Posted on Lascia un commento

Valley Uprising – The Stone Masters

L’America, come noi abbiamo sempre chiamato gli USA, fa parte ormai del nostro immaginario collettivo, una multiforme quantità di immagini, parole e pregiudizi che nel loro insieme dipingono la grande ricchezza di espressione di quel grande paese. L’America è tanto odiata quanto amata, anche se non ci si è mai stati, perché rappresenta ciò che noi vorremmo essere e non vorremmo mai essere.

Ma questo non deve meravigliare se si pensa ai grandi cambiamenti che da anni attraversano la cultura americana e di fronte alle contrapposizioni a volte dolorose che osserviamo da lontano, sottolineate spesso dai paesaggi più antitetici, come i grandi spazi dei deserti assieme al Bronx.

La notte degli Oscar, il consumismo, lo spreco immane di energia planetaria, le teleprediche agli ingenui assieme alla scienza da premi Nobel, alla NASA, al National Geographic. Jack Kerouac, William S. Burroughs e Allen Ginsberg contro l’establishment. Una cultura da fast lane, agitata, un po’ schizoide ma assolutamente viva e geniale, tipica di un paese “che non è per vecchi”.

Anche nella Yosemite Valley, California, sede del parco nazionale più famoso del mondo in mezzo a gigantesche foreste e pareti di granito, è stata giocata una grande partita di rivalità, avventura e ribellione nell’arco della seconda metà del secolo XX. Tutto è iniziato nell’America dei tardi anni ’50, quando i poeti beatnik, dal profondo dei jazz club di San Francisco, davano pesanti scrolloni al conformismo. Nello stesso tempo alcuni giovani barbuti cercavano ostinatamente di togliersi la muffa di dosso nel loro coraggioso viaggio attraverso le montagne della Sierra Nevada.

Warren Harding
ValleyUprising-Harding-184782_29283_LRoyal Robbins
ValleyUprising-RoyalRobbinsWNello spirito di John Muir e Jack Kerouac un gruppo di beatnik disse addio alle convenzioni della buona società per vivere arrampicando su queste straordinarie pareti di granito. E riuscirono nell’impresa incredibile, diventando perciò leggenda, di scalare le pareti di quasi mille metri dello Yosemite. Nei campeggi che si stabilirono nel fondovalle, prese forma uno stile di vita che, molto presto, venne a cozzare con lo spirito conservatore del National Park Service, mentre sulle pareti si sfidavano senza esclusione di colpi intere generazioni di climber.

Valley Uprising è il racconto in film di questa storia affascinante e indimenticabile, di questa fortissima tradizione che vede ancora oggi in Yosemite il cuore di una lotta contro la gravità che dura da oltre 50 anni.

Alla testa di quei cenciosi pionieri erano due grandi rivali: Royal Robbins, imperioso come già il suo nome suggerisce, idolatrava John Muir e paragonava le scalate di questi alle sinfonie di Beethoven; e Warren Harding, un impetuoso operaio di strada, forte bevitore, che si era piazzato in Valle con un codazzo di donne e alcolici. I due avevano ben poco in comune: solo l’ambizione di essere IL re dello Yosemite.

Quando Robbins fece la prima ascensione dell’Half Dome, Harding rispose subito con il suo viaggione di 30 giorni sul Nose del Capitan. Questi sono stati i primi due colpacci in una partita che presto avrebbe spinto di molto avanti i limiti dell’umanamente possibile nel regno della verticale

Ma la rivalità Harding-Robbins è stata solo l’inizio. Nelle decadi seguenti, molti altri giovani avrebbero sputato sulle comodità per darsi interamente alle pareti e compiere imprese sempre più stupefacenti nell’arco della loro vita. Possiamo chiamarli gli Stone Master.

The Stonemasters è lo special edit del film Valley Uprising che il tour italiano del BMFF ha scelto di inserire in programma. Il segmento racconta in particolare gli anni ‘70 a Yosemite e i protagonisti di quell’epoca.

Gli anni ‘60, la cosiddetta “Golden Age”, sono caratterizzati dalla rivalità tra Royal Robbins e Warren Harding che culminò con la controversa scalata della Dawn Wall (su El Capitan) da parte di quest’ultimo. L’impresa, che vide Harding trascorrere quasi un mese in parete, e Robbins cercare successivamente di schiodare la via di Harding, finì in qualche modo per segnare entrambi e segnò la fine di un’epoca.

