? Ah, va bene, grazie tante”.

Caffé, sigarette, discorsi su qualche passaggio di Ciampino.
Una sagoma sbuca veloce dalle scalette della metro.
“Oh riga’…” (fiatone). “Vi giuro ho perso la metro. M’è passata davanti agli occhi. Ho provato pure a strillare, ma quello gnente! E poi prima so’ dovuto risalire a casa perché m’ero scordato i soldi, e poi so’ dovuto pure anda’ al bagno…”.
“Vabbé dai, abbiamo telefonato a tua madre. Ha detto che eri uscito da poco… Almeno hai preso i soldi?”.
Risate.
“Sì!”.
“Quanto hai?”.
“Cinquemila lire…”.
“In tutto? Ma solo di benzina saranno quattro-cinquemila lire a testa!”.
“Eh no, eh! C’è Massimo che ha il diesel. Quanto verrà per uno col diesel, duemila? tremila?”.
“Dai su, andiamo che sono le nove e mezza!”.
“Oh ma il Dibba ci stava?”.
“Sì sì, è partito. Alle nove so’ partiti. A quest’ora staranno quasi a Terracina…”.
“Dai vabbé, andiamo”.
“Oh, ma tu ce l’hai la corda?…”.
“A Igna’, ma ti vuoi compra’ sta corda?”.
“Quella vecchia l’ho dovuta buttare perché era un canapo. Su Luca, non sta’ a rompe. Dai che oggi vi ho portato il regalino…” (occhi furbi e ammiccanti)
La Ritmo bianca gira attorno al Palazzo dello sport e prende la direzione della via Pontina.

Capitolo 16
Prima che il Grande Spettacolo finisca, prima che le luci si spengano e tutto rientri nel silenzio, vorremmo saper rispondere a una semplice domanda.
Vale qualcosa quel poco, quel tanto, che ho fatto?
Papà ti piace il mio disegno? Mamma guarda come so saltar giù al volo dall’altalena! Signora maestra, è giusto il mio esercizio? Ho fatto errori nel dettato?
Che voto ho preso? Quanto sono stato bravo?
“Luca dimmi una cosa, una cosa soltanto: sono stata almeno qualche volta una buona mamma?”.

StoriaArrampicataRomana4-6

 

E poi qualche stupido si meraviglia che un altro stupido dia importanza al grado di una via. Che ci si impunti, che si imbamboli, che ci si ostini, anche a giorni o mesi di distanza per capire se tanto sudore, tanta volontà e tante energie così male indirizzate valgano un sei bi o un sei bi più. Un sette, o un otto, o un quattro meno meno.
Sono arrivato alla sufficienza?
Dove posso ritirare la mia pagella?
E così, dopo che sei stato un bambino come tanti. Dopo non aver vinto nessuna medaglia se non quelle “di partecipazione”. Dopo che a scuola ti sei confuso con altri cento che erano un po’ meglio e un po’ peggio di te. Dopo aver visto che al parco, giocando a pallone, non riesci quasi mai a fare gol e spesso ti mettono in porta. Dopo che hai deciso, alla corsa campestre della terza media, di procurarti almeno qualche minuto di gloria, e sei scattato al via come un forsennato, passando in testa al primo dei cinque giri previsti, ma crollando poco dopo in seconda, terza, decima posizione, fingendo platealmente che sia stata una brutta storta a fermarti, quand’era l’affanno infinito, e del tutto calcolato, di due gambe e un cuore senza particolari virtù.

Dopo che ti sei tenuto dentro, così a lungo, tutta l’ambizione e la passione non ricambiata del più banale terreno simbolico di un ragazzino, lo sport, perché mai sei riuscito a fare quel gradino in più: nel minibasket, dove passavi sempre la palla perché sapevi che nel canestro non sarebbe entrata; nel nuoto, dove nuotavi mediocremente nella media; nel baseball, dove giocavi riserva oppure (nei momenti supremi!) esterno; nella pallavolo, dove ti eri inventato che saresti stato “alzatore”.
Dopo tutto questo.
Ti svegli una mattina a diciannove anni, e pensi che la partita forse non è ancora persa. Pensi: in questa cosa riesco.
Finalmente una cosa, un’unica cosa, in cui riesco.
Forse è perché ‘sto sport lo facciamo in dieci o in venti in tutta Roma. Forse perché tra questi venti, io sono tra i quattro o cinque che l’hanno presa più sul serio.
Forse perché, mi accorgo confrontandomi agli altri, ho le mani piccole: e le mie dita corte riescono ad arcuare e tenere le tacchette, si infilano nei buchetti…
La bilancia dice che peso 60 chili per un metro e settancinque. “Eh! Si vede che hai le ossa leggere!”.
Allora comincio a fare qualche calcolo, per vedere se riesco in extremis, all’ultima fermata della mia infanzia, a guadagnarmi una pagella che sia – per una volta – la prova inconfutabile di un qualche oscuro talento.
Vediamo un po’. Kajagoogoo. Il primo 7a del centro Italia. Ci sono tre salite. Tre almeno quelle dei romani (quelli del nord, Gallo, ecc., non contano: mi sto apparecchiando in testa un piccolo campionato regionale). Primo Stefano, secondo Andrea, terzo Sandro. E poi?
C’è lotta aperta per il quarto posto. Ignazio è quello che sembra esserci più vicino. Siamo fuori dalla zona “medaglie”, è vero. Ma ti rendi conto cosa vorrebbe dire arrivare dopo quei tre? Riuscire a liberare un 7a? (Scala UIAA = VIII grado). Una cosa da sentirsi davvero importanti. Un sogno.
Una domenica, a Sperlonga, guardo con attenzione Andrea mentre sale. Nei tre metri che precedono il passaggio chiave, lo vedo sfruttare dei verticali sulla sinistra. Studio tutto meticolosamente, e registro nella memoria visiva. Guardo dove mette i piedi nel momento in cui deve bloccare sul famigerato monodito (la goccia!). Poi, quando ci incontriamo, gli chiedo ulteriori dettagli.
La settimana dopo ci provo: finalmente quel che mi sembrava impossibile comincia ad apparirmi più umano.
Faccio vari resting, però mi vengono tutti i movimenti, compreso l’ultimo, il più difficile. Ogni alzata di piede, ogni moschettonaggio, ha un suo come e quando. La parete è tempestata di puntini bianchi di magnesia per individuare in fretta i piccolissimi appoggi per i piedi.
Siamo nel novembre 1985.

Sperlonga, 1985
StoriaArrampicataRomana4-7
Ignazio – dicevo – è in vantaggio, e infatti sarà il quarto romano a liberare Kajagoogoo.
Io intanto, su suggerimento di Stefano, sono andato a provare anche Blues per Allah: un tiro a metà del paretone, che supera un breve strapiombo. Valutazione proposta da Stefano: 7a+. Come sempre, due le ripetizioni fino a quel momento: Andrea e Jolly.
Stefano mi ha consigliato davvero bene. Il passaggio mi viene: è un boulder. La settimana dopo (8 dicembre 1985) riesco a farlo in libera. Torno giù dal Mozzarellaro, e lì ha luogo la prima “svalutazione ufficiale ad personam” della storia dell’arrampicata sportiva romana: Andrea mi chiede: “Quanto sarà?”. Non ho il tempo di muovere le labbra e lui prosegue: “7a, vero?”. Certo Andrea, come dirti di no. E’ la prima via che faccio di quel grado. Dimmi pure che è 7a. Io sono felice, e sono il quarto in assoluto ad esserci passato.
Trascorrono altri sei giorni e riesco a liberare Kajagoogoo, in un’indimenticabile giornata in cui scalo col Medioverme.
Finalmente la mia pagella risplende. Due setteà!!!
Finalmente una cosa in cui riesco.
No, mi rendo conto, non è più la partita dell’infanzia che mi sto giocando. Quella ormai è chiusa, è andata così.
E’ soltanto un modo per continuare a giocare: giocare nella mia testa ad esser bravo, a riuscire in qualcosa. E giocare con i miei amici, ogni domenica, a chi riesce a passare per primo (o per secondo, o per terzo…) su un passaggio. Giocare a sfotterci l’un l’altro. A farci sicura. A dirci i passaggi. A discutere sui gradi. A fare i “chioppi”. A spaccarci la pelle su appigli taglienti.
Un gioco e nulla più. Innocente, simbolico, spietato e condiviso insieme.
E in quei momenti, sulle rocce di Sperlonga, le luci del Grande Spettacolo brillano come non mai.

Capitolo 17
Un giorno, sotto alla fascia superiore di Sperlonga, mentre sto per partire sul Garage di Giorgio, Ignazio mi guarda e mi fa: “Oh, senti un po’, Bibolacqua…”. E dopo qualche secondo, essendosi già scordato cosa mi doveva dire, “Sì, ecco come ti chiamerò. Bibo, che in latino vuol dire bere. Del resto ti chiami Bevilacqua, giusto?”.
Così è nato Bibo. Che a Roma si pronuncia Bibbo.
Bibbo, Gamberoni, e lo stesso Stefanino, e qualche altro giovane più o meno glorioso. Tutti lì ad uncinare le dolorose gocce di Sperlonga, tutti i santi week-end, e a volte anche in mezzo alla settimana. Ma le ragazze?
Non ci sono quasi ragazze. L’unica carina è Laleh. Le altre si affacciano e spariscono. Nessuna entra a far parte del giro.
Così, nell’autunno 1985, a cavallo tra il Verdon e Blues per Allah, ci facciamo allettare da una proposta che viene dalla Scuola “Paolo Consiglio”. Entrare tutti nella Scuola, per portare forze fresche! Stefano, Jolly, Massimo, Pierluigi, io (e forse qualcun altro?).
Scuola uguale corsi. Corsi uguale pubblico variegato. Pubblico variegato uguale – lo dice la statistica – qualche ragazza!
“Eh sì! Scusa se è poco, bella! Sono appena un Allievo-Istruttore, è vero. Ma guarda che canotta, guarda i miei pantacollant e il sacchetto della magnesite. Salgo sui 6b pure bendato. So fare i lanci e non ho paura del volo. Chi nel CAI potrebbe offrirti di più? E poi, non ti sembra meravigliosamente bello arrampicare? Con me potrai farlo a volontà. Anche tutta la vita. Ti porterò in Verdon e a Yosemite, a Ciampino e pure al Morra. Stai con me bella. Ci divertiremo”.
Così partono le fantasie della sera prima.
E poi la lotta, la prima domenica del corso, per accaparrarsi le fanciulle più avvenenti.
Cristo Santo, ho quasi vent’anni, e ancora non sono stato con una ragazza!
Ma soltanto Stefano riuscirà, alla fine del corso, a scalare e poi mettersi insieme con la sua allieva preferita. Una biondina di nome Paola: intelligente e simpatica, oltre che carina… A me invece piaceva, fin dall’inizio, Isabella, diciassette anni. Ovviamente non le mandavo nessun segnale. Dissimulazione assoluta.

StoriaArrampicataRomana4-8
Ostentata monomania per le placche grigie e lisce.
E sempre pronto a cogliere uno sguardo volto altrove da parte di lei come la prova tangibile, senza appello, del fatto che non le piacevo. Anzi, forse si era accorta del mio interesse (cavolo, mi sono fatto scoprire!), e questo la annoiava e irritava.
Non riuscii a far altro che introdurla, per qualche tempo, in quel pessimo ambiente da caserma che era il giro degli sperlonghiani. Andrea, il sommo Andrea, capì tutto: i miei sentimenti e la relativa delusione. Non fece mancare lo sfottò, chiosando perfidamente l’esuberanza, appena celata da una fruit bianca, del seno di Isabella.
Alla fine le dedicò il nome di una via tra le più dure del momento: Isabella nel paese del peccato, 7b+.
La Scuola, come espediente per rimorchiare, non aveva funzionato. (Ricordo invece che un giorno, a Leano, arrampicai con un ragazzino che sembrava molto portato: Sebastiano Labozzetta. Al corso era iscritta anche sua sorella Silvia…).
Con Massimo decidemmo che era il caso di sfruttare la Scuola per fare ciò che una Scuola deve fare. Così progettammo, e realizzammo qualche tempo dopo, con l’appoggio incondizionato di Marco Geri e Gianni Battimelli, uno dei primi corsi di arrampicata sportiva in Italia.
Però il problema della mancanza cronica di ragazze persisteva.
Rimane storico un episodio, un sabato pomeriggio da Guido (il Mozzarellaro). Saranno state le sei o le sette. Eravamo alla ventesima partita di biliardino. Avevamo ridiscusso per la centesima volta di qualche passaggio di qualche via, e del relativo grado di difficoltà. Girava timidamente qualche canna (“Tanto Guido da mò che ha capito!”). Il juke-box mandava una canzone dei Tears for fears.
Vicino ai bagni c’era una putrella d’acciaio dove si svolgevano gare di trazioni e vari test di forza pura.
Le solite battute grevi, il solito clima da vitelloni. Aspettando le sette e mezza per andare in pizzeria a Gaeta.
A un certo punto entrano dal Mozzarellaro due ragazze. Anzi no, sono tre. Attento, oh! Sono quattro, cinque, sei…
Corri a chiamare il Tantaillo che sta al cesso!
Una decina di ragazze. Tutte con la tuta da ginnastica dello stesso colore. Una squadra di pallavolo.
Avranno sedici-diciotto anni. Ormai sono entrate, hanno ordinato e si sono sedute, quando si accorgono della nostra buffa, insolita presenza. Noi siamo una dozzina, forse quindici. Brutti (?), spettinati, mani spellate e ancora sporche di bianco. Vestiti forse non proprio di “stracci”, ma poco ci manca. Si saranno chieste: ma questi chi sono?
Inevitabile scatenarsi di risatine. Sguardi incrociati fra i tavoli. Giochi rapidissimi ed effimeri di seduzione.
La leggenda vuole che sulla tovaglia di carta, prima di andar via, avessero pure lasciato un messaggio d’amore. Per Jolly. O per Maurizio Tacchi. Chi potrà mai saperlo?

