Posted on Lascia un commento

Studio psicofisico sulla graduazione delle difficoltà in arrampicata

Studio psicofisico sulla graduazione delle difficoltà in arrampicata
di Didier Delignière, Jean-Pierre Famose, Chantalle Thépaut-Mathie e Philippe Fleurance
(da International Journal of Sport Psychology, 24, 404-416)
Traduzione di Luca Calvi. Un grazie particolare a Lucio Cereatti.

In seguito all’evoluzione competitiva dell’arrampicata la Scala di Valutazione delle Difficoltà (SVD) ha assunto un ruolo centrale nell’organizzazione di quella attività. Tuttavia, questa scala si basa su meccanismi di valutazione e ben poco si sa della sua validità e delle proprietà metriche. Considerato che la SVD, storicamente, è stata elaborata partendo dall’accumulazione di giudizi di esperti, possiamo proporre l’assunto che le proprietà della SVD possano essere riferite ai processi di giudizio individuali. Allo scopo di verificare tale ipotesi è stato condotto un esperimento, al quale hanno partecipato 15 scalatori di alto livello. A questi è stato chiesto di effettuare 27 passaggi su una parete artificiale da arrampicata. Dopo ogni passaggio è stato chiesto loro di valutarne la difficoltà sulla base della SVD. Ai soggetti, inoltre, è stato chiesto di valutare, usando il metodo della stima delle grandezze, difficoltà, sforzo e precisione richiesta. Sono stati raccolti i dati elettromiografici a livello dell’arto superiore destro allo scopo di dare una valutazione oggettiva dello sforzo richiesto.

I risultati hanno mostrato che la valutazione diventa più precisa con l’aumentare della difficoltà. La SVD si presentava come una funzione logaritmica della difficoltà oggettiva e la difficoltà percepita come una funzione esponenziale della SVD. Questi risultati vengono discussi in relazione ai modelli psicologici di giudizio.

Qui il testo dello studio.

StudioValutazione

 

 

 

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.