Pubblicato il

Climbing girls 29

Mina Markovic. Foto: Heiko Wilhelm
ClimbingGirls-29-mina-markovic-womens-quali-2-innsbruck2012

Ignota, location ignota
ClimbingGirls-29-10333258_488180967990606_47204171974933ClimbingGirls-29-10707_o

Ignota, location ignota
ClimbingGirls-29-10338444_407513589390678_139145ClimbingGirls-29-1071677793487_o

Ignota, location ignota
ClimbingGirls-29-10404218_461797620628941_6735499992864740650_n

Ignota, location ignota
ClimbingGirls-29-10407068_444281385713898_6233614883875220849_n

Ignota, location ignota
ClimbingGirls-29-10421211_426855774123126_26ClimbingGirls-29-10627326993273177_n

Ignota, location ignota
ClimbingGirls-29-10446063_500145193460850_6661295095919493790_o

Ignota, location ignota
ClimbingGirls-29-10464014_436461869829183_9195803561660965383_n

Ignota, location ignota
ClimbingGirls-29-10533881_452228468252523_5984611890501633825_o

Ignota, location ignota
ClimbingGirls-29-10626624_460593390749364_6569013092013231395_n

Ignota, location ignota
ClimbingGirls-29-10676364_509467635861939_2767170091500239518_n

Ignota, location ignota
ClimbingGirls-29-10917941_524735334335169_2898583820064755473_o

Ignota, location ignota
ClimbingGirls-29-11083652_568614039947298_4354425366056875038_n

Ignota, location ignota
ClimbingGirls-29-11143176_596454147163287_6155490702075038267_n

Ignota, location ignota
ClimbingGirls-29-11427207_601854186623283_4299133141715798873_n

Ignota, location ignota
ClimbingGirls-29-11709779_615249238617ClimbingGirls-29-111_585369488704082814_n

Ignota, location ignota
ClimbingGirls-29-11875048_627827304025971_2028900159620394673_o

Lisa Jackson. Foto: Matthew Jordan Smith/Pottle Productions Inc
"The Girls Go Rock Climbing" -- The girls are left hanging in the air for an edgy fashion photo shoot on a rock-climbing wall, on America's Next Top Model on The CW. Pictured: Lisa Photo: Matthew Jordan Smith/Pottle Productions Inc ©2007 Pottle Productions Inc. All Rights Reserved.

Ana Marisa Correja a Carvoeiro Beach, Algarve, Portogallo
ClimbingGirls-29-AnaMarisaCorreja-CarvoeiroBeach,Algarve-Portogallo

Camille Masseran a Remigny, Francia. Foto: Samuel Challéat
ClimbingGirls-29-CamilleMasseran-Remigny,FranciaFotoSamuelChalléat7817905168_e811a30578_b
Jain Kim
ClimbingGirls-29-JainKim-251700_208129299222573_131164916919012_519512_6782224_n

Jain Kim
ClimbingGirls-29-Jain-Kim-Campeonato-Mundo-Escadala-Boulder-IFSC-2011-Arco-Foto-Diego-Patete

Katie Boué, location ignota. Foto: themorningfresh.com
ClimbingGirls-29-KatieBoué-DSC_8666

Katie Boué a Joey’s Valley. Foto: Andy Wickstrom
ClimbingGirls-29-KatieBoué-FotoAndyWickstrom-Joey'sValley

Katie Boué su Muir Valley, Red River Gorge, Kentucky. Foto: themorningfresh
ClimbingGirls-29-KatieBoué-MuirValley-RedRiverGorge-DSC_6149-2-1024x678

Melissa Le Nevé a Innsbruck, 2012    ClimbingGirls-29-melissa-le-neve-innsbruck-2012

Pubblicato il

Climbing girls 28

 

Daila Oljeda al Kalymnos Festival 2012. Foto: Ricky Felderer
ClimbingGirls-28-DailaOljeda-KalymnosFestival2012-FotoRickyFelderer

Ignota, location ignota
ClimbingGirls-28-486656_337510526390985_333851077_n

Ignota, location ignota
ClimbingGirls-28-604153_560670107408358_5150941140675460149_n

Ignota, location ignota
ClimbingGirls-28-1479250_347020332106671_699177336_n

Ignota, location ignota
ClimbingGirls-28-1512496_351904358284935_ClimbingGirls-28-1596120795_n

Ignota, location ignota
ClimbingGirls-28-1526662_350499601758744_1495435721_n

Ignota, location ignota
ClimbingGirls-28-10286834_403906963084674_3064653720947515199_o

Ignota, location ignota
ClimbingGirls-28-10305337_515249218617114_3023843224456143190_n

Un po’ di fiction con Tyra Banks. Foto: Matthew Jordan Smith/Pottle Productions Inc
"The Girls Go Rock Climbing" -- The girls are left hanging in the air for an edgy fashion photo shoot on a rock-climbing wall, on America's Next Top Model on The CW. Pictured: Ebony Photo: Matthew Jordan Smith/Pottle Productions Inc ©2007 Pottle Productions Inc. All Rights Reserved.

Jain Kim
ClimbingGirls-28-JainKim(Corea)-4-1

Jain Kim
ClimbingGirls-28-JainKim(Corea)Foto-IFSC and Eddie Fowke-The Circuit Climbing

Melissa Le Nevé su Wall Street (8c), Frankenjura. Foto: Scott Noy
ClimbingGirls-28-Melissa-le-Neve-Heelhook-Wall-Street-8c-Frankenjura-by-Scott-Noy-68

Rachel Moore, location ignota
ClimbingGirls-28-RachelMoore-unnamed-11

Ignota, location ignota
ClimbingGirls-28-tumblr_maa0lleLfM1rgw7bco1_500

Ignota, location ignota
ClimbingGirls-28-tumblr_mcaa8y1V881rf3p90o1_540

Ignota, location ignota
ClimbingGirls-28-tumblr_mg2lcov9MQ1rm0tofo1_500

Ignota, location ignota
ClimbingGirls-28-tumblr_mhxygniBb41rrfccno1_1280

Ignota, Chiang Mai, Thailandia
ClimbingGirls-28-tumblr_mibw0cvkJA1ru0bkzo1_1280

Ignota, location ignota
ClimbingGirls-28-tumblr_mjm414Tl8w1rgw7bco1_1280

Ignota, location ignota
ClimbingGirls-28-tumblr_mpfwg5Goio1r16d9jo1_500

Ignota, location ignota
ClimbingGirls-28-tumblr_mqlr8jgtt61rutjs6o1_1280

Ignota, location ignota
ClimbingGirls-28-tumblr_mqo3enEnvo1rutjs6o1_1280

Isabel Silva su Actopan, Messico. Foto: Marcos Ferro
ClimbingGirls-28-tumblr_mr119oiNRA1sozmlvo1_1280

Sasha DiGiulian, location ignota
ClimbingGirls-28-tumblr_mry8a8RZ7r1s3z3n5o1_1280

Ignota sulla Devil’s Tower, Wyoming
ClimbingGirls-28-tumblr_nr59lwlizl1rgw7bco1_1280

Whitney Bolland a El Chonta, Messico. Foto: Dustin Butcher                 ClimbingGirls-28-WhitneyBolland-ElChonta-FotoDustinButcher

Pubblicato il

Climbing girls 27

La portoghese Ana Marisa Correia. Foto: José Carlos Sousa
ClimbingGirls-27-Ana-Marisa-Correia-FotoJoséCarlosSousa-Portogallo

Ignota, location ignota
ClimbingGirls-27-12647243_695429920599042_8055559271586353263_n

Ana Marisa Correia, settore Rampa dos Crocodilos, Fenda (Portogallo). Foto: José Carlos Sousa
ClimbingGirls-27-AnaMarisaCorreia-sectorRampa-dos-Crocodilos-na Fenda-Portogallo-FotoJoséCarlosSousa