Pubblicato il

Climbing Chaps 08

Giordania, Wadi Rum, Barrah canyon: Muhammad Hammad (la più forte guida giordana) prepara il lunch (24 aprile 2013)

Giordania (Jourdan), Wadi Rum, Barrah canyon, Muhammad Hammad prepara il lunch

Tommy Caldwell sulla Dawn Wall, El Capitan

ClimbingChaps--08-TommyCaldwell-DawnWall-elcapitan-finish-10.adapt.1900.1

Tommy Caldwell sulla L15 della Dawn Wall, El Capitan. Photo: Brett Lowell
ClimbingChaps--08-Caldwell,L15,DawnWall,photographer Brett Lowell-appeso-corda 823mtenutadauna squadra alla base

Tim Emmett su Wolverine a Helmcken-falls
ClimbingChaps-08-tim-emmett-on-wolverine-at-helmcken-falls

Luca Lauretano su Rampage (8a), Varazze. Foto: Alex Torresan
ClimbingChaps-08-LucaLauretano-Rampage-8a-Varazze.FotoAlexTorresan-

Klemen Bećan. Foto: Anja Bećan
ClimbingChaps-08-KlemenBecan-FotoAnjaBecan

Giuseppe Popi Miotti e Stefano Michelazzi alla Parete di Sanìco, 20 marzo 2016
ClimbingChaps-08-IMG_20160320_145159

David Lama sulla parete terminale del Cerro Torre, via Maestri 1970
ClimbingChaps-08-david-lama-on-the-head-wall-of-cerro-torre

 

Chris Sharma nei primi tentativi su La Dura Dura, 9b+, Oliana (Spagna)Chris Sharma working a project at oleana he believes will be 5.15d or harder.

Carlo Giuliberti su Hard sun (8b+), Kompanj, Croazia
ClimbingChaps-08-CarloGiuliberti-Hard sun 8b+, Kompanj

Tommy Caldwell sulla L16 della Down Wall (El Capitan), di notte, per avere un po’ di fresco
ClimbingChaps-08-Caldwell.L16-DownWall-dinotteper avere freddo-elcapitan-finish-02.adapt.590.1

Tommy Caldwell (a sn) e Kevin Jorgeson fanno pratica sulla Dawn Wall (2010). Foto: Jimmy Chin
ClimbingChaps-08-Caldwell(left)Jorgeson,2010,praticaSuDawnWall,fotoJimmyChin

Angelo Contessi a Bohuslän (7b), Svezia. Foto: Kuuti Hekkila
ClimbingChaps-08-AngeloContessi-Bohuslan 7b.FotoKuuti Hekkila

Pubblicato il

Storia dell’arrampicata romana – 3

Storia dell’arrampicata romana – 3 (3-4)
di Luca Bevilacqua
(già pubblicato nel 2010 da climbing pills)

Nel filo del mio racconto, vale la pena riportare anche testimonianze altrui.

Intermezzo 2
La testimonianza di Emiliano Emilio Giuffrida
Una delle immagini più indelebili delle mie prime arrampicate è stata la prima volta a Sperlonga; era l’inverno ’84/’85, con l’ultima uscita del corso di roccia.
Di Sperlonga, rimasta a lungo segreta, si vociferavano le vie estreme e la roccia dura da scalare con appigli piccolissimi.

Andrea Di Bari su Reggae per Maometto, Sperlonga
StoriaArrampicataRomana-3--ADiBARiReggaePerMaometto

Non a caso ci si andava verso la fine del corso di roccia, dopo essere stati al Morra, Leano, Gaeta, e quando la maggior parte degli allievi era ormai più scafatella.
Comunque la vera novità per questa falesia era la prima comparsa degli spit, impensabili in altri posti per l’odio, o quanto meno la perplessità, che avrebbero suscitato negli ambienti alpinistici.
E sì perché allora, anche in falesia, vigevano regole alpinistiche che vedevano relegato al solo uso dei chiodi o dei nut il compito di protezione e il termine falesia stesso ancora non era entrato nel mondo dell’arrampicata che usava ancora la dizione: palestra di roccia.

Pensare all’uso dei chiodi a pressione per tentare la salita in libera era precluso; al più si poteva pensare di salire in artificiale ma la roccia andava rispettata.
Di attrezzare la via dall’alto neanche a parlarne. Ma forse, semplicemente, nessuno ancora ci aveva pensato.
A Sperlonga linee luccicanti di spit si distinguevano sopra le placche compattissime di roccia grigia che, mai prima di allora, avrebbero potuto essere salite.
E a Sperlonga qualcuno le saliva.
Sì, perché Sperlonga era il regno di quelli forti, di Stefano, Andrea, dei fratelli Delisi, di Furio Pennisi, dei Vermi, insomma era il posto dove andavano quelli che facevano il settimo grado; il mitico settimo grado di Reinhold Messner, quel grado che per tanto tempo la comunità alpinistica europea aveva fatto fatica ad accettare.

StoriaArrampicataRomana-3-2

 

Insomma era il massimo.
Potete ben immaginare la mia emozione al cospetto di cotanta grandezza che di lì a poco avrei iniziato a conoscere e a frequentare con assiduità.
Giunti alla base della parete il corso si fermò sotto uno degli avancorpi, lì c’erano le vie più abbordabili; vie che comunque sfioravano tutte il sesto grado.
Fino allora avevo arrampicato solo da secondo di cordata, ma non mi ero mai appeso.
Mi chiedevo se ce l’avrei fatta anche questa volta.
Addirittura a Leano ero stato capace di fare in continuità senza appendermi la via Arruginante, una vecchia via in artificiale che credo oggi sia valutata 6a, e il giudizio del mio istruttore fu: ragazzo molto atletico!

I primi metri della prima via furono abbastanza semplici, credo si trattasse di Camelot o Ginevra, ora non so bene, poi un passaggetto m’impegnò al massimo e ricordo, distintamente, la prima comparsa dell’acido lattico negli avambracci, presenza con la quale in seguito avrei imparato a familiarizzare.
In ogni modo riuscii a non appendermi neanche quella volta. In realtà la motivazione di tanta persistente tenacia nel non cadere era che arrampicavo accanto a una biondina di cui non ricordo il nome, e mai avrei dovuto svaccare in quella situazione.
Il secondo tiro fu Re Artù e qui la cosa si fece seria.
Mi ricordo la partenza durissima in cui, di lì a poco, ci avrei messo tutta la forza di dita che avevo e che iniziava scemare rapidamente, malgrado gli allenamenti infra-settimanali sugli stipiti di casa.
A parte tutto andò bene pure quella volta e non mi appesi.

StoriaArrampicataRomana-3-1
La via successiva, ci dissero, si chiamava Messico e nuvole, una via alla fascia superiore di quinto grado con un tetto finale, e per arrivarci era necessario passare sotto il “Paretone”, la parete del “Chiromante”.
Fino allora tutte le vie che avevo visto arrivavano al massimo al sesto grado ed io non avevo mai visto una via di settimo grado.
Sapevo che su quella parete ce n’erano alcune ed ero folgorato dall’idea che di lì a poco anche io avrei finalmente visto com’era fatta una via di settimo grado.
L’evento non si fece attendere.
Appena giunti presso un albero dove lasciammo gli zaini, nel punto più basso della parete del Chiromante, guardai in alto verso quella distesa di roccia grigia e rimasi intontito.
Subito sopra di me, presso un tettino di roccia, c’erano appesi due tizi: il primo stava a gambe larghe e faceva sicura subito sotto il tetto; l’altro, incurante della calura, era appeso subito sopra. Tutt’e due avevano la fascia nei capelli stile californiano.
Chiesi subito a un istruttore qual era il nome della via, ma soprattutto era il grado che volevo sapere.
La risposta fu: Serena alienazione, 6b.
Cioè settimo grado, faccio io? Sì, settimo grado.

StoriaArrampicataRomana-3-serenaalienazione
Una lunga pausa di riflessione che mi parve durare un’infinità mi portò poco a poco a valutare che i due tizi là sopra, allora erano proprio forti.
Non solo: il fatto di stare appesi con l’imbrago agli spit, insomma di riposarcisi sopra, li rendeva ai miei occhi ancora più forti.
E sì quelli erano proprio due tizi forti.
Dovevo assolutamente entrare a far parte della cerchia di quelli forti.
Non so perché ma ormai mi sentivo irrimediabilmente avvinto da questa nuova dimensione e dovevo fare di tutto per entrare a farne parte.
Qualche tempo dopo l’occasione mi venne offerta su un piatto d’argento una volta che Stefano, cioè quello più forte di tutti, e che già aveva salito l’ottavo grado, mi chiese se volevo arrampicare con lui.
Stefano l’avevo conosciuto una volta che a Ciampino si mise a piovere, e mi portò, assieme al mitico Giraffone, sul ponte della Casilina a far traversi.
Mi ricordo che mi parlò di una via durissima che stava provando: Baby Snake, e il grado era 7c.
La mia adesione alla prospettiva di arrampicare insieme fu immediata, e con fare opportunistico scaricai all’istante il tizio con il quale avrei dovuto arrampicare.
Credo che non me l’abbia mai perdonata, ma l’occasione era irrinunciabile.
Mi ricordo che facemmo, con infiniti resting da parte mia, Il mago di Oz, poi Flippaut e Kajagogo e Vermi in fuga. Insomma mi ricordo una giornata di acciaiate speciali in cui, per la prima volta, salivo su quei gradi.
Da allora i due tizi iniziarono a rivolgermi la parola.
Uno si chiamava Luca ed era soprannominato Bibo, l’altro si chiamava Maurizio ed era soprannominato Er Tozzo.
Bibo e Er Tozzo andavano a scuola insieme, arrampicavano sempre insieme, e anche se avevano iniziato a rivolgermi la parola una cosa per loro non era chiara: non riuscivano ancora a spiegarsi come avessi fatto io, fresco fresco di corso di roccia, ad aver già arrampicato una volta col mitico Finocchi.
Ma ci si dovettero abituare presto perché la cosa avvenne con una certa frequenza.
Col tempo, superate le iniziali diffidenze, diventammo buoni amici e i nostri incontri, che avvenivano puntualmente ogni domenica alle 8.00 al bar di Eur Fermi, per andare a Sperlonga, ci portarono, ancora oggi, ad arrampicare un’infinità di volte insieme.
Ma il vero salto di qualità, la nuova disposizione mentale che si affacciava nelle nostre vite, saldata alle nostre inquietudini di adolescenti un po’ ribelli, era quella che di lì a poco ci avrebbe visti proiettati ogni estate, prima mentalmente, poi sul serio, sulle falesie di mezza Europa, ancora mezzo imberbi e, soprattutto, senza un soldo in tasca…

Capitolo 12
Emilio scrive che quando da sotto ci ha visto la prima volta, a me e al Tozzo, su Serena alienazione (era esattamente il 10 febbraio 1985), ha pensato che fossimo due arrampicatori molto forti.
Eh già.
Come mi sono ritrovato, senza accorgermene, fra quelli “forti”?

L’attacco del secondo tiro di Ritorno di Paperoga, 6a+
StoriaArrampicataRomana-3-3

 

La cosa oggi fa sorridere. Era la prima volta che affrontavo, da primo e senza conoscerla, una via di 6b… E ci feci ben 4 resting (tutto è meticolosamente registrato sul mio quadernino).
Pensa, se oggi vai in una falesia qualsiasi, vedi uno che fa 4 resting su un 6b: non ti verrebbe mai di pensare che si tratta di un arrampicatore di alto livello.
Per la verità neanche io mi ritenevo tale. Però a un certo punto, in quei mesi, mi sono guardato intorno, e mi sono chiesto: ma quanta gente vedo che viene a Sperlonga e affronta un 6b da primo? La risposta era: quei 10-15 (i nomi che più o meno ho fatto fin qui), quelli che erano poi il mio modello, il mio riferimento irraggiungibile, e basta. Una cerchia alquanto ristretta.
Sono molto legato affettivamente, per averne fatto parte, alla Scuola “Paolo Consiglio” del CAI di Roma. Per questo posso dire con grande serenità e obiettività, senza alcuna malevolenza, che fra gli istruttori in attività non avevo visto nessuno andare a fare da capocordata Serena alienazione o Peek-à-bou, o Idefix. Il livello dei migliori era sul VI grado (5c, scala sperlonghiana di allora!), e la media era sul V/V+. Dunque, pensavo (con la presunzione dei miei diciotto anni): “caspita, io arrampico già meglio di quelli che insegnano ad arrampicare… ”
Ma non era tanto questo a farmi credere di esser diventato “forte”.
Dicevo di Serena alienazione. Ripartiamo da qui. Due settimane, dopo torno a Sperlonga con Maurizio e affrontiamo la salita integrale del Ritorno di Paperoga (Paperoga era un soprannome affibbiato per qualche tempo ad Andrea). Avevo fatto a dicembre, da secondo con Ignazio, metà del primo tiro: fin sotto allo strapiombetto (fermandoci cioè prima del passo chiave). Proseguo e faccio a vista il seguito. Poi recupero il Tozzo e salgo, sempre a vista, il secondo tiro (magnifico!).
Paperoga era data 6b- (oggi 6a+). Stefano ci ha visti da poco lontano (stava, credo, su Blues per Allah).
La sera, dal Mozzarellaro:
Stefano: “Eravate voi sul Ritorno di Paperoga?”
Smilzo: “Sì, una bellissima via, veramente”.
Stefano: “Bene. E come è andata?” (che vorrebbe dire: “come l’hai fatta?”)
Smilzo: “Sono contento: sono riuscito a fare a vista tutta la via!”
Stefano: “Caspita, bravo!”
Poche battute, ma di quelle che ti ricordi. Stefano, in quel momento il più forte di tutti, che mi dice “bravo”…

