Posted on Lascia un commento

Climbing girls 29

Mina Markovic. Foto: Heiko Wilhelm
ClimbingGirls-29-mina-markovic-womens-quali-2-innsbruck2012

Ignota, location ignota
ClimbingGirls-29-10333258_488180967990606_47204171974933ClimbingGirls-29-10707_o

Ignota, location ignota
ClimbingGirls-29-10338444_407513589390678_139145ClimbingGirls-29-1071677793487_o

Ignota, location ignota
ClimbingGirls-29-10404218_461797620628941_6735499992864740650_n

Ignota, location ignota
ClimbingGirls-29-10407068_444281385713898_6233614883875220849_n

Ignota, location ignota
ClimbingGirls-29-10421211_426855774123126_26ClimbingGirls-29-10627326993273177_n

Ignota, location ignota
ClimbingGirls-29-10446063_500145193460850_6661295095919493790_o

Ignota, location ignota
ClimbingGirls-29-10464014_436461869829183_9195803561660965383_n

Ignota, location ignota
ClimbingGirls-29-10533881_452228468252523_5984611890501633825_o

Ignota, location ignota
ClimbingGirls-29-10626624_460593390749364_6569013092013231395_n

Ignota, location ignota
ClimbingGirls-29-10676364_509467635861939_2767170091500239518_n

Ignota, location ignota
ClimbingGirls-29-10917941_524735334335169_2898583820064755473_o

Ignota, location ignota
ClimbingGirls-29-11083652_568614039947298_4354425366056875038_n

Ignota, location ignota
ClimbingGirls-29-11143176_596454147163287_6155490702075038267_n

Ignota, location ignota
ClimbingGirls-29-11427207_601854186623283_4299133141715798873_n

Ignota, location ignota
ClimbingGirls-29-11709779_615249238617ClimbingGirls-29-111_585369488704082814_n

Ignota, location ignota
ClimbingGirls-29-11875048_627827304025971_2028900159620394673_o

Lisa Jackson. Foto: Matthew Jordan Smith/Pottle Productions Inc
"The Girls Go Rock Climbing" -- The girls are left hanging in the air for an edgy fashion photo shoot on a rock-climbing wall, on America's Next Top Model on The CW. Pictured: Lisa Photo: Matthew Jordan Smith/Pottle Productions Inc ©2007 Pottle Productions Inc. All Rights Reserved.

Ana Marisa Correja a Carvoeiro Beach, Algarve, Portogallo
ClimbingGirls-29-AnaMarisaCorreja-CarvoeiroBeach,Algarve-Portogallo

Camille Masseran a Remigny, Francia. Foto: Samuel Challéat
ClimbingGirls-29-CamilleMasseran-Remigny,FranciaFotoSamuelChalléat7817905168_e811a30578_b
Jain Kim
ClimbingGirls-29-JainKim-251700_208129299222573_131164916919012_519512_6782224_n

Jain Kim
ClimbingGirls-29-Jain-Kim-Campeonato-Mundo-Escadala-Boulder-IFSC-2011-Arco-Foto-Diego-Patete

Katie Boué, location ignota. Foto: themorningfresh.com
ClimbingGirls-29-KatieBoué-DSC_8666

Katie Boué a Joey’s Valley. Foto: Andy Wickstrom
ClimbingGirls-29-KatieBoué-FotoAndyWickstrom-Joey'sValley

Katie Boué su Muir Valley, Red River Gorge, Kentucky. Foto: themorningfresh
ClimbingGirls-29-KatieBoué-MuirValley-RedRiverGorge-DSC_6149-2-1024x678

Melissa Le Nevé a Innsbruck, 2012    ClimbingGirls-29-melissa-le-neve-innsbruck-2012

Posted on Lascia un commento

Climbing girls 28

 

Daila Oljeda al Kalymnos Festival 2012. Foto: Ricky Felderer
ClimbingGirls-28-DailaOljeda-KalymnosFestival2012-FotoRickyFelderer

Ignota, location ignota
ClimbingGirls-28-486656_337510526390985_333851077_n

Ignota, location ignota
ClimbingGirls-28-604153_560670107408358_5150941140675460149_n

Ignota, location ignota
ClimbingGirls-28-1479250_347020332106671_699177336_n

Ignota, location ignota
ClimbingGirls-28-1512496_351904358284935_ClimbingGirls-28-1596120795_n

Ignota, location ignota
ClimbingGirls-28-1526662_350499601758744_1495435721_n

Ignota, location ignota
ClimbingGirls-28-10286834_403906963084674_3064653720947515199_o

Ignota, location ignota
ClimbingGirls-28-10305337_515249218617114_3023843224456143190_n

Un po’ di fiction con Tyra Banks. Foto: Matthew Jordan Smith/Pottle Productions Inc
"The Girls Go Rock Climbing" -- The girls are left hanging in the air for an edgy fashion photo shoot on a rock-climbing wall, on America's Next Top Model on The CW. Pictured: Ebony Photo: Matthew Jordan Smith/Pottle Productions Inc ©2007 Pottle Productions Inc. All Rights Reserved.

Jain Kim
ClimbingGirls-28-JainKim(Corea)-4-1

Jain Kim
ClimbingGirls-28-JainKim(Corea)Foto-IFSC and Eddie Fowke-The Circuit Climbing

Melissa Le Nevé su Wall Street (8c), Frankenjura. Foto: Scott Noy
ClimbingGirls-28-Melissa-le-Neve-Heelhook-Wall-Street-8c-Frankenjura-by-Scott-Noy-68

Rachel Moore, location ignota
ClimbingGirls-28-RachelMoore-unnamed-11

Ignota, location ignota
ClimbingGirls-28-tumblr_maa0lleLfM1rgw7bco1_500

Ignota, location ignota
ClimbingGirls-28-tumblr_mcaa8y1V881rf3p90o1_540

Ignota, location ignota
ClimbingGirls-28-tumblr_mg2lcov9MQ1rm0tofo1_500

Ignota, location ignota
ClimbingGirls-28-tumblr_mhxygniBb41rrfccno1_1280

Ignota, Chiang Mai, Thailandia
ClimbingGirls-28-tumblr_mibw0cvkJA1ru0bkzo1_1280

Ignota, location ignota
ClimbingGirls-28-tumblr_mjm414Tl8w1rgw7bco1_1280

Ignota, location ignota
ClimbingGirls-28-tumblr_mpfwg5Goio1r16d9jo1_500

Ignota, location ignota
ClimbingGirls-28-tumblr_mqlr8jgtt61rutjs6o1_1280

Ignota, location ignota
ClimbingGirls-28-tumblr_mqo3enEnvo1rutjs6o1_1280

Isabel Silva su Actopan, Messico. Foto: Marcos Ferro
ClimbingGirls-28-tumblr_mr119oiNRA1sozmlvo1_1280

Sasha DiGiulian, location ignota
ClimbingGirls-28-tumblr_mry8a8RZ7r1s3z3n5o1_1280

Ignota sulla Devil’s Tower, Wyoming
ClimbingGirls-28-tumblr_nr59lwlizl1rgw7bco1_1280

Whitney Bolland a El Chonta, Messico. Foto: Dustin Butcher                 ClimbingGirls-28-WhitneyBolland-ElChonta-FotoDustinButcher

Posted on Lascia un commento

Climbing girls 25

Ana Marisa Correia. Foto: José Carlos Sousa
ClimbingGirls-25-Ana-Marisa-Correia-FotoJoséCarlosSousa

Lauren Lee. Foto: David Clifford
ClimbingGirls-25-

Ana Marisa Correia
ClimbingGirls-25-Ana-Marisa-Correia-FotoJoséCarlosSousa-Portogallo1

Angelika Rainer su Kamasutra (D13+), Bus del Quai, Lago d’Iseo. Foto: Klaus Dell’Orto/Open Circle
ClimbingGirls-25-AngelikaRainer-KamaSutraD13+

Bethany Julka su Suffering Cats, Kitty Crag, Red Rocks, Nevada. Foto: Matt Kuehl
ClimbingGirls-25-BethanyJulka-SufferingCats-KittyCrag-RedRocks-Nevada.FotoMattKuehl

Carrie Cooper. Foto: David Clifford
ClimbingGirls-25-CarrieCooper-FotoDavidClifford

Duygu Yarsur a Citibi, Turchia. Foto: Sander Werelds
ClimbingGirls-25-Duygu Yarsur climbing in Citibi, Turkey. Foto Sander Werelds

Jain Kim
ClimbingGirls-25-JainKim(Corea)-cac4868128ad37f3e6f79ffb00dc94b6

Lindsay Gram su Synapse Collapse (5.11d), Cannabis Crag, Red Rocks, Nevada. Foto: Matt Kuehl
ClimbingGirls-25-LindsayGram-SynapseCollapse-5.11d-CannabisCrag-RedRocks-Nevada.FotoMattKuehl

Maja Vidmar
ClimbingGirls-25-maja-vidmar

Maja Vidmar
ClimbingGirls-25-MajaVidmar-674029143

Federica Mingolla a Valgiubola Bassa. Foto: Ludovica Galeazzi
ClimbingGirls-25-marche-Federica-Mingolla-Valgiubola-Bassa-Ph.Ludovica-Galeazzi

Mayan Smith-Gobat a Colorado National Monument. Foto: Jeremiah Watt
ClimbingGirls-25-Mayan Smith-Gobat, Colorado National Monument.FotoJeremiahWatt

María Fernanda Rodríguez Galván su Bomba H (5.14a), El Salto, Nuevo leon, Messico
ClimbingGirls-25-Mexicana, María Fernanda Rodríguez Galván-Bomba H-5.14a-El Salto

Mina Leslie-Wujastyk a Squamish, Canada
ClimbingGirls-25-mina leslie wujastyk-squamish, canada.

Mina Leslie-Wujastyk su Mecca (8b+), RavenTor, UK (settembre 2012). Foto: Nick Brown
ClimbingGirls-25-Mina Leslie-Wujastyk-1-Mecca-8b+,RavenTor,UK,set2012-FotoNickBrown

Mina Leslie-Wujastyk su Mecca (8b+), RavenTor, UK (settembre 2012). Foto: Nick Brown
ClimbingGirls-25-Mina Leslie-Wujastyk-Mecca-8b+,RavenTor,UK,set2012-FotoNickBrown

Nicky Dyal su Zip Crack (5.10), Squamish, Canada. Foto: Jim Thornburg
ClimbingGirls-25-Nicky Dyal in Zip Crack (5.10) · Squamish, Kanada · Foto Jim Thornburg

Nicky Dyal
ClimbingGirls-25-Nicky Dyal

Nina Caprez a La Buitrera Canyon. Foto: PETZL/Lafouche
ClimbingGirls-25-Nina Caprez, climbing in La Buitrera Canyon

Ignota a Paklenica, Croazia
Paklineca, Croaita

Pamela Shanti Pack su Dark Passenger (5.12), Long’s Canyon, Utah. Foto: Andrew Burr
ClimbingGirls-25-Pamela Pack

Pamela Shanti Pack su Dark Passenger (5.12), Long’s Canyon, Utah. Foto: Andrew Burr
Pamela Shanti Pack, Dark Passenger 5.12, Longs Canyon, UT

Pamela Shanti Pack su The Dragon’s Lair (5.11), Long’s Canyon, Moab Area, Utah. Foto: Andrew Burr
ClimbingGirls-25-PamelaShantiPack-TheDragon’sLair-5.11-FotoAndrewBurr

Ignota interpreta la Principessa Leia
ClimbingGirls-25-PrincessLeia-tumblr_m6wha9e8Lx1qg397go1_1280

Robyn Fog in free solo (5.11), Connecticut, USA
ClimbingGirls-25-Robyn Fog-free Solo-5.11-CT-USA

Posted on Lascia un commento

Climbing girls 24

Shauna Coxsey
ClimbingGirls-24-Shauna Coxsey

Petra Růžičková. Foto: Lacušák Šaolin 
ClimbingGirls-24-Petra Růžičková, fotoLacušák Šaolin

Maja Vidmar
ClimbingGirls-24-MajaVidmar

Ignota a Majorca. Foto: Rachele Sighinolfi 
ClimbingGirls-24-Maiorca - ph.Rachele Sighinolfi

Lynn Hill sulla L2 (25, 5.12b) di The Free Route, The Totem Pole, Cape Hauy, Tasmania, Australia. Foto: Simon Carter
Lynn Hill leading pitch two (25, 5.12b) of The Free Route on The Totem Pole - a 65-metre dolerite column at Cape Hauy, Tasmania, Australia.

