Posted on Lascia un commento

Sassolino nella scarpa

Sassolino nella scarpa
di Giacomo Rovida (apparso il 22 ottobre 2014 sul blog di Giacomo Rovida)

Chiedo scusa a tutti, quello che leggerete nelle prossime righe non vuole essere un’accusa ma semplicemente un atto d’amore verso ciò che più amo e che tanto mi ha donato.

Scrivendo questo testo non voglio assolutamente ostentare alcuna ragione assoluta ma solo dirvi come la penso, magari qualcuno poi la penserà come me.

Noto che nell’ambito “alpinismo” ci sia sempre di più una ricerca della “conquista facile”.

Sassolino-1459715_10201524453011525_401205184_n

Grazie a internet e alla diffusione delle notizie, le condizioni degli itinerari arrivano velocissime e si riesce, quasi sempre, a centrare l’obiettivo prefissato, si riesce insomma a vincere sempre.

Così ogni weekend tantissimi alpinisti si riversano nei soliti noti posti, magari dove si arriva con la funivia, e si mettono in coda l’uno dietro l’altro come fossero al supermercato o a pagare una bolletta, arrivano in cima e mettono il timbro sul cartellino e ritornano a casa.

Ieri su internet ho letto che su una via famosa c’erano 17 cordate: che senso ha?

17 cordate che magari vengono da posti diversi che sicuramente sono circondati da montagne bellissime e meno frequentate, spesso perché meno accessibili o semplicemente per l’incertezza del riuscirci; perché su certe montagne non c’è internet che detta le condizioni e devi andare con le tue gambe e vedere com’è e puoi rischiare di tornare a casa senza combinare niente.

Io credo fermamente che l’alpinismo sia avventura e che nell’avventura ci sia l’esperienza, base necessaria per crescere come persone.

L’alpinismo non è conquistare una cima, aprire una via difficile, fare la prima solitaria o la prima ripetizione; l’alpinismo è ogni giorno cercare di mettersi in gioco, esplorando ciò che ci circonda e lottando per provare le sensazioni più forti, le emozioni che lascino dentro di noi qualcosa di unico.

Per una volta forse dobbiamo tutti (io compreso, ripeto) provare a staccare internet e a lasciarci guidare dall’istinto, guardare le montagne intorno a noi e provare a immergerci davvero. Per una volta dobbiamo provare a camminare per ore nella neve e vedere che il canale che volevamo salire è in condizioni pietose, mangiarci un panino alla base e ridiscendere a valle ma continuare giorno per giorno a sognare.

Chissà, forse prima o poi quel canale sarà in condizioni e l’arrivare in cima (al di là delle difficoltà) sarà una delle esperienze più forti mai vissute, di sicuro avrete (avremo) meno bollini e meno mete conquistate ma una fame di avventura e un cuore gonfio di emozioni che valgono più di tutti i numeri che potrete incontrare, ve lo assicuro.

Qualcuno obietterà, qualcuno leggerà e dirà che sono un chiacchierone che “si tiene poco” e parla tanto, qualcun altro di sicuro avrà un idea migliore della mia.

Io però in tutto questo ci credo e finalmente sono contento di essermi tolto un sassolino dalla scarpa.

Giacomo Rovida

Sassolino-1621693_10203347717311993_6591903283291719881_n

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.