Daila Ojeda e Chris Sharma, Buttermilk region, Inyo National Forest, Bishop, California. Foto: Boone Speed
CHRIS SHARMA & DALIA OJEDA Photographed by Boone Speed on April 30, Buttermilk region, Inyo National Forest, Bishop, CA Photographer: Boone Speed Hair: (no hair) Makeup: (no makeup) Prop Stylist: (no prop stylist)

Federica Mingolla su Digital Crack (8a), Grand Gendarme Arête des Cosmiques, Monte Bianco. Foto: Federico Ravassard
ClimbingGirls-27-FedericaMingolla-DigitalCrack

Maja Vidmar
ClimbingGirls-27-MajaVidmar

Marietta Uhden (1968-2014) nello Zillertal, Austria
ClimbingGirls-27-Marietta-Uhden(1968-2014)-Zillertal

Marietta Uhden
ClimbingGirls-27-MariettaUhden_0460606600

L’iraniana Nasim Eshqi
ClimbingGirls-27-NasimEshqi(iraniana)

Nasim Eshqi su Iran Swiss (8b). Foto: Wojciech Ryczer
ClimbingGirls-27-NasimEshqi(iraniana,vedifileinbiografie)

Natalija Gros. Foto: Urban Golob
ClimbingGirls-27-NatalijaGros.FotoUrbanGolob

Ignota sull’Adršpach Komin, Repubblica Ceca. Foto: Karel Vlček Adršpach - komín. Fotografováno v roce 1983 Nikonem F2.

Sabine Bacher su Schwarzer Schwan (8c), Armelenwand, Ötztal (Tirolo, Austria). Foto: Heiko Wilhelm
ClimbingGirls-27-Sabine Bacher-Schwarzer Schwan (5.14b)-Ötztal, Austria
Sasha DiGiulian
ClimbingGirls-27-Sasha DiGiulian-tumblr_m8oj09MR2s1rdqaruo1_1280

Sasha DiGiulian. Foto: Davide Dal Mas
ClimbingGirls-27-SashaDiGiulian-FotoDavide Dal Mas

Daila Oljeda, location ignota
ClimbingGirls-27-sexy-rock-climbers-5
Ignota
ClimbingGirls-27-sexy-rock-climbers-9

Ignota
ClimbingGirls-27-sexy-rock-climbers-14

Ignota
ClimbingGirls-27-sexy-rock-climbers-24

Daila Oljeda. Foto: Maria Torres
ClimbingGirls-27-sexy-rock-climbers-35

Sierra Blair-Coyle
ClimbingGirls-27-Sierra Blair-Coyle (2)

Sierra Blair-Coyle
ClimbingGirls-27-Sierra Blair-Coyle

Sierra Blair-Coyle
ClimbingGirls-27-Sierra Blair-Coyle-climb-girls-27-920-40

Sierra Blair-Coyle
ClimbingGirls-27-Sierra Blair-Coyle-Unknown-2

Teresa Troya su Polifemo, Settore Odissey, Kalymnos. Foto: Ignacio Sandoval Burón
ClimbingGirls-27-Teresa Troya-Polifemo-Odissey sector-Kalymnos-FotoIgnacioSandovalBurón

Ignota, location ignota             ClimbingGirls-27-tumblr_m5z9uw2BuH1rpwfnjo1_1280

Pubblicato il

Climbing girls 26

Maja Vidmar. Foto: majavidmar.com
ClimbingGirls-26-Maja-Vidmar-Photo-majavidmar.com_

Carin Marchiorato, boulder Melhor deixe, com certeza (2 novembre 2012), Morro do Anhangava em Quatro Barras, Paraná, Brasile

Ana Marisa Correia nel video di apertura di una palestra di arrampicata

Daila Ojeda, Alizée Dufraisse e Olivia Hsu in giro per l’Europa

La coreana campionessa del mondo Jain Kim si diverte a scalare a Niederthai (Ötztal, Tirolo, Austria) tra una tappa e l’altra della Coppa del Mondo 2015

Jain Kim vince a Puurs (Belgio) la Coppa del Mondo 2015

Lisa Hathaway bouldering sul Colorado River vicino a Moab

No Numbers è un bel ritratto della climber slovena Maja Vidmar

In Spagna, la svedese Matilda Söderlund ha salito onsight due 8b in in solo giorno. Poco dopo ha salito flash la lunga Kalea Borroka (8b+), sempre in Spagna

Mayan Smith-Gobat e Ines Papert hanno salito la Torre Centrale del Paine (Torres del Paine National Park, Patagonia/Chile) per la parete est. Prima femminile e quinta salita di Riders on the Storm, esattamente 25 anni dopo la prima ascensione di questo storico itinerario

Le top female climbers Melissa Le Nevé e Nina Caprez su Tennessee (8b), Gorges du Tarn, Francia

Natalija Gros

Natalija Gros in Le Tango Vertical

Paige Claasen a Smith Rock (Oregon, USA) sale To Bolt or Not to Be (5.14a)

Pubblicato il

Climbing girls 25

Ana Marisa Correia. Foto: José Carlos Sousa
ClimbingGirls-25-Ana-Marisa-Correia-FotoJoséCarlosSousa

Lauren Lee. Foto: David Clifford
ClimbingGirls-25-

Ana Marisa Correia
ClimbingGirls-25-Ana-Marisa-Correia-FotoJoséCarlosSousa-Portogallo1

Angelika Rainer su Kamasutra (D13+), Bus del Quai, Lago d’Iseo. Foto: Klaus Dell’Orto/Open Circle
ClimbingGirls-25-AngelikaRainer-KamaSutraD13+

Bethany Julka su Suffering Cats, Kitty Crag, Red Rocks, Nevada. Foto: Matt Kuehl
ClimbingGirls-25-BethanyJulka-SufferingCats-KittyCrag-RedRocks-Nevada.FotoMattKuehl

Carrie Cooper. Foto: David Clifford
ClimbingGirls-25-CarrieCooper-FotoDavidClifford

Duygu Yarsur a Citibi, Turchia. Foto: Sander Werelds
ClimbingGirls-25-Duygu Yarsur climbing in Citibi, Turkey. Foto Sander Werelds

Jain Kim
ClimbingGirls-25-JainKim(Corea)-cac4868128ad37f3e6f79ffb00dc94b6

Lindsay Gram su Synapse Collapse (5.11d), Cannabis Crag, Red Rocks, Nevada. Foto: Matt Kuehl
ClimbingGirls-25-LindsayGram-SynapseCollapse-5.11d-CannabisCrag-RedRocks-Nevada.FotoMattKuehl

Maja Vidmar
ClimbingGirls-25-maja-vidmar

Maja Vidmar
ClimbingGirls-25-MajaVidmar-674029143

Federica Mingolla a Valgiubola Bassa. Foto: Ludovica Galeazzi
ClimbingGirls-25-marche-Federica-Mingolla-Valgiubola-Bassa-Ph.Ludovica-Galeazzi

Mayan Smith-Gobat a Colorado National Monument. Foto: Jeremiah Watt
ClimbingGirls-25-Mayan Smith-Gobat, Colorado National Monument.FotoJeremiahWatt

María Fernanda Rodríguez Galván su Bomba H (5.14a), El Salto, Nuevo leon, Messico
ClimbingGirls-25-Mexicana, María Fernanda Rodríguez Galván-Bomba H-5.14a-El Salto

Mina Leslie-Wujastyk a Squamish, Canada
ClimbingGirls-25-mina leslie wujastyk-squamish, canada.