Andrea Di Bari su Baby Snake, 7a, Sperlonga. Foto: Luca Solari
StoriaArrampicataRomana-3--ADiBARi-BabySnake-7a-Sperlonga-FotoLucaSolari
Cresce la convinzione, e se possibile, la motivazione. Un mese più tardi, e siamo al 24 marzo, torno su Serena alienazione e la salgo in libera. Wow! Sono entrato nel giro! Non a caso quello stesso giorno arrampico per la prima volta con Andrea: mi porta a fare La mistica giraffa (dedicata al “Giraffone” Angelo). Il grado del secondo tiro è 6c. Mi appendo (sono da secondo), ma capisco la sequenza, e – come si direbbe oggi – i movimenti mi vengono.
Ormai anche con Stefano siamo amici: un giorno in cui il cielo è nero e le pareti son tutte bagnate, mi porta, con Antonio Stazio, ad arrampicare in un settore strapiombante che sta chiodando per i giorni di pioggia: ha deciso di chiamarlo, ironicamente, L’ojo del sol… Provo una via con dei movimenti durissimi, e quasi non mi muovo: Dark, 7a+.
Quello è grosso modo, in questa fase, il grado-top dalle nostre parti. Le vie di riferimento sono, in tutto, non più di quattro o cinque: Kajagogo 7a, Blues per Allah 7a+, Baby snake 7a+, Polvere di Stelle 7b, Reggae per Maometto (probabile 7a+/7b, che però Stefano non riesce a liberare…).
Ad aprile metto le mani su Kajagogo: tira Ignazio e io vado dietro. La trovo durissima. Arrivo dopo vari resting al passaggio chiave: la famosa (o famigerata) goccetta per un dito. Il dito è l’indice, che va messo di punta nella goccia, e poi ci appoggi sopra (alla punta dell’indice) il pollice e il medio. Alzi i piedi su due cose infime, e blocchi. Questa è la teoria, che Ignazio mi ha spiegato ben bene. Ma la pratica è impossibile. Il passaggio non mi viene.
Nel frattempo ho fatto amicizia con un amico di Ignazio: Massimo. Ci guardiamo di sbieco, fra curiosità e sospetto. Ecco, penso: ecco uno che sta precisamente al mio livello… Uhm… Un potenziale rivale. Però è proprio con lui che nascerà un’amicizia fortissima.
Nei mesi seguenti devo pensare un po’ agli esami di maturità. E poi c’è una ragazza nella mia classe, Valeria, con due tette strepitose (riferimento culturale del tempo: Carmen Russo). Valeria, capisco dopo vari mesi di chiacchiere, è interessata a me. Anche se ho preso la patente, continuo a usare soprattutto la vespa. Quando ci porto Valeria sento la punta dei suoi seni contro la mia schiena.
Che roba da brividi.
Roba complicata. Da dove cominciare? Con un bacio? E poi se lei mi chiede di continuare? Non ho alcuna esperienza e mi vergogno all’idea di risultare imbranato…

StoriaArrampicataRomana-3--ADiBARiRaegge0002
E poi dovrei mettermici insieme. Però non mi convince: non mi piace abbastanza. Ci sono le tette, sì… Ma dopo? Non conosco i movimenti. L’on-sight mi sembra preclusa a priori (termine che apprendo dallo studio di Kant).
Così Valeria si rivolge a qualcun altro. Io resto vergine e imbranato. Durante l’anno ho studiato un cazzo, e mi becco il mio bel 40/60 alla maturità. Sogno di fare il 7a. Però mi piace anche la montagna.
Non sono mai stato al Gran Sasso. Per questo mi faccio trascinare da Medioverme e Gaston (Roberto e Giuseppe Barberi) in un posto assurdo, con un’esposizione da stringere il culo. Questa è l’apertura di Ombromanto, al Pizzo d’Intermesoli: un’esperienza che rimarrà, per me, unica. Nel vero senso della parola.

Ed ecco un’altra chicca: il racconto autobiografico degli esordi di Medioverme (personaggio già più volte nominato). Da Roma a Sperlonga, alle Dolomiti, a Finale. Dall’alpinismo “cacio e pepe” all’alpinismo “con i controcazzi” e all’arrampicata sportiva.

 

 

 

Intermezzo 3
(di Roberto Medioverme Barberi)

La preistoria
Maggio 1978, Monte Morra, è la mia prima uscita ufficiale in una “Palestra di Roccia”, durante il mio ultimo anno di scuole elementari.

Bouldering d’epoca al masso dei Caminetti
StoriaArrampicataRomana-3-4
Bisogna però sottolineare che eravamo già da tempo dediti alla pratica del bouldering – solo non sapevamo che si chiamasse così – praticata ovunque, ma specialmente in Dolomiti l’estate, e anche alla pratica del freeclimbing, dove ci impegnavamo a percorrere rotpunkt (in libera, senza cadere o appendersi, locuzione tedesca inventata da Kurt Albert e poi divenuta d’uso comune…) delle vie multipitch, ovvero “facevamo le ferrate senza attaccarci alla corda di metallo”, e usando il cordino (8 mm legato in vita) solo come assicurazione.
Tornando al Morra, devo dire che sì, ero bimbo, ma andammo con gente di grande esperienza e responsabilità, dei ragazzi veramente forti, e grandi, che frequentavano già gli ultimi anni del liceo.
A quei tempi nelle palestre di roccia non esistevano gli spit, e i chiodi a pressione erano buoni per l’artificiale. L’abbigliamento “tecnico”, ovvero più sofisticato dei pantaloni “al ginocchio” anche detti “alla zuava”, era costituito da preziosissime tute da ginnastica, di quelle azzurre o blu, con due righette bianche laterali, tute rigorosamente mooolto usate a scuola. Le scarpe in voga erano le Superga, ma ovviamente arrivarono in tempi successivi. Imbragatura, neanche a parlarne, sicura rigorosamente “a spalla”.
Gli attori di quella Prima Giornata erano i seguenti: noi, ovvero noi tre fratelli, mio padre e mia madre; la famiglia di Luca (due fratelli, madre e padre) e Maurizio (Tacchi).
La giornata si svolse grossomodo come segue (mamme escluse): dopo un bel riscaldamento sulla variante della Rampa (II) e sulla Lapide (II) ci siamo avventurati sulla Bambi (III) e sulla Boscaiolo (III); non un granché, ma comunque tutto slegati, su vie alte fino a 25 m. Dopo andammo alla fascia inferiore, passando quindi sotto le vie di grido del Morra in quel periodo, la Gatto (V), la Marco (IV+), le due fessure (V-), la Silvio Alta (VI e A1), la Silvio Bassa (VI-), la Zapparoli (III, 1 passo IV-, 70 m, la più lunga del Morra), la Dado (V+, 60 m la più bella del Morra) e raggiungemmo la Lopriore (45 m IV+) che era la nostra meta. Armati di una corda da 40 metri, e un cordino da 8 m del diametro di 9 mm, ci apprestammo, in otto persone, a salire la via.
Ovviamente il risultato fu una progressione un tantino macchinosa e, apparentemente, non proprio fedele ai manuali, né di oggi, né di allora.
Di fatto avvenne che, mentre alcuni componenti erano impegnati nel superamento del tiro centrale della via, ovvero del tratto chiave, passò di lì un famoso personaggio (di allora), tale Pierangelo, istruttore alla Scuola del CAI, che osò mostrare la sua disapprovazione al metodo ai nostri capicordata e ai nostri genitori, ma il suo più grande errore fu, nel fare ciò, di vantarsi del suo curriculum. La reazione fu prontissima, manifestata in forma di insulti ed epiteti vari.
Passato che fu questo increscioso episodio, un po’ annoiati dalla lentezza della progressione, non sapendo cosa fare al terrazzo di sosta, con mio fratello cominciammo un po’ di saliscendi, slegati ovviamente, sull’ultimo tiro, che alla fine ci portarono all’uscita della via.
Scampati a questa prima giornata, dopo un po’ di volte che ci accompagnò mio padre, cominciammo ad andare ad arrampicare al Morra con i nuovi amici. Ai tempi possedere un’auto non era una cosa scontata, e molti di noi non avevano 18 anni. Vito fu, allora, una grande risorsa e un grande amico, Pierluigi un grande esempio di bravura e disponibilità (sì sì, Vito e Pierluigi sono proprio Vito Plumari (il Vecchiaccio) e Pierluigi Bini).

StoriaArrampicataRomana-3--ADiBARiRaegge0004

 

La preistoria II – i personaggi
Il bello del Morra era che ci si conosceva tutti. Negli ultimi anni ’70, chi scalava prima o poi lo incontravi al Morra, qualunque grado facesse. E essere forti voleva dire fare il V e VI grado.
Luca lo conoscevamo da una vita, Maurizio divenne nostro amico, e lì conoscemmo anche Marco (Forcatura). Loro erano i più giovani, a loro modo ribelli, già in disaccordo con la scuola del CAI, per questo venimmo “educati” (ma accettavamo di buon grado) a far sberleffi agli istruttori della scuola. Gli istruttori, tuttavia, non è che fossero particolarmente offesi da tre o quattro ragazzini.
Nel giro di poco tempo conoscemmo Paolo (Abbate), incontrato sul Fessurone, e incontrammo anche altri tre ragazzi che venivano ad arrampicare con una Simca 1000 bianca con sopra un adesivo del Don Guanella.
Non so più chi e neanche perché, ma qualcuno disse “ma il Don Guanella non è quello dove ce stanno matti?” e così quei tre ragazzi divennero automaticamente I Matti. Erano Andrea Di Bari, Roberto Ciato e Bruno Vitale, che conoscemmo meglio solo qualche anno dopo: loro abitavano dall’altra parte di Roma e noi, autobus muniti, già viaggiavamo per arrivare alla Formula 1 a San Lorenzo (non so se vi rendete conto cosa voglia dire attraversare Roma in autobus la sera, con i mezzi che staccano a mezzanotte).
Fu in quei tempi che conoscemmo Pierluigi e molti dei suoi amici, Vito il Vecchiaccio, Angelo Monti, Giampaolo Picone (detto “un uomo chiamato cavallo” per la passione per la corsa, oppure “agonia” per la magrezza accentuata dopo alcuni incidenti in montagna), Andrea Gulli e tanti altri.
La nostra passione era andare in montagna, e il nostro sogno di allora era la Nord-ovest del Civetta. Il pane che alimentava i nostri sogni erano i libri custoditi nella biblioteca del CAI di Roma.

 

Civetta, parete NW
StoriaArrampicataRomana-3-5

Così si arrampicava di conseguenza, seguendo le orme dei nuovi forti, ovvero di Pierluigi Bini che sembra avesse arrampicato con gente tipo Manolo e Mariacher, che però non sapevamo neanche chi fossero, solo che salivano e scendevano per le Dolomiti “a piacere”. Seguendo loro, cominciammo a macinare chilometri di vie slegati.
Ma qualcosa anche sulla libera si muoveva, e già il Morra aveva le sue vie culto in questo stile, vecchie vie di artificiale da salire in libera: la Silvio Alta, il Nicchione, la 3G, il Pulpito… ma non eravamo così assidui a scalare in questo stile.
Non parliamo poi dell’allenamento, delle conoscenze in merito e delle strutture disponibili per allenarsi. Senza macchina il ponte della Casilina era off-limits. Già passare dai piegamenti a terra alle trazioni fu una scoperta, così come scoprire che rimanendo sospesi su una tacca, si acciaiavano gli avambracci… eh sì, scoprimmo che le braccia e gli avambracci in particolare erano il nodo della questione, e che le dita erano fondamentali, come le gomme dell’automobile. Ma i primi libri sull’allenamento in arrampicata sono di molti anni dopo.
L’appuntamento del venerdì sera al CAI era assodato, si andava e si incontrava qualcuno, sempre. Lì, nel gruppo dell’ESCAI (in verità escursionisti da strapazzo, che guardavamo con una certa superiorità) conoscemmo Stefano Finocchi, con il quale diventammo subito amici, Luca Bucciarelli, Luca Mazoleni, Alessandra Bonifazi e tanti altri. E la sera si telefonava, spesso a Vito, e ci si dava appuntamento per il Morra. Niente mail, niente telefonino.
Con il tempo arrivarono la corda, le Superga, l’imbracatura, chiodi e martello e una nuova invenzione, i primi dadi. Le prime scarpette che misi ai piedi erano un paio di EB n° 35 di Susanna (la sorella grande di Stefano Finocchi) con le quali scalai nell’estate del 1981; le mie prime Asolo arrivarono l’anno ancora seguente.
Dalla Preistoria all’età del “ferro” – ovvero come qualcuno si rese conto che esisteva l’arrampicata sportiva
I primi anni ’80 furono, per molti di noi, gli anni dei primi viaggi in Dolomiti da arrampicatori.

