Posted on Lascia un commento

L’energia eolica e il paesaggio massacrato

L’energia eolica e il paesaggio massacrato
di Carlo Alberto Pinelli

Con questo mio testo intendo affrontare l’argomento delle energie rinnovabili prodotte dal vento, prendendo come punto di partenza – e anche come stella polare – la mia esperienza personale; una esperienza in cui credo si riflettano – al dilà delle diversissime articolazioni individuali – le esperienze e i vissuti di tutti coloro per i quali il paesaggio non è soltanto qualcosa che si può ammirare affacciandosi da un belvedere ben protetto, magari raggiunto con una funivia, o fermando per qualche frettoloso minuto la propria auto ai margini del guard-rail di una strada carrozzabile.

Ho la pretesa di interpretare i sentimenti e le convinzioni di quella non marginale minoranza di abitanti del Pianeta che non si riconosce nella mentalità di chi riduce il paesaggio ad una gigantesca diapositiva a colori, collocata prudentemente sullo sfondo e destinata a suscitare di conseguenza solo effimere fibrillazioni estetiche. Il senso del paesaggio, per me e per tanti nostri simili, non si esaurisce nella scenografia del panorama, per quanto suggestiva essa possa apparire. Io appartengo alla schiera di quelli che i guard-rail li scavalcano, non soltanto metaforicamente e che la sera, quando si voltano a osservare un panorama, ripercorrono con lo sguardo e col cuore un paesaggio nel quale sono stati immersi per tutta la giornata e di cui conoscono ogni piega e ogni sfumatura, per averle interiorizzate, passo dopo passo, quinta dopo quinta, dislivello dopo dislivello.

Insomma uno sguardo partecipe, familiare, affettuoso come quello che si riserva a un amico, o al focolare della propria dimora materna.

EnergiaEolica-eolico
Chi mi conosce immagina che i paesaggi ai quali istintivamente sto facendo riferimento siano principalmente quelli – immensi e selvaggi – che si possono ammirare dalla vetta di una montagna raggiunta dopo ore o settimane di sforzi, anche affrontando seri pericoli; paesaggi che rientrano nella categoria estetica ed etica del sublime di matrice romantica; e questo è in parte vero, non posso né voglio negarlo.

Però le immagini che si affacciano in questo momento alla mia mente appartengono a paesaggi diversi: dolci profili di colline coltivate, boschi, vigneti, pascoli, campi di grano: una natura profondamente intrisa di vicende umane e da queste minuziosamente rimodellata attraverso il paziente e saggio lavoro dei secoli. Paesaggi “non-eroici” che hanno accompagnato e sorretto emotivamente il cammino della vita di tanti di noi, dall’infanzia ad oggi e che vorremmo vedere ancora in grado di illuminare con la loro serena, sfaccettata (e mai totalmente prevedibile) armonia le esistenze dei nostri figli e dei nostri nipoti.

Ho ceduto alla tentazione di questa premessa semi-autobiografica solo per introdurre in maniera non arida e non freddamente scolastica la prima parte del mio intervento; quella che tratta del significato – o meglio, dei significati – che il termine “Paesaggio” è chiamato a coprire. In coda il lettore potrà trovare una scheda esauriente relativa alla attuale situazione degli aerogeneratori in Italia. Meno drammatica, tutto sommato, di quella che si sarebbe potuto prevedere.

Già gli antichi romani dividevano il territorio fisico in due ambiti distinti: l’Ager, ordinato, organizzato e tranquillizzante regno dell’agricoltura da un lato; e dall’altro, in netta contrapposizione, il Saltus, ossia il mondo dei pascoli alpestri, dei boschi primigeni, degli incolti, delle forre, dei ghiaioni rocciosi che salgono verso le creste delle montagne, dei ghiacciai: luoghi impervi, non ancora del tutto assoggettati (pascoli e boschi) o non assoggettabili in alcun modo (loci horridi) alle esigenze materiali dell’uomo. Questi ultimi erano visti con sospetto e inquietudine, a volte addirittura con repulsione, a volte con quel timore reverenziale che si accompagna alle ierofanie del sacro. Ma in ogni caso erano luoghi collocati all’esterno, o ai margini estremi dell’oikos rasserenante, addomesticato dalle attività umane. Bisognerà attendere l’illuminismo e poi il romanticismo per assistere all’ingresso del Saltus entro l’orizzonte praticabile della cultura occidentale, anche nei suoi aspetti estremi, i più disarmonici e pittoreschi.

L’argomento odierno, legato come è al problema dell’invasione degli aerogeneratori per la produzione di energia dal vento, mi suggerisce di non affrontare il tema, di per sé affascinante (e a me particolarmente caro) del paesaggio “sublime”: quel radicale rovesciamento di prospettiva culturale che porterà, tra l’altro, alla invenzione dell’alta montagna e all’alpinismo. Gli impianti eolici minacciano le dorsali appenniniche e le colline dell’Italia centro-meridionale e insulare. Luoghi naturali tutt’altro che selvaggi. Perciò il perno del mio intervento riguarderà l’Ager: i luoghi della vita.

EnergiaEolica-IMPIANTO_EOLICO_2_
Cominciamo allora col collocare nella giusta prospettiva e nei giusti rapporti reciproci i termini “panorama” e “paesaggio”; termini che spesso nell’uso corrente vengono intesi a torto come sinonimi. Entrambi sono i precipitati di una evoluzione storica dello sguardo; perché, senza dubbio alcuno, negli spazi naturali ciascuno di noi vede solo cosa ha imparato a vedere; vale a dire cosa la sua cultura di appartenenza gli suggerisce di vedere. Però poi il primo – il panorama – fa riferimento esclusivamente alla dimensione estetico/scenografica della percezione e possiede una preminente ambizione spettacolare. Potremmo anche dire che rappresenta la cornice esteriore in cui si iscrive la forma del paesaggio.

Il paesaggio invece è molto di più. Anche nei suoi riguardi sarebbe futile negare l’importanza cruciale della qualità estetica. Tuttavia tale qualità non può essere scissa, “come una efflorescenza senza radici”, dall’identità culturale dei luoghi. Una identità che si è venuta formando nel tempo, attraverso la lenta sedimentazione di memorie, saperi, attività pratiche e simboliche. Il paesaggio è, in una parola, natura che si è fatta storia. Occorre insomma una mediazione simbolica, non priva di sottili connotazioni etiche, per far sì che un contesto naturale assurga al valore di paesaggio.