All’inizio degli anni ‘70, una nuova generazione guidata dal “gigante hippie” Jim Bridwell andava emergendo. Ispirandosi ai loro predecessori, ma ben determinati a impossessarsi della loro eredità, i climber degli anni ‘70 si dimostrarono arrampicatori visionari, dotati di grande personalità, che sfruttarono la loro abilità tecnica per salire le grandi pareti senza l’aiuto di mezzi artificiali.

I cambiamenti che vediamo in questi anni percorrere la valle di Yosemite riflettono quelli di un’intera nazione: mentre vacilla sempre più l’idealismo degli anni ‘60, prende vita una nuova era in cui predominano il sesso e le feste più sfrenate, mentre si inasprisce lo scontro con le autorità del parco, e i cosiddetti “Stone Masters” iniziano a guadagnarsi una certa fama in TV negli spot pubblicitari dei rasoi Schick. E poi accade che un aeroplano designato al trasporto droga si schianti nella valle, dando il via a una “corsa al contrabbando” tra i climber, che vivevano normalmente in povertà. Nel frattempo, storie oscure come quella di John Yablonski, arrampicatore di straordinario talento che ingannò la morte più e più volte sulle pareti prima di procurarsela con un fucile, lasciarono chiaramente intendere che non tutte le leggende di Yosemite potevano adattarsi bene alla vita al di fuori dell’arrampicata. Amicizie leggendarie si sgretolarono in banali risse nei parcheggi e la stella di alcuni degli Stone Master finì per consumarsi tra droghe, suicidi e sogni spezzati.

“Valley Uprising è la più grande storia che abbiamo raccontato fino a oggi”, dice uno dei registi Peter Mortimer. “In passato abbiamo raccontato storie di singoli personaggi (ndr: i registi sono gli autori di The Swiss Machine (2010) dedicato a Ueli Steck e Honnold 3.0 (2012) dedicato ad Alex Honnold), ma questo film ci ha permesso di documentare come è nato e si è evoluto uno stile di arrampicata che ha finito col diventare uno stile di vita”.

ValleyUprising-1180x1647

Valley uprising – The Stonemasters
(USA, 2014, 30 min)
Regista: Nick Rosen, Peter Mortimer, Josh Lowell
Produttore: Zachary Barr
Casa di produzione: Sender Films

Tommy Caldwell nella preparazione della prima in arrampicata libera della Dawn Wall, El Capitan
Tommy Caldwell and Kevin Jorgeson climb El Capitan in Yosemite National Park, California.  November 2010.Alcuni Stone Master
ValleyUprising-bridwell5
Jim Bridwell (Sant’Antonio, 29 luglio 1944)
Per quasi trent’anni Jim “The Bird” Bridwell è stato il più forte climber in America, e tra i migliori del mondo. Le sue capacità coprono tutte le discipline alpinistiche, dall’arrampicata su vie estreme alle cime dell’Himalaya.

Bridwell realizzò più di 100 prime ascensioni nella Yosemite Valley, oltre a compiere la prima ascensione in giornata della via The Nose su El Capitan il 26 maggio 1975 con John Long e Billy Westbay. Fondò il servizio di soccorso, lo Yosemite National Park’s Search and Rescue Team (YOSAR), e guidò molte operazioni di ricerca che divennero esemplari per le operazioni di soccorso in montagna. Fu un promotore del cambiamento nelle tecniche d’arrampicata e un grande innovatore/inventore di attrezzature.

Bridwell ha anche partecipato ad alcune spedizioni che hanno attraversato il Borneo, circumnavigato l’Everest, esplorato il pack e la wilderness della Cina Occidentale. La sua esperienza, unita alle capacità tecniche, l’ha portato a un continuo impegno nell’industria del cinema come consulente ed esperto costruttore di scene acrobatiche.