StoriaArrampicataRomana-3--ADiBARiRaegge0003

 

In verità dovrei ricordare, personalmente, la prima uscita al Circeo, nel ’79, a primavera. Le vie in auge allora erano il Pilastro Zoppo e la Via del Tetto. A settembre arrivò la prima uscita arrampicatoria al Gran Sasso, per certi versi simile alla prima del Morra: Aquilotti ‘75 e, poi, via Bonacossa alla 1a spalla con variante Shranzer-Bolatti (slegati), Cima Corno Piccolo e discesa slegati dalla cresta Chiaraviglio.
Il primo viaggio in Dolomiti arrivò, per me e mio fratello, nel 1981 (compivo 15 anni), con partenza rigorosamente in autobus strapieno del pomeriggio (A.T.A.C.) da casa alla stazione Termini; appuntamento con, udite udite, Stefano Finocchi, quindi treno (Italicus, il nome vi ricorderà qualcosa) Roma-Belluno (con una persona che appena partiti da Roma ci fa “scusate”, abbassa tutte le tapparelle dello scompartimento e tira fuori la pistola, per togliere caricatore e riporla, un attimo di smaltita); poi pullman Belluno-Masarè (checcazzo ci arrivi a fare ad Alleghe che poi devi tornare indietro), carico degli zaini sulla teleferica (credo fosse l’ultimo anno o il penultimo della gestione di Livio) e, così per sgranchirsi le gambe, iperdirettissima Masarè-Rif. Tissi.
Quell’anno scoprimmo tante cose, in primo luogo che senza una corretta alimentazione non vai da nessuna parte. Colpo di sole (mio), herpes a go-go, che per il povero Stefano degenerò in stomatite. Ma riuscimmo pur sempre a fare qualche via, anche se sulla Carlesso alla Valgrande la libera non la pensavamo proprio.
Il 1982 in Dolomiti lo salto, mi rimandarono al liceo e non andai a scalare l’estate. Il 1983, fu l’anno del Philipp, ma fu anche l’anno dell’incidente a Stefano Finocchi e Luca Bucciarelli, sempre sul Philipp, con notte in parete e 300 m di cavo il giorno dopo, e della pietrata sul piede che Andrea di Bari si tirò sullo zoccolo della Andrich a Punta Civetta.

 

 

Il settore di parete in cui sale la via Philipp-Flamm, aperta nel 1957 e considerata per anni una delle più impegnative delle Alpi e rimasta tutt’oggi una salita di prestigio
StoriaArrampicataRomana-3-Civetta Via Philip-Flamm tracciato

Raccontare nel dettaglio porterebbe a divagare, basti dire che io e mio fratello, liberi da impegni, partimmo presto e prendemmo gli ultimi 12 giorni di un anticiclone piazzato lì, fermo da quasi un mese; così, quando arrivarono gli altri, noi avevamo fatto tutto quello che ci interessava. Gli altri arrivarono dopo 10 giorni, in tempo per una debita (e lecita) rosicata soprattutto quando presero i bentornati (dai contadini e allevatori) temporali estivi.
Tutto ciò per dire della nostra deriva verso la montagna, principalmente, e la distanza dall’arrampicata libera come si intende oggi.
Ma in falesia qualcosa si stava spostando, già in quegli anni, anche se in modo incerto, verso la ricerca della difficoltà. Cominciavamo a spostarci verso sud, nell’Agro Pontino, verso Leano, che aveva vie più continue e difficili – se percorse in libera – del Morra, e anche verso posti come i “Massi delle Fate” e “il Carciofo”. Al Carciofo c’era un passaggio riportato, in foto, sulla guida Helzapoppin, dove era ritratto Massimo Frezzotti, e nella didascalia c’era scritto VII grado. Andammo, ma era troppo facile, lo facemmo subito, scartando quindi l’ipotesi che fosse veramente VII.
Invece c’era un passaggio che non riuscivamo a fare ai Massi delle Fate, poi un giorno passò Franco Perlotto e lo fece con una mano in tasca. Ecco, Perlotto era forte, lui si teneva. Ma qualcosa evidentemente non andava, perché, visto lui, il passaggio lo facemmo anche noi subito dopo.
A Pasqua 1982 venne organizzato un raduno di arrampicatori nel Lazio, e scese nuovamente Perlotto, allora in Italia una delle figure più “in” del momento, lui aveva visto Yosemite e aveva riportato qualche goccia del verbo del freeclimbing. In quei giorni salì, in libera, la via di Ferrante a Leano (a Torre Elena), quella a destra del Povero Elia, dichiarando difficoltà sicure di VII grado. Ovviamente ci catapultammo subito, dopo pochi giorni, a farla. Lì scoprimmo definitivamente la grande differenza che passa tra andare da primi (Maurizio Tacchi nell’occasione sul tiro duro) e da secondi (io e mio fratello) Riuscimmo a fare i movimenti, noi da secondi e molto meno a vista (concetto ignoto al tempo) meglio di Maurizio, da primo e su chiodi normali o a pressione e a vista, che su un passo usò una staffa per arrivare al chiodo dopo. Ma la libera, quella vera, non tardò, e c’era margine (e grazie, ci allenavamo già, mica pettinavamo le bambole).
Un’altra visita da ricordare, un giorno a Leano, fu quella di Luca Ferraris, amico e coetaneo di Giovanni Bassanini, in assoluto credo il primo lanciatore che abbia mai visto: lui saliva dinamico ovunque. E si narrava di sue salite a Foresto con difficoltà non nominabili, di cui evidentemente non ci rendevamo conto. Lui saliva ovunque, sulle vie che pensavamo difficili, camminando.
Credo che l’estate 1983 causò una deriva mentale ad Andrea Di Bari e Stefano Finocchi, che, incidenti a parte, si erano un po’ rotti di aspettare giorni per trovare le condizioni per arrampicare in Dolomiti, definite da alcuni “un pisciatoio”.

Finale Ligure, Rocca di Corno
StoriaArrampicataRomana-3-7

 

Credo fu dopo quell’estate che Andrea fece il suo primo viaggio a Finale Ligure, e lì venne scoperta, da Andrea e poi dai romani, l’arrampicata libera-sportiva, quella vera, con le regole quelle giuste, della libera e dell’a-vista. Solo eravamo in gran parte una comunità reazionaria, contro l’indiscriminato uso dello spit. Dopo l’estate andammo quindi, finalmente, a provare quello che vedevamo ogni volta che salivamo a Leano, la cosa più yosemitica alla nostra portata, una specie di Separate Reality dei poveri, il tetto di Stati di Allucinazione. Una fessura strapiombante che terminava con un tetto orizzontale di 3 metri. Oltre 20 m di tiro, 1 spit sotto al tetto. Difficoltà dichiarata da Andrea, 6c+, altre dichiarazioni, a Finale ci sono vie molto più dure … riflessione, cazzo come molto più dure, ma come Stati di Allucinazione non è 7a? Andrea sentenziò di no, aveva provato Bananna stranna che era molto, ma molto, ma molto più dura.
Credo in quell’inverno Sperlonga divenne nota a tutti, grazie ai fratelli Bruno e Cristiano Delisi e ad altri che non ricordo. Il comandamento fu “non spittare ovunque, altrimenti il gioco si esaurisce”. D’altronde l’esempio guida era il Verdon, e i primi nomi delle vie lo testimoniano.
Cazzo, salire dal basso a Sperlonga senza spit era un bel trip, su quelle placche compatte.
Della prima giornata a Sperlonga ricordo Jo’ Condor alle Mura di Amarcord, salita con mio fratello, superando un passaggio che aveva respinto diverse cordate, e l’incontinenza di Stefano, che fece la cacca da 40 metri, centrando nel mucchio proprio il suo zaino.
Arrivarono pure i primi spit, prima timidi (forse su Horizon e Il cammino dei Comanches di Paolo Caruso?) poi, per forza, in serie, su Flippaut e sulle altre vie.
Dopo l’inverno, a Pasqua dell’84, il primo viaggio a Finale, con Paolo Rocca, Cafiero, la Passat SW di Paolo, il clarinetto di Paolo e le musiche di Pino Daniele.
Insomma, la via era aperta, l’esplosione c’era stata. L’arrampicata libera, come la conosciamo oggi, con gli spit, con i voli e con la sicurezza in primis era arrivata anche da noi.

StoriaArrampicataRomana-3--ADiBARiRaegge0010

 

Capitolo 12bis
(già pubblicato su http://digilander.libero.it/dsrin/vorrei.htm)

Serena alienazione
«Se so’ fregati er moschettone
de Serena alienazione…»
Attaccava così, con questa semplice rima, una corta e allegra filastrocca divenuta presto celebre fra i non molti climber che frequentavano Sperlonga nell’inverno 1984-85. Il seguito non lo trascriviamo, perché dopo la denuncia del misfatto (il furto del moschettone di calata del più classico 6b di quei tempi), la filastrocca proseguiva designando per nome e cognome l’ipotetico colpevole, con toni decisamente denigratori, e con basse allusioni alle sue presunte inclinazioni sessuali. Il fatto è che l’autore dei versi in questione, vergati di propria mano sul Libro delle vie a quel tempo depositato presso Guido (il «Mozzarellaro»), essendo divenuto – con rapida e brillanta carriera – professore universitario, potrebbe oggi non a torto querelarci per offesa alla sua pubblica immagine: argomentando, giustamente, che trattavasi di innocue facezie giovanili, di piccanti spigolature retoriche volte solo a far sorridere gli amici arrampicatori. Un modo, insomma, per distrarsi, o per indurre rilassamento negli avambracci calcificati dalla fatica, prima dell’immancabile accanita al biliardino.

StoriaArrampicataRomana-3--ADiBARiRaegge0005

E d’altra parte non sarebbe contento, a sua volta, neanche colui che fu accusato di quel furto. Sebbene non sia diventato, nel frattempo, professore all’università, anch’egli gode oggi di una vasta e unanime stima quale figura di primissimo piano nell’alpinismo romano. Impensabile perciò riferire qui il suo nome.

Ho detto alpinismo?

In effetti, fu proprio quella sua inflessibile inclinazione per le grandi pareti, quel suo sdegnoso rivolgersi alle falesie laziali solo nell’ottica del training, della pura preparazione di bicipiti e falangi onde meglio affrontare i colossi dolomitici e il bianco calcare del Gran Sasso, a far cadere su di lui i sospetti dell’imberbe – allora – poeta satirico. Infatti gli alpinisti di quei tempi, e in particolare alcuni giovanissimi e talentuosi rocciatori romani che esordirono alla fine degli anni ’70, aderivano in modo compatto a due presunti capisaldi etici (perché, come ognuno sa, l’alpinismo è anzitutto un’«etica»). Primo: i chiodi propriamente fondamentali su una via di roccia, anche se lunga settecento metri, sono assai pochi. Saranno due o forse tre. Gli altri vanno sempre tolti, soprattutto se non li abbiamo piantati noi. O in altre parole: guarda, ho trovato un chiodo! Qui davvero non serve, non puoi volare in questo punto… Togliamolo, prendiamocelo. E poi, se proprio sei così pippa da avere paura, er chiodo te lo porti e te lo pianti di nuovo. E comunque, qui, se sei bravo, vedi che puoi pure mettere un dado. Secondo caposaldo: il moschettone costa (se lo compri al negozio) ancora più di un chiodo. Se dunque risparmiamo sui chiodi, perché non dovremmo farlo sui moschettoni? Trovare un moschettone in parete, nuovo, ma anche vecchio e ossidato… Dopo un attimo, quel moschettone pende dalla nostra imbracatura. E poi, se proprio ti devi ricalare, fai la doppia e lasci tutt’al più una vecchia fettuccia o un cordino…

La sequenza logica è abbastanza immediata. Oggi chi ruba un moschettone dalla sosta di una via, lo fa, per lo più, come dispetto (verso chi ha chiodato la via, per esempio…). In quell’epoca oramai lontana (gli anni ’80, gli anni dei miei diciotto anni…), ciò accadeva per presunzione: il moschettone qui non serve, pensa l’alpinista, e anzi serve di sicuro più a me che vado in montagna. Qui siamo a cento metri dalla strada: qual è il senso di una parete tutta perfettamente attrezzata? Di una parete senza più incognite, senza avventura?

StoriaArrampicataRomana-3--ADiBARiRaegge0006

 

Meravigliosa avventura del nostro giovane poeta satirico! Parte a freddo su «Serena» (dopo la quinta o sesta salita, scompare, come per una regola grammaticale di certe lingue classiche, la seconda parte del nome della via). Il Poeta, così oramai lo chiameremo, affronta dunque «Serena» come riscaldamento. E ciò sebbene la difficoltà della via sia terribilmente vicina al suo grado limite, identificabile in quel periodo con un 6c o 6c+ (alcuni suoi amici nutrono in effetti, ancora oggi, qualche dubbio sulla sua presunta libera di Odino, 6c; e anzi qualcuno ricorda, proprio lì, un volo mostruoso, da far passare la voglia di arrampicare; leggenda o realtà, difficile dirlo). Insomma, il Poeta supera con eleganza i primi dieci metri di via. Nel tratto dove oggi si incontrano due o tre spit, non c’era all’epoca alcuna protezione. «E te credo, sarà terzo grado…». Arriva così al famoso fettuccione che contorna una solida clessidra alla base dello strapiombo. Il Poeta sa che passare un rinvio nel fettuccione sarebbe, agli occhi degli altri arrampicatori presenti, un segno di imperdonabile codardia. Si dà il caso che «Serena» si trovi proprio sulla verticale del luogo in cui da sempre (cioè da un anno prima al tempo di questa storia) a Sperlonga si lasciano gli zaini. Ci si prepara ad arrampicare, si infilano improbabili tute e pantaloncini, perché la moda del pantacollant è ancora di là da venire. E si guarda sopra, in alto. Ecco il Poeta tendersi per moschettonare il primo spit. Il corpo si slancia all’infuori, su dodici metri di vuoto. Impossibile non pensare a cosa accadrebbe se perdesse la presa o l’equilibrio… Ma il Poeta ha già messo la corda, prima in bocca tra i denti, varie volte, e poi finalmente nel moschettone. Arcua le dita di una mano sulla prima tacca orizzontale, poi la seconda. Di sotto un vago, inconfessato sospiro di sollievo. Sappiamo che ora non cadrà, conosce la via troppo bene.