Il filosofo Joachim Ritter, una ventina di anni fa, scriveva a questo proposito che “il paesaggio è natura che si rivela esteticamente a chi la contempla con sentimento”. Questa ultima annotazione – con sentimento – è insieme particolarmente significativa e incompleta. Significativa: perché suggerisce che l’ordito etico su cui si radica il valore estetico del paesaggio è direttamente proporzionale alla intensità dell’investimento affettivo compiuto dal soggetto osservante. Incompleta perché sembra suggerire che sia sufficiente la contemplazione passiva a propiziare quel necessario investimento affettivo. Invece non è così. Il paesaggio non si può metabolizzare fino in fondo, cioè non può divenire carne della nostra carne, solo “sedendo e mirando”. Esso deve rappresentare il momento di sistemazione e di sintesi di un percorso concreto, fatto di mille diverse sollecitazioni emotive, intellettuali, fisiche. Un percorso che coinvolge e mette alla prova l’intero individuo, dagli occhi alle piante dei piedi.

Ma a chi appartengono i paesaggi? Dal momento che la loro forma, così come è giunta fino a noi, è il risultato di una millenaria interazione tra gli antichi abitanti e l’aspetto naturale del luogo, da molte parti si è sostenuto che il diritto – per lo meno morale – di deciderne le trasformazioni appartenga esclusivamente agli eredi diretti: cioè a coloro che vi sono nati o attualmente vi vivono e lavorano. Però questa conclusione è solo in parte condivisibile. Si è spesso sentito parlare dei montanari o dei contadini come “gelosi custodi del loro patrimonio naturale”. Sono frasi che possiedono un suono accattivante, ma che troppo spesso, purtroppo, trovano scarse corrispondenze nella realtà.

EnergiaEolica-paleeoliche
La svendita delle proprie radici culturali – e del paesaggio in cui quelle radici affondano e trovano alimento – compiuta da tante comunità rurali, ha naturalmente molte giustificazioni sui versanti delle convenienze economiche, degli stili di vita, dell’aspirazione al benessere, della psicologia; e, ancora prima, di una storia pesantemente segnata da un lungo destino di subalternità nei confronti dei modelli provenienti dai ceti dominanti. Si tratta di giustificazioni serie che ci vietano di pronunciare alla leggera giudizi supponenti.

Tuttavia resta vero che spesso l’apprezzamento per il valore culturale ed estetico del paesaggio fa difetto in chi ha con quel particolare paesaggio una quotidiana dimestichezza. Abbiamo a che fare qui con quella che è stata descritta come “ la sindrome del sagrestano”. La costante, ripetitiva contiguità di questo personaggio con gli aspetti più prosaici della gestione della chiesa in cui lavora, in molti casi finisce col renderlo insensibile alle suggestioni mistiche che il luogo sacro continua a suscitare invece negli altri fedeli. Sembra dunque che non abbiano poi tutti i torti coloro i quali sostengono che il paesaggio è opera dello sguardo di chi va verso di esso e vi si inoltra provenendo da altrove.

Sia quel che sia, ogni posizione esasperatamente localistica ci riporta molto indietro nel tempo. Nel Medioevo e nel Rinascimento gli abitanti del quartiere Labicano, contiguo al Colosseo, avevano il diritto esclusivo di utilizzare l’antico anfiteatro come una cava di pietra. Oggi se gli abitanti di quello stesso quartiere invocassero un analogo diritto per trasformare – faccio un esempio – il Colosseo in un grande silos multipiano per parcheggiare le loro ingombranti automobili, tutti i cittadini del pianeta avrebbero il diritto di ribellarsi e di intervenire per bloccare lo scempio. Il Colosseo è un bene universale, sottratto alle immediate convenienze di chi è nato nei suoi dintorni.

E allora? Allora è ormai tempo di concedere anche ai paesaggi naturali la stessa dignità “universale” che la società moderna ha finalmente imparato a concedere alle opere d’arte. Se queste rappresentano la testimonianza preziosa della creatività umana, quelli – i paesaggi – della nostra creatività sono i necessari presupposti. Ciò non equivale naturalmente a privare le popolazioni locali di ogni diritto decisionale. Significa semplicemente armonizzare quel diritto con gli eguali diritti e con gli interessi diffusi di una più vasta comunità.

Speculare alla “sindrome del sagrestano” è poi la cosiddetta “sindrome di Bali”. Ne sono contagiate quelle comunità che per catturare l’interesse dei turisti in cerca di sensazioni “esotiche”, mantengono artificialmente in vita abitudini, rituali e paesaggi, che non rispondono più alle loro reali esigenze, non derivano da un sincero bisogno identitario, ma sono solo vuote crisalidi folkloristiche. Non ci sarebbe neppure bisogno di dirlo: noi non siamo favorevoli a un simile tipo di museificazione superficiale delle tradizioni culturali e del paesaggio in cui esse si collocano. Diffidiamo di queste mummificazioni di basso conio che si avvicinano pericolosamente ai parchi tematici in stile disneyano. Il paesaggio è e deve restare una realtà viva e in divenire.

EnergiaEolica-parco-eolico
Ma attenzione: questa consapevolezza non può giustificare la supina accettazione di manomissioni e abusi, anche se a compierli sono le comunità del posto, accecate dal fascino mistificatorio di modelli urbani. Al contrario, quella medesima consapevolezza deve assumere per noi il ruolo di una arma efficace, da utilizzare contro ogni tentativo di designificazione e appiattimento delle specificità paesaggistiche. I luoghi possono certamente evolvere lentamente, lungo archi temporali molto lunghi; ma non debbono trasformarsi, da un giorno all’altro, in non-luoghi privi di anima e orfani di senso.

Questo è esattamente il rischio che sta correndo la campagna italiana a causa dell’invasione delle gigantesche pale eoliche.

Non mancano, anche nel mondo degli ambientalisti, coloro che sostengono che gli aerogeneratori sono oggetti belli, dai quali il paesaggio verrebbe “arricchito”. Ho il sospetto che dietro a una simile avventata affermazione – anche qualora venisse fatta in perfetta buona fede – si celi un equivoco psicologico. Siccome le pale eoliche dovrebbero produrre energia pulita e rinnovabile, vengono sentite dai loro sostenitori come un qualcosa di totalmente e apoditticamente positivo; e quel loro giudizio (o pregiudizio?) finisce col travalicare i propri confini per invadere anche, indebitamente, la dimensione estetica. A incrinare la credibilità di tali affermazioni basterebbe però la constatazione che i loro stessi autori raccomandano poi di non invadere con gli impianti eolici i paesaggi di maggior pregio. Alla faccia del preteso arricchimento.

