Pubblicato il Lascia un commento

Giuseppe Miotti rinuncia al titolo di Guida Alpina

Giuseppe Popi Miotti, di Sondrio, Guida Alpina e Maestro d’Alpinismo a tutti gli effetti, anche se non facente parte (in seguito alle sue dimissioni di tre anni fa) del Collegio Regionale delle Guide Alpine Lombarde, ha preso una dolorosa decisione, quella di dimettersi ufficialmente dall’AGAI (Associazione Guide Alpine Italiane) e quindi rinunciare definitivamente al titolo di Guida Alpina e Maestro d’Alpinismo.
Le ragioni di questo gesto, condensate nella qui sotto riportata lettera di dimissioni all’attuale presidente dell’AGAI, Cesare Cesa Bianchi (in copia è anche il Collegio Regionale Guide Alpine Lombarde), sono state maturate da Miotti in un lungo periodo di tempo e dipendono dalla deriva che da anni sta prendendo la professione.

Giuseppe
Popi Miotti
Popi-123363
La misura è stata colmata con il recente patrocinio del Collegio Regionale Guide Alpine Lombarde alla manifestazione di freeride a Livigno (vedi
http://www.europeanfreeridefestival.com/it/guide-alpine-patrocina-european-freeride-festival ma anche http://www.europeanfreeridefestival.com/it/booking/heli-day (link in seguito rimosso, NdR), dove accondiscendenza incondizionata verso l’eliski e supina adesione all’imperante filosofia di una tanto proclamata quanto illusoria piena sicurezza, sbandierata a tutti i livelli, sono i ben riconoscibili elementi che provocano il totale distacco dalla figura di una guida alpina con carisma, provocato dalla rincorsa di una sedicente e per nulla seducente figura manageriale.

Popi
vede in questa decisione il solo modo che ha per provare, con poche speranze, a sensibilizzare la categoria e a fare baluginare orizzonti diversi. L’unica perplessità (invero relativa) è che tale gesto risulterebbe di scarso peso se non avesse adeguata diffusione, a parte la soddisfazione personale. Questo, secondo lui, potrebbe cozzare un po’ con la sua caratteriale riservatezza, quella che gli imporrebbe di “fare senza dire” (come ha sempre fatto), ma forse quando è troppo è troppo (e questo lo dico io).
 Popi-heli-day-450x450
 Ecco, qui di seguito, la lettera indirizzata a Cesare Cesa Bianchi:

Sondrio, 7 gennaio 2015

Caro Presidente,
alla luce di recenti avvenimenti che mi vedono totalmente alieno dalle posizioni ufficiali (vedi accondiscendenza verso l’eliski) e che considero un po’ come la goccia che fa traboccare il vaso,
comunico la mia decisione di consegnare all’AGAI il mio titolo di Guida Alpina e Maestro d’Alpinismo.
Le distanze che mi separano dall’impostazione che oggi viene data alla nostra figura professionale, sono ormai tali che a volte, lo confesso, mi trovo in imbarazzo nel dichiararmi Guida alpina.
Per me è un peso rinunciare ad un titolo che è stato ideale di alpinismo e di una montagna vissuta a 360°, col cuore ancor prima che con i mezzi tecnici.
Tuttavia ci sono momenti in cui le decisioni vanno prese senza badare troppo alle convenienze e ai sentimentalismi. Ritengo che questo sia uno di quelli.
Come ho già avuto modo di dire in più occasioni (vedi intervista sul magazine Uomini e Sport n. 9, nov. 2012), la direzione presa diverge molto dalle mie vedute, ma può darsi che sia quella giusta.
Non mi permetto di giudicare per altri, ma mi riservo la libertà di decidere per me stesso e quindi ecco il mio passo.
Cordialmente
Giuseppe Miotti


Popi-heliday

Pubblicato il Lascia un commento

Il nuovo sito internet delle guide alpine

Dal 22 luglio 2014 è on line il nuovo sito delle guide alpine, degli accompagnatori di media montagna e delle guide vulcanologiche. L’indirizzo rimane lo stesso: www.guidealpine.it, ma i contenuti sono stati rivisti, aggiornati e integrati al fine di fornire uno strumento di immediata lettura per tutti.
Ci si riferisce qui al sito del Collegio Nazionale Guide Alpine Italiane (CONAGAI), quello che racchiude in sé i quattordici collegi regionali e provinciali.