Mina Leslie-Wujastyk su Mecca (8b+), RavenTor, UK (settembre 2012). Foto: Nick Brown
ClimbingGirls-25-Mina Leslie-Wujastyk-1-Mecca-8b+,RavenTor,UK,set2012-FotoNickBrown

Mina Leslie-Wujastyk su Mecca (8b+), RavenTor, UK (settembre 2012). Foto: Nick Brown
ClimbingGirls-25-Mina Leslie-Wujastyk-Mecca-8b+,RavenTor,UK,set2012-FotoNickBrown

Nicky Dyal su Zip Crack (5.10), Squamish, Canada. Foto: Jim Thornburg
ClimbingGirls-25-Nicky Dyal in Zip Crack (5.10) · Squamish, Kanada · Foto Jim Thornburg

Nicky Dyal
ClimbingGirls-25-Nicky Dyal

Nina Caprez a La Buitrera Canyon. Foto: PETZL/Lafouche
ClimbingGirls-25-Nina Caprez, climbing in La Buitrera Canyon

Ignota a Paklenica, Croazia
Paklineca, Croaita

Pamela Shanti Pack su Dark Passenger (5.12), Long’s Canyon, Utah. Foto: Andrew Burr
ClimbingGirls-25-Pamela Pack

Pamela Shanti Pack su Dark Passenger (5.12), Long’s Canyon, Utah. Foto: Andrew Burr
Pamela Shanti Pack, Dark Passenger 5.12, Longs Canyon, UT

Pamela Shanti Pack su The Dragon’s Lair (5.11), Long’s Canyon, Moab Area, Utah. Foto: Andrew Burr
ClimbingGirls-25-PamelaShantiPack-TheDragon’sLair-5.11-FotoAndrewBurr

Ignota interpreta la Principessa Leia
ClimbingGirls-25-PrincessLeia-tumblr_m6wha9e8Lx1qg397go1_1280

Robyn Fog in free solo (5.11), Connecticut, USA
ClimbingGirls-25-Robyn Fog-free Solo-5.11-CT-USA

Pubblicato il

Climbing girls 24

Shauna Coxsey
ClimbingGirls-24-Shauna Coxsey

Petra Růžičková. Foto: Lacušák Šaolin 
ClimbingGirls-24-Petra Růžičková, fotoLacušák Šaolin

Maja Vidmar
ClimbingGirls-24-MajaVidmar

Ignota a Majorca. Foto: Rachele Sighinolfi 
ClimbingGirls-24-Maiorca - ph.Rachele Sighinolfi

Lynn Hill sulla L2 (25, 5.12b) di The Free Route, The Totem Pole, Cape Hauy, Tasmania, Australia. Foto: Simon Carter
Lynn Hill leading pitch two (25, 5.12b) of The Free Route on The Totem Pole - a 65-metre dolerite column at Cape Hauy, Tasmania, Australia.

Leah Crane su Celia (8a-5.13b), Wildside Sector, Sella, Costa Blanca, Spagna
ClimbingGirls-24-Leah Crane on Celia (8a-5.13b

Lauren Lee, Cheakamus Canyon, Squamish, British Columbia
ClimbingGirls-24-lauren lee. checkamus canyon

Lauren Lee, Little Si Mountain, Washington
ClimbingGirls-24-Lauren Lee sending in Little Si, Washington

 

Kinga Ociepka-Grzegulska su Ekspozytura szatana (8b+), Pochylec, Polonia
ClimbingGirls-24-Kinga Ociepka-Grzegulska

 

Kinga Ociepka-Grzegulska su Ekspozytura szatana (8b+), Pochylec, Polonia
ClimbingGirls-24-Kinga Ociepka-Grzegulska on Ekspozytura szatana-8b+, Pochylec, Poland

Katie Brown
ClimbingGirls-24-KatieBrown

Katelyn Dolan, Panther Beach, California. Foto: Dustin Glasner
ClimbingGirls-24-Katelyn Dolan working a problem in the arch at Panther Beach, CA-FotoDustin Glasner

Jessa Younker
ClimbingGirls-24-Jessa Younker

Jessa Younker sulla L1 di Superstein (5.13a), Redstone, Colorado
ClimbingGirls-24-Jessa Younker on the first pitch of the five-five pitch Superstein (5.13a), Redstone, Colorado

Jenn Flemming
ClimbingGirls-24-Jenn Flemming

Jen Vennon
ClimbingGirls-24-Jen Vennon

Jamie Hartley, Red River Gorge, Kentucky
ClimbingGirls-24-jamiehartley-Red River

Jamie Hartley
ClimbingGirls-24-JamieHartley

Isabel Suppé
ClimbingGirls-24-Isabel_Suppé-fonte-wwwcaibassanograppacom

Heather Weidner su United States Equalizer (7c+), Mount Charleston. Foto: Patrick Olson
ClimbingGirls-24-Heather Weidner United States Equalizer 7c+, Mt. charleston PhotoPatrick Olson

Elena Hight
ClimbingGirls-24-ElenaHight

Dominika Dupalová su The Rhino (7b+), Rocklands, Afrika. Foto: Martin Spilka
ClimbingGirls-24-DominikaDupalová-The rhino, 7B+ Rocklands - Afrika. FotoMartin Spilka
Ignota, location ignota
ClimbingGirls-24-bc53889e634645b79d659aa89945934b

Barbara Gilić su Posljednji Bibinjac (7b), Lovrinac, Croazia. Foto: Luka Kivela
ClimbingGirls-24-Barbara Gilić Croatia Posljednji Bibinjac 7B, Lovrinac Photo Luka Kivela

Andrea Cartas, Zillertal. Foto: Carlos Padilla
ClimbingGirls-24-AndreaCartas,Zillertal. FotoCarlosPadilla

Ignota, location ignota
ClimbingGirls-24-19da042e530734a7bd14fc183df8c3ac

 

Pubblicato il

Climbing girls 23

Ignota – location ignota
ClimbingGirls-23-31824522253324298a8645ff6d9c2881

Eva XXX su Masken (6c+) a Glageberget, Bohuslän, Svezia
SONY DSC

Ignote – location ignota
ClimbingGirls-23-10898_450209711787732_3592862924624703072_n

Camille Masseran a Remigny, Francia. Foto: Samuel Challéat
ClimbingGirls-23-CamilleMasseran-Remigny,FranciaFotoSamuelChalléat

Daila Ojeda su Face de Rat, 8a+, Ceüse (Francia). Foto: Petzl/Lafouche
ClimbingGirls-23-DailaOjeda-faceDeRat-8a+
Ignota su Elephant Man Corridor V1, San Jacinto Mountains, California
OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Ignota – location ignota
ClimbingGirls-23-Dee-www.missbrooke-selfloveinalatte.blogspot.it
Emily Harrington in Cina. Foto: Rocker Wang
ClimbingGirls-23-Emily Harrington climbing in China-Photo by Rocker Wang

Federica Mingolla su Digital Crack, Aiguille du Midi. Foto: Federico Ravassard
ClimbingGirls-23-FedericaMingolla-DigitalCrack-FotoFedericoRavassard

Federica Mingolla su Tom et je ris, 8b+, Verdon
ClimbingGirls-23-FedericaMingolla-TomEtJeRis-8b+Verdon

Hazel Findlay – location ignota
ClimbingGirls-23-Finley-tumblr_ma59wutTvG1rno34ro1_500

Florence Pinet su Powder Finger, 8c,Great Arch, Getu Valley, Guizhou, Cina
ClimbingGirls-23-Florence Pinet-Powder Finger, 8c,Great Arch, Getu Valley-Guizhou-China

Hazel Findlay arrampica nell’Acadia national park, Maine, USA
ClimbingGirls-23-hazel climbing at acadia national park

Hedi Friedl su una via di 8b (catena alpina). Foto: Wolfgang Liebacher
ClimbingGirls-23-Hedi Friedl,8b in the Alps,FotoWolfgang Liebacher

Ignota – location ignota
ClimbingGirls-23-hot_rock_climbing_girls_21

Ignota – location ignota
ClimbingGirls-23-hot_rock_climbing_girls_37

Ines Papert e Mayan Smith-Gobat, prima scalata femminile di Riders on the Storm, Torri del Paine (Patagonia)
Ines Papert and Mayan Smith-Gobat descending after they have climbed the route riders on the storm in Torres del Paine

Isabelle de la Fontaine scala a Mickey’s Beach, California
ClimbingGirls-23-Isabelle De La Fontaine climbing at Mickey’s Beach, CA

Jacinda Hunter, dws in Arizona, USA
ClimbingGirls-23-JacindaHunter-dwsArizona-129d34e196f224fe83dda8fa44a8b13d

Jain Kim su Mind control (8c+), Oliana, Spagna
ClimbingGirls-23-Jain Kim-Mind control (8c+)

Jamie Finlayson su Dreamcatcher (5.14d), Squamish, British Columbia, Canada
ClimbingGirls-23-Jamie Finlayson wokring Dreamcatcher (5.14d), Squamish

Pamela Shanti Pack al punto di Non Ritorno su The Event Horizon, Indian Creek, Utah. Foto: Andrew Burr
ClimbingGirls-23-PamelaShanti(puntoNonRitorno)TheEventHorizon-IndianCreek-Utah.FotoAndrewBurr

Pamela Shanti Pack su Dark Passenger, 5.12, Long Canyon, Utah. Foto: Andrew Burr
ClimbingGirls-23-PamelaShanti,DarkPassenger,5.12,LongCanyon,Utah.FotoAndrewBurr

Lenka Prášková a Prachovské skály, Repubblica Ceca
Prachovské skály - Lenka Prášková.

