Posted on Lascia un commento

Clean climbing, trad climbing e new trad

Le perplessità nate dal titolo scelto per il concorso Clean Climbing (Mountain Wilderness e CAAI)

CleanClimbing-150Ben Kiessel sul tetto della Arrowhead Spire, prima ascensione clean. Valley of the Gods, Utah.

Il concorso a premi Clean Climbing 2013, organizzato da Mountain Wilderness e dal Club Alpino Accademico Italiano, appena concluso e appena nominati i vincitori, ha suscitato perplessità nel mondo degli arrampicatori per via della probabilmente non chiara filosofia alla base del concorso stesso.

Il bando del concorso infatti ammetteva l’uso sporadico di qualche spit, purché sistemati in arrampicata dal basso.

Ora, più d’un arrampicatore ha sollevato giustamente il quesito. Come si può parlare di clean climbing se si usano, e ovviamente si lasciano sul posto, degli spit?

L’accademico Maurizio Oviglia, invitato a partecipare alla giuria, ha preferito a suo tempo declinare, proprio perché non condivideva per nulla il titolo del concorso, più che la sostanza. Per lui “intitolare un riconoscimento al “clean climbing” e poi ammettere le vie con qualche spit è ridicolo” e probabilmente avrebbe esposto gli organizzatori al pubblico ludibrio degli inglesi.

Come si può infatti proporre un’iniziativa sul clean climbing e poi parlare di “prevalenza” di protezioni mobili? Allora vuol dire che è lecito anche usare altro! A Oviglia non era sembrata una buona maniera per partire, e per promuovere questa filosofia: e per questo non aveva ritenuto opportuno partecipare.

In effetti, in sede di definizione del bando, la cosa era stata dibattuta, non tutti erano d’accordo. Poi si è concluso che, quando le cose vengono dichiarate con chiarezza, tutto si può fare, almeno in questo tempo in cui si fa veramente fatica ad affermare l’esistenza di altre forme di arrampicata accanto allo stradominio dello spit e dell’arrampicata sportiva. Si è accettata la presenza dei chiodi, perché altrimenti si sarebbe eliminata tutta la regione dolomitica dal range delle partecipanze. Inolte si è preso atto che su tutto l’arco alpino e prealpino vi è abbondanza di vie a chiodatura tradizionale con la presenza qualche spit. Basta che nessuno si sogni di parlare di trad o di clean climbing per quelle vie, cosa c’è da obiettare?

A questo punto conviene andare a consultare Wikipedia per capire la differenza tra clean climbing e trad climbing. Non credo che Wikipedia abbia alcuna autorità in generale, ma in questo caso, date le definizioni, direi che sono state espresse sicuramente da persone competenti.

Traditional climbing, o trad climbing, è uno stile di arrampicata su roccia nel quale un arrampicatore o un gruppo di arrampicatori sistema il necessario materiale per proteggersi dalle cadute, per poi rimuoverlo dopo il passaggio. La definizione di trad climbing distingue dallo sport climbing (arrampicata sportiva), nel quale tutte le protezioni e gli ancoraggi sono fissati in antecedenza, di solito con calata dall’alto…

Comunque, gli spit usati  sono anch’essi considerati “traditional”, se e solo se piantati in arrampicata dal basso e da capocordata, specialmente nel contesto di placca granitica.

Prima dell’avvento dello sport climbing negli Stati Uniti negli anni ’80, e probabilmente anche prima in Europa, lo stile usuale di arrampicata libera era ciò che noi oggi chiamiamo “traditional”. Con delle differenze: nel trad climbing il capocordata sale la lunghezza di corda piazzando lui stesso i suoi dispositivi di protezione, ma prima degli anni ’70 questi dispositivi si limitavano ai chiodi, quando invece oggi per lo più consistono nell’uso combinato di dadi e di friend, e l’uso del chiodo è molto meno frequente.