Eppure, se potessimo guardare dentro la sua testa, scopriremmo forse con sorpresa che egli non possiede le nostre stesse certezze. Per un attimo, brevissimo, esita. Il dubbio di aver preso troppa poca magnesite, la sensazione che quell’appiglietto per la sinistra sia oggi un po’ più svasato del solito… E i più piccoli, i più bassi, in effetti, qui si rannicchiano meglio. Poi mi vengono a dire che io salto il passaggio più ignorante (cioè rude, faticoso). Ecco per fortuna la presa buona. Sensazione davvero positiva, eppure rovinata da un quesito tragico, e che pare alludere misteriosamente all’eternità, su dove mettere la punta del piede destro.

StoriaArrampicataRomana-3--ADiBARiRaegge0007

 

Il chiodo (la seconda protezione) ovviamente si salta. Sempre per orgoglio, per non essere esposto – più tardi, magari la sera da Guido – alla più infamante delle insinuazioni: quella di essere un pavido, di non avere la pompa (cioè il cuore) per certe cose. Per queste ragioni il Poeta prosegue con gesto ostentatamente sicuro, e sale, sale, con gli avambracci che pian piano si induriscono. L’ultimo chiodo pure si salta. E stavolta davvero con un po’ di apprensione per quegli interminabili sei o sette metri, specie per quell’ultimissimo passaggio per ribaltarsi sul terrazzino. Davvero una calla (cioè una cavolata) di passaggio, ma con queste braccia ormai dure, le dita che non le sento… Il riscaldamento è bello e fatto.

Un’occhiata alla sosta. E poi espressioni qui, di nuovo, irriferibili, stavolta non poetiche, ma di odio e disprezzo verso Dio (addirittura) e la Vergine Maria. Il moschettone di calata non c’è, se lo sono fregato. «’Sti stronzi, porca puttana»: questo sì, lo possiamo – un po’ a malincuore – riferire.

Perché tanta rabbia? Ma semplicemente perché il Poeta non ha con sé moschettoni, e nemmeno un cordino o una fettuccia. Aveva soltanto quei tre rinvii, che ha utilizzato per salire la via.

Perché soltanto quei tre? Le ragioni sono al tempo stesso semplici e complesse. Proviamo a sintetizzarle.

L’orgoglio e l’audacia vanno in qualche modo incoraggiati. Attaccare la via con la quantità minima indispensabile di rinvii, vuol dire per il Poeta costringere se stesso, nel momento dei vari possibili moschettonaggi (momento storicamente segnato, un po’ per tutti, da improvvise crisi mistiche: con visioni dei familiari, della fidanzata, degli amici più cari), a non cedere alla tentazione. Vuol dire che se moschettono adesso, non potrò farlo dopo, quando davvero un rinvio può salvarmi la vita. Soltanto tre opportunità di auto-protezione: opportunità da non dissipare, da non sprecare.

L’arrampicata libera è uno sport bello ed elegante. Bisogna dunque essere agili e soprattutto leggeri. Portarsi un rinvio in meno, vuol dire essere più leggeri. Vuol dire anche stancarsi di meno.

StoriaArrampicataRomana-3--ADiBARiRaegge0009

 

Il Poeta – chi lo ha conosciuto lo sa bene – ama lanciare nuove tendenze. O quanto meno farsene portavoce in prima persona. Sa ad esempio che in Inghilterra si pratica una forma di arrampicata molto più audace (rischiosa) rispetto alla nostra. In alcuni posti è proibito piantare gli spit! Si arrampica per metri senza mettere un cazzo! Certo, quella è, e resta, l’Inghilterra. E gli inglesi sono pazzi. Ma il Poeta, nel suo piccolo, quando mi incontrerà, la sera da Guido, o la domenica successiva lungo il sentiero, potrà ora dirmi: «Oh, lo sai no? Adesso Serena si fa con tre rinvii… Altrimenti… Altrimenti sei un vecchio, sì sei proprio un vecchio».

Dopo aver meditato sulle ragioni di quella scelta (portarsi solo tre rinvii), e dopo averle trovate pure un po’ cretine, incontestabili ma cretine, resta ancora al Poeta il problema di come calarsi dalla sosta. La sua intelligenza creativa lo soccorre. Il sacchetto della magnesite che pende dietro la schiena è tenuto da un piccolo moschettone. C’è inciso sopra 300 Kg. Ed ecco l’intelligenza analitica: 70 kg, il mio peso, è molto, molto meno di 300.

Ma l’intelligenza non è la pompa. E la corda doppia (che potremmo definire un coatto gesto alpinistico, in tutti i sensi) per ritornare all’attacco di «Serena», è per il Poeta una lunghissima e gelida scossa di adrenalina. Quella sera da Guido, scrivendo sul Libro, nella satira feroce troverà la sua vendetta.

Capitolo 13
Qualcosa è cambiato.
Non c’è dubbio. Qualcosa è cambiato.
Lo vedi dalle gambe. Prima c’era un misto variabile (linguisticamente esotico) di shorts, jeans, salopettes, nonché tute, braghe alla zuava, pantaloncini da tennis, perfino pantaloni del pigiama.
Da un certo momento in poi, un’unica divisa: la calzamaglia elasticizzata-colorata. O se preferite, “pantacollant”.
Se fosse venuto un pirla qualunque con una calzamaglia di raso rosso, bella luccicante, al posto dei pantaloni della tuta, dopo le risate, non sarebbe cambiato nulla. Ma il primo ad arrampicare a Sperlonga (1985) con i pantacollant fu Andrea Gallo.
Niente di meno.

Andrea Gallo libera Funeral Party (Foresto, Striature Nere – Piemonte), assicurato da Marco Bernardi
StoriaArrampicataRomana-3-8
Venne giù per dare un’occhiata dal vivo su quanto si diceva riguardo le nuove pareti di Sperlonga. Così avrebbe fatto un piccolo resoconto sulla sua rubrica “Cronache della libera” su Alp. C’era con lui Giovannino Massari, un nome a noi fino ad allora sconosciuto.

Giovannino Massari, detto Giova, il “Manolo del Nord-ovest”
StoriaArrampicataRomana-3-9

Smilzo quel giorno chissà dove diavolo era. Porca miseria cosa mi sono perso! Però mi feci raccontare tutto.
Andrea (Gallo) aveva cominciato con Serena alienazione. Qualcuno pensò ingenuamente che avrebbe dovuto metterci almeno un po’ di impegno, di grinta… Ma lui sale in totale relax e, dopo i primi 3 rinvii, non mette più nulla e si fa così 15 metri.
Tutto l’interesse si sposta allora sulla via più famosa, Kajagogo, che in quel momento conta solo tre salite in libera: Stefano, Andrea e Jolly. Impensabile che un itinerario del genere, un 7a di microappigli, possa essere fatto “a vista”. Ancora oggi c’è qualcuno che, sull’onda del mito, sostiene che Stefano fosse andato a spargere falsi segni di magnesite su quella placca liscia per trarre in inganno gli amici piemontesi.
Macché. Niente di più falso. Stefano s’era limitato a commentare, pensando al suo recente passato, alle settimane di tentativi per liberarla: “Chissà quanto la dovranno provare…”. E così dicendo s’era incamminato verso la fascia superiore, dove era ormai vicino a liberare Polvere di stelle.
Parte per primo Giovannino. Elegante, sicuro, perfetto. Da queste parti non s’è mai visto uno arrampicare così. Kajagogo ha la sua prima “on sight”. Andrea ha fatto sicura all’amico, dunque non è più propriamente a vista. Però a quel tempo queste distinzioni non sono ancora molto evidenti. Comunque sale anche lui al primo colpo.
Ed un colpo è quello che gli prende a Stefano, che si era affacciato dalla cima della parete, sopra all’uscita di Flippaut, nel vedere quella scena… Altro che tentativi e tentativi!
Stefano raccoglie le sue cose, si alza e comincia a correre verso l’attacco di Polvere di stelle. La prima ascensione di quella che sarebbe la nuova via più dura rischia di essergli soffiata.
Non so se quello stesso giorno, o l’indomani, sia Stefano che Andrea Gallo salirono Polvere. Senza usare il lato sinistro del diedro. E si stabilì che quello era 7b. Grado top di Sperlonga.
Quel che è certo è che i pantacollant, di cui fino ad allora avremmo detto “nun se ponno guarda’”, divennero un oggetto cult. La marca di riconoscimento del vero climber sperlonghiano. Ciò che più d’ogni altra cosa lo allontanava drasticamente, definitivamente, dal buon vecchio sano maschio alpinismo.

Isabelle Patissier, arrampicatrice francese degli anni ’80, ci mostra fino a che punto si era spinta la mania del pantacollant…
StoriaArrampicataRomana-3-10

StoriaArrampicataRomana-3-11

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

In effetti, i pantacollant erano un po’ effemminati, per non dire froceschi.
Alle ragazze stavano (e stanno) bene. Ai ragazzi un po’ meno. In particolare per il contrasto fra quelle gambette segaligne, con qualche pelazzo che spuntava a riveder le stelle, e il cosiddetto – assai poco femmineo – pacco sul davanti, accentuato dai nuovi imbraghi bassi, spesso portati anch’essi attillati a fior di pelle (ho scritto pelle!)
Però i commenti erano invece tutti positivi: “Comodi!”, “belli!”, “competitivi!”, “si vedono meglio i piedi!”, “ci arrampico meglio!”, “me ne sono comprato un paio a righine colorate!”, “io a pallini!”, ecc.
Ovviamente anche il modo di far sicura era cambiato.
Prima dovevi metterti a cercare qualcosa all’attacco della via per far sicura al primo (ebbene sì, giovani d’oggi che non sapete niente del passato!). Si cercava una clessidra, una radice, si metteva un chiodo, insomma qualcosa. Serviva ovviamente una fettuccia. E poi si usava il mezzo barcaiolo.
Roba vecchia, superata. La sicura, dall’inverno 1984-85 in poi, si fa in vita, e si usa l’otto. Sì, esattamente l’8, il discensore. Nel metodo tradizionale, o in quello che Ignazio chiamava il metodo “all’inglese” (con riferimento alla proverbiale temerarietà degli arrampicatori inglesi), per cui alla corda non veniva fatto fare tutto il giro, ma si passava direttamente nel moschettone che teneva l’otto e poi di nuovo fuori (qui ci vorrebbe un disegnino).
L’obiettivo della sicura “all’inglese” era, secondo Ignazio, il fatto di poter dare corda più in fretta e di rendere la sicura stessa più dinamica.
Tuttavia, vista l’abitudine di Ignazio di parlare spesso, mentre faceva sicura, con qualche amico che passava di là, magari fumandosi una bella sigaretta, presto quel metodo fu ribattezzato “sicura termodinamica der Tantaillo“. Per cui tutti amavano Ignazio, ma nessuno voleva farsi fare sicura da lui…
Di solito quando racconto queste cose, Ignazio mi ricorda che in effetti nessuno si fece mai male con la sua sicura “all’inglese”. Mentre al contrario, vari anni dopo, fui io, in quel di Grotti, a farlo arrivare a terra da un sesto o settimo spit. Atterraggio “dinamico”, ammortizzato, senza conseguenza alcuna, a parte la paura.
(continua)

La copertina della guida Flippaut (1986) con Patrick Berhault su Reggae per Maometto, Sperlonga
StoriaArrampicataRomana-3--P.Berhaulth-reggaePerMaometto-Sperlonga

Pubblicato il

L’Alpinismo è uno sport?

Le competizioni, ma anche le corse non competitive, distolgono dal sentire la natura e l’ambiente che ci circondano. La serie di sguardi al cronometro ne è la dimostrazione più evidente.
D’accordo, c’è differenza tra una partitella di calcio parrocchiale e una qualificazione nazionale.
La maggior parte pensa che le corse tra amici, o altre manifestazioni simili, siano più giustificate e accettabili di altri agonismi dichiarati, o mascherati, striscianti, perché, almeno per una parte di partecipanti, favoriscono il piacere dell’agire insieme. Personalmente è dal tempo dell’adolescenza alpinistica che rifuggo qualunque competizione e in più ritengo che le gare siano dannose all’ambiente, perché la montagna è costretta sullo sfondo.

SellaRonda Ski Marathon
AlpinismoSport-Sellaronda-Skimarathon

 

Mi guardo attorno e vedo che tanti vedono la montagna come teatro di ambizione. Una volta gli ambiziosi si ritagliavano uno spazio con la ricerca, l’esplorazione, la conquista personale; oggi, coloro che sono privi di fantasia non trovano più “novità” e quindi non gli rimane che esaurire il loro protagonismo nella competizione.

Tutti siamo o siamo stati un po’ competitivi, ancor più i giovani con qualcosa dentro. Credo però che sia importante non porre mai la montagna sullo sfondo, lasciandola invece al nostro fianco come compagna ideale.

Credo anche che occorra lasciar fare, condannando gli eccessi organizzativi di qualche manifestazione e limitandoci a dare il nostro esempio. Chi sa di essere nel giusto non vuole neppure passare per fanatico.

A vent’anni, nel 1966, scrivevo questa fantasia, senza immaginare quanto dovesse approssimarsi alla realtà:

L’Alpinismo è uno sport?
Qualunque sport, dal calcio alla pallanuoto, dal ciclismo alle bocce, ha le sue regole, istituite perché con esse si è vo­luto circoscrivere una particolare attività sportiva e distinguerla dalle altre.

Un passaggio del Misurina Ski Raid 2012
AlpinismoSport-Misurina-Ski-Raid-2012

Se queste regole non sono rispettate, gli effetti possono es­sere due: o la prova è nulla oppure rientra in un’altra categoria di sport. Non si può dire ciò dell’alpinismo, che non ha mai avuto regole fisse, ma è bensì in continua evoluzione.

Negli sport invece le regole sono semplici: tempo o stile sono i soli criteri di misura. Chi impiega meno, o chi è più aderente a uno stile ideale e perfetto, vince. Anche in alpinismo esiste lo stile, come pure il tempo. Esiste anche la smania com­petitiva, contro la montagna e contro gli altri, ma ciò non è sufficiente per affermare che l’alpinismo sia uno sport.