Leah Crane su Celia (8a-5.13b), Wildside Sector, Sella, Costa Blanca, Spagna
ClimbingGirls-24-Leah Crane on Celia (8a-5.13b

Lauren Lee, Cheakamus Canyon, Squamish, British Columbia
ClimbingGirls-24-lauren lee. checkamus canyon

Lauren Lee, Little Si Mountain, Washington
ClimbingGirls-24-Lauren Lee sending in Little Si, Washington

 

Kinga Ociepka-Grzegulska su Ekspozytura szatana (8b+), Pochylec, Polonia
ClimbingGirls-24-Kinga Ociepka-Grzegulska

 

Kinga Ociepka-Grzegulska su Ekspozytura szatana (8b+), Pochylec, Polonia
ClimbingGirls-24-Kinga Ociepka-Grzegulska on Ekspozytura szatana-8b+, Pochylec, Poland

Katie Brown
ClimbingGirls-24-KatieBrown

Katelyn Dolan, Panther Beach, California. Foto: Dustin Glasner
ClimbingGirls-24-Katelyn Dolan working a problem in the arch at Panther Beach, CA-FotoDustin Glasner

Jessa Younker
ClimbingGirls-24-Jessa Younker

Jessa Younker sulla L1 di Superstein (5.13a), Redstone, Colorado
ClimbingGirls-24-Jessa Younker on the first pitch of the five-five pitch Superstein (5.13a), Redstone, Colorado

Jenn Flemming
ClimbingGirls-24-Jenn Flemming

Jen Vennon
ClimbingGirls-24-Jen Vennon

Jamie Hartley, Red River Gorge, Kentucky
ClimbingGirls-24-jamiehartley-Red River

Jamie Hartley
ClimbingGirls-24-JamieHartley

Isabel Suppé
ClimbingGirls-24-Isabel_Suppé-fonte-wwwcaibassanograppacom

Heather Weidner su United States Equalizer (7c+), Mount Charleston. Foto: Patrick Olson
ClimbingGirls-24-Heather Weidner United States Equalizer 7c+, Mt. charleston PhotoPatrick Olson

Elena Hight
ClimbingGirls-24-ElenaHight

Dominika Dupalová su The Rhino (7b+), Rocklands, Afrika. Foto: Martin Spilka
ClimbingGirls-24-DominikaDupalová-The rhino, 7B+ Rocklands - Afrika. FotoMartin Spilka
Ignota, location ignota
ClimbingGirls-24-bc53889e634645b79d659aa89945934b

Barbara Gilić su Posljednji Bibinjac (7b), Lovrinac, Croazia. Foto: Luka Kivela
ClimbingGirls-24-Barbara Gilić Croatia Posljednji Bibinjac 7B, Lovrinac Photo Luka Kivela

Andrea Cartas, Zillertal. Foto: Carlos Padilla
ClimbingGirls-24-AndreaCartas,Zillertal. FotoCarlosPadilla

Ignota, location ignota
ClimbingGirls-24-19da042e530734a7bd14fc183df8c3ac

 

Posted on Lascia un commento

Climbing girls 23

Ignota – location ignota
ClimbingGirls-23-31824522253324298a8645ff6d9c2881

Eva XXX su Masken (6c+) a Glageberget, Bohuslän, Svezia
SONY DSC

Ignote – location ignota
ClimbingGirls-23-10898_450209711787732_3592862924624703072_n

Camille Masseran a Remigny, Francia. Foto: Samuel Challéat
ClimbingGirls-23-CamilleMasseran-Remigny,FranciaFotoSamuelChalléat

Daila Ojeda su Face de Rat, 8a+, Ceüse (Francia). Foto: Petzl/Lafouche
ClimbingGirls-23-DailaOjeda-faceDeRat-8a+
Ignota su Elephant Man Corridor V1, San Jacinto Mountains, California
OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Ignota – location ignota
ClimbingGirls-23-Dee-www.missbrooke-selfloveinalatte.blogspot.it
Emily Harrington in Cina. Foto: Rocker Wang
ClimbingGirls-23-Emily Harrington climbing in China-Photo by Rocker Wang

Federica Mingolla su Digital Crack, Aiguille du Midi. Foto: Federico Ravassard
ClimbingGirls-23-FedericaMingolla-DigitalCrack-FotoFedericoRavassard

Federica Mingolla su Tom et je ris, 8b+, Verdon
ClimbingGirls-23-FedericaMingolla-TomEtJeRis-8b+Verdon

Hazel Findlay – location ignota
ClimbingGirls-23-Finley-tumblr_ma59wutTvG1rno34ro1_500

Florence Pinet su Powder Finger, 8c,Great Arch, Getu Valley, Guizhou, Cina
ClimbingGirls-23-Florence Pinet-Powder Finger, 8c,Great Arch, Getu Valley-Guizhou-China

Hazel Findlay arrampica nell’Acadia national park, Maine, USA
ClimbingGirls-23-hazel climbing at acadia national park

Hedi Friedl su una via di 8b (catena alpina). Foto: Wolfgang Liebacher
ClimbingGirls-23-Hedi Friedl,8b in the Alps,FotoWolfgang Liebacher

Ignota – location ignota
ClimbingGirls-23-hot_rock_climbing_girls_21

Ignota – location ignota
ClimbingGirls-23-hot_rock_climbing_girls_37

Ines Papert e Mayan Smith-Gobat, prima scalata femminile di Riders on the Storm, Torri del Paine (Patagonia)
Ines Papert and Mayan Smith-Gobat descending after they have climbed the route riders on the storm in Torres del Paine

Isabelle de la Fontaine scala a Mickey’s Beach, California
ClimbingGirls-23-Isabelle De La Fontaine climbing at Mickey’s Beach, CA

Jacinda Hunter, dws in Arizona, USA
ClimbingGirls-23-JacindaHunter-dwsArizona-129d34e196f224fe83dda8fa44a8b13d

Jain Kim su Mind control (8c+), Oliana, Spagna
ClimbingGirls-23-Jain Kim-Mind control (8c+)

Jamie Finlayson su Dreamcatcher (5.14d), Squamish, British Columbia, Canada
ClimbingGirls-23-Jamie Finlayson wokring Dreamcatcher (5.14d), Squamish

Pamela Shanti Pack al punto di Non Ritorno su The Event Horizon, Indian Creek, Utah. Foto: Andrew Burr
ClimbingGirls-23-PamelaShanti(puntoNonRitorno)TheEventHorizon-IndianCreek-Utah.FotoAndrewBurr

Pamela Shanti Pack su Dark Passenger, 5.12, Long Canyon, Utah. Foto: Andrew Burr
ClimbingGirls-23-PamelaShanti,DarkPassenger,5.12,LongCanyon,Utah.FotoAndrewBurr

Lenka Prášková a Prachovské skály, Repubblica Ceca
Prachovské skály - Lenka Prášková.

Sierra Blair-Coyle
ClimbingGirls-23-Sierra Blair-Coyle

Vanessa Peterson nella 2a ascensione di The Wave (25, 5.12b), Nomad Springs, WA, Australia
ClimbingGirls-23-VanessaPeterson-on the 2nd ascent ofTheWave (25, 5.12b), Nomad Springs,WA,Australia

Posted on Lascia un commento

Climbing girls 22

Alizee Dufraisse tenta La Rambla 9a+/5.15a, febbraio-marzo 2014

 

Angelika Rainer sulla via “total dry” Kamasutra D13+ a Bus del Quai, Iseo, novembre 2014


Angie Scarth-Johnson (nove anni nel maggio 2014) chiude
Zona 30 (8b ) a Margalef, Spagna. E’ stato il suo secondo 8b: il primo, novembre 2013, è stato Swingline, Red River Gorge, USA

 

Daila Ojeda si trasferisce dalla Spagna in Francia, ottobre 2015

 

Daila Ojeda tra Canarie e Sud della Spagna, 2013

 

Daila Ojeda su Zoo, 5,12a, Mt.Seonun Rock Soksal

 

Daila Oljeda su Rollito Sharma, 8b+, 2011

 

Federica Mingolla in pochi giorni sale la famosa e bellissima Tom et je ris, 8b+, nelle Gorge du Verdon, 2015

 

Nell’estate 2015 Federica Mingolla aveva un progetto preciso in mente: il gendarme di granito rosso di Digital Crack, sulla cresta dei Cosmiques all’Aiguille du Midi, il più alto 8a d’Europa. Per arrivarci, però, ha scelto una strada più lunga ma anche più bella: partire da Punta Helbronner alla scoperta dell’arrampicata sui Satelliti del Monte Bianco, prima di puntare gli sci verso la Cresta dei Cosmiques.

 

Federica Mingolla, l’arrampicata si fa rock star con i Tiromancino. La climber torinese è protagonista nel video della canzone Piccoli miracoli dei Tiromancino. Monte Guadagnolo, 2016

 

Daila Ojeda, Alizée Dufraisse e Olivia Hsu nel 2014 hanno viaggiato per l’Europa, tra arrampicata e yoga

 

Stella Marchisio libera Pandora, 7c bloc a Mombracco, Valle Po, Cuneo. La linea è stata individuata dal 3 volte campione del mondo di specialità boulder Christian Core. Video dello stesso Christian Core.

 

Sasha DiGiulian su Pure imagination, 5.14d/9a, Chocolate Factory, Red River Gorge, Kentucky, USA, 2011

 

Sasha DiGiulian su Pure imagination, 5.14d/9a, Chocolate Factory, Red River Gorge, Kentucky, USA, 2011

ClimbingGirls-22-SashaDiGiulian-PureImagination-Chocolate Factory in the Red River Gorge, Kentucky

Posted on Lascia un commento

Consuntivo alpinistico 1963

Consuntivo alpinistico 1963
(dal mio diario)

31 dicembre 1963. Il mio scopo di tutto l’anno è stato quello di essere un alpinista. Questa parola di per sé non vuole dire niente, se ne è fatto abuso in tanti modi. Ecco le mie vedute in proposito:

consuntivo0002

 

Praticamente presento l’alpinista come un personaggio utopistico, ma a me non importa. Questo è l’ideale, e l’ideale non sempre si può raggiungere.

E ora ripassiamo un po’ le attività.

Attività spirituale. Io amo la Montagna. Essa è lo scopo del mio vivere, lo sento dentro di me. L’alpinismo spirituale per me è una meta già raggiunta.

Attività contemplativa. Spesso ho pensato che la Terra per me non sarebbe nulla se di colpo scomparisse la Montagna. Quest’anno ho potuto ammirare la sua forza e la sua imponenza soprattutto in Svizzera e di fronte alla parete settentrionale del Marguareis. Ho visto la Sua grazia sui vari e facili roccioni su cui mi sono allenato, la Sua debolezza, quando con cuore amareggiato ho visto la Sua distruzione con opere artificiali, come al Sass Pordoi, ho conosciuto la Sua tremenda ostilità in alcune ascensioni alpinistiche. Ma in qualunque aspetto essa si sia presentata per me è sempre stata bella.