CleanClimbing-dscn4946dBen Kiessel su Serendipity, prima ascensione clean. North Tower, Valley of the Gods, Utah.

Clean climbing è l’arrampicata su roccia che teorizza e mette in pratica le tecniche e l’attrezzatura che gli scalatori adottano allo scopo di non danneggiare la roccia. Queste tecniche risalgono almeno in parte agli anni ’20 e ancor prima in Inghilterra, ma il termine fu coniato negli anni ’70 solo quando si diffuse l’uso dei blocchetti da incastro (stopper, exentric) al posto dei chiodi da piantare con il martello, una pratica davvero dannosa per la roccia. La sostituzione, anche se non integrale, in Nordamerica si verificò nel giro di neppure tre anni.

A causa dell’evoluzione successiva di materiali e tecniche, il termine clean climbing si è trovato a occupare un ruolo non più centrale, certamente differente, nelle discussioni a carattere arrampicatorio, specie se lo paragoniamo al periodo di quattro decadi fa.

Dunque ha ragione Oviglia: occorre distinguere tra quella che è l’arrampicata tradizionale, come noi l’abbiamo conosciuta e sempre fatta sulle Alpi, e il clean climbing puro, termine un po’ vecchiotto anche se sempre valido. Si potrà perdonare a Mountain Wilderness la licenza di averlo usato, accettando che questa associazione privilegia i diritti delle rocce a quelle degli arrampicatori? C’è da aggiungere che, mentre la definizione di Wikipedia riporta che lo spit piantato dal basso non è ammesso nel clean climbing ma lo è nel trad, qualcuno ritiene che questo non sia vero: Maurizio Oviglia lo prova riferendo che oggi si comincia a parlare di “new trad”, la nuova etica per la quale lo spit, proprio sui muri e sulle placche più lisce e avare di fessure, non è ammesso. Il “new trad” è davvero inglese, parte da Pete Livesey: solo se si accettasse pienamente questo nuovo termine si potrebbero accostare i significati di “new trad” e clean climbing alla John Bachar.

Dunque il titolo del concorso probabilmente era erroneo, o almeno non chiaro in un alternarsi di filosofie vecchie e nuove. Comunque le vie di Stefano Michelazzi, lo scalatore che ha vinto, non hanno neppure uno spit: almeno nella premiazione quindi MW e CAAI hanno preso una posizione precisa, e lo si può leggere nella motivazione. Se ci sarà una prossima edizione questo equivoco dovrà scomparire. O cambiare il titolo o cambiare il bando.

postato il 5 gennaio 2014

Posted on Lascia un commento

Concorso a premi Clean Climbing 2013

L’associazione Mountain Wilderness Italia e il Club Alpino Accademico Italiano hanno indetto nei mesi scorsi un
concorso a premi, rivolto a tutti gli alpinisti interessati a riscoprire il valore e il fascino dell’arrampicata che non
lascia tracce. Si è inteso in questo modo rafforzare il messaggio lanciato dal CAAI con i meeting “International
TRAD Climbing” nella valle dell’Orco (2010 e 2012). Lo scopo non è quello di suggerire la superiorità del “clean
climbing” rispetto alle tecniche di assicurazione e protezione moderne, ma di contribuire a divulgare la possibilità
di affiancare alle vie di arrampicata integralmente protette da spit e chiodi uno stile di arrampicata diverso, che si
ispira alla tradizione ma la interpreta con uno sguardo nuovo, maggiormente consapevole delle sue valenze psicologiche, culturali e ambientali.