Rende sgomenti constatare come intere associazioni che si erano battute al nostro fianco contro nuovi tracciati autostradali, linee ferroviarie superflue, elettrodotti trasfrontalieri, porti turistici, cementificazioni edilizie; e lo avevano fatto motivate da inequivoche considerazioni di tutela della qualità dell’ambiente naturale, ora assistano plaudenti a un massacro del paesaggio italiano certamente assai più barbarico per estensione e gravità di tutto quanto si era visto fin’ora. Per poter far digerire ai loro associati un simile voltafaccia sono costretti a sostenere che gli aerogeneratori sono belli. Francamente il tentativo fa un po’ pena.

Comunque il punto è un altro. Non importa se gli impianti eolici sono belli od orrendi. Ciascuno può pensare (o fingere di pensare) quello che vuole. Il problema è che gli aerogeneratori industriali sono troppi e troppo ingombranti. Invadere la maggior parte dei profili collinari italiani, così ricchi di echi e di storia, con migliaia di manufatti rotanti, alti più o meno come la Mole Antonelliana di Torino, equivale a una radicale e brutale omogeneizzazione dei paesaggi. Le selve delle torri eoliche, a causa del loro numero e delle loro spropositate dimensioni, diventeranno l’elemento dominante – schiacciante – dei paesaggi in cui verranno innalzate. La loro presenza cannibalizzerà, sottometterà e umilierà tutte le altre forme, spesso sottili e delicate, dei tessuti territoriali locali, danneggiandone l’armonica percezione.

Ciò equivale a una irreversibile semplificazione a senso unico dei paesaggi tradizionali; a una definiva obliterazione di quanto resta ancora delle loro così diverse sedimentazioni storiche e delle loro valenze simboliche e emotive. Una drammatica perdita di identità, passaggio obbligato verso la loro degradazione in avamposti delle periferie urbane: non-luoghi indistinguibili gli uni dagli altri.

Stiamo assistendo, insomma, all’ultimo atto della conquista “coloniale” del mondo rurale da parte delle logiche e degli interessi nati nelle metropoli. Del resto una configurazione unitaria dello spazio fisico fa parte dei segni distintivi di ogni regime autoritario e di ogni ambizione imperiale. Il “leccamano contento” delle genti locali, anche dove ciò si sta verificando, nulla toglie a questa triste verità e non ci porta davvero verso orizzonti più democratici e partecipativi.

Gli aerogeneratori, almeno qui da noi (ma credo anche in altri paesi), rappresentano gli stendardi di una avida e strisciante dittatura globalizzatrice, ammantata di pseudo-giustificazioni ecologiche. Il professor James Lovelock, famoso maître à penser dell’ambientalismo britannico, in un articolo comparso sul Guardian di qualche anno fa ha parlato di “fascismo eolico”. La definizione, anche se volutamente provocatoria e paradossale, coglie un aspetto non secondario del problema con cui oggi dobbiamo confrontarci.

Spero che questo mio intervento, per quanto necessariamente sintetico, sia stato sufficiente a dimostrare che la nostra ferma opposizione all’invasione sregolata degli impianti eolici non rappresenta l’ossessione di un gruppo di irresponsabili poeti, patetici cultori di un estetismo di retroguardia, come i nostri detrattori amano dipingerci. Noi lottiamo per la sopravvivenza delle mille e mille forme visibili di un patrimonio culturale in cui vive la nostra identità di italiani.

Va aggiunto che la manomissione del paesaggio collinare italiano ha portato e può portare solo irrisori vantaggi in termini di produzione energetica. L’Italia non è un paese sufficientemente ventoso. La scandalosa sproporzione tra costi (paesaggistici, ambientali, ecologici) e benefici è francamente inaccettabile. Gli interessi in gioco sono ben altri e in essi si è infiltrata alla grande la criminalità organizzata.

EnergiaEolica-logo_pale


Situazione eolico
(ottobre 2015)
A testimonianza della tesi (sostenuta dagli ambientalisti che criticano il ricorso indiscriminato alla produzione di energia dal vento) secondo cui in Italia l’eolico non sarebbe in grado di esistere senza sussidi pubblici perpetui, le installazioni di impianti eolico-industriali sono crollate in Italia dopo il Decreto Ministeriale del 6/7/2012 (Ministro dello Sviluppo Economico Passera del Governo Monti), che fissava un tetto massimo di incentivazione per il raggiungimento degli obiettivi al 2020 e con esso il contingentamento annuale dei nuovi impianti da incentivare, da assegnare attraverso un meccanismo di aste competitive per gli impianti di potenza superiore ai 5 MW.

L’ultimo rapporto statistico ufficiale del GSE (Gestore Servizi Energetici), pubblicato solo il 17 marzo 2015, riferisce che in Italia alla fine del 2013 (ripetiamo: 2013) risultavano 1.386 impianti eolici per una potenza complessiva di 8.561 MW che hanno prodotto, nel 2013, 14.897 GWh di energia elettrica; la maggior parte di essi, circa il 74%, è di piccole dimensioni con potenza inferiore a 1 MW. La maggior parte della produzione (e del danno paesaggistico) deriva però proprio dagli impianti più grandi. Il numero totale delle pale non viene riportato nel rapporto. Gli eolici parlano di 6.300, ma probabilmente si è già superata quota 7.000.

Le regioni a maggiore concentrazione di potenza eolica sono la Puglia (2.265 MW), la Sicilia (1.750 MW) e la Campania (1.229 MW). Però negli ultimissimi anni (per l’intervento dei Governatori stessi, diventati avversi all’eolico dopo i tanti danni manifestatisi) in Sicilia e Campania non viene installato più niente per quello che riguarda il grande eolico (anche in Sardegna è così), e poco (in senso relativo rispetto al passato) in Puglia. Le nuove frontiere per gli speculatori, come si evince anche dai progetti che partecipano alle aste, sembrano essere la Calabria e (soprattutto) la Basilicata. Altri guadagni arriveranno alla lobby dell’eolico dal piano di ammodernamento degli aerogeneratori attivi, molti dei quali ormai hanno compiuto i loro ciclo vitale.

Nel 2013 (sebbene nei primi mesi vigesse ancora il vecchio e più prodigo sistema dei certificati verdi) sono stati installati “solo” 441 MW di nuovo eolico (+5,4%), in gran parte da attribuire a impianti di grandi dimensioni (contro i 1.183 MW di nuovo eolico nel 2012: un calo impressionante).

Ma i vantaggi (per noi) del DM 6/7/2012 non sono derivati solo dalla fissazione di contingenti massimi.