Attività pratica. Non mi posso dire del tutto soddisfatto, specialmente per ciò che riguarda l’estate. Ho fatto il turista (Svizzera, provincia di Cuneo), il campeggiatore (Svizzera), il camminatore (Appennino Ligure, tutte le altre piccole gite solitarie in Liguria come in Trentino), il rocciatore (Campaniletto di Sestri, Pietragrande, Pietralunga, Roda del Diavolo, Torre Finestra, Torri del Sella, Catinaccio, Cresta settentrionale di Pietralunga e le aride esercitazioni nelle altre palestre), lo speleologo (Grotta N. 12 Li), il ghiacciatore (Canalone dei Genovesi al Marguareis, Ghiacciai del Loetschenpass). Negli ultimi giorni dell’anno ho anche mosso i primi passi come discesista e spero di imparare presto a sciare.

Attività esplorativo-scientifica. Questo settore è stato da me trascurato, non di proposito ma neppure per cause non dipendenti dalla mia volontà. Ho potuto solo condurre alcune osservazioni atmosferiche in provincia di Genova e in Val di Fassa, però quasi senza conclusioni pratiche.
La mia passione per le carte geografiche invece non ha subito arresti, avendo continuato a comprare carte e guide alpinistiche. Ho approfondito senz’altro la mia conoscenza morfologica di alcune delle valli del Cuneese, di alcuni gruppi delle Alpi Bernesi, delle Dolomiti Orientali, del Monte Rosa e dell’Appennino Ligure-Genovese.

consuntivo0003

In conclusione:
attività spirituale, ottima:
attività contemplativa, ottima;
attività pratico-tecnica, non soddisfacente;
attività esplorativo-scientifica, scarsa.

Ho avuto poi una flessione nel settore “records”, Quello di altezza non è stato migliorato, il numero dei rifugi visti nel 1963 è stato 44 rispetto al 64 del 1962. Il numero di monti è stato di 55, rispetto al 72 del 1962. Il numero dei passi è stato 23, rispetto al 25 del 1962.

Posted on Lascia un commento

Climbing Chaps 08

Giordania, Wadi Rum, Barrah canyon: Muhammad Hammad (la più forte guida giordana) prepara il lunch (24 aprile 2013)

Giordania (Jourdan), Wadi Rum, Barrah canyon, Muhammad Hammad prepara il lunch

Tommy Caldwell sulla Dawn Wall, El Capitan

ClimbingChaps--08-TommyCaldwell-DawnWall-elcapitan-finish-10.adapt.1900.1

Tommy Caldwell sulla L15 della Dawn Wall, El Capitan. Photo: Brett Lowell
ClimbingChaps--08-Caldwell,L15,DawnWall,photographer Brett Lowell-appeso-corda 823mtenutadauna squadra alla base

Tim Emmett su Wolverine a Helmcken-falls
ClimbingChaps-08-tim-emmett-on-wolverine-at-helmcken-falls

Luca Lauretano su Rampage (8a), Varazze. Foto: Alex Torresan
ClimbingChaps-08-LucaLauretano-Rampage-8a-Varazze.FotoAlexTorresan-

Klemen Bećan. Foto: Anja Bećan
ClimbingChaps-08-KlemenBecan-FotoAnjaBecan

Giuseppe Popi Miotti e Stefano Michelazzi alla Parete di Sanìco, 20 marzo 2016
ClimbingChaps-08-IMG_20160320_145159

David Lama sulla parete terminale del Cerro Torre, via Maestri 1970
ClimbingChaps-08-david-lama-on-the-head-wall-of-cerro-torre

 

Chris Sharma nei primi tentativi su La Dura Dura, 9b+, Oliana (Spagna)Chris Sharma working a project at oleana he believes will be 5.15d or harder.

Carlo Giuliberti su Hard sun (8b+), Kompanj, Croazia
ClimbingChaps-08-CarloGiuliberti-Hard sun 8b+, Kompanj

Tommy Caldwell sulla L16 della Down Wall (El Capitan), di notte, per avere un po’ di fresco
ClimbingChaps-08-Caldwell.L16-DownWall-dinotteper avere freddo-elcapitan-finish-02.adapt.590.1

Tommy Caldwell (a sn) e Kevin Jorgeson fanno pratica sulla Dawn Wall (2010). Foto: Jimmy Chin
ClimbingChaps-08-Caldwell(left)Jorgeson,2010,praticaSuDawnWall,fotoJimmyChin

Angelo Contessi a Bohuslän (7b), Svezia. Foto: Kuuti Hekkila
ClimbingChaps-08-AngeloContessi-Bohuslan 7b.FotoKuuti Hekkila

Posted on Lascia un commento

Go aid a pitch 04

Go aid a pitch 04 (4-4)
di Gabriele Canu

Caminando al Reissend Nollen (Wendenstock)
GAP04-caminando_066

 

Caminando al Reissend Nollen (Wendenstock)
… ed eccoci qui, su una via magnifica, considerata come una delle vie più belle della svizzera… Caminando! … che poi, non capiamo come possa avere questa reputazione… di 17 tiri, di stupendi ce ne saranno solo 11 o 12, di belli solo 5 o 6… boh, non so, sti svizzeri so’ strani, eh! Comunque, le disquisizioni sulla bellezza della via al team Gap importano ben poco: non siamo certo qui per divertirci!!! Infatti lore mette le cose in chiaro già subito al primo tiro: dritto da sosta a sosta, e quando ga lo raggiunge di corsa, il tono è perentorio “… dove minchia hai lasciato lo zainetto?!? … giù a prenderlo!”. E così, ga alla fine del primo tiro si è già fatto 100 metri. Bello caldo, riparte per il secondo tiro: e senza avere neanche le scuse delle dita congelate, già trova eterno senza neanche aver avuto tempo di dire “bah”. Si comincia con la riga di pattoni, ma lore, in ottimo stato mentale, li scansa tutti e riesce ad arrivare in sosta al 6c+ senza dover fare amicizia con le fettucce dei rinvii. Il due tiri successivi toccano a ga, per un ovvio criterio di suddivisione delle rogne in questa lunga giornata! Il primo liquidato in nonchalance (… ah, sì… ), il secondo risolto a furia di lanci, controlanci, acrobazie varie, il tutto due metri sopra al chiodo sotto, e 7 cm sotto quello successivo. Fortuna che la relazione in nostro possesso diceva “runout fino in sosta di 7 metri sul VI+”. Ga, d’altra parte, mica ha il senso della misura: dopo aver trovato chilometrico ed aver detto di tutto al “relatore”, osserva il tipo in sosta, un simpatico spagnolo (pardon… catalano, non spagnolo!!), e quello gli indica – con il sorriso sotto i baffi e impaziente di vedere i numeri da circo sui successivi 5 metri per arrivare da lui in sosta – uno spit, due metri sotto e un po’ a sinistra… ahhhh, ecco, sul VI+ ero d’accordo, ma mi sembrava fossero un pelino più di 7 metri…!!! Sul 6b+ successivo, chiodato allegro tanto da non far perdere la concentrazione, lore regala sprazzi di bel gioco; giusta premessa agli scapaccioni che toccano a ga sul tiro chiave, che – vista l’ariosa chiodatura che lascia spazio alle riflessioni sui grandi perché della vita – per l’occasione si trasforma in un ring. Dopo aver rischiato più volte il ko tecnico e aver ricorso più volte alle cure dei sanitari, l’ultima smanacciata è quella buona… e le ossa per oggi le riportiamo tutte a casa, yeah! (…) Il successivo 6a rende l’idea di cosa si intenda per “arrampicata libera” e cerca di intralciarla il meno possibile, mentre sull’altro tiro duro la scusa degli attriti non è niente male per giustificare dei potenti resting. Due o tre tiri dove si respira, e poi si ricomincia a pompare, il diedrone che si vede da basso non è poi così appoggiato… ma in fondo ormai siamo a cinque tiri dalla fine, e quando ga è a tu per tu con l’ultimo strapiombino – belin, ma anche a un metro dalla cima dovevano metterci un passo duro?! – per pura e semplice questione morale (ma soprattutto per non concedere quelle piccole soddisfazioni al socio… si accaparra la sosta senza fermarsi a riflettere! Ed eccoci qui, con gli strani ma simpatici spagnoli, ad abbracciarci e a stringerci la mano, e a correre giù insieme in mezzo alla nebbia per simpatiche e un ciccinin aeree (…) doppie che in men che non si dica (…) ci riportano alla base… sta calando la luce, ma ormai siamo sul sentiero! … ma come… ?! ancora caminando, stiamo?!? PS: via meravigliosa, posto incantevole, roccia galattica, … vado avanti?!
Data: 11 agosto 2012

Nel corso del tempo al Becco di Valsoera
GAP04-nelcorso_030

 

Nel corso del tempo al Becco di Valsoera
“dai ga, tranquillo, decidi tu… andiamo a fare un giro dove ti pare, dimmi solo l’ora e dove!” – mannaggia, povero Davide, ancora non sa in che grana si sta cacciando con questa affermazione… Metà settembre, il meteo del weekend pare garantire meteo super e di nuovo un po’ più caldo, beh… l’ultima occasione per un giro al meraviglioso valsoera! E così, l’inedita coppia ga-davide, decide di “conoscersi” su questa famosa via del buon manlio motto, che tutti dicono così bella… e per essere che ci si conosce da due ore, l’inizio non è male: ga, il “local” (!?!) della valle, non perde occasione – fosse che fosse UNA volta che la azzecca! – per sbagliare strada. Ma porc… !! Vabbè. Una notte con il saccoapelo buttato sul prato sotto una stellata magnifica, è il benvenuto della valle per davide alla sua “prima volta” in zona… che in questa stagione diventa davvero magica, pochissima gente in giro, fresco al mattino… e una giornata stellare davanti a noi! Neanche il tempo di scaldarsi le dita, e via senza pensieri per un bel 7a+ su tacchette, che a settembre, a ovest, a 2800 metri diventa qualcosa che ha ben poco a che vedere con l’arrampicata… vabbè, primi metri primi scapaccioni… ma ci mancava solo il contrario! Al secondo tiro è il turno del Lungo – così noto non so perché, di sicuro non per l’altezza come si potrebbe immaginare, è solo 1,90! – che si sbarazza senza neanche accorgersene di un onesto 6b+. E’ il turno di ga, ”dritti per il muro rosso a tacche distanti“, diceva la guida dimenticandosi che anche gli spit non sono esattamente quel che si definisce ”a portata di mano“. Così, tra continui e inutili tentativi di scaldare le dita ibernate, e equilibrismi vari per non soccombere alla forza di gravità che incessantemente richiamava verso il basso anche in momenti poco opportuni, il losco individuo giunge in sosta strappando la libera in extremis, e ovviamente, appena in sosta, il sole arriva sulla parete. Malimortacci!!! Almeno il lungo si gode il successivo tiro… interessante pur nella sua brevità, e ga ancora si ritrova in mezzo a un tiraccio, di cui si libera con alcuni movimenti a metà tra l’arrampicata e il calcio saponato. Nel tiro successivo, il lungo sperimenta l’inscalabilità (totale!) di un paio di spit del tiro successivo (?!? Fantascienza… anni e anni di scalata, e non capirci una beneamata… ), ma si passeggia (…) il resto del tiro. Anche ga prova a passeggiare sui primi metri del tiro successivo, da molti evitato sulla destra… ma ga, si sa, non sa mai dire di no a due scapaccioni garantiti e a tasso zero! Di qui la scalata si fa più facile, in compenso l’ora comincia a farsi tarda… ci involiamo (…) sulla sommità del torrione, e neanche il tempo di dirlo – sono le sette! – e giù di corsa dopo esserci goduti qualche minuto la maestosità del posto e la giornata meravigliosa che ci ha accompagnato! Le doppie vanno via in fretta senza complicazioni, un po’ meno il rientro al rifugio al buio, ma insomma… è andata, grande giornata… e niente male, come prima via insieme…!

