Posted on Lascia un commento

Via dalla folla

Via dalla folla
Quando da Aosta s’imbocca la superstrada per il Gran San Bernardo e si va incontro a colossi come il Grand Combin e il Mont Vélan, nessuno può immaginare l’esistenza di una valle, quasi parallela alla Valle d’Aosta, che si allunga a dismisura verso nord est fino a raggiungere la Dent d’Hérens: la Valpelline. Questo solco profondo corre alla base della catena spartiacque alpina nel tratto tra il Grand Combin e la Dent d’Hérens; a sud est la delimita una lunga catena costituita dalle Grandes Murailles e dal cospicuo crinale della Becca de Luseney, divisorio con la Valle di St-Barthélemy. È una valle molto selvaggia dai ripidi versanti che mai si sono prestati allo sfruttamento sciistico. I paesi sono pochi e ben conservati dal punto di vista architettonico. Il lungo lago artificiale di Place Moulin non la ingentilisce affatto, anzi contribuisce ancor più al tono di ruvidezza che accompagna il visitatore. Dal punto di vista scialpinistico la Valpelline si presta ad alcuni itinerari di gran pregio, basta ricordare la Tête de By, il Mont Gelé, il Dôme de Tza o la stessa Dent d’Hérens. Ma forse l’aspetto più convincente è la possibilità che la valle offre di giungere allo splendido territorio della classica Haute Route Zermatt-Chamonix lungo percorsi meno frequentati. Come se si parlasse di Haute Route degli anni ’30, con l’esplorazione sciistica delle Alpi al massimo del suo fulgore. Da quando Marcel Kurz raccontò entusiasta le sue peregrinazioni sui ghiacciai tra Zermatt e Chamonix, tante cose sono cambiate. Sono centinaia le persone che ogni giorno salgono e scendono per i ghiacciai dell’Haute Route: e potrebbero essere anche di più senza il naturale contenimento della limitata capacità dei rifugi. Ci sono giorni, anche non di tempo bellissimo, che in vetta al Pigne d’Arolla, una delle più belle cime della traversata, si possono contare nello stesso momento (e non prima o dopo) anche fino a quaranta persone! Occorre prenotare con meticolosità svizzera il proprio pernottamento nei rifugi anche mesi prima, quindi bisogna che ci adeguiamo alla sveglia comune, all’uso delle toilette alla stessa ora, al fare colazione nello stesso momento, al mettere le pelli assieme, al partire assieme, eccetera. Per poi comunque trovare chi ti precede e ti traccia la pista sia in salita che in discesa (e in genere le tracce durano fino alla nevicata dopo). Quando arrivi su una cima si trova regolarmente occupato da più persone l’unico luogo a ridosso dal vento e i corvi non fanno a tempo a beccare le bucce d’arancia lasciate in giro. Questi fastidi e ancor più certi metodi «militari» non piacciono tantissimo alla mentalità italiana, però bisogna ammettere che rappresentano l’unico valido sistema per limitare la confusione generale su percorsi così preferiti.

La conca di By e, da sinistra, le Aiguilles de Valsorey, la Grande Tête de By e la Tête Blanche. Ollomont, Valle d’Aosta.La conca di By e, da sinistra, le Aiguilles de Valsorey, la Grande Tête de By e la Tête Blanche. Ollomont, Valle d'Aosta.

Una cosa è certa: anche se le ordinatissime file indiane di comitive svizzere, tedesche e perfino francesi sono senz’altro più belle da vedere che i nostri scompaginati gruppetti italici, comunque il numero totale è quello che conta. Il fatto che siamo in netta minoranza e che mal ci adeguiamo a tanta organizzazione mi lascia sperare che proprio da noi italiani venga qualche tentata alternativa.