Il rapporto attività 2014 del GSE, pubblicato il mese scorso, informa che lo scorso anno la produzione eolica è solo lievemente aumentata a 15.178 GWh (+1,8%). Attendiamo il rapporto statistico ufficiale GSE per conoscere esattamente quanto potenziale è stato installato nel 2014. I dati statistici Terna (non omogenei rispetto ai dati GSE) riportano per il 2014 una potenza efficiente netta dell’eolico pari a 8.682 MW. I produttori di eolico lamentano che la potenza installata nell’intero 2014 è crollata ad appena 107 MW. In teoria si sarebbero dovuti installare, in base ai contingenti assegnati, 560 MW. Questa enorme differenza lascia intuire che le nuove regole di controllo previste dal DM 6/7/2012 abbiano fatto emergere molte situazioni ostative (amministrative, finanziarie, eccetera) per la realizzazione degli impianti eolici che con il regime precedente venivano trascurate. In appena due anni, con le nuove regole per l’incentivazione, l’installato si sarebbe dunque ridotto a meno del 10% di quanto installato nel 2012! Si ha l’impressione (ma qui mancano i dati che nessuno possiede) che i nuovi progetti presentati alle pubbliche amministrazioni per le autorizzazioni lo scorso anno siano diminuiti in misura persino maggiore. Adesso è esplosa la febbre del “mini” eolico (ancora incentivato come in passato). Queste “piccole” pale, rappresentano (anche dal punto di vista delle infrastrutture accessorie) un problema analogo a quello degli impianti FV in collina e perciò di un ordine decisamente inferiore a quello delle megapale. Il problema dell’eolico appare quindi diventato residuale (in senso relativo), anche se, considerati gli sfregi già arrecati nel decennio precedente, ogni nuovo impianto costruito produce un danno marginale ogni volta maggiore. Tutto bene, quindi, ( si fa per dire!) ma questo non deve ingannare, perché il disastro è incombente per il prossimo futuro.

Il totale degli incentivi erogati in un anno all’eolico, secondo il contatore del GSE (e quindi solo per gli impianti di maggiori dimensioni), si aggira attorno al miliardo e mezzo. Nonostante la diminuzione dell’incentivo, il costo del MWh eolico prodotto dagli impianti vincitori delle nuove aste rimane mediamente superiore al doppio del prezzo di mercato dell’energia elettrica.

Va peraltro considerato che a questo miliardo e mezzo si dovrebbero aggiungere le spese – che nessuno mai menziona ma che sono ingentissime (legate alla intermittenza della produzione, propria dell’eolico e del fotovoltaico) – per il dispacciamento dell’energia (si tratta di extra costi nell’ordine di miliardi di euro all’anno) e per le nuove reti rese necessarie per supportarla (gli investimenti della Terna per i prossimi anni si avvicinano al miliardo all’anno, anche se, in questo caso, si tratta di una tantum). Il problema maggiore delle nuove reti (mi riferisco in particolare alle grandi dorsali da 380 mila volt con tralicci alti 85 metri), sarà, da noi come in Germania, l’impatto sul paesaggio e sulla salute (vedi ultimo post sul sito RRC). Calcolando anche questi costi aggiuntivi, dividendoli per le MWh di energia intermittente (che ne sono la causa) prodotta e sommandoli al costo dell’energia e agli incentivi, la spesa effettiva per ogni MWh eolico esploderebbe a livelli insostenibili.

EnergiaEolica-Longano Eolica
Quest’anno è in corso il tentativo (malamente tenuto celato al pubblico e da noi più volte denunciato) di ridurre proprio questi costi di dispacciamento dell’energia elettrica prodotta dalle FER non programmabili mantenendo a riserva quote enormi di acqua nelle grandi dighe, al punto di ridurre di un quarto (ed oltre!) la produzione idroelettrica nazionale (che l’anno scorso ha fornito da sola metà dell’energia elettrica da FER), già depotenziata per la mancata manutenzione degli impianti. Si raggiunge così il perverso obiettivo di rinunciare ad energia pulita, poco costosa, non incentivata e proveniente da impianti già esistenti per costruire nei prossimi anni altri impianti eolici costosissimi, ubiqui, impattanti e che forniscono energia non programmabile.

Il citato rapporto attività GSE informa che nel 2014 la produzione elettrica totale da FER è salita a 120.679 GWh, che permette di raggiungere un rapporto tra produzione da FER elettriche e consumo interno lordo pari al 37,5%. Il costo totale per questi incentivi alle FER elettriche supererà quest’anno (anche senza considerare i maggiori extra costi per la fine del sistema dei CV) i 12,5 miliardi e la parte del leone la farà, come al solito, il fotovoltaico (6,7 miliardi).

Tutti gli obiettivi per il 2020 di produzione di energia elettrica da FER (non solo quelli vincolanti per l’Europa, ma anche quelli della Strategia Energetica Nazionale (SEN)) erano dunque già stati raggiunti nel corso del 2014. Però la riduzione della produzione da idroelettrico quest’anno allontanerà questi obiettivi e sarà una scusa per fare accettare le spese per i nuovi incentivi che sono implicite nel nuovo DM del MISE attualmente in Conferenza Stato Regioni. Secondo il testo di questo nuovo decreto sono previste aste per 400 MW all’anno da installare sia nel 2016 che nel 2017 (sempre ammesso che non si raggiunga il tetto – a cui siamo vicinissimi – dei 5,8 miliardi del contatore delle FER non FV). Si tratterebbe comunque di un contingente inferiore ai 500 MW annui previsti dalle aste degli ultimi 3 anni. Quindi, se ultimamente veniva installato pochissimo, a maggior ragione nei prossimi due anni ne verrà installato (verosimilmente) ancora meno. Si avranno perciò ulteriori sacrifici territoriali, ma nessuna grande catastrofe.

Il vero, grande problema saranno gli obiettivi che verranno decisi dalla UE – e poi dall’Italia dove opera la lobby eolica più potente e meglio remunerata d’Europa – dopo gli esiti della Conferenza di Parigi in dicembre. Se, come è lecito temere, verranno fissati obiettivi inverosimili (e vincolanti) per il 2030, si tornerà alla drammatica situazione pre-2012 o anche peggio, con inevitabili stanziamenti di nuovi fondi e aumento dei contingenti da assegnare, ma soprattutto con l’inevitabile riduzione dei vincoli ambientali e paesaggistici per permettere di installare il grande eolico (che è la FER meno costosa) ovunque al fine di conseguire questi obiettivi.

Disastro inevitabile, quindi? Non proprio. Già adesso, gli extra costi e le inefficienze sistemiche delle FER elettriche intermittenti producono danni in tutta Europa. Tutto questo contribuisce in particolare al crollo della produzione manifatturiera continentale a vantaggio soprattutto della concorrenza extra UE. Il sistema economico europeo (e con esso l’idea bislacca di farlo funzionare con l’energia dei mulini a vento giganti) potrebbe collassare alla prima crisi di una certa consistenza. Ma prima ancora potrebbe verificarsi il temuto incidente di rete, cagionato da un eccesso di potenziale elettrico non programmabile e dall’insufficienza delle riserve disponibili per tamponarlo, teoricamente in grado di generare un grande black out continentale.