Sierra Blair-Coyle
ClimbingGirls-23-Sierra Blair-Coyle

Vanessa Peterson nella 2a ascensione di The Wave (25, 5.12b), Nomad Springs, WA, Australia
ClimbingGirls-23-VanessaPeterson-on the 2nd ascent ofTheWave (25, 5.12b), Nomad Springs,WA,Australia

Pubblicato il

Climbing girls 22

Alizee Dufraisse tenta La Rambla 9a+/5.15a, febbraio-marzo 2014

 

Angelika Rainer sulla via “total dry” Kamasutra D13+ a Bus del Quai, Iseo, novembre 2014


Angie Scarth-Johnson (nove anni nel maggio 2014) chiude
Zona 30 (8b ) a Margalef, Spagna. E’ stato il suo secondo 8b: il primo, novembre 2013, è stato Swingline, Red River Gorge, USA

 

Daila Ojeda si trasferisce dalla Spagna in Francia, ottobre 2015

 

Daila Ojeda tra Canarie e Sud della Spagna, 2013

 

Daila Ojeda su Zoo, 5,12a, Mt.Seonun Rock Soksal

 

Daila Oljeda su Rollito Sharma, 8b+, 2011

 

Federica Mingolla in pochi giorni sale la famosa e bellissima Tom et je ris, 8b+, nelle Gorge du Verdon, 2015

 

Nell’estate 2015 Federica Mingolla aveva un progetto preciso in mente: il gendarme di granito rosso di Digital Crack, sulla cresta dei Cosmiques all’Aiguille du Midi, il più alto 8a d’Europa. Per arrivarci, però, ha scelto una strada più lunga ma anche più bella: partire da Punta Helbronner alla scoperta dell’arrampicata sui Satelliti del Monte Bianco, prima di puntare gli sci verso la Cresta dei Cosmiques.

 

Federica Mingolla, l’arrampicata si fa rock star con i Tiromancino. La climber torinese è protagonista nel video della canzone Piccoli miracoli dei Tiromancino. Monte Guadagnolo, 2016

 

Daila Ojeda, Alizée Dufraisse e Olivia Hsu nel 2014 hanno viaggiato per l’Europa, tra arrampicata e yoga

 

Stella Marchisio libera Pandora, 7c bloc a Mombracco, Valle Po, Cuneo. La linea è stata individuata dal 3 volte campione del mondo di specialità boulder Christian Core. Video dello stesso Christian Core.

 

Sasha DiGiulian su Pure imagination, 5.14d/9a, Chocolate Factory, Red River Gorge, Kentucky, USA, 2011

 

Sasha DiGiulian su Pure imagination, 5.14d/9a, Chocolate Factory, Red River Gorge, Kentucky, USA, 2011

ClimbingGirls-22-SashaDiGiulian-PureImagination-Chocolate Factory in the Red River Gorge, Kentucky

Pubblicato il

Climbing girls 21

 

Ignota a Bergen (7a), Norvegia
ClimbingGirls-21-7a - Bergen, Norway

Ana Fern
ClimbingGirls-21-Ana Fern

Angela Riba Bosch su Lourdes (8b), Agulla Fina, Montserrat, Spagna. Foto: Carlos Perez Diaz
ClimbingGirls-21-Angela Riba Bosch in a route called Lourdes 8b in the crag Agulla Fina in Montserrat (Spain). PhotoCarlos Perez Diaz

Ashima Shiraishi
ClimbingGirls-21-Ashima Shiraishi

Ashima Siraishi lavora Lucifer (5.14c), Red River Gorge. Foto: DPM
ClimbingGirls-21-AshimaSiraishi-lavoraLucifer-5.14c-FotoDPM

Barbara Bacher su Schwarzer Schwan (8c), Oetztal, Tirolo, Austria
ClimbingGirls-21-Barbara Bacher-Schwarzer Schwan, 8c

Barbara Zangerl su Peace (5.13c), Tuolumne Meadows
ClimbingGirls-21-BarbaraZangerl-Peace-5.13c-TuolumneMeadows

Brittany Griffith su Only After Dark (6c, 5.11c), Cinema Paradiso, San Vito, Sicilia. Foto: Andrew Burr
ClimbingGirls-21-Brittany Griffith on Only After Dark (6c, 5.11c), Cinema Paradiso, San Vito, Sicily. FotoAndrew Burr

Caroline Ciavaldini su Intra Mon, Sadernes, Spagna
ClimbingGirls-21-Caroline Ciavaldini in Intra Mon at Sadernes in Spain

Catherine Destivelle, Grand Capucin 3870 m
ClimbingGirls-21-Catherine Destivelle Grand Capucin 3870 m

Chelsea Nichole Rude su Cryptic Egyptian (5.13c), Rifle, Colorado. Foto: Aaron Colussi
ClimbingGirls-21-Chelsea Nichole Rude on Cryptic Egyptian 5.13c - Rifle, CO-FotoAaronColussi

Ignota
ClimbingGirls-21-climb-girls-920-11

Ignota
ClimbingGirls-21-climb-girls-920-54

Ignota
ClimbingGirls-21-female-rock-climber-closeup

Colette McInerney su Caustic Cock (5.11b), Cannibal Boulder Red Rock, Las Vegas. Foto: John Evans
ClimbingGirls-21-Colette McInerney on Caustic
Daila Ojeda
ClimbingGirls-21-Daila Ojeda

Daila Ojeda
ClimbingGirls-21-Daila Ojeda-tumblr_m7dkaaWB221rpwfnjo1_1280

Jessa Younker. Foto: Ana Hernandez
ClimbingGirls-21-Jessa Younker.FotoAnaHernandez

Josune Bereziartu
ClimbingGirls-21-JosuneBereziartu- DIVINA1175

Josune Bereziartu
ClimbingGirls-21-JosuneBereziartu DIVINA1177

Martina Cufar su Rêve de larve (8b), Suet, Haute-Savoie, Francia
ClimbingGirls-21-MartinaCufar-Rêve de larve un 8b ce printemps dans la falaise du Suet en Haute-Savoie

Martina Cufar
ClimbingGirls-21-MartinaCufar-Yoga

Ignota. Foto: David Munilla
ClimbingGirls-21-Munilla 2

Ignota. Foto: Squamishphoto
ClimbingGirls-21-Squamishphoto

Ignota. Foto: Thomas Ulrich
ClimbingGirls-21-ULRICH_APF_297

Ignota, location ignota
ClimbingGirls-21-tumblr_mwsfk0ugX01r996xpo1_500

Pubblicato il

Beverly Johnson

Beverly Johnson
di Giampiero Assandri
(pubblicato su www.lafiocavemola.it il 10 novembre 2014, per gentile concessione)

Ma tu perché ritorni a tanta noia? – perché non sali il dilettoso monte – ch’è principio e cagion di tutta gioia? (Dante, Divina Commedia, Inferno, I, 75-77)”.