Il sito è dedicato a chi è già professionista, a chi vuole compiere i primi passi per avvicinarsi al nostro mondo e naturalmente al pubblico. Le tre foto qui sono riportate sono state scelte tra quelle a corredo del sito in questione.

Si sa che la grafica è sempre soggetta ai gusti soggettivi: a me personalmente piace, la trovo pulita e gradevole.

slide1-bg

Nella prima sezione, quella denominata “professione”, oltre al classico “chi siamo” vi sono delle evidenze, due delle quali davvero importanti.

Nella prima si dà una risposta al “perché una guida alpina”: Perché è l’unica figura professionale riconosciuta anche a livello internazionale che possiede una preparazione completa di elevato standard qualitativo per tutte le attività praticabili in montagna: dall’arrampicata allo scialpinismo, dal canyoning all’alpinismo classico.

Nella seconda evidenza per la prima volta viene affrontato il tema della gestione del rischio con quattro parole ben dette: Il rischio è insito nelle attività outdoor su terreni spesso scoscesi o innevati. Missione della guida alpina non è eliminare il rischio, perché ciò è impossibile, ma saperlo gestire e a insegnare a gestirlo ai propri compagni di viaggio.

Sempre nella prima sezione è la spiegazione di cosa è l’AGAI, l’Associazione nazionale delle guide che costituisce una sezione del Club Alpino Italiano. Si continua con l’ancor più classico ma necessario “un po’ di storia” delle Guide, essenziale.

Si prosegue con la descrizione delle varie figure professionali, Guida Alpina, Aspirante Guida Alpina, Accompagnatore di Media Montagna e Guida Vulcanologica, seguita da un’accurata esposizione di come vengono impostati e gestiti i corsi di formazione.

Nella seconda sezione, “organizzazione”, si esplicita il senso e l’utilità del Collegio Nazionale, poi si entra nel mondo dei Collegi regionali e provinciali, elencati in ordine e dotati di link per accedervi direttamente. Tutti i collegi regionali presentano, con vari stili e modalità, i loro albi professionali, a eccezione di Campania, Sicilia e Liguria. Queste due ultime addirittura non hanno un sito proprio e l’allacciamento è confinato a un indirizzo e-mail. Come dire: se proprio vi interessa, chiedete.

Segue il lungo elenco delle Scuole di Alpinismo, alcune davvero gloriose.

Poi si spiega cosa è l’UIAGM, l’Unione Internazionale Associazioni Guide Montagna. E infine è presente pure un’area riservata, accessibile solo con le credenziali, nella quale sono consultabili tutti i verbali dei consigli direttivi del Collegio nazionale e di AGAI, i lavori delle commissioni tecniche, i calendari dei corsi di formazione, le informazioni riguardo alle assicurazioni.

cominciare01

Nella terza sezione, “formazione” vi sono testi relativi alle tecniche di roccia, di ghiaccio, di scialpinismo e di sicurezza.

La quarta sezione infine è dedicata alle news e al blog. In particolare, ho trovato quest’ultimo al momento ben fornito, con argomenti vari di sicuro interesse. Vedremo con che continuità, ma di certo ne riprenderemo i contenuti più interessanti. Il link diretto è: http://www.guidealpine.it/blog/.

News e blog sono due finestre aperte sul mondo dei professionisti della montagna che necessitano del contributo di ognuno per diventare luogo di scambio di informazioni e di discussione sulle tematiche che stanno a cuore a tutti.

Al sito è associata la pagina facebook delle guide alpine.

SitoGuide-cominciare02

postato il 6 settembre 2014