In attesa dell’inevitabile realizzarsi delle contraddizioni interne a questo nuovo sistema energetico europeo, dobbiamo però continuare a resistere per evitare danni irreversibili al nostro territorio.

Facciamo infine notare che tutta l’enfasi isterica che sta dietro alla corsa alla riduzione dei gas serra, sta creando le condizioni per un enorme rilancio dei progetti di nuovi impianti nucleari (che non alterano il clima). Ha già cominciato, in Europa, la Gran Bretagna, e ora gli Stati Uniti e la Cina utilizzano questo argomento per fare mandare giù all’opinione pubblica interna e internazionale i loro programmi (davvero ciclopico quello cinese) di nuove centrali atomiche. Così facendo, sarà inevitabile che anche in Italia si ritorni presto al programma nucleare pre-Fukushima. E persino oltre, perché no, se lo fanno tutti nel resto del mondo?

Se esiste una soluzione essa passa attraverso il risparmio energetico, la razionalizzazione, l’ottimizzazione. Solo quando questi tre passaggi cruciali verranno presi in seria considerazione, si potrà affrontare con serenità il contributo delle fonti rinnovabili, alle quali, in linea di principio, siamo di certo tutti favorevoli. Consapevoli però che non c’è un unico colpevole per i cambiamenti climatici in atto.

Posted on Lascia un commento

Il marmo di Michelangelo svenduto dagli industriali

Il marmo di Michelangelo svenduto dagli industriali
di Véronique Mistiaen e Chiara Briganti, Newsweek del 27 marzo 2015

Una mattina, i cittadini di Carrara, ai piedi del versante occidentale delle Alpi Apuane, si svegliarono per una strana protesta. Insegne di reclamo in lettere rosso sangue erano apparse durante la notte. “Hanno anche preso la mia biancheria intima”, si legge sul cartello appeso al collo di Moretta; “Cave ai Carrarini,” gridava la nota sul petto dell’anarchico Alberto Meschi, uno dei figli più famosi della città, che aveva fatto campagna per condizioni migliori dei lavoratori di cava. Poche ore più tardi, tutte le insegne erano state rapidamente rimossi.

Carrara ospita il più grande campo di marmo del mondo, formatosi nelle Alpi Apuane oltre 200 milioni di anni fa. Dall’alto, le montagne di marmo appaiono come se fossero coperte di neve. Da vicino, le pareti verticali alte e le fasce giganti degli scavi a cielo aperto sono come colossali cattedrali bianche in un paesaggio lunare. Il paesaggio ha fornito lo sfondo per un inseguimento nel film del 2008 di James Bond Quantum of Solace, sequel di Casino Royale.

Le prime estrazioni sono datate all’epoca romana. Agli ordini dell’imperatore Augusto, gli schiavi cominciarono a lavorare nel primo secolo A.C., in modo che ricche ville e monumenti pubblici – tra cui la Colonna di Traiano e parte del Pantheon di Roma – potessero essere fatti o ricoperti del più bianco e ricercato marmo del mondo. Alcune cave portano ancora i segni degli scalpelli degli schiavi. Michelangelo venne qui alla fine del XVI secolo per selezionare i blocchi per i suoi capolavori, David e Pietà. Da Henry Moore a Louise Bourgeois e Isamu Noguchi, innumerevoli altri artisti attraverso i secoli e i continenti sono stati stregati da questa pietra. Le cattedrali di Firenze e Siena, il museo Hermitage di St. Petersburg, Marble Arch a Londra e Kennedy Center di Washington sono tutti realizzati con questo celebre marmo.

Una cava delle Apuane. Foto: Getty Photo Agency
Apuane-img

La maledizione dell’oro bianco
Per secoli, il marmo di Carrara è stato la spina dorsale dell’economia della regione e il suo orgoglio. Ma ora si è trasformato in una maledizione. La pietra insostituibile viene svenduta, la maggior parte dei piccoli laboratori dove il marmo era lavorato e intagliato sono scomparsi; un mestiere raro sta morendo e l’ambiente è distrutto.

Questo è un business con un fatturato annuo variabile tra i 700 e 800 milioni di euro, secondo i dati della Guardia di Finanza. Gli unici beneficiari, tuttavia, sono poche famiglie potenti e le imprese, mentre il resto della città è rovinata dagli effetti collaterali di scavo – in particolare la polvere e le inondazioni.

Nonostante le sue straordinarie risorse naturali, Carrara, una città di 66.000 abitanti, è una delle più povere in Toscana e una delle più indebitate del Paese. Le strade sono costellate di edifici abbandonati e le impalcature hanno nascosto per anni alberghi e teatri (anche quello dove Puccini diresse la Tosca) perché non ci sono stati fondi pubblici per completare i lavori di restauro. Fino ad ora, l’amministrazione locale non ha adottato alcuna misura a “toccare il privilegio del marmo pianeta”, come lo definisce il giornalista locale Massimo Braglia.

Ma ora, per la prima volta in oltre un secolo, gli abitanti di Carrara, così come le città e i paesi limitrofi più piccoli come Massa, Seravezza e Pietrasanta, stanno lottando, firmando petizioni, tenendo riunioni e organizzando manifestazioni: facendo le loro rimostranze in tribunale e presso il governo regionale.

L’ultima volta che i carrarini scesero in rivolta fu nel 1894, dice lo storico locale Beniamino Gemignani. In quell’occasione, 454 persone sono state processate e consegnate a pene dure per aver sostenuto che il marmo apparteneva alla città e non a una manciata di famiglie. “Quella fu l’ultima volta che questo sentimento fu espresso pubblicamente”, dice Gemignani. “Ma non è morto, si è depositato nell’inconscio della città. E ora è emerso ancora una volta, forte e chiaro”.

Questa volta, il popolo di Carrara potrebbe essere ascoltato. Il 10 marzo, contro ogni previsione, l’Assemblea regionale della Toscana ha approvato un Piano Regionale del Paesaggio più favorevole all’ambiente. Ma i residenti mostrano solo un cauto ottimismo; non sarebbe la prima volta che una legge è ignorata o indebolita da scappatoie.

Bin Laden acquista la Toscana
“Il marmo è nel DNA della gente di Carrara”, dice Gemignani. “Esso rappresenta la nostra storia, le nostre competenze e anche le nostre ferite (per la lavorazione del marmo). Un patto di rispetto reciproco lega le persone alle loro montagne… ma ora è tutto finito”.