Se uno digita “Beverly Johnson” su Google, vengono fuori centinaia di pagine che rinviano a una bella afroamericana modella e attrice, per la precisione la prima modella di colore a comparire, nel 1974, sulla copertina di Vogue e poi attrice in varie serie televisive tra cui Law & order, per dire. Se però si aggiunge “climber” compaiono un po’ di link a foto e articoli riferiti ad una sua omonima, statunitense, molto carina anche lei, ma molto meno nota, evidentemente, almeno qui da noi, le cui imprese, pur poco divulgate o dimenticate, sono state a dir poco straordinarie.
Nella sua biografia è difficile non ricorrere spesso alla frase “fu la prima a…”. Tra le altre cose fu ad esempio la prima donna a sorvolare l’Antartide su un “autogiro” – detto anche girocoptero – ossia un trabiccolo volante superleggero, a rotore come l’elicottero, nel quale però le pale non sono mosse dal motore, ma vanno in autorotazione con la propulsione in avanti. Fu anche la prima donna a dirigere una squadra antincendio al Parco nazionale di Yosemite, fu la prima a percorrere lo Stretto di Magellano in kayak e la prima ad attraversare lo stretto di Bering in windsurf, la prima ad attraversare in sci la Groenlandia, la prima a salire il Capitan per la via Triple Direct in cordata femminile (con Sybille Hechtel) nel 1973… ma non sono certo queste stravaganze che lasciano una traccia nella Storia.

Beverly Johnson a 15 anni
beverlyjohnson3

 

Camp 4
Una sera della primavera del 1973, attorno al fuoco del Camp 4 a Yosemite, giravano relazioni schizzi e commenti sulle vie nuove aperte da Jim Bridwell e Charlie Porter (1), fumo di varia natura si spandeva nell’aria, salivano le note di Somebody to love e il futuro, come quello dei bambini, non andava al di là del giorno. Le cose sembravano semplici e chiare, e chiara era la parete di El Capitan, illuminata dalla luce bianca della luna piena, con le lunghe linee verticali dei diedri tracciate dalle ombre create da quella luce notturna irreale.
Al mattino al campo c’è aria di svacco totale, qualcuno sonnecchia fuori dalla tenda, uno tenta di accordare una chitarra malconcia, un terzo rimesta tra ferraglia e cordami. Bert e Hug sono seduti su un materassino, insolitamente concentrati su una rivista, gli occhi fuori dalle orbite e ogni tanto emettono un’esclamazione di stupore. Non è esattamente una rivista di scalate, è Playboy.
D’improvviso Hug esclama con voce strozzata: – Gesù, sta arrivando Beverly!
– Cazzo, metti via!
La rivista viene chiusa freneticamente, piegata e fatta scomparire sotto il sedere di Hug.
– Cosa stavate leggendo di così interessante? Dai, fatemi vedere.
E così dicendo Beverly si china, afferra con forza il bordo della rivista e la tira spostando Hug. Poi con calma si mette seduta e inizia a sfogliarla. I volti chiari dei ragazzi intorno si fanno improvvisamente di fuoco, come i tramonti sulla Sierra, mentre lei, imperturbabile, gira le pagine. Sul paginone centrale fa una pausa più lunga per osservare meglio l’esplicita foto di un rapporto a tre.
– L’abbiamo trovata qui… qualcuno deve averla dimenticata… – è il goffo tentativo di giustificazione di Bert.
– Comunque – interviene Hug ancora rosso per la vergogna e peggiorando ulteriormente le cose – nessuna di quelle ragazze nude è carina quanto te, davvero, Bev!
– Sei sicuro? Secondo me dovresti guardare meglio! Comunque questo è un posto di malati – dice ridendo – siete tutti malati! E per di più bugiardi!
John Long (2) ha scritto di quell’episodio: “Avevo diciassette anni, sei anni meno di lei, una distanza abissale tra un ragazzo e una donna e mi sono innamorato, come tutti gli altri climber lì al campo IV, del resto. Ma tutti noi eravamo innamorati non solo perché era oggettivamente una bella ragazza, ma per quel suo modo di essere, per la sua calma, per la leggerezza con la quale affrontava ogni giornata e ogni salita, per la naturalezza con la quale viveva. Ogni tanto la guardavamo con sguardi ebeti e quel giorno, con la rivista Playboy, abbiamo fatto una vera figura di merda e avremmo voluto scomparire tutti quanti sotto un metro di terra”.

beverlyjohnson-27138

 

Ohio
Nata ad Annapolis (Maryland) il 22 aprile 1947 era figlia di un ufficiale di Marina che per lavoro si spostava spesso. Stabilitisi a Arlington (Virginia), nell’autunno del 1965 Beverly si iscrive alla Kent State University, in Ohio, una delle più popolate e prestigiose degli USA, dove ottiene ottimi risultati, ma dove soprattutto si mette in evidenza per le sue non comuni qualità atletiche. Come primo lavoro si mise a confezionare parka a Sun Valley (Idaho), ma anche divenne istruttrice di sci di fondo.

Sempre proiettata verso nuove esperienze sportive, si iscrive anche ad un corso di vela e viene subito reclutata come skipper in regate competitive sul lago Ontario. Il deprimente clima invernale della regione e la voglia di cambiare la inducono a lasciare la Kent State per l’università di Los Angeles nella primavera successiva, decisa a stabilirsi nell’assolata California. In quegli anni nei campus universitari americani sta crescendo la protesta contro l’invio di soldati nella guerra del Vietnam e, nell’aprile del ’70, le foto dell’immensa e verdeggiante sede della Kent State University faranno il giro del mondo a seguito delle manifestazioni contro il governo Nixon per l’invasione della Cambogia e per la dura repressione degli universitari operata dalla Guardia nazionale dell’Ohio, in cui morirono 4 studenti e altri 9 furono gravemente feriti. Le foto comparse nel servizio che la rivista Life dedicò agli scontri nella Kent State del 4 maggio 1970 scioccarono gli statunitensi, facendoli ricredere sul fatto che i dimostranti fossero tutti invasati e antiamericani. Una di quelle foto, che ritrae una ragazza piangente su uno studente colpito a morte, vinse il Premio Pulitzer, e Neil Young, proprio ispirato da quelle foto di Life, scrisse la celeberrima Ohio, che fu incisa dal gruppo Crosby, Stills, Nash & Young sull’LP doppio Four way street, del 1971. L’opinione pubblica cominciò a schierarsi per il ritiro delle truppe dall’Indocina e a condannare la politica espansionistica del presidente Nixon. Noi che in quei lontani primi anni ’70, eravamo al liceo in Italia e non avevamo Internet, ma solo il TG1 e il TG2 e Carlo Massarini ai microfoni di Per voi giovani, ci scambiavamo i dischi e cercavamo di capire i testi delle canzoni di quella band, perché ormai la musica della West Coast ci aveva contagiato. Presto anche noi avremmo buttato gli scarponi alle ortiche e calzato le scarpette leggere d’arrampicata sulle placche di Traversella, della Valle Orco e di Finale, sognando la California.

beverlyjohnson-5486b2b2997b5e8f014997fa1921297c

 

