Posted on Lascia un commento

La Patagonia è…

Appena rientrato da un lungo viaggio di 70 giorni in terra australe, Francesco Franz Salvaterra (di Tione) ha messo su carta le sue prime impressioni. E, come dice Marcello Cominetti, “è riuscito a condensare in poche righe la vera essenza di un viaggio in quei posti…”.

Nonostante i suoi 25 anni, Franz si può considerare un veterano di quei posti. Oltre ad avere salito molte cime, aperto vie non facili e bazzicato posti insoliti, Franz ha saputo spingersi a piedi dove di solito gli alpinisti non vanno, vivendo una Patagonia che più autentica non si può.

Francesco Franz Salvaterra
SalvaterraFRisale al 2011 la prima esperienza di Franz, quando gli amici Massimo Faletti (di Povo) e Hans Martin Götz (di Arco) lo invitano a salire il Fitz Roy per una via poco ripetuta. La spedizione ha successo, ma in discesa un sasso ha colpito alla spalla Faletti. I tre riescono a scendere, 13 ore per arrivare a El Chaltèn: ed è Franz a caricarsi dello zaino e dell’equipaggiamento del compagno ferito.

Nel 2013 Franz va con Ermanno Salvaterra, Tomas Franchini e Paolo Grisa a tentare la parete ovest del Cerro Egger, inviolata. Il gruppo progredisce ben alto in parete, poi è costretto al ritorno.

La stessa formazione (con la sostituzione di Nicola Binelli a Paolo Grisa) ritenta nel 2014 la Ovest del Cerro Egger. Il tentativo viene interrotto a causa della pericolosità dell’itinerario, sottoposto alle continue scariche del fungo di ghiaccio che copre la vetta. Scherzando il “vecchio” “Erman” sostiene che se fosse stato per lui sarebbe andato avanti, tanto la sua vita l’ha già vissuta: ma i compagni (tutti ben più giovani) non erano tanto d’accordo…
Io, Tomas e Nicola ci siamo lanciati sul vergine primo pilastro del Domo Blanco – racconta Francesco Salvaterra su Facebook il 6 ottobre 2015 – è stata una giornata stupenda di puro “andinismo free style” per tutto il giorno ci siamo ingaggiati su stupende e difficili fessure di ottimo granito collegate da piccanti sezioni di misto dove abbiamo scalato con un po’ tutti gli abbinamenti: scarponi-piccozze, ramponi-mani, scarpette e piccozze, ecc. in libera e A0 spinti perchè mancano le staffe. Purtroppo abbiamo un po’ sottovalutato le difficoltà, siamo partiti tardi e con pochi friend, la vetta era vicina ma ci si prospettavano delle dure fessure off-with e con le ultime luci abbiamo deciso di scendere. Io devo tornare ma Nicola e Tomas certamente finiranno l’opera portando in vetta i Rampegaroi!”.

Infine Francesco Salvaterra, il 14 dicembre 2015, assieme a Marcello Cominetti e Massimo Lucco, raggiunge la vetta del Cerro Torre per la via dei Ragni.
Cominetti è una delle Guide Alpine più preparate sulla Patagonia, ed è la prima Guida Alpina Italiana (e la terza al mondo) a scalare questa iconica montagna insieme a un cliente, Massimo.

 

La Patagonia è…
di Francesco Franz Salvaterra
Questo scritto è apparso il 10 febbraio 2015 su http://marcellocominetti.blogspot.it/

Cosa è per me la Patagonia?
Quando si torna a casa, alle domande “Com’è andata?”, ”Cos’hai fatto?”, la risposta potrebbe essere: cime scalate, posti visitati, fatti. La Patagonia che ho conosciuto questa volta e negli ultimi cinque anni per me però non è questo, o perlomeno non solo. Quando domandi al turista di dieci giorni cosa ha fatto in Patagonia dice: “Sono andato a El Calafate a vedere il Perito Moreno, a El Chaltèn e a Ushuahia, molto bello ma non capisco come mai dicono che in Patagonia faccia sempre brutto tempo”. “Vedere” però non è “vivere” un luogo, per viverlo ci vuole calma e tempo, giornate dove “non si fa niente”. Leggete Idle days in Patagonia di William Henry Hudson per credere di più.

Per me La Patagonia è una mezcla di emozioni e sensazioni sulla pelle, di vento che ti abbatte nel fisico e nel morale. La Patagonia sono le intere giornate passate al riparo del rifugio Piedra del Fraile o chiusi nel sacco a pelo, in tenda, facendo gli “hombre larva” mentre fuori imperversa la tempesta e la pioggia scende (o sale?!) orizzontale. Durante le quali si conversa, si legge, ci si perde nei propri pensieri o semplicemente non si fa nulla.

La Patagonia è un ritorno all’essenzialità, è lasciare a casa più cose possibili, costretti dal fatto che bisogna portarsi tutto sulle spalle. Per una volta è vincere contro questo fottuto consumismo che ci bombarda la mente di necessità inesistenti, di bisogni artificiali, mentre alla fine quello che veramente ti serve nello zaino è solo un po’ di cibo, una giacca e un sacco a pelo, e dopo un paio di zaini mal calcolati si impara a lasciare a casa anche il terrore di ogni guida alpina che lavora con i trekking: lo stramaledetto“beauty”.

