Posted on Lascia un commento

Le montagne e il profumo del mosto

Comincio subito con il confessare di aver letto l’ultimo libro di Alberto Paleari Le montagne e il profumo del mosto (MonteRosa edizioni, 2015) nel modo che trovo assai appropriato: durante le quotidiane sedute in bagno.

Non posso dire dunque di averlo letto “tutto d’un fiato”, ma posso testimoniare di non avergli infrapposto altra lettura fino alla fine.

Del resto, leggere in bagno è la rivincita, nei tempi odierni, che la carta stampata si prende sui testi a computer. Più che rivincita è l’ultimo baluardo di resistenza…

Questo libro mi ha definitivamente convinto della simpatia e della bravura dell’autore. Non che ne avessi bisogno, ma repetita juvant.

MontagneProfumoMosto-3067258
Il modo di scrivere di Paleari è quello dei grandi scrittori, giustamente distaccato, sintetico e pittorico solo quel tanto che basta per lasciare che la fantasia del lettore possa scatenarsi. Vorrei che fosse il registro anche di questa piccola recensione.

Nella generale penuria di aggettivi, non c’è alcun salto d’interesse tra montagna, vino, avventure e storie di famiglia, i quattro grandi temi di questo libro: anche se certamente non unici, quattro temi della vita di Paleari. Atmosfere ed episodi sono mescolati nell’unico modo letterario possibile, quello che ti trascina come una forte corrente nella vita interiore e nei ricordi dell’autore. Quello che ti fa riconoscere, con commozione, momenti tuoi similari, nella gioia finalmente di leggerli raccontati da un altro.

Sono grato a coloro che scrivono con distacco, perché hanno fatto un grande lavoro di sintesi tra materia del ricordo e sentimento.

C’è quella lievità che ti ricorda sempre che stai leggendo un ricordo emotivo, non dei fatti esposti in ordine ma senza regia.

C’è quella logica che ti fa accettare anche l’assurdo: può essere la logica della nonna o quella severa della montagna.

E’ la realtà, in ogni caso, a essere evocata e a imporsi nel tuo quotidiano. Con la forza del ricordo, che di natura è superiore alla forza dei fatti.

Un appassionato di montagna e di vino come me non può non riconoscersi nello spirito profondo di quest’autore. Anche per me la montagna e il vino devono sfuggire a ogni forma di catalogazione, quella brutta bestia che vorrebbe costringere la prima negli exploit sportivi e il secondo nei virtuosismi del degustatore titolato. Messi assieme, montagna e vino possono rappresentare l’intera vita di una persona, sono l’ambiente sacro in cui si sviluppa uno spirito, certificandone il senso, talvolta dandogli una direzione.

Alberto Paleari
MontagneProfumoMosto-Paleari Alberto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.