Il patto è stato rotto dalla globalizzazione, dalle forze di mercato e dai nuovi metodi di scavo. Nel 1920, meno di 100.000 tonnellate l’anno furono estratte dalle cave della zona. Oggi, la cifra è più di cinque milioni, dato che i locali baroni del marmo cercano di competere sul prezzo con i produttori in Cina, Russia e India intagliando le montagne ad un ritmo incessante, con seghe diamantate e grandi pale meccaniche.

I residenti obiettano che la domanda insaziabile del settore per quantità sta svalutando la loro pietra preziosa, che in effetti è venduta sottocosto come semplice pietra, invece di essere trattata come materiale destinato a lavori artistici. Quando l’estate scorsa la famiglia Bin Laden è entrata tranquillamente in questo settore molto italiano, c’è stata la conferma per queste paure. Nel mese di agosto, la società CPC Marmo e Granito, costituita dai fratelli e cugini del defunto leader di Al-Qaeda, Osama bin Laden, ha pagato € 45 milioni per l’acquisizione del 7,5% delle concessioni di 81 cave attive di Carrara (nella zona ci sono circa 100 altre cave).

L’azienda conglomerata controlla già 26 cave di tutto il mondo e ha avuto rapporti commerciali di lunga data con gli industriali del marmo di Carrara. Ma questa operazione certifica che da adesso il gruppo controlla la fornitura del “bianco” di Carrara, che sta vivendo una nuova epoca d’oro in Arabia Saudita, così come in Cina e in India.

Per questo accordo, è la prima volta che un gruppo straniero – per di più con un nome così chiacchierato – possiede azioni nella zona del marmo di Carrara. Alcuni hanno accolto la notizia con incredulità, lamentando la”Arabizzazione delle cave di Michelangelo”, ma altri hanno salutato il processo con ottimismo, fiutando i milioni di euro d’investimenti e una potenziale spinta all’occupazione.

Cattedrale di Siena, pavimento a mosaico, secolo XIV-XV. Foto: Getty Photo Agency
apuane-1img

“L’accordo dimostra che alle famiglie del marmo e alle imprese locali non importava abbastanza proteggere le montagne di Michelangelo”, dice Eros Tetti, 37 anni, che ha fondato nel 2009 l’associazione Salviamo le Apuane. “Hanno lasciato che le aziende straniere portassero via le nostre risorse prime. Il marmo di Carrara è una delle rocce più preziose del mondo. Molto morbido, è utilizzato al meglio per creare statue e opere d’arte. Non vogliamo che venga estratto e utilizzato per costruire nuovi grattacieli in Arabia Saudita. Vogliamo che rimanga qui e sia usato per fare arte”.

Il sindaco Angelo Zubbani, invece, supporta con entusiasmo la transazione. Lui dice di essere “ottimista”, che creerà nuovi posti di lavoro tanto necessari a Carrara. Ed è fiducioso che il gruppo lavorerà il marmo in loco, anche se nessun piano industriale è stato presentato. Nel solo 2013, ha sottolineato il sindaco, il gruppo ha dato lavoro per circa € 40 milioni e utilizzato segherie locali per tagliare i blocchi in lastre. In una città duramente colpita dalla recessione, questo è stato l’argomento vincente.

“La cosa strana non è che la famiglia Bin Laden ha acquisito le concessioni di cava, ma è che questo non sembra svolgere ruolo alcuno nella protesta che sta guadagnando slancio”, riflette Gemignani. E, aggiunge, “è più una misura del disincanto e della rabbia con i baroni del marmo e con l’amministrazione: le persone credono che ogni intervento sia preferibile allo status quo”.

Gli estrattori del marmo pagano un canone di concessione alla città, circa l’8% del valore medio della pietra scavata. Nel mese di maggio 2015, il sindaco, i consiglieri comunali e i rappresentanti delle imprese compariranno in tribunale per sapere se saranno rinviati a giudizio con l’accusa di essersi accordati nel 2009 per stabilire i canoni su valori significativamente più bassi rispetto al valore di mercato della pietra, mossa che può essere costata alla città un bel 25 milioni di euro.

Alcune aziende sono riuscite a evitare il canone di concessione invocando una legge antica. Nel 1751, Maria Teresa d’Este, duchessa di Massa e Carrara, e il proprietario del terreno, avevano concesso a famiglie locali il diritto di sfruttare le cave e di trasmettere la concessione ai loro discendenti. Per 264 anni, il 30% delle cave era stato oggetto di questa legge arcaica; quelle cave erano trattate come proprietà privata e non pagavano le tasse. Alcuni dei concessionari sono ora anche indagati per un flusso enorme di denaro da Carrara diretto a imprese straniere e banche svizzere, e per la sistematica sottofatturazione del marmo. L’indagine ha portato alla richiesta di rinvio a giudizio di 59 imprenditori.

Foto: Andrea Ribolini
apuane-img2

Morte di un’arte
Fabrizio Lorenzani, 52 anni, scultore e insegnante nell’unica scuola del marmo del paese, chiude la porta per l’ultima volta dello studio dove lui e sua moglie hanno trascorso anni di lavoro. Il suo è l’ultimo degli studi della zona per essere stato trasformato in un magazzino per conservare i blocchi di marmo in attesa di spedizione. “Il nostro era un posto per sognare… e ora non c’è più. La città del marmo di Michelangelo non ha spazio per i suoi artisti”, dice.

Al volgere del secolo, Carrara ha avuto uno delle più rapide crescite in Italia, un vivace centro di cultura e di arte, noto in tutto il mondo non solo per il suo marmo eccezionale, ma anche per i suoi maestri scultori, artigiani e scalpellini. Formatisi alla locale Accademia di Belle Arti (la più antica d’Italia) e presso la Scuola del marmo, questi hanno eseguito commissioni originali per artisti di fama, riprodotto copie di capolavori e realizzato oggetti decorativi. La maggior parte dei camini in marmo di Londra sono stati effettuati in laboratori di Carrara, compresi quelli al 10 di Downing Street.

Così famosi erano gli artigiani di Carrara che il marmo, granito e onice cavato in tutto il mondo era portato lì per essere modellato e lucidato in lastre di rivestimento architettonico e pavimentazione, o per la scultura di oggetti decorativi. Gli imprenditori del marmo investivano nella città, con la costruzione di teatri e ospedali, sviluppo delle competenze, infrastrutture e nuove tecnologie. C’era la disuguaglianza sociale, il lavoro di cava era pericoloso e i lavoratori erano sfruttati, ma la maggior parte delle persone era impiegata in qualche modo nel settore, cioè estrazione, lavorazione, trasporto, trasformazione e produzione di lavoro artistico.