Ai piedi della loro via al Domo Blanco, Tomas Franchini, Nicola Binelli e Francesco Salvaterra
SalvaterraF-original_photo_17149La Patagonia sono i pomeriggi di riposo o attesa passati seduti sulle sedie di legno dell’ostello Rancho Grande, scambiandosi opinioni sulla qualità del lato B delle signorine che varcano la porta d’entrata.

La Patagonia è l’adrenalina che sale dandoti forza e concentrazione mentre scali un tiro di misto difficile, con le piccozze che grattano frenetiche a trovare qualcosa di solido su cui agganciarsi. Dove l’ultima protezione comincia ad allontanarsi e sai che se ti fai male non puoi chiamare il 118, dove tu e il tuo compagno (che a volte hai conosciuto due giorni prima) siete soli e, se te la sei portata, ti domandi se la radio funzionerà.

La Patagonia sono i bivacchi sotto le stelle con la giacca infilata nella custodia del sacco a pelo come cuscino, tra il russare altalenante dei tuoi compagni e il fragore occasionale di un seracco che rovina giù per qualche canalone. Sono le buste di comida disidratata che, nonostante la scritta, hanno tutte lo stesso sapore, in relazione alla fame, generalmente squisito.

SalvaterraF-original_photo_17152

La Patagonia è la felicità e soddisfazione di calcare con i piedi il punto più alto di una montagna o la frustrazione mista al senso di sollievo che ti pervade quando invece decidi che è meglio scendere, quando getti la spugna per paura, e quando, il giorno dopo, ti ritrovi al sicuro con i piedi sotto la tavola di un bar e ti domandi se sei sceso perché andava fatto o perché sei un cagasotto, però di fatto, se puoi domandartelo è perché sei ancora vivo.

La Patagonia sono le amicizie strette con personaggi di tutti i tipi e nazionalità, dove la novità e intensità delle emozioni vissute assieme fanno in modo che queste amicizie durino più di quanto si possa immaginare. E’ conversazioni in stentato inglese o castigliano maccheronico che costringono a strizzarsi il cervello, a mettersi in gioco.

14 dicembre 2015, Francesco Salvaterra è con Marcello Cominetti e Massimo Lucco in vetta al Cerro Torre
SalvaterraF-600px-cerro-torre-patagonia-14-dicembre2014

La Patagonia è il senso della “tierras de olvido” vissuto tra le estancias abbandonate a picco sul lago O’Higgins.

Soprattutto la Patagonia è camminare e camminare, in salita e discesa, in piano per chilometri, con lo zaino sempre pesante per tanto che ci si impegni a portare meno dello stretto indispensabile. E’ tornare in paese talmente stanco e prosciugato che ti dici “mai più”, ma già sotto il getto della doccia ti ritrovi a pensare a un nuovo progetto.

La Patagonia è la soddisfazione di permettere ad altri di vivere il fascino di luoghi che da soli non potrebbero raggiungere, è essere il primo della fila e decidere se risalire quella morena o stare nella valle, se accamparsi dietro quel precario muretto a secco o se camminare ancora tre ore per trovare un riparo migliore, se fare una doppia su quei due nut vecchiotti o cercare qualcosa di meglio. E anche se non è facile da capire (per me è difficile) a volte la Patagonia è mettere da parte la foga e le ambizioni e “lasciare che le cose accadano”, un po’ come lasciarsi portare dalla corrente limitandosi a dirigere la canoa senza remare come matti, tanto poco importa quale riva si va a lambire.

Sicuramente mi dimenticherò qualcuno ma vorrei ringraziare i tanti amici che mi hanno aiutato e con cui ho passato dei bei momenti, quindi grazie a:
Marcello Cominetti, per primo, perché ha creduto in me insegnandomi “l’arte” e pagandomi bene, e perché è simpatico. A Ines perché è una ragazza speciale e starle vicino mi fa star bene. A Guido che con la sua intelligenza mi ricorda che sono un ignorante, e perché non mi scorderò mai più la crema da sole. Ad Ajelen, a Tommy che è più argentino che italiano. A Papà per questo ritorno alle prime avventure, a Fabio per la serenità contagiosa. A Giovanna, Sandro, Andrea e Francesco per la bella esperienza sullo Hielo. A Max perché è un duro (non raccontare in giro la storia della headwall). Ad Arnaud Clavel e Luigi, a Rolo Garibotti e Doerte per la disponibilità e affidabilità. Ad Alejandra, Nicole, e Nuria. Ad Alessandro Bau e Claudia (complimenti per il loro roadtrip), a Doriano, Ivan e Manuel. A Tommy, Silvestro, Gianni, Aldo e Alejandra. Ad Adelicio Lagos, ultimo pioniere dell’estancia Cerro Colorado. A Carolina e alla “comision de rescate” di cui per fortuna non ho avuto bisogno, al personale dell’ hostel Rancho Grande, a Josè e Paci, a Natalia, a Markus, a Milena perché è bellissima, a Vincente, a Julian Casanova e Raphael per le doppie, a Sasha, Ignacio e il piccolo Firmin, i gentilissimi gestori del Rifugio Piedra del Fraile. A Sara e le sue compagne Veneziane.

Ai miei sponsor: Ferrino, Zamberlan, Climbing Tecnology e Lizard che vestendomi dalla testa ai piedi mi sollevano dal terribile onere di andare a fare shopping.

“Gracias a todos, nos vemos pronto!”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.