Dimostriamolo, senza fatica, per assurdo.

Il Lunarally di Pontedilegno
AlpinismoSport-lunarally-Pontedilegno1024x681

 

Ognuno di noi, per quanto a volte si possa essere digiuni in materia, può confrontare le proprie idee sulla montagna e sul­l’alpinismo con le situazioni, sia pure un po’ caricate, ma co­munque ugualmente assurde, che si verrebbero a creare se l’a­zione dell’andare in montagna fosse caratterizzata solo dallo sti­le e dal tempo.

Questi dunque potrebbero giustificare da soli l’esistenza di un ipotetico «sport alpinistico». Fermo restando che lo sport alpi­nistico equivarrebbe a un qualsiasi altro sport, senza alcun i­deale aggiunto, ma nudo nella sua essenza atletica e ben deli­mitato nelle sue regole codificate, si potrebbero benissimo or­ganizzare le gare a cronometro. Non si avrebbe nessuna diffi­coltà, né tecnica né umana, specie con l’aiuto di un’organizza­zione sapientemente diretta nella classica direzione del ricavo economico.

I concorrenti dovrebbero partire con uguale materiale, pre­senti i giudici di percorso, di partenza e di arrivo. Potrebbe ve­rificarsi qualche spiacevole caso di squalifica per irregolarità; ci sarebbe anche il tempo massimo, oltre il quale gli atleti sareb­bero senz’altro eliminati dalle successive prove.

I giudici provvederebbero ad assegnare i premi ai vincitori, dopo un attento esame dei punti ottenuti e del tempo migliore. Da considerare nella dovuta importanza anche la sicurezza e la prudenza usata dai concorrenti. Alla base della parete ci sa­rebbero le squadre di soccorso, pronte con le barelle per even­tuali infortuni, come pure in vetta; e su tutto il percorso fiori­rebbero le installazioni di teleferiche modernissime per il pronto invio del ferito a valle racchiuso in speciali sacchi Grammin­ger. Ci sarebbero pure, abbarbicate alle cenge, ove possibile, speciali stazioni di ristoro.

Lo sport alpinistico sarebbe ammesso alle Olimpiadi e per i fanatici delle invernali ci sarebbero pure i Giochi alpinistici invernali. L’iniziativa olimpica non mancherebbe di favorire lo sviluppo dello sport alpinistico: la partecipazione infatti sareb­be assai vasta, visto che «alle Olimpiadi non importa vince­re; l’importante è partecipare». Va da sé che lo sport alpini­stico sarebbe ammesso al CONI e il CNSA (Commissione Na­zionale Scuole d’Alpinismo) assorbito.

I tempi sarebbero misurati al centesimo di secondo, i con­correnti dovrebbero partire con il numero sulla schiena e non avrebbero con loro chiodi, essendo già in posto quelli necessa­ri. La partenza e l’arrivo sarebbero misurati da una speciale cellula foto-elettrica, mentre i giornalisti in vetta, protetti da un apposito bivacco-stampa collocato dalla benemerita Fon­dazione Berti, batterebbero nervosamente i tasti della mac­china da scrivere per stendere il pezzo prima dell’ultima corsa della funivia.

Bardonecchia 1985: Jerry Moffat e Wolfgang Güllich

Bardonecchia 1985: Jerry Moffat e Wolfgang Guellich

Sulla vetta, o sulle staffe in mezzo alla parete, sarebbero di­slocati in gare particolarmente importanti gli operatori televisi­vi e i radiocronisti. Sui monti circostanti si provvederebbe alla sistemazione (tribuna o gradinata) del pubblico pagante, men­tre il servizio d’ordine non permetterebbe lo spettacolo ai por­toghesi e la polizia conterrebbe l’eccessivo entusiasmo dei tifo­si. Mentre sui piazzali adiacenti ai rifugi, ormai tutti serviti da un’ottima rete stradale, si adopererebbero i posteggiatori abu­sivi e non; elicotteri speciali sorvolerebbero la zona e le sue adiacenze per avvertire atleti e pubblico di eventuali perturbazioni atmosferiche.

Ai concorrenti sarebbe vietata ogni azione che potesse dan­neggiare i successivi: proibito schiodare, proibito spaccare gli appigli a martellate, otturare le fessure, bagnare la roccia con liquidi di qualsiasi genere, provocare frane; vietati gli urti, gli ostruzionismi, i catenacci. Prudenza nei sorpassi, anche se per­messi sia a sinistra che a destra. Vietato provocare e insulta­re gli arbitri.

A gara terminata si provvederebbe come di consueto al con­trollo antidoping. A giudizio della giuria se i tempi registrati possano o meno essere omologati nell’albo d’oro di ogni via.

Le guide a riposo potrebbero così impegnare il loro tempo facendo gli allenatori o massaggiatori, e gli anziani campioni, o gli incorruttibili accademici, coronerebbero la loro brillante car­riera da giudici o arbitri.

Nelle gare per solitari sarebbe severamente proibita ogni forma, anche elementare, di autoassicurazione; le atlete non do­vrebbero assolutamente indossare, in nessun caso, abiti succin­ti o comunque offensivi alla morale e alla “tipica” auste­rità dell’ambiente alpino.

Al di fuori delle competizioni si potrebbe anche assistere al puro esercizio di stile, all’essenziale estetica dell’arrampica­ta: atleti che amino concepire il passaggio come una serie di movimenti accordati da un fluire logico e leggero degli arti, che trascorrano i loro pomeriggi a salire e risalire su un masso, fare e rifare lo stesso passaggio, fino alla plastica perfezione del movimento, forza e grazia non disgiunti, in sobrio equilibrio.

Alla fine dell’esibizione, ultimo tocco, non mancherebbe il coro frenetico di battimani e strida da parte degli ammiratori.
(1966)

Bardonecchia 1985: Stefan Glowacz e Marco PedriniBardonecchia 1985, S. Glowacz, e M. Pedrini

 

 

Pubblicato il

Go aid a pitch 04

Go aid a pitch 04 (4-4)
di Gabriele Canu

Caminando al Reissend Nollen (Wendenstock)
GAP04-caminando_066

 

Caminando al Reissend Nollen (Wendenstock)
… ed eccoci qui, su una via magnifica, considerata come una delle vie più belle della svizzera… Caminando! … che poi, non capiamo come possa avere questa reputazione… di 17 tiri, di stupendi ce ne saranno solo 11 o 12, di belli solo 5 o 6… boh, non so, sti svizzeri so’ strani, eh! Comunque, le disquisizioni sulla bellezza della via al team Gap importano ben poco: non siamo certo qui per divertirci!!! Infatti lore mette le cose in chiaro già subito al primo tiro: dritto da sosta a sosta, e quando ga lo raggiunge di corsa, il tono è perentorio “… dove minchia hai lasciato lo zainetto?!? … giù a prenderlo!”. E così, ga alla fine del primo tiro si è già fatto 100 metri. Bello caldo, riparte per il secondo tiro: e senza avere neanche le scuse delle dita congelate, già trova eterno senza neanche aver avuto tempo di dire “bah”. Si comincia con la riga di pattoni, ma lore, in ottimo stato mentale, li scansa tutti e riesce ad arrivare in sosta al 6c+ senza dover fare amicizia con le fettucce dei rinvii. Il due tiri successivi toccano a ga, per un ovvio criterio di suddivisione delle rogne in questa lunga giornata! Il primo liquidato in nonchalance (… ah, sì… ), il secondo risolto a furia di lanci, controlanci, acrobazie varie, il tutto due metri sopra al chiodo sotto, e 7 cm sotto quello successivo. Fortuna che la relazione in nostro possesso diceva “runout fino in sosta di 7 metri sul VI+”. Ga, d’altra parte, mica ha il senso della misura: dopo aver trovato chilometrico ed aver detto di tutto al “relatore”, osserva il tipo in sosta, un simpatico spagnolo (pardon… catalano, non spagnolo!!), e quello gli indica – con il sorriso sotto i baffi e impaziente di vedere i numeri da circo sui successivi 5 metri per arrivare da lui in sosta – uno spit, due metri sotto e un po’ a sinistra… ahhhh, ecco, sul VI+ ero d’accordo, ma mi sembrava fossero un pelino più di 7 metri…!!! Sul 6b+ successivo, chiodato allegro tanto da non far perdere la concentrazione, lore regala sprazzi di bel gioco; giusta premessa agli scapaccioni che toccano a ga sul tiro chiave, che – vista l’ariosa chiodatura che lascia spazio alle riflessioni sui grandi perché della vita – per l’occasione si trasforma in un ring. Dopo aver rischiato più volte il ko tecnico e aver ricorso più volte alle cure dei sanitari, l’ultima smanacciata è quella buona… e le ossa per oggi le riportiamo tutte a casa, yeah! (…) Il successivo 6a rende l’idea di cosa si intenda per “arrampicata libera” e cerca di intralciarla il meno possibile, mentre sull’altro tiro duro la scusa degli attriti non è niente male per giustificare dei potenti resting. Due o tre tiri dove si respira, e poi si ricomincia a pompare, il diedrone che si vede da basso non è poi così appoggiato… ma in fondo ormai siamo a cinque tiri dalla fine, e quando ga è a tu per tu con l’ultimo strapiombino – belin, ma anche a un metro dalla cima dovevano metterci un passo duro?! – per pura e semplice questione morale (ma soprattutto per non concedere quelle piccole soddisfazioni al socio… si accaparra la sosta senza fermarsi a riflettere! Ed eccoci qui, con gli strani ma simpatici spagnoli, ad abbracciarci e a stringerci la mano, e a correre giù insieme in mezzo alla nebbia per simpatiche e un ciccinin aeree (…) doppie che in men che non si dica (…) ci riportano alla base… sta calando la luce, ma ormai siamo sul sentiero! … ma come… ?! ancora caminando, stiamo?!? PS: via meravigliosa, posto incantevole, roccia galattica, … vado avanti?!
Data: 11 agosto 2012

Nel corso del tempo al Becco di Valsoera
GAP04-nelcorso_030

 

Nel corso del tempo al Becco di Valsoera
“dai ga, tranquillo, decidi tu… andiamo a fare un giro dove ti pare, dimmi solo l’ora e dove!” – mannaggia, povero Davide, ancora non sa in che grana si sta cacciando con questa affermazione… Metà settembre, il meteo del weekend pare garantire meteo super e di nuovo un po’ più caldo, beh… l’ultima occasione per un giro al meraviglioso valsoera! E così, l’inedita coppia ga-davide, decide di “conoscersi” su questa famosa via del buon manlio motto, che tutti dicono così bella… e per essere che ci si conosce da due ore, l’inizio non è male: ga, il “local” (!?!) della valle, non perde occasione – fosse che fosse UNA volta che la azzecca! – per sbagliare strada. Ma porc… !! Vabbè. Una notte con il saccoapelo buttato sul prato sotto una stellata magnifica, è il benvenuto della valle per davide alla sua “prima volta” in zona… che in questa stagione diventa davvero magica, pochissima gente in giro, fresco al mattino… e una giornata stellare davanti a noi! Neanche il tempo di scaldarsi le dita, e via senza pensieri per un bel 7a+ su tacchette, che a settembre, a ovest, a 2800 metri diventa qualcosa che ha ben poco a che vedere con l’arrampicata… vabbè, primi metri primi scapaccioni… ma ci mancava solo il contrario! Al secondo tiro è il turno del Lungo – così noto non so perché, di sicuro non per l’altezza come si potrebbe immaginare, è solo 1,90! – che si sbarazza senza neanche accorgersene di un onesto 6b+. E’ il turno di ga, ”dritti per il muro rosso a tacche distanti“, diceva la guida dimenticandosi che anche gli spit non sono esattamente quel che si definisce ”a portata di mano“. Così, tra continui e inutili tentativi di scaldare le dita ibernate, e equilibrismi vari per non soccombere alla forza di gravità che incessantemente richiamava verso il basso anche in momenti poco opportuni, il losco individuo giunge in sosta strappando la libera in extremis, e ovviamente, appena in sosta, il sole arriva sulla parete. Malimortacci!!! Almeno il lungo si gode il successivo tiro… interessante pur nella sua brevità, e ga ancora si ritrova in mezzo a un tiraccio, di cui si libera con alcuni movimenti a metà tra l’arrampicata e il calcio saponato. Nel tiro successivo, il lungo sperimenta l’inscalabilità (totale!) di un paio di spit del tiro successivo (?!? Fantascienza… anni e anni di scalata, e non capirci una beneamata… ), ma si passeggia (…) il resto del tiro. Anche ga prova a passeggiare sui primi metri del tiro successivo, da molti evitato sulla destra… ma ga, si sa, non sa mai dire di no a due scapaccioni garantiti e a tasso zero! Di qui la scalata si fa più facile, in compenso l’ora comincia a farsi tarda… ci involiamo (…) sulla sommità del torrione, e neanche il tempo di dirlo – sono le sette! – e giù di corsa dopo esserci goduti qualche minuto la maestosità del posto e la giornata meravigliosa che ci ha accompagnato! Le doppie vanno via in fretta senza complicazioni, un po’ meno il rientro al rifugio al buio, ma insomma… è andata, grande giornata… e niente male, come prima via insieme…!