ConcorsoPremi-Learn-Climb-Intro-Trad_v2_m56577569831497457

La Commissione nominata dal Club Alpino Accademico Italiano e da Mountain Wilderness Italia per esaminare e giudicare le relazioni delle vie “trad” inviate prima della scadenza del 31 Agosto 2013, si è riunita a Firenze il 23 Novembre 2013 ed ha emesso il proprio verdetto.
La Commissione ha notato con soddisfazione che quasi tutte le relazioni presentate sono state redatte con cura, attenzione
e onestà, non dimenticando di inquadrare le singole vie all’interno di una cornice storico/geografica chiara ed essenziale. L’uso saltuario di protezioni fisse (chiodi e spit) è stato sempre apertamente dichiarato e ciò va ad onore dei partecipanti. La scelta dei vincitori nelle due categorie previste dal bando non è stata facile, in presenza di numerose relazioni riguardanti vie di indubbio alto livello.

Al termine della disamina la Commissione ha proclamato vincitore nella categoria “vie di montagna multipitch”
Stefano Michelazzi (Trieste, 08/01/66), guida alpina, con la seguente motivazione:
Per le numerose vie di grade interesse tecnico e ambientale, aperte dal presentatore in stile trad puro, con limitatissimo uso di chiodi e per di più su roccia dolomitica, tradizionalmente ritenuta difficile da affrontare in questo
stile
. Le vie sono attentamente relazionate (in parte già oggetto di divulgazione a mezzo guida uscita nel 2010).

ConcorsoPremi-stefano_michelazziStefano Michelazzi

La Commissione ha proclamato vincitore nella categoria “falesie” Tomas Franchini (Cles, 09/03/89), con la
seguente motivazione:
Giovane e molto promettente alpinista trentino, presenta vie di trad puro, anche multipitch, su una falesia di roccia
granitica nel Gruppo della Presanella. Per localizzazione e tipo di salita, la falesia, già nota, merita un rilancio
nella nuova ottica di arrampicata in stile rigorosamente “clean”.

ConcorsoPremi-index
Tomas Franchini

Inoltre la Commissione ha ritenuto opportuno assegnare una “Menzione speciale” ad Alessandro Beber
(Trento, 08/06/86) per la documentazione relativa alla via “Ceremagica” aperta nel gruppo dei Lagorai (cima di
Ceremana), con la seguente motivazione:
Via logica, di grande fascino ed eleganza, che si svolge in un ambiente poco frequentato. La via, presentata con
una documentazione completa, precisa ed accurata, supera una parete di porfido ben fessurato e di facile proteggibilità anche con mezzi tradizionali. L’utilizzazione di un certo numero di chiodi per soste e passaggi pone tuttavia la via ai limiti delle caratteristiche richieste dall’iniziativa “Clean Climbing
.

Jon Winter on Bulls Crack HVS 5a at Heptonstall Quarry England UK - Jon Winter laybacking the wide crack of Bulls Crack.  Quarried Gritstone like Heptonstall in Yorkshire offers more positive climbing the natural grit's traditionally sloping routes. Almost all routes rely on entirely traditionally placed protection.
Jon Winter su Bulls Crack HVS 5a a Heptonstall Quarry, England, UK

La Commissione era composta da:
Sergio Cerutti (INA) Carlo Alberto Pinelli (CAAI – MW)
Maurizio Giordani (AGAI – MW) Alberto Rampini (INA – CAAI – MW)
Alessandro Gogna (AGAI – MW)
Giacomo Stefani (CAAI)
Mauro Penasa (CAAI)

Il giorno 6 dicembre 2013, presso il notaio dr. Fabrizio Cappucci, con studio in via del Corso 303 a Roma, si è svolta l’estrazione a sorte, tra tutti i partecipanti, del premio in denaro (pari a 1500 euro) destinato a un viaggio nel paradiso roccioso del deserto di Wadi Rum in Giordania (o, a scelta, nel selvaggio gruppo roccioso dell’Anti Atlante marocchino, o nelle isole Lofoten – Norvegia). Atto notarile Rep 883. Racc. 614.
Ha vinto il candidato Giovanni Nico (Negrar, 11/07/91) al quale vanno i nostri complimenti e auguri.

postato il 4 gennaio 2014