(palloso ma doveroso appunto tecnico) premetto: a) adoro le vie di motto b) normalmente le sue vie per me sono capolavori c) è stata comunque una bellissima giornata e mi sono divertito. Premesso ciò devo però dire che, rispetto allo ”standard motto“, qui ho trovato una chiodatura stranamente ”generosa“ (spit anche a fianco a fessure proteggibili), ma più di questo… due anni fa ho ripetuto Sturm und Drang, oggi questa via e… confermo la mia opinione in merito a quanto già avevo visto. Mi pare una via parecchio forzata, in molti punti si passa a pochi metri, in alcuni proprio a fianco… non so, nessuno dice niente in merito in giro, tutti a tessere grandi lodi… però a me personalmente, pur trovandola una bella via – leggi bella arrampicata, bella roccia, bella linea – mi ha lasciato un po’ perplesso per questi aspetti… e mi pare strano che nessuno ne dica niente… lo avesse fatto Grill lo avrebbero mangiato vivo… (fine appunto tecnico!).
Data: 15 settembre 2012

Diretta Ribaldone alla Torre Castello
GAP04-ribaldone_029

 

Diretta Ribaldone alla Torre Castello
“Allora… ok che ci conosciamo da poco, ok che già non mi sopporti più, ok tutto quanto. Però la settimana prossima compio 30 anni. Ora… a me farebbe pure piacere passare il compleanno con te, però… beh… sta un po’ a sentire, facciamo così: già che è il mio compleanno, lasci decidere me dove andare!” – “… ” – “Ok, allora so dove voglio andare!”.
Certo che ga, terrorizzato da una possibile frase “… voglio andare all’outlet di serravalle!” non sapeva proprio che dire. E francamente, l’alternativa “… voglio salire sulla Torre Castello, e passando dalla Ovest…” lo lasciava impietrito e incapace di intendere e di volere. Così, buttato di peso dentro alla macchina e trascinato ancora incredulo l’improbabile essere vivente nei pressi del parcheggio – alla buon’ora delle 11 e mezza, come veri finaleros doc! – ele comincia a scrutare il cielo. “Interessante… ma oggi non davano meteo ultrastabilemancounanuvoletta?!” – “… massì, lo davano un po’ tutti!” – “… ma tutte ste nuvolaglie, allora?!” – “… e vabbè, due nuvolette di passaggio!!!”. Infatti. Tiro numero 3, piovischia. Tiro numero 6, il casco comincia a emettere strani suoni… “Ele, ma la smetti di far sto casino?! Proprio ora ti devi mettere a scrivere a macchina?! … non puoi fare sicura a modo?!” – “Ehm… scusami hai ragione. Pensa che a prima vista avrei detto che stava grandinando, ma visto che i meteo che guardi tu sono infallibili è impossibile… dai, smetto di scrivere e ti faccio sicura a modo!”. Sarà come sarà, l’ultimo tiro sembrava quasi bagnato… mah, impossibile, chissà!
Arrivati in cima ga tira fuori dallo zaino una mini-sacher e la candelina… – oh, ma è un compleanno o no?!? – ed ele, giunta pure lei, dopo una ventina di minuti si accorge della mini torta… e spenta la candelina… ora si può festeggiare!
… buon compleanno, Ele!

Io l’ho vista così… (Ele)

Data: 18 giugno 2013

Via Deye-Peters alla Torre Madre dei Camosci
GAP04-DeyePeters-p1000406

 

Via Deye-Peters alla Torre Madre dei Camosci
Alpi Giulie, atto primo (e unico dell’anno). Dopo aver clamorosamente, al mattino presto, sbagliato non solo attacco della via ma più precisamente la parete – complimenti!!! – nei pressi delle sorgenti del Piave, altro viaggio della speranza per i nostri due intrepidi (…) eroi (…) che, raggiunto un quantitativo di chilometri ragguardevole, decidono di fermare la macchina e far due passi a piedi, direzione: rifugio pellarini. Destinazione: ignota, ma con in (una) mano la guida dei monti d’italia delle giulie occidentali (affarone: 35 euro per un libricino aggiornato al 1974… e nell’altra i polmoni di ele, in evidente quanto avanzato stato di decomposizione dopo l’avvicinamento al rifugio. Nel quale, onestamente, non veniamo trattati esattamente come dei signori – ma forse nemmeno lo siamo, e nemmeno lo pretendevamo -; e con ciò senza neanche averla iniziata, polemica terminata… ma di sicuro, per quanto mi riguarda, va in quell’elenco di rifugi che ognuno di noi ha, dove magari, se si può evitare di tornare… E peccato, tra l’altro, perché il posto è veramente fantastico, l’ambiente è magico, queste tre paretone lì davanti, imponenti e maestose, sono davvero da copertina!
Un po’ meno da copertina, è l’avvicinamento a questo bellissimo spigolo; nessuna traccia, e dritti per ghiaini ed erbetta. Piacevole, direte voi. Spiacevole, dirà ga mezzora dopo quando tornerà giù e poi di nuovo su all’attacco, con speranze misere di ritrovare la dispersa macchina fotografica: le possibilità di ripassare sullo stesso percorso seguito all’andata su un terreno simile, sono talmente misere da sembrare le possibilità che un pregiudicato finisca in carcere o ai servizi sociali entro una dozzina d’anni dalla sua condanna definitiva in terzo grado. Sempre che quei dieci milioni di sassi che ci sono lungo l’avvicinamento, non siano anche loro paragonabili ai dieci milioni di elettori del pregiudicato in questione; in tal caso, a detta di alcuni pare che sia ampiamente giustificabile un eventuale ritrovamento della mia macchina digitale!
Insomma che, in ritardo di un’oretta e con ele ibernata ad attendere il mio infruttuoso ritorno, siamo pronti a partire. Dopo aver rischiato di venire inghiottiti dal nevaio, e il momento di prendersi le bollite per allenarsi all’inverno: una a testa, palla al centro. Raggiungiamo in breve i due tipi partiti davanti a noi, e ga comincia a spazientirsi, non tanto per il fatto che i tipi facciano OGNI sosta che trovano (10,20,30,40metri di corda fuori che siano!), quando perché la signora è altamente scortese e non apprezza la compagnia di ga in sosta. Capisce poi solo più tardi, quando il tipo dice “you are a speed climber! If you want, probably it’s better if you go ahead, so you can find the way quickly and we follow you!”. Pensiero carino… ma… all’impazienza della tipa, e al suo continuo muoversi in sosta, e farfugliare cose, ga finora non aveva collegato nulla. Salvo quando, poco dopo, la signora gentilmente si sfila l’imbrago, e al grido di “I’ve got to go to the toilet!!!!!” si infila correndo nel camino, ed espleta, diciamo così, le sue ‘funzioni vitali’. Ga avrebbe ben altro modo di definirle, ma il risultato finale è uno stordimento tale da rendere ga totalmente inerme. La faccia di ele ormai a pochi metri dalla sosta, nel frattempo, è da manuale… Ripreso dallo choc, ga comincia a macinare metri al motto di “siamo in ritardo!”, e in breve (…), i nostri due sopraggiungono – vivi! – alla Cengia degli Dei. Cosa non esattamente scontata, senza contare che poi, giungeranno vivi – ele compresa, e ciò è notizia curiosa! – anche dalla discesa per la banalissima gola nord-est…
Data: 22 agosto 2013

 

R4 all’avventura al Pic de Sagneres
Prima del racconto inseriamo le presentazioni dei due compagni di Gabriele:

GAP04-micky

 

Micky (Michele Fanni)
Validissimo rappresentante della stirpe Fanni – e chi conosce Paolo Fanni, sa bene a cosa ci riferiamo. Calmo e silenzioso, se lontano dalla sua chitarra elettrica (che strimpella in maniera dignitosa con un manipolo di soggetti borderline, da lui stesso più comodamente definiti “gruppo”), ovunque si trovi: sulle placche più levigate come sugli strapiombi più accentuati. Tanto silenzioso che a volte facendogli sicurezza ci si dimentica di averlo attaccato al reverso. E, come il fratello, nello stesso tempo lui tende a dimenticarsi che, destino vuole, in questo continente il sole ha la brutta abitudine di tramontare, verso sera. Il suo atteggiamento ieratico può a volte esser scambiato per menefreghismo, ma non fatevi ingannare! Una volta su una via, pochi metri sopra ad un amico (di quelli con le camme!) abbarbicato ad un´unica presa ormai da minuti con avambracci gonfi e faccia implorante, Michele si volta e fa “Dai eh!” e riprende per la sua via… Alla sua scarsa dimestichezza con nut e friend sopperisce con una dose impareggiabile di sangue freddo. Memorabile il suo commento dopo essere uscito da il camino di 20 metri di VI improteggibile sulla Sinfonia dei Mulini a vento all’Aguglia di Goloritzé: “Ma Lo! A cosa servono tutte queste cianfrusaglie che mi hai appeso sull´imbrago? Mi danno solo fastidio!” . Probabilmente soltanto la pigrizia gli impedirà di diventare un grande alpinista. Una delle sue massime preferite, “Ma perché devo riassettare il letto se già stasera ci torno a dormire?”, viene captata da ga nell’ultima uscita GAP su roccia del 2010, e per questo viene scaraventato giù dal letto a orari improbi, e trascinato su una via di roccia dalla fama non certo di una via “facile”, patendo le pene dell’inferno. Non più tardi di un anno dopo, terrorizzato all’idea di trovare nuovamente così lungo, arriva all’appuntamento, ormai tradizionale, con l’ultima scalata su roccia dell’anno dopo un’intensa preparazione atletica, e sfodera prestazioni lasciando ga allibito. Definito dalla critica più severa “Soffice, pungente, sobrio. Criptico.”

GAP04-fulvio

 

Fulvio Scotto
Una delle leggende (viventi!) dell’alpinismo piemontese. Parlare del suo immenso curriculum con ricky, sarebbe come tentare di parlare di politica con flavia vento. Uno spreco. Un’enciclopedia universale dell’alpinismo. Quando gli chiedi informazioni su una via, lui l’ha già fatta, e sempre (ma come sarà mai possibile?) “25 anni fa”. Nel mezzo non se ne sa nulla. Di sicuro tantissimo alpinismo esplorativo nelle valli del cuneese, duemilaseicentotredici nuove vie sul Monte Matto, oramai la sua seconda casa. Tra le grandi classiche che hanno fatto la storia, gli manca la walker alle jorasses (toh, manca anche a me… ), sempre rimandata perché “… c’è così tante belle cose da fare, che tutto non si riesce!”. Se lo incontrate, alla vostra domanda “quanto ci vorrà ad arrivare all’attacco?”, usate la seguente tabella di conversione: “un’oretta” -> “1h30′ (senza zaino) su faticosissimo pendio di sfasciumi” – “due ore” -> “2h fino al bivio da cui parte il sentiero vero e proprio” – “due ore buone” -> “3 ore e trenta – 4 ore”, e via dicendo. Unico oggetto assolutamente indispensabile in sua presenza: la frontale. Le speranze di ritornare con il chiaro è inutile portarsele nello zaino. E’ l’unica persona che io abbia mai avuto modo di conoscere in grado di salire appendendosi al fiffi ogni spit sul 6a a boragni, e ripetere pilone centrale, pilier d’angle, pilastro rosso (giusto per far tre nomi…), aprire una via nuova in solitaria sulla nord del corno e la diretta allo scarason, fare la prima solitaria al bric camoscere, la prima invernale di Ge.La.Mo. al Corno Stella…