Yosemite
Dal 1968 al 1978 il Parco nazionale di Yosemite diventa la casa e il luogo di lavoro di Beverly: entra, seppure con qualche resistenza da parte maschile, nella squadra del soccorso e antincendio del Parco, e diventa istruttrice di sky-cross, entrambe attività peraltro ben poco redditizie. Per guadagnare qualcosa inizia a cucire e confezionare, in un piccolo laboratorio presso un edificio di Charlie Porter, giacche a vento, sacchi da montagna e sacchi da bivacco per scalatori e per le guardie del Parco, utilizzando una macchina da cucire e mettendo a frutto il diploma da sarta che aveva preso qualche anno prima. Tutto il tempo libero lo dedica alle scalate, arrampicando sia con i guru del Camp 4, sia con giovani cui non sembra vero di legarsi con un mito, perché lei, nel giro degli arrampicatori è già nota, l’unica che salga da prima il 5.9 e forse anche il 5.10. Del 1973 sono tre salite storiche per l’arrampicata femminile: il Nose a comando alternato con Dan Asay, la Triple Direct (aperta da Bridwell dieci anni prima) con Sybille Hechtel (3) nella prima femminile a El Capitan e la prima di Grape Race con Charlie Porter. Ma il parco è molto vasto, misura 305.000 ettari, quindi circa sei volte il nostro Parco del Gran Paradiso e dieci quello delle Alpi Marittime, tanto per avere un’idea: e non ci sono solo la valle di Yosemite, ma altre vallate, altipiani, laghi e zone selvagge a perdita d’occhio: lì Beverly BJ Johnson compie lunghe traversate in sci con allievi o con amici, specialmente con Donna, con cui condivide la passione per quel tipo di vita libera, nella natura, senza vincoli, senza legami definitivi. A Donna confida anche i dubbi per una vita condotta giorno per giorno e l’ansia che a volte affiora per la mancanza di prospettive e certezze. Con lei stringerà un’intesa e un rapporto di vera amicizia.
Nonostante i molti rischi quotidiani che quel tipo di attività comporta, non sarà una caduta in parete o una valanga, ma un incidente automobilistico a cambiare bruscamente la vita di Donna: costretta per sempre su una sedia a rotelle, proverà a farsi una ragione della sua nuova condizione, senza riuscirci: Beverly farà di tutto per aiutarla, evitando pietismi e falsi ottimismi. La depressione di Donna e poi la sua morte saranno per Beverly il dolore più acuto della sua vita e la costringeranno a riconsiderare la morte come un accadimento non esclusivamente individuale, devastante per chi resta, soprattutto per coloro che, al di fuori della cerchia degli arrampicatori, non possono giustificare il rischio gratuito della vita. E’ in quei giorni di crisi forse che scrive una lettera ai genitori, la piega in quattro e la mette tra le pagine del passaporto, perché la possano leggere nel caso le succeda un incidente mortale.

BJ sulla Triple Direct al Capitan. Foto: Sybille Hechtel
beverlyjohnson-fotosybillehetchel-106708335_medium_926d2f

Venezuela
Nel 1977 BJ si unisce alla spedizione di Mike Hoover in Venezuela, che ha come obiettivo un film-documentario nella giungla. Ciò che più metterà alla prova i giovani climber americani non saranno tanto le difficoltà tecniche, alle quali sono preparati, bensì l’ambiente, gli imprevisti, e le “abitudini locali”. Una gran parte delle provviste alimentari viene invasa dalle mosche che vi depositano le larve rendendole incommestibili. Rimangono i cibi in scatola, da razionare per due settimane, tanto che tutti perderanno almeno dieci chili. Al campo base dove sperano di trovare il cibo lasciato alla partenza, scoprono con disappunto che gli indigeni del villaggio, dove avevano assoldato le guide, hanno mangiato tutto quanto. Hoover allora pretende che si diano da fare per procacciare qualcosa da mangiare e finalmente, dopo molti tentativi per farsi capire, un gruppetto di cacciatori parte per cercare qualcosa. Dopo poco tempo ritornano con due piccole scimmie uccise che mettono subito a bollire in una grande pentola davanti agli esterrefatti alpinisti. Quando un indio estrae il bollito dalla pentola BJ caccia un urlo e l’indio, pensando che la ragazza protesti perché le scimmie non sono cotte a sufficienza, le ributta nella pentola. Dopo dieci minuti gli indios estraggono i corpi delle due scimmie bollite e li tagliano a pezzi: a Beverly tocca un avambraccio completo di mano: non può far altro che allontanarsi per vomitare e quando torna dice agli amici: – Sto morendo di fame ma non posso mangiare scimmie!”.
– Davvero? – sdrammatizza Paul – non pensavo che tu avessi questo genere di problemi!

In vetta al Capitan dopo la prima salita femminile della parete (per la Triple Direct) con Sybille Hechtel
beverlyjohnson-5574317580_70f07a9a4b_o

La fama
Nell’ottobre del 1978 all’uscita della Dihedral Wall, Beverly era attesa da una folla di giornalisti e cronisti di tutte le reti televisive degli USA. Per dieci giorni i telegiornali della sera non mancavano di riportare minuziosamente i progressi della sua salita in solitaria lungo quella difficilissima via di El Capitan. Chi non apparteneva alla cerchia alpinistica non era in grado di apprezzare pienamente il livello tecnico e psicologico di quella prima femminile, ma bastava il fatto che si trattasse di una donna, la prima, a compiere un’impresa che mai fino ad allora il genere femminile avesse neanche lontanamente concepito. Quell’impresa, al di là della sua volontà, venne rappresentata come un esempio dell’uguaglianza tra generi rivendicata dai movimenti femministi: in realtà Beverly non si schierò mai con i movimenti femministi, affermando una propria autonomia e una “diversità” nelle motivazioni e nei modi di concepire l’arrampicata, soprattutto nel non caricare il successo o l’insuccesso di un’importanza superiore al piacere dell’azione in se stessa.

Sibylle Hechtel risale a jumar sulla Salathé Wall di El Capitan, 1975. Suoi compagni in quella scalata furono Alec Sharp e Tom Dunwiddie. Foto: Sibylle Hechtel collection
beverlyjohnson-20141021__22dcgcenw2_400
BJ rilasciò interviste a decine di giornali tra cui il Times, ricevette molte proposte per girare film come attrice o come controfigura e fu invitata al celeberrimo The Johnny Carson Show (4). Alla domanda di Carson “Come si fa a scalare una parete così lunga e difficile, da soli e con un sacco da 50 kg di materiale, acqua e viveri ?” Beverly rispose: “Si fa allo stesso modo in cui si mangia un elefante: un boccone alla volta”. Invece alla domanda “Perché l’ha fatto?”, scrollò le spalle e disse: “Questa è l’unica domanda cui non so rispondere”.

In vetta al Capitan dopo la prima solitaria alla Dihedral Wall
beverlyjohnson-el-cap-top-dihedral-fotos-hechtel

Mike Hoover
Il tizio biondo e atletico che abbiamo visto arrampicarsi nell’indimenticabile film Solo, presentato a Trento negli anni ‘70, è Mike Hoover. Sempre lui ha fatto da controfigura a Clint Eastwood in Assassinio sull’Eiger del 1975. I due si conoscono in Yosemite allorché Hoover, per errore, colpisce con la sua corda Beverly, impegnata su un’altra via. Su una spiaggia dello stretto di Bering, nel 1979, di fronte alle coste dell’Unione Sovietica, Hoover e Beverly, che fanno coppia da qualche anno, stanno girando una scena di windsurf per il film Dalla Russia con amore. Con loro c’è anche Arnold, un bravo windsurfer francese. Di punto in bianco Hoover comunica ad Arnold che lui e BJ desiderano sposarsi, proprio lì, adesso, e che lui deve officiare lo sposalizio.
– Non è possibile, non sono un prete!
– Ma sei un capitano, e quindi puoi.
– Non sono neppure un capitano.
– Ma hai un windsurf! Non è forse un battello?
– Ah! Certo!
Così Arnold mette il piede sulla sua tavola a vela e blatera qualcosa di confuso e romantico. Poi anche Beverly dice qualcosa e quello, in mezzo agli spazi sconfinati e col vento gelido del Nord è il loro matrimonio vero, anche se il rito ufficiale sarà celebrato qualche anno dopo, con gli invitati, gli anelli e gli abiti da cerimonia nel Parco nazionale dei Teton.
Nel 1980 il programma dei due prevede di girare film naturalistici in Nuova Guinea, Cina, Antartide, Groenlandia, Islanda…