(palloso ma doveroso appunto tecnico) premetto: a) adoro le vie di motto b) normalmente le sue vie per me sono capolavori c) è stata comunque una bellissima giornata e mi sono divertito. Premesso ciò devo però dire che, rispetto allo ”standard motto“, qui ho trovato una chiodatura stranamente ”generosa“ (spit anche a fianco a fessure proteggibili), ma più di questo… due anni fa ho ripetuto Sturm und Drang, oggi questa via e… confermo la mia opinione in merito a quanto già avevo visto. Mi pare una via parecchio forzata, in molti punti si passa a pochi metri, in alcuni proprio a fianco… non so, nessuno dice niente in merito in giro, tutti a tessere grandi lodi… però a me personalmente, pur trovandola una bella via – leggi bella arrampicata, bella roccia, bella linea – mi ha lasciato un po’ perplesso per questi aspetti… e mi pare strano che nessuno ne dica niente… lo avesse fatto Grill lo avrebbero mangiato vivo… (fine appunto tecnico!).
Data: 15 settembre 2012

Diretta Ribaldone alla Torre Castello
GAP04-ribaldone_029

 

Diretta Ribaldone alla Torre Castello
“Allora… ok che ci conosciamo da poco, ok che già non mi sopporti più, ok tutto quanto. Però la settimana prossima compio 30 anni. Ora… a me farebbe pure piacere passare il compleanno con te, però… beh… sta un po’ a sentire, facciamo così: già che è il mio compleanno, lasci decidere me dove andare!” – “… ” – “Ok, allora so dove voglio andare!”.
Certo che ga, terrorizzato da una possibile frase “… voglio andare all’outlet di serravalle!” non sapeva proprio che dire. E francamente, l’alternativa “… voglio salire sulla Torre Castello, e passando dalla Ovest…” lo lasciava impietrito e incapace di intendere e di volere. Così, buttato di peso dentro alla macchina e trascinato ancora incredulo l’improbabile essere vivente nei pressi del parcheggio – alla buon’ora delle 11 e mezza, come veri finaleros doc! – ele comincia a scrutare il cielo. “Interessante… ma oggi non davano meteo ultrastabilemancounanuvoletta?!” – “… massì, lo davano un po’ tutti!” – “… ma tutte ste nuvolaglie, allora?!” – “… e vabbè, due nuvolette di passaggio!!!”. Infatti. Tiro numero 3, piovischia. Tiro numero 6, il casco comincia a emettere strani suoni… “Ele, ma la smetti di far sto casino?! Proprio ora ti devi mettere a scrivere a macchina?! … non puoi fare sicura a modo?!” – “Ehm… scusami hai ragione. Pensa che a prima vista avrei detto che stava grandinando, ma visto che i meteo che guardi tu sono infallibili è impossibile… dai, smetto di scrivere e ti faccio sicura a modo!”. Sarà come sarà, l’ultimo tiro sembrava quasi bagnato… mah, impossibile, chissà!
Arrivati in cima ga tira fuori dallo zaino una mini-sacher e la candelina… – oh, ma è un compleanno o no?!? – ed ele, giunta pure lei, dopo una ventina di minuti si accorge della mini torta… e spenta la candelina… ora si può festeggiare!
… buon compleanno, Ele!

Io l’ho vista così… (Ele)

Data: 18 giugno 2013

Via Deye-Peters alla Torre Madre dei Camosci
GAP04-DeyePeters-p1000406

 

Via Deye-Peters alla Torre Madre dei Camosci
Alpi Giulie, atto primo (e unico dell’anno). Dopo aver clamorosamente, al mattino presto, sbagliato non solo attacco della via ma più precisamente la parete – complimenti!!! – nei pressi delle sorgenti del Piave, altro viaggio della speranza per i nostri due intrepidi (…) eroi (…) che, raggiunto un quantitativo di chilometri ragguardevole, decidono di fermare la macchina e far due passi a piedi, direzione: rifugio pellarini. Destinazione: ignota, ma con in (una) mano la guida dei monti d’italia delle giulie occidentali (affarone: 35 euro per un libricino aggiornato al 1974… e nell’altra i polmoni di ele, in evidente quanto avanzato stato di decomposizione dopo l’avvicinamento al rifugio. Nel quale, onestamente, non veniamo trattati esattamente come dei signori – ma forse nemmeno lo siamo, e nemmeno lo pretendevamo -; e con ciò senza neanche averla iniziata, polemica terminata… ma di sicuro, per quanto mi riguarda, va in quell’elenco di rifugi che ognuno di noi ha, dove magari, se si può evitare di tornare… E peccato, tra l’altro, perché il posto è veramente fantastico, l’ambiente è magico, queste tre paretone lì davanti, imponenti e maestose, sono davvero da copertina!
Un po’ meno da copertina, è l’avvicinamento a questo bellissimo spigolo; nessuna traccia, e dritti per ghiaini ed erbetta. Piacevole, direte voi. Spiacevole, dirà ga mezzora dopo quando tornerà giù e poi di nuovo su all’attacco, con speranze misere di ritrovare la dispersa macchina fotografica: le possibilità di ripassare sullo stesso percorso seguito all’andata su un terreno simile, sono talmente misere da sembrare le possibilità che un pregiudicato finisca in carcere o ai servizi sociali entro una dozzina d’anni dalla sua condanna definitiva in terzo grado. Sempre che quei dieci milioni di sassi che ci sono lungo l’avvicinamento, non siano anche loro paragonabili ai dieci milioni di elettori del pregiudicato in questione; in tal caso, a detta di alcuni pare che sia ampiamente giustificabile un eventuale ritrovamento della mia macchina digitale!
Insomma che, in ritardo di un’oretta e con ele ibernata ad attendere il mio infruttuoso ritorno, siamo pronti a partire. Dopo aver rischiato di venire inghiottiti dal nevaio, e il momento di prendersi le bollite per allenarsi all’inverno: una a testa, palla al centro. Raggiungiamo in breve i due tipi partiti davanti a noi, e ga comincia a spazientirsi, non tanto per il fatto che i tipi facciano OGNI sosta che trovano (10,20,30,40metri di corda fuori che siano!), quando perché la signora è altamente scortese e non apprezza la compagnia di ga in sosta. Capisce poi solo più tardi, quando il tipo dice “you are a speed climber! If you want, probably it’s better if you go ahead, so you can find the way quickly and we follow you!”. Pensiero carino… ma… all’impazienza della tipa, e al suo continuo muoversi in sosta, e farfugliare cose, ga finora non aveva collegato nulla. Salvo quando, poco dopo, la signora gentilmente si sfila l’imbrago, e al grido di “I’ve got to go to the toilet!!!!!” si infila correndo nel camino, ed espleta, diciamo così, le sue ‘funzioni vitali’. Ga avrebbe ben altro modo di definirle, ma il risultato finale è uno stordimento tale da rendere ga totalmente inerme. La faccia di ele ormai a pochi metri dalla sosta, nel frattempo, è da manuale… Ripreso dallo choc, ga comincia a macinare metri al motto di “siamo in ritardo!”, e in breve (…), i nostri due sopraggiungono – vivi! – alla Cengia degli Dei. Cosa non esattamente scontata, senza contare che poi, giungeranno vivi – ele compresa, e ciò è notizia curiosa! – anche dalla discesa per la banalissima gola nord-est…
Data: 22 agosto 2013

 

R4 all’avventura al Pic de Sagneres
Prima del racconto inseriamo le presentazioni dei due compagni di Gabriele:

GAP04-micky

 

Micky (Michele Fanni)
Validissimo rappresentante della stirpe Fanni – e chi conosce Paolo Fanni, sa bene a cosa ci riferiamo. Calmo e silenzioso, se lontano dalla sua chitarra elettrica (che strimpella in maniera dignitosa con un manipolo di soggetti borderline, da lui stesso più comodamente definiti “gruppo”), ovunque si trovi: sulle placche più levigate come sugli strapiombi più accentuati. Tanto silenzioso che a volte facendogli sicurezza ci si dimentica di averlo attaccato al reverso. E, come il fratello, nello stesso tempo lui tende a dimenticarsi che, destino vuole, in questo continente il sole ha la brutta abitudine di tramontare, verso sera. Il suo atteggiamento ieratico può a volte esser scambiato per menefreghismo, ma non fatevi ingannare! Una volta su una via, pochi metri sopra ad un amico (di quelli con le camme!) abbarbicato ad un´unica presa ormai da minuti con avambracci gonfi e faccia implorante, Michele si volta e fa “Dai eh!” e riprende per la sua via… Alla sua scarsa dimestichezza con nut e friend sopperisce con una dose impareggiabile di sangue freddo. Memorabile il suo commento dopo essere uscito da il camino di 20 metri di VI improteggibile sulla Sinfonia dei Mulini a vento all’Aguglia di Goloritzé: “Ma Lo! A cosa servono tutte queste cianfrusaglie che mi hai appeso sull´imbrago? Mi danno solo fastidio!” . Probabilmente soltanto la pigrizia gli impedirà di diventare un grande alpinista. Una delle sue massime preferite, “Ma perché devo riassettare il letto se già stasera ci torno a dormire?”, viene captata da ga nell’ultima uscita GAP su roccia del 2010, e per questo viene scaraventato giù dal letto a orari improbi, e trascinato su una via di roccia dalla fama non certo di una via “facile”, patendo le pene dell’inferno. Non più tardi di un anno dopo, terrorizzato all’idea di trovare nuovamente così lungo, arriva all’appuntamento, ormai tradizionale, con l’ultima scalata su roccia dell’anno dopo un’intensa preparazione atletica, e sfodera prestazioni lasciando ga allibito. Definito dalla critica più severa “Soffice, pungente, sobrio. Criptico.”

GAP04-fulvio

 

Fulvio Scotto
Una delle leggende (viventi!) dell’alpinismo piemontese. Parlare del suo immenso curriculum con ricky, sarebbe come tentare di parlare di politica con flavia vento. Uno spreco. Un’enciclopedia universale dell’alpinismo. Quando gli chiedi informazioni su una via, lui l’ha già fatta, e sempre (ma come sarà mai possibile?) “25 anni fa”. Nel mezzo non se ne sa nulla. Di sicuro tantissimo alpinismo esplorativo nelle valli del cuneese, duemilaseicentotredici nuove vie sul Monte Matto, oramai la sua seconda casa. Tra le grandi classiche che hanno fatto la storia, gli manca la walker alle jorasses (toh, manca anche a me… ), sempre rimandata perché “… c’è così tante belle cose da fare, che tutto non si riesce!”. Se lo incontrate, alla vostra domanda “quanto ci vorrà ad arrivare all’attacco?”, usate la seguente tabella di conversione: “un’oretta” -> “1h30′ (senza zaino) su faticosissimo pendio di sfasciumi” – “due ore” -> “2h fino al bivio da cui parte il sentiero vero e proprio” – “due ore buone” -> “3 ore e trenta – 4 ore”, e via dicendo. Unico oggetto assolutamente indispensabile in sua presenza: la frontale. Le speranze di ritornare con il chiaro è inutile portarsele nello zaino. E’ l’unica persona che io abbia mai avuto modo di conoscere in grado di salire appendendosi al fiffi ogni spit sul 6a a boragni, e ripetere pilone centrale, pilier d’angle, pilastro rosso (giusto per far tre nomi…), aprire una via nuova in solitaria sulla nord del corno e la diretta allo scarason, fare la prima solitaria al bric camoscere, la prima invernale di Ge.La.Mo. al Corno Stella…

R4 all’avventura al Pic de Sagneres
GAP04-r4_001
… come cambia, a volte, la percezione del tempo e dello spazio. Secondo tiro di questa improbabile linea nuova, ga comincia ad essere sopra l’ultima protezione (vabbè, un microfriend malmesso, d’altronde, rientra in quella categoria comunque!) un paio di metri, tre, quattro, cinque… ci prova in tutti i modi a piazzare qualcosa, ci son piccolissime fessure ovunque, si riuscirà a mettere la prima protezione decente di sto tiro… macché, cieche. Tutte, cieche! Il chiodino, la lametta, entra bene 1 cm, e poi “sdlen, sdlen, sdlen”… niente! E poi ci si lamenta della roccia marcia… avercene! … che poi sulla roccia compattissima, come qui, non ci son nemmeno spaccature, fessure, blocchi da tenere… c’è solo un placcone liscio, bellissimo, certo… con gli spit. Senza, ancora più bello. Però, per raccontarlo, manca ancora un misero metro! … incredibile quanto ci possa volere a prendere il coraggio e fare un misero metro quando la protezione è ‘laggiù’ e per giunta pessima, e quanto invece ci vorrebbe se qui ci fosse uno spit. Ma non c’è, e non ci deve essere… o almeno, questo è il nostro ‘gioco’, queste sono le mie, le nostre, regole. L’avventura è anche questo, in fondo. Non siamo mica qui perché ce l’ha ordinato il medico, d’altra parte. E neanche per consegnare ai (quanto mai ipotetici) ripetitori una via che oggi si ama definire “plaisir”! Questa è la nostra linea, e questo è il nostro compromesso… si passa con ciò che la natura offre, se non si passa… si torna a casa e magari un giorno qualcuno più forte, più motivato, più coraggioso sarà in grado di passarci… oggi ci siamo noi, e ci proveremo fino alla fine! Comunque alla fine l’istinto di sopravvivenza ha la meglio, e la pellaccia, anche oggi, forse la portiamo a casa… Infatti, un metro più in su e a sinistra, ga vede una fessura… si sposta, riesce ad abbrancarla, e pur con un liscione al posto dei comuni appoggi per i piedi, c’è una certezza: dovranno passare sul suo cadavere, per togliergli dalle dita quell’unica presa buona!!! … nonché l’unico posto, dopo venti metri, per mettere una protezione degna di questo nome. E infatti, ga non si lascia certo sfuggire l’occasione e si trasforma nel kebabbaro della situazione, e comincia a farcire la fessura con tutto quel che ha sull’imbrago: sei friends, nove nuts, cinque chiodi, tre tricam, due cunei. Ecco, ora si può continuare… Svuotato di un po’ di peso inutile, e aiutato dalle difficoltà un pochino più consone, riesce a fare anche i successivi quindici metri e a mettere una seria ipoteca sul risultato finale. “Da qui dovrebbe essere tutto più semplice!”, diceva infatti. E i due tiri successivi, con due tratti di VII-, non fungevano altro che da certificazione che l’ottimismo di ga era – come sempre – malriposto. Ma poi per la legge dei grandi numeri la parete comincia ad essere un po’ meno ostile, e con altri due tiri un po’ più gestibili, la cresta è raggiunta! Per tutto il tempo, tiro dopo tiro, ci siamo chiesti: “ma riusciremo a passare?!”… e solo qui, sulla cresta, ci rendiamo conto che alla fine, abbiamo sconfitto il nostro piccolo drago! Avventura bellissima, e stile come piace a noi… indimenticabile!
Data: 4 settembre 2013