R4 all’avventura al Pic de Sagneres
GAP04-r4_001
… come cambia, a volte, la percezione del tempo e dello spazio. Secondo tiro di questa improbabile linea nuova, ga comincia ad essere sopra l’ultima protezione (vabbè, un microfriend malmesso, d’altronde, rientra in quella categoria comunque!) un paio di metri, tre, quattro, cinque… ci prova in tutti i modi a piazzare qualcosa, ci son piccolissime fessure ovunque, si riuscirà a mettere la prima protezione decente di sto tiro… macché, cieche. Tutte, cieche! Il chiodino, la lametta, entra bene 1 cm, e poi “sdlen, sdlen, sdlen”… niente! E poi ci si lamenta della roccia marcia… avercene! … che poi sulla roccia compattissima, come qui, non ci son nemmeno spaccature, fessure, blocchi da tenere… c’è solo un placcone liscio, bellissimo, certo… con gli spit. Senza, ancora più bello. Però, per raccontarlo, manca ancora un misero metro! … incredibile quanto ci possa volere a prendere il coraggio e fare un misero metro quando la protezione è ‘laggiù’ e per giunta pessima, e quanto invece ci vorrebbe se qui ci fosse uno spit. Ma non c’è, e non ci deve essere… o almeno, questo è il nostro ‘gioco’, queste sono le mie, le nostre, regole. L’avventura è anche questo, in fondo. Non siamo mica qui perché ce l’ha ordinato il medico, d’altra parte. E neanche per consegnare ai (quanto mai ipotetici) ripetitori una via che oggi si ama definire “plaisir”! Questa è la nostra linea, e questo è il nostro compromesso… si passa con ciò che la natura offre, se non si passa… si torna a casa e magari un giorno qualcuno più forte, più motivato, più coraggioso sarà in grado di passarci… oggi ci siamo noi, e ci proveremo fino alla fine! Comunque alla fine l’istinto di sopravvivenza ha la meglio, e la pellaccia, anche oggi, forse la portiamo a casa… Infatti, un metro più in su e a sinistra, ga vede una fessura… si sposta, riesce ad abbrancarla, e pur con un liscione al posto dei comuni appoggi per i piedi, c’è una certezza: dovranno passare sul suo cadavere, per togliergli dalle dita quell’unica presa buona!!! … nonché l’unico posto, dopo venti metri, per mettere una protezione degna di questo nome. E infatti, ga non si lascia certo sfuggire l’occasione e si trasforma nel kebabbaro della situazione, e comincia a farcire la fessura con tutto quel che ha sull’imbrago: sei friends, nove nuts, cinque chiodi, tre tricam, due cunei. Ecco, ora si può continuare… Svuotato di un po’ di peso inutile, e aiutato dalle difficoltà un pochino più consone, riesce a fare anche i successivi quindici metri e a mettere una seria ipoteca sul risultato finale. “Da qui dovrebbe essere tutto più semplice!”, diceva infatti. E i due tiri successivi, con due tratti di VII-, non fungevano altro che da certificazione che l’ottimismo di ga era – come sempre – malriposto. Ma poi per la legge dei grandi numeri la parete comincia ad essere un po’ meno ostile, e con altri due tiri un po’ più gestibili, la cresta è raggiunta! Per tutto il tempo, tiro dopo tiro, ci siamo chiesti: “ma riusciremo a passare?!”… e solo qui, sulla cresta, ci rendiamo conto che alla fine, abbiamo sconfitto il nostro piccolo drago! Avventura bellissima, e stile come piace a noi… indimenticabile!
Data: 4 settembre 2013

Via dei Cencenighesi alla Terza Pala di San Lucano
GAP04-Cencenighesi-p1050946

 

Via dei Cencenighesi alla Terza Pala di San Lucano
“dottore, non sto bene, mi sento di aver voglia di scappare un po’, di fuggire lontano, di prendere aria… cos’ho secondo lei?”. Lo controllò ovunque, pressione, battiti, saturazione, test dei riflessi, tutto… finché la sentenza fu “direi che non ci sono dubbi, il quadro clinico è completo e non lascia adito a ripensamenti, signor ga: astinenza da Pale!”. Ma in fondo ga lo sapeva bene, e così, alla proposta di ector di andare a ricordarsi cosa voleva dire cacciarsi nelle grane, fu ga a proporre: “… ma questa forse ancora irripetuta via del de biasio, se ne sa qualcosa?!”. Non se ne sapeva niente, ovviamente, perché andarsi a cacciare su di là non è certo per gente con la testa sulle spalle. E infatti, verso settembre quando la malinconia incomincia un po’ a prendere il sopravvento e si sente l’autunno che ti entra piano piano nelle ossa, i due decidono di andare a vedere questa stranissima linea che a furia di infiniti ed esposti traversi vince la grandiosa e all’apparenza inespugnabile fortezza della terza pala… vista “diqquà”, dove non batte il sole, dove il per nulla ospitale boral spedisce alitate di vento gelido e umido. Dove il traverso erboso per andare a prendere il boral ti lascia il segno. Dove nel giro di 10 minuti incominci a capire cos’è il IV de biasio, scuola massarotto. E ne hai la certezza quando ricominci, poco sopra, a traversare, a traversare, a traversare infinitamente trovando l’unica linea di debolezza… con grande coraggio e astuzia, e poi il difficile camino, e poi ancora, ancora, ancora… e una bella cengia da bivacco, di quelle con ogni comfort, di quelle da signori, di quelle che pensi che se non fossero così lontane, qui ci verresti a dormire più spesso. Un meraviglioso palcoscenico sulla valle, e la tranquillità che da qui, almeno, le grandi difficoltà sono finite. In salita. Rimane poi un giorno intero per l’ultima parte di via, la risalita in cima alla Terza, e poi l’espostissima Cresta di Milarepa, meravigliosa e aerea traversata che porta in un paio d’ore allo spiz… e da lì, ancora l’infinita e lunghissima discesa, con due bivacchi alle spalle e sulle spalle due zainoni, due giorni intensi e senza un attimo di respiro, solito viaggio eterno, avvicinamento faticosissimo e mai stupido, scalata delicata, tecnica e psicologica in un ambiente che, diciamocela tutta, non fa di tutto per metterti a tuo agio. Qui dentro, sulla nord della terza, sembra veramente di essere in un altro mondo, tutto verticale, tutto strapiombante, il boral, i prati verticali, la roccia così così, i traversi, l’esposizione, la discesa infinita e ben lungi dall’essere un comodo sentiero, l’essere e il sentirsi – e un po’ anche vivere – veramente in un mondo a parte. E’ probabilmente il posto delle Pale dove abbiamo vissuto forse con più ‘paura’, schiacciati dall’ambiente e dall’ingaggio. Ma non era paura, era quel misto tra paura e felicità… felicità di essere proprio qui, ‘selvaggi’ e senza mai fermarci nel farci la solita e impossibile domanda… “ma perché?!”. La cosa bella di questa domanda è la risposta, che non vi diamo… è tutta in un abbraccio, alle dieci di sera del terzo giorno, quando il telecomando della macchina fa il suo dovere dopo tre giorni a riposare in fondo al sacco. C’è poco da aggiungere… le pale lasciano sempre un sapore tutto particolare, che solo chi ha provato può capire… insieme forse a chi non ha provato, ma ama davvero l’avventura e il vivere a fondo le giornate. Come ci ha detto il buon De Biasio quando gli abbiamo voluto raccontare che abbiamo provato a seguire le sue tracce, “Bravissimi, ragazzi! … ma proprio lì dovevate andarvi a cacciare…?”… Eh già, dopo aver vissuto quest’avventura come dargli torto… ma la terza ci mancava… ora manca solo la seconda, prima di dedicarsi “all’altro lato”! … arrivederci cencenighe… al prossimo attacco di astinenza da pale!
Data: 23 settembre 2013

Diedro del Terrore alla Parete dei Militi
GAP04-terrore_089

 

Diedro del Terrore alla Parete dei Militi
Ehi liviell… domani hai voglia di fare un giro in montagna insieme?!” – “… dai ga, grazie… e perché no?! … hai qualche idea?!” (ndr: domanda stupida) “mah, sì, in effetti un’idea ce l’avrei… una roba tranquilla, avvicinamento brevissimo, 6b massimo… ” – “figo! Cos’è?!” – “… il diedro del terrore!” – “… ”
E fu sera, e fu mattina. Dopo il massacrante avvicinamento di sette minuti scarsi, l’orrida parete è presto raggiunta. Ele prova subito a trasformare il “diedro del terrore” in “diedro del panico”; i risultati ve li lascio immaginare. Certo è che partire con un tiro di V+ in traverso non è il massimo, ma sui quattro rumeghi successivi di III+ ele non manca di far notare a ga che la sua via ideale è una via di una dozzina di tiri simili… che a voler vedere, è un po’ come dire che la parte bella del pesce è quella dalla cengia in su…
Da qui in poi la parete si verticalizza, e dopo un primo curioso boulder in cui la tacca buona per il piede risulta unta (…?!?) e uscita su terra buona per piantarci il basilico, ga comincia la rissa con un’osticissima fessura ad incastro: inutile dire chi avrà la meglio. Viene poi il tiro chiave, su cui si è letto e scritto di tutto: a ognuno la propria visione della vita e della scalata, però rifletterei sulla frase di elena “… ma questa non è roccia marcia!!!”… che è tutto dire… Le protezioni sul tiro comunque sono più “di quantità” che “di qualità”, ga decide di non testarle così come decide saggiamente di non perdersi come avevano fatto gli amici filippo e saverio, e allora via facile sul bel traversone che porta fuori dal diedro, e che con un ultimo simpatico tratto siamo al bosco e alla terraferma… e contenti di aver salito questo bel vione storico, che prima o poi… andava fatto!
Data: 7 giugno 2014

Demetrio Stratos alla Vetta Occidentale del Corno Grande (Gran Sasso)
GAP04-stratos_094

 

Demetrio Stratos alla Vetta Occidentale del Corno Grande (Gran Sasso)
“… eccola, ele! Dev’essere la distesa di campo imperatore! Che figo sto posto!” – “Stupendo! Ma è enorme!”. E tutto ciò per scoprire che quello che vedevamo era solamente l’inizio, di quella distesa… e il cartello “campo imperatore 20 km” non faceva che confermare l’immensità di questo posto unico. Girovagando con gli occhi un po’ stralunati, finiamo per non renderci conto che alla fin fine, dopo due ore di macchina… non siamo che, in linea d’aria, a un paio di km da dove siamo partiti… Eppure il mondo qui sembra diverso, non c’è una funivia che sale in mezzo ai monti, e dall’Osservatorio in su si respira un’atmosfera diversa. E’ mattina presto, saliamo in mezzo alla nebbia e alle nuvole basse senza ancora vedere dove andremo, e non par vero – vista la distanza così minima in linea d’aria! – di essere sulla stessa montagna dei giorni scorsi. Ce ne rendiamo facilmente conto solo perché anche qui non piove, mentre dal nord giungono catastrofici messaggi da mittenti sconosciuti, “dolomiti allagate!”. E noi siamo qui, in mezzo alla nebbia ora, ma da una settimana qui e senza aver ancora preso una goccia d’acqua…
Appena giunti alla spalla sotto la parete, le nuvole si diradano, la nebbia è quasi interamente sotto di noi, e questo è un posto meraviglioso perché non c’è nessuno, siamo soli e qui, forse, c’è il vero fascino del gran sasso. Tra l’altro, chissà perché ga (come peraltro diversi altri sciamannati) definisce “affascinanti” tutti i posti dove la roccia lascia a desiderare. Come se fosse affascinante vedere la parete che crolla a pezzi. Boh! In mezzo a tutte queste romantiche riflessioni e visioni della vita, ga ed ele si dimenticano che siamo qui per scalare. Glielo ricorda bruscamente il nostro fratello (yo’, yo’, brò!) Matteo, giovane falesista del nord cacciato sulle rogne dal suo fido socio Jack, che in sosta osserva divertito finché non tocca a lui infilarsi nella famosa fessura che caratterizza la via. Quando è il turno di ga, ovviamente il sole va via, lasciando la nebbia a inumidire le ossa e a rinfrescare gli animi; meno male, così ga evita di venire alle mani con l’ostica fessura, e in carenza di materiale opportuno, si regala un simpatico runout, come se non ne avesse già abbastanza di corse affannose per giungere intero in sosta senza dover ricorrere alla dentiera per il resto della sua vita. Ele segue cantando. Si, cantando: ed è tutto dire!! Al terzo tiro sembrano esserci frigoriferi classe A in offerta e Bro’ decide di portarne uno a casa, il meno ingombrante per ovvie ragioni, ma nel goffo tentativo di metterlo nello zainetto lo fa cadere rovinosamente a terra, e di lì al ghiaione basale il tragitto è breve; e poco dopo ga, sul quintomeno, rischia di piantarci una randa tale da riuscire probabilmente ad arrivare e recuperare almeno il cestello, e cominciare il primo lavaggio con i suoi boxer. Ancora un tiro al supermercato in mezzo alle grandi offerte sugli elettrodomestici e protezioni rarefatte come l’ossigeno in quota, e poi via via più facile sino alla cima del corno grande… che vista da quassù! … nebbia. Ovunque ci si giri… nebbia! Per puro sbaglio riusciamo a vedere dei ragazzi in cima senza scontrarci, e poi è il momento di quattro chiacchiere e della lunga discesa. Oggi beh, non possiamo certo dire di aver visto la roccia delle Spalle e non abbiamo sicuramente goduto delle comodità dei Prati di Tivo; ma forse, abbiamo visto una piccola ma sicuramente affascinante parte della vera anima del Gran Sasso!
Data: 17 agosto 2014