Le ferite
A dispetto della sua straordinaria resistenza alla fatica e al dolore, anno dopo anno sul corpo di Beverly si incidevano tracce indelebili: cicatrici, punti di sutura, fratture rimarginate, congelamenti, disfunzioni articolari. Il corpo di BJ era diventato lo specchio di una vita condotta ininterrottamente al limite delle possibilità, ma anche l’evidenza esteriore di una fragilità interna celata dalla determinazione e dalla spettacolarità dell’azione. La più grave menomazione fu la recisione netta dei legamenti della caviglia a causa di un incidente motociclistico provocato da una matassa di filo spinato durante una spedizione in Australia nel 1980. Rimase bloccata per un anno in seguito ai ripetuti interventi chirurgici e riuscì a recuperare la funzionalità del piede, ma non ad esercitare pienamente la pressione in caso di torsione e quindi dovette abbandonare definitivamente le scalate in fessura di difficoltà elevata. D’altra parte la parabola dell’arrampicata estrema per lei aveva già segnato l’apice a metà degli anni ’70 e i progetti dal 1978 in poi furono soprattutto grandi viaggi di esplorazione nei luoghi più remoti dei cinque continenti, con Hoover. Per esempio, esplorarono e filmarono la Penisola di Palmer in Antartide con l’uso di slitte trainate dai cani. Hanno scalato il Mount Vinson in Antartide durante la loro luna di miele. BJ fu leader di una spedizione di sei donne che si paracadutarono nelle highlands della Nuova Guinea, filmate dal marito. E nel 1979 erano assieme nella Transglobe Exhibition che circumnavigò la Terra collegando i due poli.

Beverly Johnson e il marito Mike Hoover in cima ad Angles Landing, Zion National Park, primavera 1978. Foto: Olaf Mitchell

 

beverlyjohnson-303730_18346_l

Il sogno di BJ: bambini e alberi di mele
A metà ottobre del 1981, ad Alert, l’abitato più a Nord della Terra, situato sulla costa dell’isola di Ellesmere (Canada), a soli 817 km dal Polo Nord, nella notte artica incombente, un piccolo bimotore sta preparandosi al decollo.
Giles Kershow, il pilota, pur essendo uno dei migliori aviatori del mondo e il più esperto in assoluto in fatto di voli sull’Artico, non sarebbe venuto fin lì e non si azzarderebbe ora a decollare in quelle condizioni atmosferiche proibitive se non fosse in gioco la vita di una cara amica. Infatti sul velivolo oltre a lui ci sono Hoover e Beverly, pallida e febbricitante a causa di un’emorragia interna provocata da una gravidanza extrauterina. Il medico della vicina base militare canadese che l’ha visitata poco prima ha detto di non poter far nulla senza una sala chirurgica attrezzata. Giles, chiamato da Hoover come ultimo, estremo tentativo per salvare la moglie, si è precipitato immediatamente e ora è seduto ai comandi del piccolo aereo scosso dal vento che soffia raffiche di pulviscolo ghiacciato sul cristallo della cabina e graffia rabbioso la fusoliera. Fuori c’è -20°, con il rischio reale che in quota la temperatura ancor più bassa faccia gelare gli alettoni. Il rombo dei motori combatte per qualche secondo contro il frastuono della bufera, poi l’aereo si muove e riesce ad alzarsi virando progressivamente verso sud-est, in direzione di Los Angeles, lasciandosi alle spalle la notte e gli insidiosi cieli dell’Artico. All’aeroporto è già pronta un’autoambulanza che carica Beverly ormai quasi in coma e la deposita direttamente all’ospedale dove viene operata immediatamente. Per lei sarà un’ennesima cicatrice, ma si salverà.
Quando si risveglia Hoover e Giles sono accanto al suo letto.
– Ehilà, ti sei svegliata finalmente – dice l’amico pilota.
– Grazie Giles, se non era per te a quest’ora…
– Beh, non potevo mica lasciarti per sempre lassù, sulla banchisa, con gli orsi polari… e poi sono sicuro che tu avresti fatto altrettanto. E comunque, in fondo, è stato divertente, lo sai che ormai i voli senza imprevisti mi annoiano. E ti saresti divertita anche tu, se solo non fossi stata uno straccio semi-incosciente! Già, si ballava niente male e per un po’ ho avuto l’impressione di stare dentro una lavatrice, non in un aereo. Anche questa volta è andata! Noi abbiamo la pellaccia dura! (5)
Ma il sogno di Beverly, bambini suoi che giocano, si rincorrono e ridono in un giardino di meli in fiore nella sua casa con vista sulla catena montuosa innevata dei Teton, in Wyoming, è destinato a rimanere tale. Non potrà più avere figli (non suoi almeno), troppo rischioso. E allora, senza bambini che scorrazzano, anche i meli aspetteranno: ci sono ancora troppo posti su questa Terra da esplorare, troppe cose da scoprire e da fare, prima di imbracciare una vanga o una falce e mettersi ad accudire il giardino di casa.

beverlyjohnson-01

 

La guerra in Afghanistan
Dal novembre 1982 e per i successivi cinque anni Beverly e Hoover passarono la maggior parte del loro tempo a documentare con filmati l’occupazione sovietica dell’Afghanistan. Il rischio e le condizioni prolungate di stenti e fatiche che dovettero affrontare misero a dura prova non solo il loro fisico ma anche la psiche. Beverly ottenne dal Comando militare sovietico un permesso speciale per filmare, lei sola, dal fronte russo. L’Afghanistan le appariva in tutto e per tutto come il Vietnam dei Russi. Ma Beverly si fece col tempo un’idea più precisa del conflitto e delle regole della società tribale di quel popolo, non del tutto allineata con le idee dell’opinione pubblica americana. Nei villaggi afghani, in quanto donna, era l’unica giornalista ammessa a stretto contatto con le donne e si rese conto delle disuguaglianze profonde tra uomini e donne e di come i principi fondanti della società teocratica e guerriera afghana fossero la vera causa delle condizioni di quel paese. Disse più volte che non valeva la pena rimanere lì a documentare la follia maschilista degli Afghani rischiando la pelle per una guerra che non riguardava gli americani e la cultura occidentale.

L’ultimo volo
Il 3 aprile 1994 Beverly è su un elicottero, come molte altre volte nella sua vita, ma questa volta non è lei a pilotarlo per intervenire a spegnere un incendio o per esplorare qualche landa remota della Terra: sta semplicemente trascorrendo una breve vacanza con Hoover e degli amici per fare del fuoripista sulle Ruby Mountains, una catena montuosa nel Nevada. Con lei, oltre al marito e a Dave, il pilota, ci sono anche Frank G. Wells, il presidente della Disney e un loro amico. Un altro gruppetto di sciatori intanto è appena rientrato con un secondo elicottero alla base. Un peggioramento repentino del tempo induce il pilota ad atterrare in una piccola radura aperta sul fianco del pendio in attesa che cessi di nevicare. Dopo una mezz’ora dalla stazione di arrivo, a pochi chilometri di distanza, avvertono via radio che si vede una schiarita. Il pilota e Hoover puliscono alla meglio la cabina, le prese d’aria e le pale del rotore dalla neve. L’elicottero si mette in moto e si alza, ma dopo un minuto succede qualcosa, si accende la spia della pressione dell’olio e Dave avverte che deve tentare un atterraggio d’emergenza. Non sono alti sul bosco, forse troppo poco per una manovra corretta di autorotazione o chissà…
Nella caduta nel Thorpe Creek Canyon, a circa 5 miglia a sud di Lamoille, solo Hoover sopravvivrà, riportando gravissime fratture e racconterà come si svolsero i fatti anche al processo aperto per individuare eventuali responsabilità.