Via dei Cencenighesi alla Terza Pala di San Lucano
GAP04-Cencenighesi-p1050946

 

Via dei Cencenighesi alla Terza Pala di San Lucano
“dottore, non sto bene, mi sento di aver voglia di scappare un po’, di fuggire lontano, di prendere aria… cos’ho secondo lei?”. Lo controllò ovunque, pressione, battiti, saturazione, test dei riflessi, tutto… finché la sentenza fu “direi che non ci sono dubbi, il quadro clinico è completo e non lascia adito a ripensamenti, signor ga: astinenza da Pale!”. Ma in fondo ga lo sapeva bene, e così, alla proposta di ector di andare a ricordarsi cosa voleva dire cacciarsi nelle grane, fu ga a proporre: “… ma questa forse ancora irripetuta via del de biasio, se ne sa qualcosa?!”. Non se ne sapeva niente, ovviamente, perché andarsi a cacciare su di là non è certo per gente con la testa sulle spalle. E infatti, verso settembre quando la malinconia incomincia un po’ a prendere il sopravvento e si sente l’autunno che ti entra piano piano nelle ossa, i due decidono di andare a vedere questa stranissima linea che a furia di infiniti ed esposti traversi vince la grandiosa e all’apparenza inespugnabile fortezza della terza pala… vista “diqquà”, dove non batte il sole, dove il per nulla ospitale boral spedisce alitate di vento gelido e umido. Dove il traverso erboso per andare a prendere il boral ti lascia il segno. Dove nel giro di 10 minuti incominci a capire cos’è il IV de biasio, scuola massarotto. E ne hai la certezza quando ricominci, poco sopra, a traversare, a traversare, a traversare infinitamente trovando l’unica linea di debolezza… con grande coraggio e astuzia, e poi il difficile camino, e poi ancora, ancora, ancora… e una bella cengia da bivacco, di quelle con ogni comfort, di quelle da signori, di quelle che pensi che se non fossero così lontane, qui ci verresti a dormire più spesso. Un meraviglioso palcoscenico sulla valle, e la tranquillità che da qui, almeno, le grandi difficoltà sono finite. In salita. Rimane poi un giorno intero per l’ultima parte di via, la risalita in cima alla Terza, e poi l’espostissima Cresta di Milarepa, meravigliosa e aerea traversata che porta in un paio d’ore allo spiz… e da lì, ancora l’infinita e lunghissima discesa, con due bivacchi alle spalle e sulle spalle due zainoni, due giorni intensi e senza un attimo di respiro, solito viaggio eterno, avvicinamento faticosissimo e mai stupido, scalata delicata, tecnica e psicologica in un ambiente che, diciamocela tutta, non fa di tutto per metterti a tuo agio. Qui dentro, sulla nord della terza, sembra veramente di essere in un altro mondo, tutto verticale, tutto strapiombante, il boral, i prati verticali, la roccia così così, i traversi, l’esposizione, la discesa infinita e ben lungi dall’essere un comodo sentiero, l’essere e il sentirsi – e un po’ anche vivere – veramente in un mondo a parte. E’ probabilmente il posto delle Pale dove abbiamo vissuto forse con più ‘paura’, schiacciati dall’ambiente e dall’ingaggio. Ma non era paura, era quel misto tra paura e felicità… felicità di essere proprio qui, ‘selvaggi’ e senza mai fermarci nel farci la solita e impossibile domanda… “ma perché?!”. La cosa bella di questa domanda è la risposta, che non vi diamo… è tutta in un abbraccio, alle dieci di sera del terzo giorno, quando il telecomando della macchina fa il suo dovere dopo tre giorni a riposare in fondo al sacco. C’è poco da aggiungere… le pale lasciano sempre un sapore tutto particolare, che solo chi ha provato può capire… insieme forse a chi non ha provato, ma ama davvero l’avventura e il vivere a fondo le giornate. Come ci ha detto il buon De Biasio quando gli abbiamo voluto raccontare che abbiamo provato a seguire le sue tracce, “Bravissimi, ragazzi! … ma proprio lì dovevate andarvi a cacciare…?”… Eh già, dopo aver vissuto quest’avventura come dargli torto… ma la terza ci mancava… ora manca solo la seconda, prima di dedicarsi “all’altro lato”! … arrivederci cencenighe… al prossimo attacco di astinenza da pale!
Data: 23 settembre 2013

Diedro del Terrore alla Parete dei Militi
GAP04-terrore_089

 

Diedro del Terrore alla Parete dei Militi
Ehi liviell… domani hai voglia di fare un giro in montagna insieme?!” – “… dai ga, grazie… e perché no?! … hai qualche idea?!” (ndr: domanda stupida) “mah, sì, in effetti un’idea ce l’avrei… una roba tranquilla, avvicinamento brevissimo, 6b massimo… ” – “figo! Cos’è?!” – “… il diedro del terrore!” – “… ”
E fu sera, e fu mattina. Dopo il massacrante avvicinamento di sette minuti scarsi, l’orrida parete è presto raggiunta. Ele prova subito a trasformare il “diedro del terrore” in “diedro del panico”; i risultati ve li lascio immaginare. Certo è che partire con un tiro di V+ in traverso non è il massimo, ma sui quattro rumeghi successivi di III+ ele non manca di far notare a ga che la sua via ideale è una via di una dozzina di tiri simili… che a voler vedere, è un po’ come dire che la parte bella del pesce è quella dalla cengia in su…
Da qui in poi la parete si verticalizza, e dopo un primo curioso boulder in cui la tacca buona per il piede risulta unta (…?!?) e uscita su terra buona per piantarci il basilico, ga comincia la rissa con un’osticissima fessura ad incastro: inutile dire chi avrà la meglio. Viene poi il tiro chiave, su cui si è letto e scritto di tutto: a ognuno la propria visione della vita e della scalata, però rifletterei sulla frase di elena “… ma questa non è roccia marcia!!!”… che è tutto dire… Le protezioni sul tiro comunque sono più “di quantità” che “di qualità”, ga decide di non testarle così come decide saggiamente di non perdersi come avevano fatto gli amici filippo e saverio, e allora via facile sul bel traversone che porta fuori dal diedro, e che con un ultimo simpatico tratto siamo al bosco e alla terraferma… e contenti di aver salito questo bel vione storico, che prima o poi… andava fatto!
Data: 7 giugno 2014

Demetrio Stratos alla Vetta Occidentale del Corno Grande (Gran Sasso)
GAP04-stratos_094

 

Demetrio Stratos alla Vetta Occidentale del Corno Grande (Gran Sasso)
“… eccola, ele! Dev’essere la distesa di campo imperatore! Che figo sto posto!” – “Stupendo! Ma è enorme!”. E tutto ciò per scoprire che quello che vedevamo era solamente l’inizio, di quella distesa… e il cartello “campo imperatore 20 km” non faceva che confermare l’immensità di questo posto unico. Girovagando con gli occhi un po’ stralunati, finiamo per non renderci conto che alla fin fine, dopo due ore di macchina… non siamo che, in linea d’aria, a un paio di km da dove siamo partiti… Eppure il mondo qui sembra diverso, non c’è una funivia che sale in mezzo ai monti, e dall’Osservatorio in su si respira un’atmosfera diversa. E’ mattina presto, saliamo in mezzo alla nebbia e alle nuvole basse senza ancora vedere dove andremo, e non par vero – vista la distanza così minima in linea d’aria! – di essere sulla stessa montagna dei giorni scorsi. Ce ne rendiamo facilmente conto solo perché anche qui non piove, mentre dal nord giungono catastrofici messaggi da mittenti sconosciuti, “dolomiti allagate!”. E noi siamo qui, in mezzo alla nebbia ora, ma da una settimana qui e senza aver ancora preso una goccia d’acqua…
Appena giunti alla spalla sotto la parete, le nuvole si diradano, la nebbia è quasi interamente sotto di noi, e questo è un posto meraviglioso perché non c’è nessuno, siamo soli e qui, forse, c’è il vero fascino del gran sasso. Tra l’altro, chissà perché ga (come peraltro diversi altri sciamannati) definisce “affascinanti” tutti i posti dove la roccia lascia a desiderare. Come se fosse affascinante vedere la parete che crolla a pezzi. Boh! In mezzo a tutte queste romantiche riflessioni e visioni della vita, ga ed ele si dimenticano che siamo qui per scalare. Glielo ricorda bruscamente il nostro fratello (yo’, yo’, brò!) Matteo, giovane falesista del nord cacciato sulle rogne dal suo fido socio Jack, che in sosta osserva divertito finché non tocca a lui infilarsi nella famosa fessura che caratterizza la via. Quando è il turno di ga, ovviamente il sole va via, lasciando la nebbia a inumidire le ossa e a rinfrescare gli animi; meno male, così ga evita di venire alle mani con l’ostica fessura, e in carenza di materiale opportuno, si regala un simpatico runout, come se non ne avesse già abbastanza di corse affannose per giungere intero in sosta senza dover ricorrere alla dentiera per il resto della sua vita. Ele segue cantando. Si, cantando: ed è tutto dire!! Al terzo tiro sembrano esserci frigoriferi classe A in offerta e Bro’ decide di portarne uno a casa, il meno ingombrante per ovvie ragioni, ma nel goffo tentativo di metterlo nello zainetto lo fa cadere rovinosamente a terra, e di lì al ghiaione basale il tragitto è breve; e poco dopo ga, sul quintomeno, rischia di piantarci una randa tale da riuscire probabilmente ad arrivare e recuperare almeno il cestello, e cominciare il primo lavaggio con i suoi boxer. Ancora un tiro al supermercato in mezzo alle grandi offerte sugli elettrodomestici e protezioni rarefatte come l’ossigeno in quota, e poi via via più facile sino alla cima del corno grande… che vista da quassù! … nebbia. Ovunque ci si giri… nebbia! Per puro sbaglio riusciamo a vedere dei ragazzi in cima senza scontrarci, e poi è il momento di quattro chiacchiere e della lunga discesa. Oggi beh, non possiamo certo dire di aver visto la roccia delle Spalle e non abbiamo sicuramente goduto delle comodità dei Prati di Tivo; ma forse, abbiamo visto una piccola ma sicuramente affascinante parte della vera anima del Gran Sasso!
Data: 17 agosto 2014

 

Nel luglio 2016 Gabriele si è fatto male alle isole Faroe. Questo è quello che ha scritto in via di guarigione:
“Qualcuno in questi giorni mi ha detto che son stato sfortunato… ma forse era solo per cercare di consolarmi del fatto di ritrovarmi così accartocciato e con una dozzina di arti sparsi per il corpo alla ricerca di un’identità.

Per qualche momento, forse, ammetto di averlo pensato anche io. Mentre mi caricavano sull’elicottero, devo averlo pensato. Devo averlo pensato anche quando poco dopo in ospedale hanno cominciato a imbottirmi di morfina come il tacchino di cibo le settimane prima del Giorno del Ringraziamento.

Si, forse l’ho pensato per davvero di aver avuto sfiga. Ci ho creduto. Mi è sembrata un’ottima scusa a poco prezzo.

Secondo questa teoria oggi, ancora con i miei bei problemi a dieci giorni dall’incidente, non dovrei poter essere qui a scrivere…invece, con una mano sola al momento, ma sto scrivendo. Riesco a formulare frasi di senso compiuto… o meglio, riesco a formulare frasi come prima di dieci giorni fa…sul senso compiuto meglio non esprimere giudizi. Riesco a sorridere e a fare smorfie di dolore, riesco a lamentarmi, riesco a ricordarmi che ho ancora dei sogni, riesco a rispondere più o meno a tono alle menate di belino dei miei amici, riesco anche se ancora con un pò di fatica a stare in piedi e a camminare, riesco a rivedere un pò del bel materiale video realizzato in quel poco tempo, in quel posto che mi è rimasto nel cuore… in fondo ero lì anche per quello. Quasi riesco già a vestirmi da solo, con l’aiuto di una corda legata all’armadio pur con qualche sforzo riesco anche ad alzarmi da solo dal letto, insomma: questa è sfortuna?

Visto quello che è successo e a come poteva andare, io la chiamo invece FORTUNA. E infatti, sono fortunato ad essere qua!

Le cose succedono, la vita va avanti. Passerà ancora un pò di tempo prima di poter tornare “come nuovo”, ma… succederà. Non è straordinario? Poteva succedere qui, è successo là… cosa cambia? I soldi spesi per l’assistenza sanitaria? Il fatto di dover interagire in inglese piuttosto che in italiano? Che la terapia intensiva là si chiami intensive care come qualche deodorante che vendono al supermercato? Non cambia niente: sono VIVO!

Grazie – ma veramente! – a tutti quelli che in questi giorni si sono fatti vivi, che mi hanno chiamato, che mi hanno scritto, che son passati a tenermi compagnia, e a quelli che han promesso che passeranno a darmi un abbraccio perchè hanno veramente piacere di farlo: grazie di cuore, non me lo aspettavo!

In primo piano, Gabriele alle Faroe
GoAidAPitch-4-IsoleFaroe-13923598_1568418693463284_8473024229340997377_o