Il destino di Carrara ha cominciato a cambiare dopo la seconda guerra mondiale. Le cave erano in nuove mani – alcune perché Mussolini le aveva confiscate alle vecchie famiglie, altre semplicemente per il cambiamento generazionale. Le nuove tecnologie drasticamente aumentarono la produzione, riducendo la forza lavoro. Tuttavia, per tutto il 1950, ancora circa 16.000 persone erano impiegate nelle cave e nell’indotto.

Oggi, meno di 1.000 persone lavorano nelle cave e l’industria in generale impiega appena il 7-10% della popolazione della regione. Solo una manciata di laboratori e studi rimangono in città. Anche lo stesso marmo di Carrara raramente è lavorato lì, perché la rifinitura all’estero è più conveniente. I baroni del marmo moderni e le multinazionali non sono interessati a investire di nuovo nella città e nella formazione di nuove generazioni di artigiani. Le competenze sviluppate nel corso di generazioni stanno rapidamente svanendo.

Lorenzani e sua moglie hanno ancora trovato un nuovo studio e la Scuola di marmo dove lui insegna – l’unica nel paese – ha quest’anno solo 80 studenti iscritti, molti dei quali non locali.

Depositi di carbonato di calcio. Foto: Andrea Ribolini
apuane-img4

Montagne e memoria
“Ogni volta che guardo le nostre montagne, vedo più distruzione: le loro forme sono alterate, le loro cime stanno scomparendo”, dice Eros Tetti. L’associazione, che ora ha più di 10.500 membri, ha studiato l’impatto delle cave e una campagna per la conservazione del patrimonio naturale e culturale della regione.

“Distruggendo il paesaggio, distruggono gran parte della nostra vita e del nostro passato. Se si va a cammina sulle nostre montagne, si vede che le persone non ci lavorano più e non ci vivranno più a lungo. Turismo e gastronomia erano una parte principale della nostra economia, ma ora è tutto andato a causa delle cave”.

Le moderne tecniche di estrazione non solo hanno aumentato l’estrazione del marmo, ma anche la quantità di detriti generati nel processo. Dei cinque milioni di tonnellate di marmo estratto ogni anno, solo 1,2 milioni è fatto di blocchi; i restanti 3,8 milioni sono frammenti che vanno versati lungo i fianchi delle montagne e li coprono di “bianco”. Ma, nei primi anni ’90, multinazionali come la svizzera Omya e la francese Imerys hanno scoperto che, lungi dall’essere dei rifiuti, questi sottoprodotti valevano una fortuna, una volta ripuliti e ridotti a polvere finissima.

La polvere, carbonato di calcio, è usata come riempitivo per dentifrici, cosmetici, prodotti per dipingere, vernici e carta. Mentre il più costoso e più puro marmo bianco statuario è valutato tra i 2.700 e i 3.000 euro a tonnellata, i rendimenti da carbonato di calcio assommano a 9.800 euro a quintale sul mercato azionario inglese. E il costo per queste multinazionali è un misero 4,20 euro a tonnellata. Poiché il detrito è così prezioso, non vi è alcun incentivo all’impegnativo taglio dei blocchi di marmo. Ogni giorno, sono dai 500 a 800 i mega-camion che trasportano blocchi e detriti di cava fino al porto e agli impianti di trasformazione.

Gli ambientalisti sono preoccupati per questo sfruttamento sfrenato, avviato a mutilare irrimediabilmente le montagne. Nel 2011, una zona di 40.000 ettari tra le province di Massa-Carrara e Lucca è stato dichiarato geoparco UNESCO per proteggere la fauna e la flora e il così particolare paesaggio geologico, con abissi sotterranei in fitta rete. Eppure sono ancora circa 50 le cave attive lì, in violazione della legge.

“Anche la Focolaccia, il passo più alto delle Apuane, tra il Monte Cavallo e il Monte Tambura, è ora una cava aperta: “e vi passava l’antica strada del sale”, dice Tetti.

In più, l’escavazione intensa colpisce i cicli idrogeologici e destabilizza le montagne. Gli scarti del marmo stanno interessando corsi d’acqua, invasi dalla cosiddetta “marmettola”. Il fiume Carrione, che scorre attraverso molte cave, ora è soffocato di detriti e causa le periodiche inondazioni devastanti.

Nel 2014, l’assemblea regionale della Toscana ha adottato il piano paesaggistico regionale, sulla base di un diverso concetto di governance territoriale. L’idea è quella di evitare la “carrarizzazione” del resto delle Alpi Apuane e prevede la graduale chiusura delle cave nel geoparco, il divieto di scavo sopra 1.200 metri e vicino a fonti d’acqua, nonché la sostituzione delle miniere nel parco con un’economia sostenibile, a beneficio di tutta la comunità.

Come risultato di lobbying aggressivo da parte delle imprese del marmo della zona, c’è stata grande discussione per una versione annacquata. “Anche la regione è intimidita dai baroni di marmo”, dice Riccardo Canesi, 58 anni, geografo ed ex segretario generale del Ministero dell’Ambiente.

La distruzione nei libri di testo
“Carrara verrà studiata nei libri di testo futuro come un primo esempio di regressione economica e ambientale: un secolo fa, abbiamo avuto l’intera filiera del marmo (estrazione, lavorazione, trasformazione e artigianato artistico sul posto), ora abbiamo una monocultura mineraria finalizzata esclusivamente all’estrazione in massa, all’esportazione del marmo grezzo e, peggio ancora, del carbonato di calcio. E ‘incredibile trovare all’alba del terzo millennio, all’interno dell’ottava economia più grande del pianeta, un tale esempio sconvolgente di economia in stile coloniale proto-industriale”, dice Canesi.Il 10 marzo, invece, l’Assemblea regionale della Toscana ha approvato una legge che potrebbe dar torto alle previsioni di Canesi. La legge dichiara i campi marmo “proprietà indisponibile” dei cittadini di Carrara, con ciò terminando il vecchio privilegio Este. Inoltre, tutte le concessioni cave ‘verranno progressivamente riassegnate su offerta e solo a coloro che si impegnano a lavorare a livello locale almeno il 50% del marmo che estraggono.

Questa potrebbe essere una decisione epocale, e la reazione degli industriali è stata esplosiva: furiosi, storditi, incapaci di immaginare che le loro cave potrebbero essere messe all’asta. E i loro avvocati si stanno già preparando per il contenzioso.