 

Nel luglio 2016 Gabriele si è fatto male alle isole Faroe. Questo è quello che ha scritto in via di guarigione:
“Qualcuno in questi giorni mi ha detto che son stato sfortunato… ma forse era solo per cercare di consolarmi del fatto di ritrovarmi così accartocciato e con una dozzina di arti sparsi per il corpo alla ricerca di un’identità.

Per qualche momento, forse, ammetto di averlo pensato anche io. Mentre mi caricavano sull’elicottero, devo averlo pensato. Devo averlo pensato anche quando poco dopo in ospedale hanno cominciato a imbottirmi di morfina come il tacchino di cibo le settimane prima del Giorno del Ringraziamento.

Si, forse l’ho pensato per davvero di aver avuto sfiga. Ci ho creduto. Mi è sembrata un’ottima scusa a poco prezzo.

Secondo questa teoria oggi, ancora con i miei bei problemi a dieci giorni dall’incidente, non dovrei poter essere qui a scrivere…invece, con una mano sola al momento, ma sto scrivendo. Riesco a formulare frasi di senso compiuto… o meglio, riesco a formulare frasi come prima di dieci giorni fa…sul senso compiuto meglio non esprimere giudizi. Riesco a sorridere e a fare smorfie di dolore, riesco a lamentarmi, riesco a ricordarmi che ho ancora dei sogni, riesco a rispondere più o meno a tono alle menate di belino dei miei amici, riesco anche se ancora con un pò di fatica a stare in piedi e a camminare, riesco a rivedere un pò del bel materiale video realizzato in quel poco tempo, in quel posto che mi è rimasto nel cuore… in fondo ero lì anche per quello. Quasi riesco già a vestirmi da solo, con l’aiuto di una corda legata all’armadio pur con qualche sforzo riesco anche ad alzarmi da solo dal letto, insomma: questa è sfortuna?

Visto quello che è successo e a come poteva andare, io la chiamo invece FORTUNA. E infatti, sono fortunato ad essere qua!

Le cose succedono, la vita va avanti. Passerà ancora un pò di tempo prima di poter tornare “come nuovo”, ma… succederà. Non è straordinario? Poteva succedere qui, è successo là… cosa cambia? I soldi spesi per l’assistenza sanitaria? Il fatto di dover interagire in inglese piuttosto che in italiano? Che la terapia intensiva là si chiami intensive care come qualche deodorante che vendono al supermercato? Non cambia niente: sono VIVO!

Grazie – ma veramente! – a tutti quelli che in questi giorni si sono fatti vivi, che mi hanno chiamato, che mi hanno scritto, che son passati a tenermi compagnia, e a quelli che han promesso che passeranno a darmi un abbraccio perchè hanno veramente piacere di farlo: grazie di cuore, non me lo aspettavo!

In primo piano, Gabriele alle Faroe
GoAidAPitch-4-IsoleFaroe-13923598_1568418693463284_8473024229340997377_o

Posted on Lascia un commento

Storia dell’arrampicata romana – 1

Storia dell’arrampicata romana – 1 (1-4)
di Luca Bevilacqua
(già pubblicato nel 2010 da climbing pills)

Introduzione
Questa storia non punta a raccontare come sono andate realmente le cose, chi erano le persone, quali furono i luoghi.
Racconta quel che io ho visto e vissuto, per come lo ricordo oggi.
Non aspiro a nessuna ricostruzione. A nessuna verità che non sia quella del tutto soggettiva dei miei pensieri, dei miei sentimenti, delle emozioni di allora e di adesso.
Perché guardarsi indietro?
Non sono un nostalgico. Mentre scrivo m’interrompo spesso, pensando a dove e con chi arrampicherò sabato prossimo. Penso alle falesie che vorrei vedere, alle vie che vorrei provare.
E però, penso anche di essere stato fortunato, perché la mia adolescenza (e prima giovinezza) l’ho vissuta idealmente fra le pareti di Sperlonga e Pietrasecca, tra Finale Ligure e il Verdon. Fu una stagione irripetibile, almeno per me. E mi piace l’idea, nata con qualche amico, di raccontarne una parte: quella che riesco, appunto, a ricordare…

Roberto Bassi “in visita” a Sperlonga nel 1986, su Reggae per Maometto, 7a+. Foto: Luca Bevilacqua
StoriaArrampicataRomana-1-2

 

Prima di cominciare (o di ricominciare), c’è un preambolo cui tengo molto.
Anche perché sennò uno non capisce molto di questa mia storia…
Il preambolo è molto sintetico. Si riassume in poche parole: amo la montagna, vengo dalla montagna.
Poi di fatto questa storia (quasi insignificante) si svolge in gran parte vicino al mare. E con l’alpinismo non c’entra nulla.
E io vengo da Roma, altro che montagna!
Però questo è quel che sento.

 

Capitolo 1
La mia storia di arrampicatore comincia una domenica mattina al Precipizio del Circeo.
Avevo cambiato da poco scuola: dal “Tasso” al “Giulio Cesare”. Qui c’era un ragazzo, Lorenzo, figlio di amici di famiglia, che aveva fatto il corso di roccia con la “Paolo Consiglio” l’anno prima.
Avevamo sedici anni. Ma lui – beato lui! – già arrampicava. E quanto a me, gli dissi che volevo cominciare. Mi parlò del Monte Morra, la palestra storica dei rocciatori romani… Mi disse che mi ci avrebbe portato.
Qualche giorno dopo, all’uscita di scuola, Lorenzo mi presentò Fabio, anche lui del “Giulio Cesare”, anche lui fresco di corso.
In quel momento avevo all’attivo tre estati di vie ferrate nelle Dolomiti con mio padre. E spesso, in quei giri su e giù per il Sella, il Catinaccio, il Sassopiatto, lo Sciliar, le Odle e le Tofane, mi ero ritrovato a fantasticare su quelli che, oltre a indossare casco e imbraco come noi, camminavano per i ghiaioni o i prati con la corda legata dietro la schiena, martello, chiodi e altri strani aggeggi che penzolavano.
Lì ho scelto, ho capito cosa mi sarebbe piaciuto imparare. Quella cosa là: la roccia, le ascensioni in parete. Un desiderio infantile. Come quando il bambino dice: da grande farò questo. Però mi sembrava al tempo stesso una cosa impossibile, una cosa per uomini speciali.

L’autore (detto Smilzo) nel 1982, a quindici anni, sulla normale al Cimon della Pala
StoriaArrampicataRomana-1-3

 

Avevo letto Settimo grado di Messner. Me l’aveva regalato papà, dicendomi: ecco cosa NON devi cercare di fare…
Avevo capito cos’è la “libera”. Avevo capito (intuito) il fascino irresistibile dell’arrampicata su roccia. Tra una ferrata e l’altra, tra una passeggiata e l’altra, se vedevo un sasso su cui arrampicarmi, lasciavo la compagnia e mi precipitavo lì. Salivo, saltavo giù, cercavo un punto più difficile. Non riuscivo, riuscivo, non riuscivo. Sulle ferrate, evitavo di tirarmi sulla fune metallica.
Però in realtà, quando strinsi amicizia con Lorenzo, non avevo fatto ancora nulla. Solo la normale alla Furchetta (II grado) e un tentativo fallito – con mio padre – al Cimon della Pala. Sapevo fare il mezzo barcaiolo e il barcaiolo. Sapevo cos’è una sosta (ci vuole uno spuntone e un bel fettuccione) e soprattutto come si fa una doppia…
Allora: la corda doppia si fa passando la corda sotto la coscia (o tutt’e due le cosce?), e poi in qualche modo sotto le palle, poi attorno al busto, insomma ti deve avvolgere, stritolare un po’… Ma in questa maniera fa attrito, e così non vai giù di botto. Si spera.
La doppia si fa bene con una giacca tipo k-way, così la corda scorre meglio…
Insomma, le mie nozioni erano poche e confuse. Però avevo tanta, tanta voglia di cominciare, di andare a vedere questo famoso “Morra”.
L’anno scolastico è iniziato da una ventina di giorni. Lorenzo mi dice: per prima cosa potremmo farti fare qualche manovra a Ciampino…
– Ciampino? – chiedo io – ci sono delle pareti a Ciampino?
– Ma sì – risponde Lorenzo – una specie di cava, di una cosa vulcanica che assomiglia un po’ al granito, non tanto alta, però abbastanza fica, e soprattutto vicina… Però, lascia stare, intanto stiamo pensando di andare, domenica, al Circeo. Vedrai, ti piacerà. Sembra una parete dolomitica! Abbiamo trovato uno grande, uno con la macchina… Così, con te e Fabio, siamo in 4: due cordate. Andiamo a fare la Via del Tetto: V+/A1…
La Via del Tetto?
L’imbrago e il casco ce li ho. Mi servono delle scarpette.