BJ fotografata dal marito Mike Hoover
beverly_johnson_low_res_

 

Cosa rimane di una vita?
Un odore acre di gasolio per un raggio di 5 km attorno all’elicottero precipitato, i ricordi di chi l’ha conosciuta, qualche foto e parole sulla carta. Tra le altre, quella della lettera da lei scritta diversi anni prima ai suoi genitori, e conservata, ripiegata in quattro, nel suo passaporto. Si chiudeva così:
… ho avuto una vita meravigliosa… e fino ad ora sono stata molto felice. Felice di avervi avuti come genitori. Felice di essere nata in America. Felice di essere stata in salute. Felice di aver avuto due bravi fratelli…
Ho avuto tutta la gioia e l’avventura che si può desiderare. Ho amato e sono stata amata. Mi spiace solo di non aver fatto molto per il miglioramento del Pianeta, sarà per una prossima volta. Nella mia vita ho pianificato molto poco e ho vissuto le esperienze che si potrebbero vivere in cento anni, solo un po’ concentrate.
Ho apprezzato ogni singolo giorno e mi sono meravigliata di quanto misteriosa e bella sia la vita. Non desidero nessuna vita ulteriore, questa è stata sufficiente…
Perciò il mio ultimo desiderio, il mio solo desiderio, realmente, è che quanto accaduto non vi arrechi neppure la più piccola tristezza. Ho avuto dalla vita più di quanto si possa desiderare. Pensatemi e sorridete, è questo che voglio
“.

Non sono forse le parole scritte, tanto quelle antiche e auliche della Commedia dantesca, così come quelle di una lettera di una ragazza della seconda metà del novecento, un fragile ponte con il nostro passato, costruito nella speranza inconscia di farlo rivivere e durare oltre noi, nel futuro che non ci apparterrà, per coloro che restano e per quelli che verranno?

23 ottobre 1978, Beverly Johnson ripresa poco dopo la sua prima salita solitaria di 10 giorni
del Capitan, lungo la via Dihedral Wall. Foto: Zebowski/Associated Press
beverlyjohnson

Enjoy this day (quando il tempo sta per finire, una buona cena vale più del futuro)

La foto (qui accanto riprodotta) della ragazza bionda sorridente e a braccia aperte, vestita di chiaro, in un punto panoramico della Yosemite Valley, potrebbe essere scambiata per quella di una qualsiasi bella turista in vacanza, ma trattandosi di Beverly Johnson ci si immagina che voglia dirci:” Questo, signori miei, è stato il mio regno”. Ed ha lo stesso sguardo luminoso e aperto di quello che ci osserva dalla foto che la ritrae da bambina, a cinque anni, col cappellino traforato e un vestitino bianco davanti ad un cespo di margherite fiorite nell’aiuola di casa sua, al tempo in cui tutto era ancora possibile, ogni scelta aperta e ogni cosa doveva ancora accadere.

The wisdom of the crowd
Le regole del web fanno sì che i motori di ricerca, in caso di omonimia tra due persone, diano come primi risultati quella con le maggiori ricorrenze (frequenza) nelle ricerche, indipendentemente dal valore, meriti o demeriti delle persone: questa regola è detta in inglese wisdom of the crowd, che sarebbe “la saggezza della folla”. E’ per questo che con Google nelle prime pagine compare sempre la modella afro-americana BJ, mentre la nostra BJ è relegata nelle ultime pagine.
A me comunque piace pensare che il tempo prima o poi renderà il giusto merito a questa donna ricordata da Hoover come sempre sorridente, tenace e coraggiosa, scalatrice, istruttrice di sci, pilota di elicottero, canoista, windsurfer, cineasta di guerra in Afghanistan e soprattutto innamorata della vita ed esploratrice delle possibilità umane fisiche e mentali.

beverlyjohnson-61hvepsx5ml-_ss500_

 

Crediti
Il testo di questo lungo post è liberamente ispirato alla biografia di BJ dell’autrice Gabriela Zim, dal titolo The view from the edge. Life and Landescapes of Beverly Johnson, ed. Mountain n’ Air Books, La Crescenta (CA), 1997, 185 pagine, con presentazione di John Long, e da alcuni articoli e interventi su siti e riviste on-line statunitensi da parte di chi la conobbe negli anni ‘70. Il titolo del libro potrebbe tradursi letteralmente: La vista dal bordo. Vita e paesaggi di BJ, ma mi pare più appropriato Lo sguardo dal limite. Vita e paesaggi di BJ. Non essendo l’autrice una scalatrice, l’approccio da lei scelto è incentrato sugli aspetti personali e umani della protagonista e per questo motivo più interessante, a mio giudizio, di uno sterile resoconto delle performances sportive e “sovra” umane. La biografia di Beverly è ricostruita dall’autrice anche attraverso numerose lettere e dai suoi appunti di viaggio.
Ho tradotto letteralmente esclusivamente il testo della lettera indirizzata ai genitori, il resto è una trasposizione libera, anche se fedele all’originale nei contenuti.
Non esistono libri o altri documenti cartacei, per quanto ne so io, in italiano su BJ, a riprova del fatto che i media, a volte in modo casuale, altre volte per scelta, sono in grado di amplificare o passare sotto silenzio fatti e persone, decretandone la fama, la mitizzazione oppure l’oblio in misura non sempre corrispondente all’oggettività di quei fatti e di quei protagonisti. Wikipedia ha una pagina a lei dedicata, ma solo nella versione inglese.
Un raro filmato d’epoca, con belle riprese ma purtroppo di scadente qualità (16 mm) in cui compare BJ in un tentativo di liberare la via del Nose a El Capitan in cordata con Ron Kauk e Werner Braun si può vedere qui sotto:

Note
1) Charlie Porter: Massachusetts 1951. E’ scomparso il 23 febbraio 2014 all’età di 63 anni a Punta Arenas, in Cile, a causa di problemi cardiaci. Scienziato climatologo, noto per le sue prime solitarie al Capitan e per le esplorazioni nella Terra del Fuoco:
Zodiac, 1972
The Shield, 1972
Mescalito, 1973
Tangerine Trip, 1973
Excalibur, 1975
e poi la solitaria alla cresta Cassin sul McKinley, 1976;

Jim Bridwell: soprannominato the bird (San Antonio, 29 luglio 1944, vivente). Centinaia di vie tra cui:
• 1968 Triple Direct (VI 5.9 A2), El Capitan, Yosemite, con Kim Schmitz
• 1968 Salathé, El Capitan, Yosemite, salita in tre giorni

2) John Long: nato nel 1951, vivente. Scrittore e divulgatore di successo degli sport estremi (più di 40 titoli e milioni di copie vendute). Arrampicatore negli anni Settanta e Ottanta, scopritore e amico di John Bachar, fondatore del gruppo Stonemasters, con all’attivo molte scalate estreme in tempi record tra cui la prima salita in giornata della via del Nose su El Capitan, nel 1975, che realizzò insieme a Billy Westbay e Jim Bridwell e la prima libera di Astroman con Ron Kauk e John Bachar

3) Il racconto di questa salita, narrato da Sybylle Hechtel, lo si può leggere nel libro edito da Steve Roper: Ordeal by Piton. Writings from the golden age of Yosemite climbing, 2003, con un titolo dal sapore revanscista: “Walls Without Balls” (Pareti senza balle)(!).

4) Il Tonight show fu un popolarissimo programma televisivo andato in onda negli USA per quarant’anni sulla rete NBC e presentato ininterrottamente dal 1962 al 1992 da Johnny Carson, contendendosi la popolarità con l’Ed Sullivan Show.

5) Durante la spedizione in Antartide “Ice 90” per la National Geographic Society, il capitano Giles Kershow a bordo di un “girocoptero” con cui trasportava del materiale in appoggio ad una prima ascensione americana guidata da Hoover, e con il quale avrebbe dovuto trasportare anche Beverly dal campo base all’attacco della via, viene investito da un forte vento catabatico, ossia una corrente asciutta e fredda tipica delle regioni artiche. Il piccolo velivolo, nonostante la perizia del pilota, si abbatté al suolo senza lasciare possibilità di salvezza a Giles. Per Beverly, che si era perfezionata nel pilotare elicotteri grazie ai consigli dell’amico Giles e con cui aveva condiviso per anni la grande passione per il volo e molte esperienze in Artide e Antartide, fu un altro duro colpo, da cui non si riprese per molti mesi.

Ulteriori notizie su:
http://rockriprollgirl.com/home/2011/04/remembering-bev-johnson-one-of-americas-greatest-climbersadventurers/.