Nel nostro piccolo abbiamo cercato di raggiungere gli stessi luoghi dell’Haute Route, o altri nelle vicinanze, per itinerari diversi dalla classica traversata. Si tratta di percorsi ovviamente conosciuti da tempo, ma di certo non molto frequentati, perché faticosi, quasi mai serviti da rifugi custoditi e quindi in generale più impegnativi, nella vera dimensione della montagna invernale. Sarebbe raccomandabile una maggiore fantasia nella scelta delle gite e nella definizione degli itinerari. Meno attenzione alle supposte comodità e più rilievo al proprio muoversi in luoghi non trasformati. È fuori di dubbio che alcune montagne fossero più salite in passato che oggi: lo testimoniano libri dei rifugi e resoconti vari sulle diverse riviste. Poi alcune mete, vuoi per bellezza, vuoi per alcune comodità, vuoi per moda hanno preso il sopravvento sulle altre e catturato ogni attenzione, sia a livello individuale sia a livello di gite sociali. Questo però nulla dovrebbe togliere alla gioia di scegliere, dopo studio e applicazione, una meta magari dimenticata, ma bellissima e solitaria.

Ecco quindi nascere il desiderio di salire, per le prime ore con gli sci legati allo zaino, da Ollomont-Glacier ad un trascurato punto panoramico come la Tête de By, oppure dal Rifugio Col Collon guadagnare il Col de l’Évêque e da lì spingersi verso il bivacco dei Bouquetins e la Tête Blanche per poi scendere nella selvaggia e arcigna alta Valpelline, oppure ancora dal Rifugio Col Collon raggiungere le Pointes d’Oren, al culmine della maestosa fiumana ghiacciata del Glacier d’Otemma. E queste tre sono solo alcune delle molte possibilità che la Valpelline offre per raggiungere lo spartiacque alpino e quindi accedere al cuore dell’Haute Route. Lo spunto che volevamo dare, prima di tutto a noi stessi, era proprio quello di vedere le medesime cose che stavano vedendo numerosi altri con l’occhio di alpinisti più “anarchici” e meno disponibili ad essere intruppati da usi e costumi ormai obbligatori.

Ci siamo perciò spinti fino alla vetta della Peigne d’Arolla, raggiungendo quindi le profonde e larghe tracce dell’Haute Route classica. E’ stato curioso osservar nascere dentro di noi la strana sensazione di essere dei “diversi”, sembrava quasi di essere dei rivoltosi carbonari perché avevamo “osato” tracciare una pista che confluiva, sì, in quella canonica, ma proveniva da tutt’altra direzione. Sembrava cioè che fossimo stati noi a turbare un ambiente, molto più di quanto l’avessero fatto le comitive nelle nostre vicinanze! Ma davvero la colpa di avere più fantasia di altri è così fastidiosa? Per caso sminuisce o snatura la nostra gioia? Noi non ci giureremmo affatto.

Quando Roberto Corsi ed io ai primi di maggio del 2000 arrivammo nel tardo pomeriggio al Rifugio Amiante eravamo proprio contenti che la giornata fosse finita. Luce ancora per pochi minuti, una violenta bufera di vento e nevischio che ci aveva colpiti durante l’ultima ora di salita e soprattutto la sfacchinata fatta da Glacier, con gli sci sullo zaino per più di mille metri di dislivello, ci avevano piegati per i rimanenti cinquecento. Nel rifugio non c’era nessuno, anche se era sabato sera: la mancanza di qualunque traccia nella neve ci aveva avvertiti di questa solitudine, però avvertimmo comunque la strana sensazione dell’abbandono. Non un abbandono reale, si vedeva che il rifugio godeva ancora di un minimo di attenzione della sezione del CAI proprietaria: bensì qualcosa di trascurato, di vecchio, uno sconforto, come se il rifugio ci avesse accolto piangendo e ci volesse dire che, sì, era felice della nostra visita, ma che in altri tempi avrebbe potuto darci una ben diversa ospitalità… Pentole e stoviglie erano in ordine, ma era come si lamentassero di non essere usate quasi mai; coperte e materassi dignitosi ci rivolgevano lo stesso discorso. Noi, nel freddo di metà maggio, con il vento che soffiava attraverso ogni piccolo spiraglio, ci sentivamo soli e neppure tanto protetti, come bambini che vagano per un bosco che prima era amico e ora si fa minaccioso con il buio e con i rumori della notte. Povero rifugio, gli alpinisti ti hanno dimenticato!

Dalla Tête de By veduta sul Grand Combin. Ollomont, Valle d’Aosta.
Dalla Tête de By veduta sul Grand Combin. Ollomont, Valle d'Aosta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.