“Tra una passeggiata e l’altra, se vedevo un sasso su cui arrampicarmi, lasciavo la compagnia e mi precipitavo lì…”
StoriaArrampicataRomana-1-1
Vado sabato mattina da Calconi sport, vicino Piazza Fiume. Parlo direttamente col signor Calconi, che mi sembra un tipo serio ed esperto, e gli chiedo delle scarpette da arrampicata. Mi mostra subito un modello che mi dice essere l’ultimo ritrovato: “queste sono le migliori”. Strane, penso io. Sono nere e gialle. Sotto: suola rigorosamente liscia (sì sì! – mi dico – sono proprio loro!). Si chiamano “San Marco”. Sono le scarpette di Patrick Berhault. Un nome che per me diviene immediatamente un mito.
– Che numero porti?
– Quaranta e mezzo.
– Beh, queste devono starti belle comode. Sennò poi ti fanno male, e non riesci ad arrampicare! Ecco, provati il quarantuno.
Detto fatto.
Domenica 9 ottobre 1983.
Appuntamento con Lorenzo alle 6.15 a piazza Istria. La città è deserta. Prendiamo il 6 (oggi 310…). Alle 7.00 siamo alla stazione metro Magliana. Lì c’è Guido, detto il Teologo, e Fabio.
E’ brutto tempo, pioviggina, ma si va lo stesso. Si prova.
Arrivati al Circeo non piove più, e la roccia pare essersi asciugata.
Partono Lorenzo e Fabio, uno pochi metri dietro l’altro. Li vedo, su in alto, tirare due chiodi (A0!), e poi salire ancora e arrivare in sosta. Fabio, che ha già intuito il mio temperamento (durante il viaggio ho parlato per circa un’ora e mezzo, in termini idolatranti, di Messner e Manolo), mi dice che gli appigli, seppur piccoli ci sono. Posso provare, da secondo, a salire in libera.
E’ il grande momento. Lo aspettavo da tanto. Parto bene, tutto mi sembra largamente alla mia portata, ma quando arrivo sul tratto chiave… Accade qualcosa di terribile, di portentoso, di rivelatore.
La roccia è lì, ci sono dei buchi, delle tacche, ma non ce la faccio. Passano dei lunghissimi secondi. Le dita fanno male, si aprono. Non riesco, non capisco, mi appendo. Grido forte: “recupera!”.
La mia prima volta. La prima acciaiata non si scorda mai.
Grido: “Calami giù!”
Risposta: “No! Che cazzo! Perché hai voluto stancarti così?! Dai, aggrappati ai chiodi e vieni su!”
Io: “Non riesco a reggermi più a niente! Mi fanno male le mani! Calami giù! Proseguite voi!”
Loro tre fanno il secondo tiro. Poi riprende a piovere, e così scendono.
Commentiamo, ridiamo. Mi prendono un po’ per il culo.
Smette di piovere ed esce il sole. C’è un sasso alto due-tre metri, bianco, liscio. Ci mettiamo lì a giocare, ad arrampicare, a fare “bouldering”.
“Fabio, ma tu la sai chi è John Gill? E la scala del bouldering, la conosci? Beh, ti spiego: B1 è un passaggio durissimo, ma proprio duro, provato e riprovato…”

Capitolo 2
I miei primi mesi di arrampicata sono documentati in un quaderno che ho conservato. Ho registrato data, luogo e compagno di cordata. C’è anche un piccolo commento per ogni salita: qualcosa a metà tra la notazione di impressioni personali e la relazione di via. Poi c’è scritto – ovviamente – se ero da primo o da secondo, se sono passato in libera, o, nel caso contrario, quanti resting ho fatto, quanti chiodi ho tirato…
Un esempio. Quasi a punirmi di quella mania assolutamente infantile e ridicola (vista la mia totale inesperienza) per l’arrampicata libera, quando Lorenzo mi portò finalmente al Morra, andammo a fare, come prima salita, la via Anna. Un enorme strapiombo attrezzato con chiodi a pressione (A2).
Copio dal mio quaderno: “E’ stata la prima via che abbiamo percorso, attaccandola fin dal primo breve tratto (abbastanza impegnativa l’uscita). Subito dopo il vero attacco, passati i primi 2-3 chiodi, ci si trova già sensazionalmente nel vuoto, ma non ci sono eccessive difficoltà; dove invece il tetto si fa più verticale, i chiodi sono posti a maggiore distanza l’uno dall’altro e bisogna allungarsi bene, all’infuori, per raggiungerli. Poi ci sposta a sinistra, dove 2 chiodi vicini rendono possibile una sosta aerea. Si prosegue quindi verso destra fino all’uscita, dove bisogna ricorrere ad appigli e appoggi naturali per trovarsi infine fra i comodi cespugli. 40 m.”
Certo, rileggendo queste righe , mi viene da pensare che avevo arrampicato ben poco, quasi niente. Ma, per come scrivevo, ne avevo lette di relazioni di vie!
In estrema sintesi, dopo l’esordio fallimentare al Circeo, il curriculum dei miei primi mesi di arrampicata è stato il seguente:

16 ottobre 1983, Morra
via Anna
via dei Placconi
via del Nicchione (variante d’attacco)
via di Marco
1 novembre, Morra
Silvio bassa
Due fessure
Fessurone
– Lopriore
Rampa
20 novembre, Leano
Diedro giallo
Disoccupati
– Biblico
Tre C
via della Placca (tentativo)
Diedro abbandonato
27 novembre, Ciampino
4 dicembre, Gaeta
via dello Spigolo
8 dicembre, Morra
Zapparoli
Due fessure
Fessurone
– Lopriore
Gigi
21 dicembre, Ciampino
23 dicembre, Morra
Fessura di Dado (???)
Gatto
Geri
Direttissima (L.1)
Nicchione
26 dicembre, Ciampino
27 dicembre, Ciampino
28 dicembre, Circeo
Pilastro zoppo
30 dicembre, Morra
Geri
Pulpito
Nicchione
Variante di Donatello
5 gennaio 1984, Ciampino
15 gennaio, Ciampino
22 gennaio, Leano
Diedri paralleli
Dory
Spigolo dei geologi
Diedro rosso
Tre C
29 gennaio, Leano
Paolo ed Enrico
Arruginante
Ingegneri
via della Placca
5 febbraio, Sperlonga
Spigolo di Roberto
Elefante in calzamaglia
Sandra
Picchiami sulle bolle

Sulla via della foto a Ciampino. Il nome era dovuto a una foto apparsa sulla copertina de L’Appennino
StoriaArrampicataRomana-1-4

Una delle fissazioni di Lorenzo e Fabio, nelle quali fui coinvolto quasi subito, era il progetto di una variante d’attacco alla via del Nicchione al Morra. Nonostante arrampicassero entrambi da appena un anno, si erano messi in testa che si poteva aprire questa variante qualche metro a destra dell’attacco consueto: una placca davvero liscia, da fare con un po’ di artificiale. La variante si sarebbe sviluppata per non più di 8-9 metri. Fabio, salendo sulle spalle di Lorenzo, era riuscito a piantare un chiodo abbastanza alto in una fessurina rovescia. Il chiodo teneva. Fu messa una staffa, e così piantarono, alternandosi, uno spit circa un metro più in alto del chiodo. Poi il chiodo lo togliemmo: “La fessurina serve per la mano, per provare se si fa in libera…” (mentalità abbastanza sportiva, visti i tempi!). Non avrei però raccontato questo piccolo episodio se in quel momento non fosse passato il mitico Vito (Plumari, NdR), il Vecchiaccio, di cui Fabio e Lorenzo sapevano tutto.
– Ehi, ciao. Che fate, ragazzi?
– Niente di importante. Stiamo aprendo una variante d’attacco al Nicchione. Abbiamo piantato uno spit, ma adesso dobbiamo provare a salirla…
– Bene. Bravi, bravi. Quando lo vedo, glielo devo dire al mio amico Pierluigi che qui al Morra ci sono dei ragazzetti che si danno da fare aprendo delle belle vie nuove. Questa poi sembra anche un po’ difficile, eh? Lì ci sarà un passaggio che sarà almeno di quinto superiore, forse anche sesto meno… Beh, bravi bravi, continuate così…
Più tardi Fabio e Lorenzo mi avrebbero spiegato chi era quel signore un po’ buffo. E chi era Pierluigi (Bini), l’alpinista romano più forte in circolazione, il cui nome avevo peraltro già incontrato leggendo Settimo grado. Mi ero trovato a cospetto della Storia, quella con la esse maiuscola…

Capitolo 3
Per tutto l’inverno 1983/84 arrampicai quasi sempre da secondo. Facevo cordata con Lorenzo e poi, sempre più spesso, con Fabio. Il posto che mi piaceva di più era Leano. Con Fabio, verso Pasqua (19-21 aprile 1984), avremmo piantato la tenda sotto Torre Elena e saremmo rimasti lì tre giorni consecutivi…
Anche se devo pur dire che l’impressione più forte me l’aveva procurata Gaeta, con quelle doppie nel vuoto totale, 110 metri a picco sul mare. Con Lorenzo facemmo una classica: lo spigolo. Non lo trovai difficile, ma l’emozione fu tantissima.
Peraltro la destinazione in assoluto più gettonata era Ciampino, che aveva il vantaggio di essere raggiungibile senza bisogno di passaggi in macchina. Appena potevo, e da un certo momento in poi anche da solo, prendevo la metro A, scendevo a Giulio Agricola, e poi il pullman fino alla fermata dell’aeroporto.
Qui provavo ogni sorta di boulder e di traverso. A dicembre ero riuscito a fare la famosa traversata “dei pollici” (VII-, in seguito smartellato), e a gennaio la fessurina con gli incastri (VI+ expo).

Lorenzo e lo Smilzo all’uscita dello Spigolo a Gaeta
StoriaArrampicataRomana-1-5
Ma proverò adesso a ricordare il primo approccio con la falesia che in quel momento era sulla bocca di tutti. Veniamo così all’ultima di quell’elenco di uscite.
5 febbraio 1984, ”Sperlonga. Sperlonga…”.
Da qualche settimana, il venerdì sera, nella saletta SUCAI di via di Ripetta, quasi non si parla d’altro.
Sull’Appennino è uscita da poco la notizia, con le relative foto, della prima salita di Stati di allucinazione a Leano, da parte di Andrea Di Bari e Furio Pennisi. Il grado proposto è VII+/VIII-…
Per me, che arrampico da pochi mesi, è fantascienza. Di più: è Mito.
E tuttavia, sembra che quella salita rappresenti già il “passato”.
Il presente e il futuro sono, semplicemente, Sperlonga. Che è esplosa, come falesia, da più o meno un anno…
Stefano Finocchi, ospite fisso il venerdì sera, assieme ai Vermi (Giuseppe e Roberto Barberi, NdR), a Luca Grazzini e svariati altri), non fa altro che parlarne, descrivendo con gli occhi invasati del veggente le ultime vie che ha spittato e/o salito. Idefix, Prondo-prondo, Rank-xerox, e la più dura di tutte: Kajagogo… Sul grande cartoncino bianco dove Stefano ha disegnato il Paretone (oggi la parete “del Chiromante”), facendo lo schizzo di tutte le vie esistenti, leggo che al nome Kajagogo corrisponde la valutazione sbalorditiva di 7b-… (Stefano inizialmente aveva pensato che il grado potesse essere 7c… Lo aveva dedotto da un confronto con una fotografia di Edlinger su Fenrir, 7c, vista sul libro Opera vertical: le stesse identiche gocce, aveva pensato Stefano. Dunque il grado sarà quello…)
Nella saletta SUCAI Fabio osserva un contegno prudente, da buon ex-allievo fresco fresco di corso CAI. Io sono un po’ più sfacciato, e mi arrischio in domande, cerco di fare un pochino amicizia. Sarebbe bello entrare in quel giro…
Quella prima volta a Sperlonga è uno shock. Arriviamo prestissimo. Ci siamo informati e sappiamo che la via più facile è lo Spigolo di Roberto (aperta da Roberto Ferrante svariati anni prima).