Vive a Palm Desert, non lontano da Los Angeles in California. Di recente è stata fondata l’associazione Help Jim Bridwell, per aiutare l’alpinista trovatosi in cattive condizioni di salute (a causa di un incidente) ed economiche.
Fonte: http://www.versantesud.it/shop/the-bird/

Dale Bard
ValleyUprising-Dale Bard in Zion
Dale Bard è stato un punto di riferimento per l’arrampicata in Yosemite negli anni ‘70; si è dedicato al free climbing, all’arrampicata in fessura e alle big wall. Dale ha avuto un ruolo di grande importanza nell’apertura della via del Nose, dedicando a quest’impresa moltissimo tempo. Dale Bard era famoso anche per il suo stile di vita estremamente frugale. Viveva in un furgone e si nutriva prevalentemente di patate e burro d’arachidi a quel tempo e Climbing Magazine lo definì il perfetto rappresentate di quello stile di vita detto “dirtbag” che si andava delineando. Con le sue prime salite su Bushido sull’Half Dome e Sea of Dreams e Sunkist sul Capitan, il nome di Dale Bard è entrato di diritto nella storia dell’arrampicata.

Nel gennaio 1976 con Nadim Melkonian intraprese un percorso scialpinistico lungo il John Muir Trail decisamente avventuroso: il loro piano di effettuare una traversata veloce confidando nel bel tempo si scontrò con condizioni climatiche avverse e le previste tre settimane di viaggio diventarono quasi il doppio, tra tempeste, valanghe e scarsità di viveri.
Fonte: http://www.cs.colorado.edu/~jrblack/famous.html

Lynn Hill (Detroit, 1 marzo 1961)
Lynn Hill è famosa in tutto il mondo per la sua prima ascensione in libera e in giornata del Nose su El Capitan nella valle di Yosemite.

Lynn Hill racconta così il suo arrivo a Yosemite: “Avevo solo 17 anni allora, arrivavo da un sobborgo di Orange County, in California. Avevo imparato ad arrampicare pochi anni prima insieme a mia sorella, al suo ragazzo e a mio fratello, ma sapevo molto poco della storia dell’arrampicata. Fu solo con John Long che conobbi personaggi come Mari Gingery, Mike Lechlinski, Dean Fidelman, John Yablonsky e John Bachar, quelli che io considero i veri StoneMaster. Il nostro stile di free climbing era basato su un codice di regole non scritte, che rispettava la purezza della roccia e del nostro stile di salita. Puntavamo ad affidarci il meno possibile sull’attrezzatura e cercavamo le vie più belle e più difficili. Arrampicare ci permetteva di fuggire le trappole del materialismo e da tutte le sovrastrutture artificiali della società moderna. Quegli anni tra il 1978 e il 1982 furono tra i più belli della mia vita!”
Fonte: http://lynnhillclimbing.com/?page_id=662

ValleyUprising--bozeman-boulder-lynn-hill-last-pitch-of-nose-jb

 

Posted on Lascia un commento

Storia dell’arrampicata libera 4

Storia dell’arrampicata libera dall’Alpinismo al Deep Water Solo (4-4)
di Guglielmo Magri, Istruttore della Scuola Franco Gessi di Bassano e collaboratore della Scuola Giuliano Mainini di Macerata

Il ritorno sulle grandi pareti
Aperture a spit dal basso
Naturalmente con questo stile la via non può essere considerata salita in libera in apertura a causa dei resting per piantare i chiodi.

Normalmente perciò l’apritore o i ripetitori ripercorrono la via successivamente cercando di salirla in libera senza utilizzare i riposi.

Con le vie aperte in questo stile nasce il concetto di “grado obbligatorio”, di grande importanza, ma di difficile valutazione.

Si tratta della difficoltà massima in libera fra una protezione e l’altra non eliminabile con passi di artificiale.

Dovrebbe essere valutato con la scala boulder, ma ciò non è semplice su una via di più tiri.

Arrampicata libera su vecchie vie artificiali
Una nuova tendenza fu quella di “liberare” vie aperte con l’uso dell’arrampicata artificiale.

Mauro “Bubu” Bole sulla via Couzy alla Cima Ovest di Lavaredo
Storia dell'Arrampicata Libera63

 Storia dell'Arrampicata Libera62

Lynn Hill sul Nose al Capitan
Storia dell'Arrampicata Libera64

Storia dell'Arrampicata Libera65

Solitarie slegati su vie alpinistiche (free solo)
Si tratta di uno stile molto antico (vedi Paul Preuss), ma ultimamente balzato alla ribalta con svariate grandissime salite.