Carrara potrebbe gioirne, se non fosse che il suo popolo ha imparato a essere cauto. I tentativi passati di legiferare sul marmo sono stati silenziosamente disinnescati attraverso una serie di modifiche a favore degli industriali. Ora, con il peso combinato dell’Europa e della Regione appoggiato su di lui, il sindaco ha dichiarato il suo impegno a restituire le cave alla città. Tuttavia, aggirando i regolamenti UE, la Regione ha già permesso estensioni all’applicazione di questa nuova legge per un minimo di sette fino a un massimo di 25 anni.

Potrà Carrara vedere più di qualche briciola da un volume d’affari stimato a quasi 800 milioni l’anno? Ci saranno posti di lavoro per la gente? Ci saranno di nuovo i teatri, si riapriranno gli studi? Ci sarà un fiume che scorre senza uccidere? Potremo stare certi che queste montagne non si esauriscano a un ritmo frenetico e non vengano trasportate, in blocco, in altre parti del mondo?

Posted on Lascia un commento

La montagna di luce

Il Monte di Sainte-Victoire visto da Lauves è un olio su tela, di 60 x 73 cm, conservato al museo A. S. Puškin di Mosca. Datato 1905 o 1906, il dipinto è probabilmente l’ultimo che Paul Cézanne dedicò alla grande ossessione della sua vita, la Montagne de la Sainte-Victoire.

Il Monte di Sainte-Victoire visto da Lauves è un olio su tela, di 60 x 73 cm, conservato al museo A. S. Puškin di Mosca. Datato 1905 o 1906.
MontagnadiLuce-sainte-victoire-seen-from-les-lauves-1Il grande pittore raffigurò quella montagna, stabile quanto cangiante riferimento nel mare delle colline provenzali, in maniera quasi ossessiva. Il paesaggio è dipinto con colori chiari, pieni di luce, con regolari pennellate quasi quadrate. Nell’opera non v’è pace, quella pace che spesso una montagna così ispira ad altri. L’artista è ormai diventato cosa unica col monte e questo sembra esplodere dello stesso dinamismo dell’artista, concentrato in un mondo di immagini che del presente non ha più nulla.

Gli alpinisti e gli arrampicatori vanno volentieri in Provenza. In questo non differiscono dagli altri viaggiatori. Ma per i primi è più facile la sensazione di riscoprire qualcosa nell’aria, nelle forme e nei colori.

Credo che ciò sia dovuto all’ambivalenza di questa terra che mescola linee verticali ed orizzontali in modo così dissimile dalla montagna vera e propria. La sensazione di deserto che emana da una cresta quasi evaporante nella calura di un pomeriggio di agosto è forte quanto la violenza del mistral che spazza la stessa cresta nella stagione invernale: ecco che il vento azzera le foschie, i contorni più lontani si stagliano, si chiarisce che siamo al centro del grande mistero provenzale, nella danza di mille odori di erbe, di fiori e perfino di roccia.

Calura e mistral, vuoto e paesi abitati, muraglie e colori sempre diversi esprimono un’appartenenza a un mondo che non è il nostro. Eppure il paesaggio è semplice, le linee sono poche, come pure le fughe.

Paul Cézanne, autoritratto
MontagnadiLuce-sainte-victoire-cezanne01440080In questo angolo di terra provenzale camminare è una ben antica tradizione. L’arrampicata è invece molto più recente. Oggi, il visitatore che vuole scoprire Sainte-Victoire avrà tendenza a conoscere pietra, terra, cielo e paesaggi. A quello scopo si butterà subito nelle escursioni o nelle arrampicate. Ma qui l’elemento più importante è la luce, non bisogna dimenticarlo. Le luci, di cui sono disegnati forme e volumi della montagna, danno finalmente al viaggiatore ciò che qui v’è di più bello: Densa, fluida cola e si espande, quasi palpabile, tra gli altri pilastri rocciosi della montagna, incide i rilievi delle pareti con le sue penombre. Luce nuova… Luce dell’inizio del mondo (Jacques Lacarrière).

Leggere la natura significa saperla vedere sotto l’apparenza di un’interpretazione di macchie di colore, accostate armonicamente. Queste grandi tinte possono essere scomposte attraverso la modulazione tonale. Dipingere significa registrare le proprie sensazioni colorate. Così scriveva Paul Cézanne nel 1880. Attraverso tante gite in compagnia dell’amico naturalista Fortuné Marion, che gli fece conoscere le bellezze ed i segreti della montagna, Cézanne gradualmente entrò nell’essenza di quelle forme ardite, così diverse nelle varie ore della giornata. Vagabondare alla base delle grandi pareti calcaree, tra campi di papaveri e di lavanda, salire per i suoi versanti non troppo rocciosi, cavalcarne le creste nei vapori della calura e nelle folate di mistral furono il mezzo per l’artista di penetrare a tal punto la Sainte-Victoire da abolirne la distanza sulla tela perché quella non era più “altro da sé”, uno sfondo decorativo ma forse superfluo. Era una forma pura su cui concentrarsi e dipingere, un tema di esplorazione esteriore ma anche interiore. Sulle tele la montagna fu zoomata come unico oggetto importante di ricerca.

Di posa in posa, la Sainte-Victoire domina ormai la sua pittura in esterno, con la sua mole solidamente collocata tra il cielo e la terra, con la sua “calvizie” palpitante di vibrazioni luminose. Cézanne vaga intorno a quella montagna, elaborando con lentezza – con l’estenuante lentezza con cui essa, geologicamente, si è costituita – le sue immagini. Da quell’insieme di immagini emerge la presenza silenziosa e semplice, ma allo stesso tempo misteriosa, di un modesto rilievo della terra di Provenza che la pittura trasforma in un simbolo magico.

Il Monte di Sainte-Victoire, Paul Cézanne.1900 ca. Acquerello su schizzzo a matita cm 31,1 x 47,9. Parigi, Louvre
MontagnadiLuce-sainte-victoire-acquerelloSono più di trenta, alla fine, le tele che ci dicono della Sainte-Victoire: dipinta in uno stato di totale evanescenza, quasi una nuvola indistinta rispetto al restante paesaggio (come nelle versioni conservate a Basilea ed a Filadelfia); oppure pervasa da una luminosità accecata, dissolta in un’albedo che de-struttura i profili incerti dello stesso paesaggio (come nella tela del 1902 conservata al Louvre); oppure, ancora, incendiata, come una bocca di fuoco che divora la terra (come nel caso dell’opera esposta a Baltimora) (Bruno Bandini).

Montagne de la Sainte-Victoire e fioritura di papavero
Veduta (papaveri) dalla fattoria di Subéroque sulla parte orientale del massiccio della Montagne Sainte-Victoire (Provenza)

postato il 24 aprile 2014