Su L’elefante in calzamaglia, 6b, Sperlonga
StoriaArrampicataRomana-1-6
Fabio sale il primo tiro. Io subito mi accanisco – da secondo – per passare in libera l’attacco, maledettamente duro. Sarà, penso, un bel VI grado. E questa sarebbe la via più “facile” della parete?
Sbuchiamo in cima, e passiamo sotto la fascia superiore.
Resto impressionato, incredulo, sotto una fila di spit che sormonta una placca rossa strapiombante completamente liscia. Più tardi, dal Mozzarellaro, chiederò lumi: trattasi di una via non ancora liberata, si chiama Polvere di stelle. Provo un misto di frustrazione ed euforia pensando a chi è in grado di arrampicare su quelle difficoltà…
Scendendo dalla fascia superiore, giungiamo a una specie di selletta. Da qui la visione del Paretone, con le sue placche lisce, è davvero impressionante.
Vedo una cordata che affronta una placconata grigia assai compatta. Da qui non si vedono buchi, né fessure: gli appigli saranno grandi non più di una o due falangi!
Scendiamo un pochino e riconosco uno dei due Vermi, il più giovane (Roberto, da tutti chiamato Medioverme, NdR), che va da primo e sta per affrontare un bel tettino qualche metro sopra la sosta. Sussurro a Fabio: ora voglio proprio vedere come se la cava…
Lui sale assolutamente fluido. Sale con le mani, appoggia un piede sul bordo del tettino, lo carica, e un momento dopo è su.
Sta sul secondo tiro di Flippaut. Penso tra me e me: cazzo, ma come fa?
Superato il tettino con assoluta sicurezza ed eleganza, il Medioverme si avventura per una placca un po’ strapiombante. Sembra proprio un verme che striscia…
Scendiamo. Chiediamo consigli su qualche via breve da provare.
Ci consigliano di scendere all’avancorpo, a fare L’elefante in calzamaglia. Ma che razza di nome è? Per me i nomi sono, chessò, la Gigi, la Marco, la Silvio alta…
Ma questo nome, L’elefante in calzamaglia
Fabio sale facendo una serie di resting e A0.
Provo io. Appena fatti due metri, la placca diventa liscissima. C’è un passo verso destra, con microappigli. I piedi partono. Non resisto, mi appendo, mi riappendo. Tiro, urlo dal dolore. Sono lame minuscole, oppure buchetti per la punta di due dita… Esce il sangue da un mignolo.
Agggghhh!
Mezz’ora dopo proviamo una via subito a sinistra, la Sandra, un po’ più umana, ma comunque difficilissima.
Poi risaliamo sopra. Siamo stanchi, ma andiamo comunque a fare la super-classica: Picchiami sulle bolle. Sul tiro chiave io cerco di passare dritto sul “Bombardamento” (almeno così credo di aver capito che si chiami). Una valanga di resting. Sono sfinito. Fabio che quasi mi paranca su. Un piede sullo spit, una mano nell’anello dello spit dopo. “Altro che libera!”
Cazzo.
Riscendiamo di nuovo passando per la selletta.
Le emozioni non sono finite.
Vicino al punto della parete dove prima avevo visto i Vermi, c’è lui, il mitico Andrea Di Bari, che a fine giornata ha deciso di andare a farsi un giro su “Coscia a go go” (è tipico questo mio smarrimento di fronte ai nomi delle vie).
Andrea prova, cade… Vola!
Risale sulla corda. Riprova. Vola un’altra volta!
Porca miseria.
Di nuovo, un terzo volo!
Non mi sembra possibile che uno possa fare tre voli di seguito senza scomporsi, senza avere minimamente paura…
Lo fa come se fosse normale.
Alla fine riesce a passare.
Ma quei voli “da primo” restano stampati nella mia mente. Ripenso al 7b-, che vuol dire cosa? VIII grado? VIII+?
Quella giornata è indimenticabile.
Dopo qualche tempo vengo a sapere che Stefano ha liberato Coscia a go go, e l’ha data 7a.
Ora sta provando Polvere di stelle, probabile 7c…

Capitolo 4
La mia prima arrampicata a Sperlonga fu, come si sarà capito, quel che si dice un’esperienza forte.
Quasi un delirio di immagini, un vortice di sensazioni visive, tattili, olfattive: odore di roccia, di terra, di macchia mediterranea.
Medioverme lo avevo dunque conosciuto nella saletta SUCAI. Eravamo perfettamente coetanei (nati nel 1966), cioè ragazzetti, o come si dice a Roma: pischelli. Lui parlava in modo schietto e disinvolto, con leggero accento romanesco, di quando aveva fatto il Diedro Philipp, o di qualche ripetizione di vie di Pierluigi Bini al Gran Sasso. Dire che lo ascoltavo a orecchie spalancate è dire poco. Per la miseria: aveva fatto in montagna, negli ultimi due o tre anni (cioè fra i suoi quattordici e i sedici), quel che io avrei sognato di essere in grado di fare tre anni più tardi…

19 febbraio 1984, su Hellzapoppin, Gaeta
StoriaArrampicataRomana-1-7
Prima di conoscerlo personalmente, mi aveva parlato di lui Lorenzo. La prima volta che eravamo stati al Morra, mi aveva indicato, dove si lasciano gli zaini (sotto la Rampa), il masso dei caminetti: “Qui, su quella placchetta liscia, su quei buchetti infimi, ho visto tempo fa salire i Vermi”…
Uno dovrebbe tornarci oggi, a sentire cosa sono quei buchetti… (all’epoca non esisteva l’espressione “monodito”,”bidito”, ma di quello si tratta…)
Comunque vedere Roberto arrampicare su Flippaut (6a+) fu, vi assicuro, un vero spettacolo.
L’arrampicata ti dà, come pochi altri sport, queste botte, queste umiliazioni. Abbassi il capo e ti va di stare in silenzio. Pensi d’un tratto che l’animo baldanzoso è da cretini, non è adatto all’arrampicata.
Non sono più tornato a Sperlonga per molti mesi.
Con Fabio riprendemmo ad andare a Leano, a Gaeta, al Circeo. Anche perché a Sperlonga, questo è un dato da non sottovalutare, nella primavera 1984 non esistevano praticamente vie sotto al 5c…
L’estate, ovviamente, andammo in Dolomiti. Tornai (stavolta da primo) in cima alla Furchetta; feci varie vie alle Torri del Sella; la Maria al Sass Pordoi, e soprattutto lo Spigolo Abram al Piz Ciavazes (dietro a Fabio).
Però la mia vocazione si stava decidendo: a settembre eravamo di nuovo a Sperlonga, sulle lamette taglienti di una breve placca denominata La moda del pesce. Traduzione libera di Depeche mode, band che Stefano Finocchi ascoltava avidamente in quel periodo.

Capitolo 5
Faccio un breve riassunto dei capitoli precedenti, in terza persona:
Smilzo arrampica ormai da un anno. Con spirito gagliardo e irragionevole ha tagliato i ponti con tutti gli interessi che normalmente occupano la vita di un adolescente. Suonava le tastiere in un gruppo, e il gruppo ora non esiste praticamente più. Cercava una ragazza, e ora non la cerca più. Parlava di vari argomenti, e non solo di gradi, di libera, di scarpette e moschettoni… Ora parla sempre, ininterrottamente, pure alla madre, solo di quello.
I voti a scuola sono pessimi.
Però lui si illude di esser vicino a fare il Settimo grado, e quindi di essere forte quasi come il giovane Messner.
E questo gli basta. (Tutto gli deriva dall’esser riuscito a fare in libera DA SECONDO la
via degli Ingegneri a Leano, VII grado sulla guida Helzapoppin).
Con fare sornione e falsamente dimesso, ha cercato di stringere amicizia con Medioverme. Però vedendolo finalmente all’opera in quel di Sperlonga – dopo tante chiacchiere serali nella saletta SUCAI -, ha capito che deve magna’ ancora molte pagnotte prima di arrampicare come quello lì…
Eravamo arrivati più o meno qui.
Trascorsa l’estate in montagna, ai primi di settembre io e Fabio sentiamo una strana, irresistibile fretta di tornare a Sperlonga.

SperlongaStoriaArrampicataRomana-10-Sperlonga

6 settembre 1984. Un sole impietoso. Siamo gli unici.
Come prima via saliamo Dar un jeito, una delle poche linee ad essere aperte dal basso e senza spit. Il primo tiro risulta chiodato abbastanza bene. Il secondo crea invece a Fabio non poche apprensioni. C’è infatti una piccola grotta rossastra da salire un po’ verso destra (difficoltà di 5c+), assolutamente sprotetta. Fabio esita non poco, e impiega almeno 20 minuti per venirne a capo. Ma compie alla fine un bell’exploit.
Dopo andiamo sul Risveglio di Guendalina, subito a destra del Bombamento di Picchiami. 6a (da secondo) senza resting! Tipica esaltazione momentanea del giovane Smilzo, che tuttavia continua ad arrampicare con la corda davanti…
Il caldo e la sete hanno la meglio sui due giovani eroi. Ritorno sul sentiero. Ci dirigiamo verso il Mozzarellaro.
Al bancone c’è un signore ben piazzato fisicamente, sulla cinquantina, capelli bianchi e baffi simpatici. Uno sguardo intenso, due pupille che ti puntano come fanali dritto negli occhi. E’ Guido (er Mozzarellaro).
Sul primo tiro di Flippaut (Sperlonga), con le San Marco ai piedi
StoriaArrampicataRomana-1-8
Parla una lingua assolutamente incomprensibile. Mastica con voce roca alcune sillabe che fanno pensare a un dialetto del Sud. Però ci mette sul piatto di plastica una mozzarella di bufala spettacolare.
Ci fa qualche domanda che non capisco. Insieme ai bagnanti scopriamo che c’è nel locale qualche altro arrampicatore (allora non siamo solo noi gli esaltati!). Il clima è disteso, come può esserlo soltanto dopo una giornata di scalata un po’ “engagée”, con qualche rischio… Sono contento.
Dopo un paio di settimane torniamo di nuovo a Sperlonga. Cominciamo ad alzare il tiro. Andiamo a fare una via bellissima, tutta in placca: Cleptomania. Saliamo su alla grande. Sosta dopo il primo tiro, appesi agli spit con le corde che cadono giù stile Verdon. Poi una pancetta strapiombante ben appigliata, e una lunga placca di quinto grado. Mi esalto sempre di più.
Così ci decidiamo. Un colpo di spavalderia. Andiamo sulla mitica Flippaut. Sul quadernino ho scritto: VII+/VII-.
Il primo tiro mi sembra impossibile. Soprattutto ho l’impressione di non riuscire a scaricare niente sui piedi.
La punta delle scarpette si piega verso l’alto, e scivolo… Passo in A0. Sul secondo tiro faccio svariati resting… Dopo l’esaltazione arriva puntuale la batosta.
Però, la cosa più importante è che stiamo prendendo confidenza. Capisco finalmente, ad esempio, che le mie scarpette mezzo numero più grandi non possono tenere sugli appoggi di un tiro duro lievemente appoggiato come il primo di Flippaut… Guardo gli altri. Vedo che tutti (ma lì gira solo gente forte!) portano delle scarpette uno o due numeri in meno. Penso che devo adeguarmi.
In uno dei miei primi scambi verbali con Andrea Di Bari, lui mi descrive le grandi qualità delle “Mariacher”. Mi dice: “Proprio stamattina le ho provate, appoggiando la punta di una scarpetta su di un appoggio di 2 o 3 millimetri”. Mi mostra il profilo di una chiave: “Ecco, un appoggio che sporge così dalla parete”.
Penso tra me e me: ‘azz!
“Sì – continua lui – è una via che si chiama Baby snake… La devo ancora liberare. E’ molto breve, ma ha degli appigli e appoggi piccolissimi…”.
Sto a sentire imbambolato, drogato. Poi lui taglia corto: “Ma tu quanto porti di scarpe normalmente? Quaranta e mezzo? Bene: devi prendere il trentasette e mezzo”.
Ehhhh?
Tre numeri in meno? Ma allora, quello che mi aveva detto il signor Calconi?
Ovviamente – capisco poi – le scarpette vanno tolte fra un tiro e l’altro. E’ finita l’epoca in cui le calzavi arrivato alle pareti e le tenevi tutto il giorno, camminandoci da un settore all’altro, sui sentieri di terra…
Le scarpette devono essere strette e con la suola perfettamente pulita!
Faccio l’ordine delle “Mariacher” ad Andrea.
Mi si sta aprendo un universo…

(continua)

Da Guido er Mozzarellaro, oggi
StoriaArrampicataRomana-9-generale