Hansjörg Auer sulla Via Attraverso il Pesce, Marmolada
Storia dell'Arrampicata Libera66

Alexander Huber sulla Hasse-Brandler sulla Cima Grande di Lavaredo
Storia dell'Arrampicata Libera67

 

 

 

 

 

 

 

Storia dell'Arrampicata Libera68

Il ritorno del Boulder
Negli ultimi 10-15 anni la disciplina del boulder (già spinta in avanti dal francese Jacky Godoff negli anni ’80, NdR) l’arrampicata su massi ha avuto uno sviluppo impetuoso e molti forti scalatori si sono dedicati ad essa raggiungendo difficoltà molto elevate in singoli passaggi.

Fred Nicole
Storia dell'Arrampicata Libera69

Chris Sharma
Storia dell'Arrampicata Libera70

Gli ultimi sviluppi degli anni Duemila
La rincorsa al 9b
Negli ultimi anni è stato diverse volte dichiarato, ma spesso su tiri di lunghezza elevata e quindi aumentando la difficoltà con aumento della continuità.
Solo ultimamente sono stati dichiarati 9b su tiri di lunghezza.

Chris Sharma
Storia dell'Arrampicata Libera71

L’arrampicata su monotiri su protezioni rimovibili (trad climbing)
In Inghilterra è una disciplina che esiste da sempre e che negli ultimi anni si è ulteriormente sviluppata e diffusa (trad climbing).

In questo tipo di arrampicata non viene valutato solo il grado tecnico, ma anche la pericolosità.

Sui gradi più elevati non è tuttavia importante la prestazione a vista.
Storia dell'Arrampicata Libera72

In Italia si è cominciato a discutere e a rivalutare l’arrampicata su protezioni naturali, soprattutto in zone vocate a questo tipo di specialità (per tipo di roccia e conformazione).

A settembre del 2010 si è tenuto un primo raduno organizzato dal CAAI in Valle dell’Orco dove stanno nascendo nuovi monotiri in questo stile e dove si stanno rivalutando le vecchie vie aperte senza spit.

Storia dell'Arrampicata Libera73

Arrampicata slegati su acque profonde
Questo stile, denominato Deep Water Solo unisce la semplicità del Free Solo con la relativa sicurezza dovuta alla possibilità di cadere.

Storia dell'Arrampicata Libera75Storia dell'Arrampicata Libera74

Ultimamente anche Chris Sharma ha realizzato importanti salite in questo stile.

Storia dell'Arrampicata Libera76Storia dell'Arrampicata Libera77

Il futuro è appena cominciato

Adam Ondra
Storia dell'Arrampicata Libera78
Storia dell'Arrampicata Libera79

Le prospettive future
Tanti tipi di arrampicata libera
Quale sia il futuro della scalata, non è ancora possibile dirlo, quello che è certo è che oggi esistono diversi tipi di arrampicata libera in cui anche se il gesto atletico è lo stesso, altrettanto non si può dire della filosofia e dei suoi interpreti principali.

Ci sono stati innumerevoli scontri e polemiche fra i fautori di uno stile o dell’altro, ma forse oggi tutti questi universi non sono più così distanti e l’incomunicabilità non appare più insormontabile come un tempo.

Non è più solo il chiodo ad espansione a fare da discriminante ma la forza, le idee, la fantasia ed il cuore degli arrampicatori stessi.

L’evoluzione riparte da qui…

 

Bibliografia
1. Storia del Free Climbing, Fabio Palma su Uomini e Pareti, Versante Sud;
2. L’assassinio dell’impossibile, Reinhold Messner in La Rivista mensile del CAI, 1968;
3. Settimo Grado, Reinhold Messner, 1973 Istituto Geografico de Agostini, Novara, e 1982 Görlich Editore, Milano;
4. La breve stagione del Free Climbing, Maurizio Oviglia, presentazione al Corso IAL CMI 2007;
5. Nuovi Mattini, il singolare 68 degli alpinisti, Enrico Camanni, 1998, I Licheni, Vivalda Editore;
6. Rock Paradise, Maurizio Oviglia, 2000 Versante Sud.

FINE

http://www.alessandrogogna.com/2014/07/15/storia-dellarrampicata-libera-1/

http://www.alessandrogogna.com/2014/07/16/storia-dellarrampicata-libera-2/

http://www.alessandrogogna.com/2014/07/17/storia-dellarrampicata-libera-3/